chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

I netizen cinesi si scagliano contro il mobbing legale di Huawei contro un ex dipendente usando una serie di codici

Fotogramma dell'immagine di Marco Verch: il logo di Huawei sotto una lente di ingrandimento (CC: AT)

Huawei, il più rinomato gigante della tecnologia in Cina, è considerato uno dei brand nazionali di maggior successo ad aver stabilito uno status di monopolio nel mercato domestico sotto la spinta dell’acquisto patriottico [en]. Tuttavia, la società è stata recentemente sotto attacco per aver organizzato un'azione penale contro un ex dipendente, Li Hongyuan, trattenuto dalla polizia di Shenzhen per 251 giorni [en] dopo che l'azienda lo aveva accusato di estorsione, accusa da cui Li è stato successivamente assolto.

Mentre i netizen si univano sul web a sostegno di Li, sono emersi ulteriori casi di mobbing da parte di Huawei nei confronti di ex dipendenti e critici, e il censore del web ha iniziato a bloccare le discussioni sui social media. I netizen hanno quindi usato una serie di codici per deridere le pratiche di mobbing aziendale di Huawei [en]:

Codici di Huawei di tendenza adesso: 985, 996, 035, 251, 404.

Assumere persone da 985 università.

Farle lavorare 996.

Licenziarle a 35 anni.

Denunciare ex dipendente per aver ottenuto il compenso a cui aveva diritto. Li Hongyuan è stato trattenuto in custodia per 251 giorni.

Censurare tutte le discussioni sui social media.

[Nota dell'Editor: 996 indica la giornata lavorativa dalle 9 alle 21, 6 giorni la settimana.]

L'incidente di Li Hongyuan

Il caso è stato divulgato dopo che il 28 novembre è circolato sul web un documento contenente la sentenza del tribunale. Secondo il documento, Li Hongyuan, un ex dipendente di Huawei, è stato arrestato dalla polizia di Shenzhen il 16 dicembre 2018 dopo che l'azienda lo aveva accusato di estorsione. L'uomo è stato trattenuto per 251 giorni.

La corte ha respinto le accuse a causa di “fatti criminosi non chiari e prove insufficienti”. Li aveva negoziato con il segretario aziendale un trattamento di fine rapporto di circa 300.000 yuan (42.430 dollari) e aveva registrato la negoziazione su nastro. Quando è stato assolto dall'accusa, Li ha ricevuto una compensazione di 100.000 yuan (14.100 dollari) per la sua reclusione illegittima.

In seguito, Li ha rivelato ai media locali di aver conosciuto altri ex dipendenti di Huawei sotto accusa per motivi simili presso il centro di detenzione di Shenzhen. Un caso ampiamente riportato è quello di Zheng Meng. Zheng era stato arrestato dalla polizia di Shenzhen durante il suo viaggio turistico in Thailandia [zh, come tutti i link seguenti] il 30 dicembre 2018 e detenuto a Shenzhen per estorsione per 90 giorni. L'uomo era in fase di negoziazione con l'azienda di un compenso per il suo congedo non retribuito.

Oltre ai dipendenti, alcuni netizen che avevano criticato i prodotti di Huawei erano stati arrestati dalla polizia di Shenzhen per aver diffuso dicerie. Ad esempio, Wang Hao, che lavorava per un organo di stampa a tema tecnologico, era stato arrestato a inizio novembre 2018 e detenuto per 252 giorni per aver criticato il cellulare Huawei Mate 20. In seguito l'uomo è stato assolto dall'accusa, ma non ha ricevuto alcuna compensazione per la sua reclusione illegittima.

Dato che la protesta dei netizen non si placava, il censore del web è intervenuto per bloccare la discussione sulle piattaforme social cinesi. Il post del noto blogger tecnologico William Long su Weibo è stato bloccato il 30 novembre, e il blogger ha espresso la propria frustrazione su Twitter:

Il post “Ex dipendente Huawei da 13 anni trattenuto per 251 giorni per via del trattamento di fine rapporto” è stato bloccato su Weibo. Lo dichiaro: da ora in avanti non comprerò mai più un prodotto Huawei. Questa azienda fa veramente schifo.

