chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La visita di Papa Francesco mette in luce la lunga storia cattolica di Nagasaki

Pope in Nagasaki

Papa Francesco visita Nagasaki. Foto di Koga Masao, usata con permesso.

La prima visita papale in Giappone in quasi quattro decenni ha messo in luce l'eredità cristiana storica del paese, ha identificato le principali sfide affrontate dal resto del mondo e ha offerto l'opportunità sia al Papa che al popolo giapponese di acquistare un ottimo kitsch a tema del Pontefice.

Papa Francesco ha iniziato il suo tour di quattro giorni in Giappone il 23 novembre, la prima visita papale dopo San Giovanni Paolo II nel 1981 [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. La prima tappa importante del viaggio è stata la città occidentale di Nagasaki, dove il Pontefice ha tenuto una messa all'aperto in uno stadio di baseball che ha attirato almeno 30.000 persone.

Pope in Nagasaki

Papa Francesco visita Nagasaki. Foto di Koga Masao, usata con permesso.

Koga Masao, residente a Nagasaki, ha partecipato alla messa e ha condiviso i suoi pensieri sull'esperienza su Facebook (estratto pubblicato con il permesso) [jp]:

POPE IN JAPAN 2019 長崎県営野球場を取材?雷雲が過ぎるのを待って出かけた。野球の試合観戦はスタンドだけだがフィールドがメインのミサ。人ひとひとで、ディズニーワールド!久しぶりに行列に並ぶ。

勝手が分からず、スタンディングのタイミングがやや遅れた。進むに連れ、あの日も見ていただろう岩屋山が雲間に現れ、晴れ間が広がった。1981年2年26日を思いやった。

演出の凄さ、聖体拝領に感動しながら、バックネット上部を見た。長崎新聞の号外を頂いて帰路に着いた。勿論3万人を超す人の波に心撃たれながら。

PAPA IN GIAPPONE 2019
Dovrei andare allo stadio di baseball di Nagasaki per scattare alcune foto? Ho aspettato che le nuvole temporalesche passassero prima di partire. C'erano solo posti in piedi, con la massa principale sul campo da gioco. Siamo entrati nello stadio uno per uno, proprio come a Disney World! Era la prima volta da tanto tempo che non mi mettevo in fila per niente.

Non ero sicuro su cosa fare durante la messa e mi sono alzato in piedi un po’ tardi. Mentre le cose procedevano, le nuvole si sono schiarite ed è apparso il cielo azzurro, e lo stesso Monte Iwaya che è stato testimone del bombardamento di Nagasaki ora osservava che Papa Francesco dirigeva una messa per i cittadini di Nagasaki. E mi ha reso nostalgico per il 26 febbraio 1981 (quando San Papa Giovanni Paolo II era venuto a Nagasaki).

Guardando dall'esterno sono rimasto colpito dalla grandiosità della produzione e dalla comunione. Ho ricevuto un'edizione commemorativa in più del giornale Nagasaki Shimbun e sono tornato a casa. Sono stato colpito da un'ondata di oltre 30.000 persone che erano venute anche a vedere Papa Francesco.

Durante il suo discorso, Papa Francesco ha fatto un esplicito riferimento al bombardamento di Nagasaki [en] il 9 agosto 1945, pochi giorni dopo il bombardamento di Hiroshima. Almeno 35.000 [it] persone furono uccise all'istante quando un aereo americano lanciò una bomba atomica su Nagasaki, direttamente sopra una cattedrale cattolica romana in un sobborgo meridionale della città.

Urakami Tenshudo (Catholic Church) Jan.7, 1946.  Photo by AIHARA,Hidetsugu. (1909-). Image is public domain.

I resti della cattedrale di Urakami Tenshudo il 7 gennaio 1946. Foto di AIHARA, Hidetsugu. (1909-). L'immagine è di dominio pubblico.

Nel suo discorso, Papa Francesco ha segnalato che il mondo è più a rischio che mai di minacce da armi nucleari:

There is a need to break down the climate of distrust that risks leading to a dismantling of the international arms control framework. We are witnessing an erosion of multilateralism which is all the more serious in light of the growth of new forms of military technology.

