chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

“Il rogo dei libri e la sepoltura degli eruditi”: un libro che brucia provoca clamore sui social media cinesi

Immagine virale sui social media cinesi.

Una foto che mostra il personale di una biblioteca di Gansu che brucia libri di fronte all'edificio sta provocando tumulto sui social media cinesi dallo scorso 8 dicembre.

L'immagine è stata pubblicata sul sito web della biblioteca della contea di Zhengyuan, nella provincia di Gansu, il 23 ottobre, con una notizia che l'atto è quello di “esercitare pienamente il ruolo centrale di una biblioteca nel trasmettere ideologie attraverso la società tradizionale”. La notizia è stata originariamente rilasciata e distribuita sulle piattaforme di social media della Cina continentale, tra cui WeChat e Weibo, e successivamente è stata raccolta dalle agenzie di stampa cinesi all'estero prima di diventare virale online. La pagina della biblioteca è stata rimossa per elevato numero di commenti critici.

Il rogo di libri è stato la risposta dei funzionari del partito locale a una direttiva amministrativa rilasciata dal ministero della pubblica istruzione il 15 ottobre. Il ministero ha chiesto a tutte le biblioteche delle scuole primarie ed elementari di eliminare i libri che sono dannosi per gli interessi nazionali, la cultura cinese e i valori fondamentali socialisti.

La lotta ideologica è diventata una norma in Cina e tutti sanno che tutti i film, i libri, le serie TV, le notizie e le informazioni sono soggetti a censura. Tuttavia, l'atto di bruciare libri apertamente di fronte alla biblioteca ha ricordato alla gente l'antico atto barbarico del “rogo dei libri e la sepoltura degli eruditi” [it] durante la dinastia Qin.

Anche tra i punti vendita cinesi affiliati allo stato, l'atto di bruciare i libri ha suscitato polemiche. L'opinione pubblica pubblicata sul giornale cinese Beijing News ha richiesto un'indagine sull'incidente affermando che “il modo in cui la società tratta i libri riflette il suo atteggiamento nei confronti della conoscenza e della civiltà”. Ma il commento è stato rapidamente ritirato e portato offline subito dopo, e la relativa discussione è stata disattivata.

La maggior parte dei commenti al di fuori della Cina ha preso l'incidente come un altro segno di autoritarismo cinese. Ad esempio, il senatore degli Stati Uniti Marco Rubio ha commentato su Twitter [en]:

Niente è più autoritario di un buon vecchio libro che brucia. #Cina

Per gli intellettuali che vivono in Cina, l'atto politico di bruciare è molto più grave in quanto mostra come i giornali locali del Partito Comunista Cinese (PCC) abbraccino la dittatura senza esitazione.

Il giornalista cinese Micheal Anti ha esaminato il simbolismo politico della performance [zh, come tutti i tweet seguenti]:

Come mai i giovani hanno appena parlato dell'impatto ambientale del rogo dei libri? Non sono a conoscenza del simbolismo storico del “rogo dei libri e la sepoltura degli eruditi”? Ogni volta che i film vogliono interpretare un dittatore, appare la scena che del rogo dei libri e il pubblico può vedere rabbia, lacrime e disperazione nella folla. Il rogo dei libri non significa solo repressione dell'espressione. È un atto di performance politica per il pubblico per avere una buona immagine.

@jiongnasen ha parlato dell'effetto politico di un atto del genere:

Naturalmente non potevano frenare la libertà di pensiero con il rogo dei libri. Proprio come il Great Firewall non ha impedito alle persone di visitare internet libero. Ma questo non è uno scherzo. L'obiettivo del controllo del pensiero non è quello di mettere sotto controllo il 100% delle persone. Una volta che controllano una parte consistente della popolazione, possono iniziare a denunciare o eliminare una minoranza di persone. Sia che la “minoranza” sia amministratore o capitalista o di destra o verdastro, il PCC ha voce in capitolo.

L'atto del “rogo dei libri e la sepoltura degli eruditi” ha continuato a ripetersi nella storia cinese e molte persone anticipano l'arrivo dei giorni più bui:

“Il rogo dei libri e la sepoltura degli eruditi” sono iniziati durante la dinastia Qin. [Nella storia cinese contemporanea] la campagna anti-destra [it] aveva perseguitato migliaia di intellettuali. Mao [ex leader del PCC] ha riso dell'Imperatore Qin per aver seppellito 460 accademici, la nostra campagna anti-destra ha avuto più di 46.000 [nota dell'editor: oltre mezzo milione di intellettuali furono perseguitati durante la campagna anti-destra]. La terza ondata fu la Rivoluzione Culturale, innumerevoli intellettuali furono perseguitati. Ora Bun Xi [nota dell'editor: il presidente cinese Xi Jinping] è stato dietro la nuova ondata di “rogo dei libri e la sepoltura degli accademici”. Questa persona non ha educazione culturale e segue da vicino Mao Zedong. È triste averlo in controllo della Cina. Porterà un disastro al paese.

Il rogo dei libri è stata la risposta dei funzionari del partito locale a una direttiva amministrativa rilasciata dal Ministero della Pubblica Istruzione il 15 ottobre. Il ministero ha chiesto a tutte le biblioteche delle scuole primarie ed elementari di eliminare i libri che sono dannosi per gli interessi nazionali, la cultura cinese e i valori fondamentali socialisti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.