Le parole chiave Huawei e Li Hongyuan erano state ritenute non ricercabili sulle maggiori piattaforme social cinesi:

Weibo e Wechat hanno cancellato enormi quantità di contenuti relativi a Huawei e al caso Li Hongyuan. Non è chiaro se la censura arrivi dal dipartimento Pubbliche Relazioni di Huawei. L'autorità per la censura potrebbe sempre intervenire per frenare la diffusione di informazioni negative. Huawei ha perso il supporto pubblico che aveva raccolto fino al caso di Meng Wangzhou. Che peccato.

Propaganda vana

Per pura coincidenza, il primo dicembre è stato l'anniversario degli arresti domiciliari del Direttore Finanziario e Direttore Esecutivo di Huawei, Meng Wanzhou. La dirigente è in Canada ad attendere l'estradizione e il processo negli Stati Uniti per via di presunta frode bancaria, e la propaganda cinese aveva preparato dei reportage al riguardo per criticare l'azione legale “con motivazione politica”. Solo che, stavolta, i netizen cinesi non hanno orchestrato i reportage con sentimento patriottico. Piuttosto, hanno colto l'occasione per scagliarsi contro Huawei. @Tullymonster77 ha fatto lo screenshot di alcuni dei commenti tipici apparsi sui thread di notizie cinesi:

Il caso Huawei 251 ha ribaltato la situazione. Tutti hanno detto che è solo per arrestare Meng Wanzhou. La propaganda partito-stato è inutile.

Di seguito alcuni dei commenti presenti negli screenshot:

孟晚舟就算死在監獄也不值得同情了。

Nessuno sarà solidale con Meng Wanzhou adesso, neanche se morisse in carcere.

加拿大人,和我們中國人有啥關係?

(Meng) è canadese, non ha niente a che fare con il popolo cinese.

加拿大人還是太友好了,應該直接給粥公主關進看守所才對,只帶個狗圈讓她隨便溜躂還便宜她了。

I canadesi sono troppo amichevoli. Avrebbero dovuto mettere la principessa in carcere. Ora può andare in giro con un collare. Che trattamento gentile.

這家黑社會企業,怪不得美國查,在大陸有黑社會罩著,你們陷害了多少人,快倒閉!

Che azienda di mafiosi. Non c'è da sorprendersi se gli USA l'hanno messa sotto indagine. In Cina sono protetti dalla Triade [Nota: la Triade è un'organizzazione criminale cinese]. Quante persone hanno incastrato? Spero di vederli andare in bancarotta molto presto.

Il 2 dicembre, Huawei ha risposto alla faccenda con una dichiarazione:

华为有权利,也有义务,并基于事实对于涉嫌违法的行为向司法机关举报。我们尊重司法机关,包括公安、检察院和法院的决定。如果李洪元认为他的权益受到了损害,我们支持他运用法律武器维护自己的权益,包括起诉华为。这也体现了法律面前人人平等的法治精神。

Huawei ha il diritto e il dovere di denunciare comportamenti illegali alle forze dell'ordine. Rispettiamo le autorità giudiziarie, inclusa la decisione della polizia di pubblica sicurezza, del pubblico ministero e della corte. Se Li Hongyuan riteneva che il suo diritto era stato violato, avrebbe potuto usare mezzi legali per difendersi e fare causa a Huawei. Questo darebbe adito allo spirito di uguaglianza di fronte alla legge.

Evidentemente, Huawei non chiede scusa per la reclusione di Li di 251 giorni. E i netizen hanno continuato a dare addosso all'azienda diffondendo i codici: 985, 996, 035, 251, 404.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.