È necessario abbattere il clima di sfiducia che rischia di portare allo smantellamento del quadro internazionale di controllo degli armamenti. Stiamo assistendo a un'erosione del multilateralismo che è tanto più grave alla luce della crescita di nuove forme di tecnologia militare.

La visita del Papa a Nagasaki ha messo in luce l'esperienza umana della guerra nucleare e ha incluso lo sforzo per trovare un ragazzo che è stato fotografato notoriamente mentre trasportava suo fratello morto per essere cremato nei giorni seguenti al bombardamento della città:

Nagasaki cerca il ragazzo della foto di Papa Francesco.

Tuttavia, Nagasaki ha una connessione più profonda con Papa Francesco e la chiesa cattolica. La città e la regione circostante furono il primo punto di contatto tra il Giappone e i commercianti europei, con i mercanti portoghesi che arrivarono nell'area nel 1543. I missionari gesuiti (Papa Francesco è anche un membro della Compagnia di Gesù, o gesuiti) arrivarono pochi anni dopo per fare proselitismo e convertire i giapponesi al cristianesimo.

Questo periodo nella storia giapponese sta ricevendo nuova attenzione grazie a nuovi libri e un film in uscita con protagonista la star della pantera nera Chadwick Boseman nei panni di Yasuke, il primo samurai africano in Giappone.

church in nagasaki

Chiesa di Ōura (大浦天主堂), nota anche come la Basilica dei Ventisei Santi Martiri del Giappone, a Nagasaki. Foto di Nevin Thompson.

I gesuiti e altri missionari cattolici riuscirono a convertire centinaia di migliaia di contadini, cittadini, guerrieri e aristocratici locali. Di conseguenza, Nagasaki ospita la più grande comunità cristiana rimasta in Giappone e molte chiese e cattedrali punteggiano ancora il paesaggio intorno alla regione.

roman catholics in nagasaki

Chiesa cattolica di Kaminoshima (カトリック神ノ島教会), vicino alla città di Nagasaki. Foto di Nevin Thompson.

Per papa Francesco e altri cattolici romani, tuttavia, Nagasaki è più che un avamposto cristiano nel paese in gran parte non cristiano del Giappone. Nagasaki è anche un simbolo del martirio [it] e del trionfo della fede cristiana.

Come per lo più recentemente esplorato nell'adattamento cinematografico di Martin Scorsese del romanzo di Endo Shusaku Silence, dopo la fine del periodo degli stati belligeranti [it] del Giappone nei primi anni del 1600, il governo militare giapponese ha perseguitato spietatamente i cristiani in un tentativo riuscito di limitare l'influenza straniera.

obama nagasaki

La sorgente sopra il fiume (上の川湧水) in Obama, Nagasaki. Si dice che la sorgente sia l'ultima area di sosta per i funzionari del regime prima di marciare martiri cristiani sulla cima del monte Unzen per essere crocifissi.

Nagasaki divenne il centro di una prolungata campagna di terrore contro i cristiani giapponesi, che furono torturati e crocifissi nei pressi delle sorgenti “infernali” bollenti come quelle sul Monte Unzen.

unzen hells

Le “infernali” sorgenti calde di Unzen nella prefettura di Nagasaki, simile a dove i cristiani giapponesi furono tormentati e crocifissi negli anni passati. Foto di Nevin Thompson.

I “cristiani nascosti” del Kyushu sono ancora riusciti a conservare e trasmettere la loro fede, che vivono ancora oggi a Nagasaki e nel resto del Kyushu [jp]:

Per centinaia di anni, i cristiani nascosti hanno trasmesso la loro fede in segreto nelle remote isole e montagne del Kyushu. “Oratios” (オラ シ ョ, dal latino originale, sta per preghiere, ecc.) trasmesso in segreto nella regione, insieme alle parole portoghesi, olandesi e spagnole introdotte per la prima volta tanto tempo fa, sono diventate parte integrante del dialetto Kyushu.

Nagasaki è ancora identificata come la città più cristiana del Giappone, creando un vivace commercio di souvenir a tema cattolico.

catholics in nagasaki

Souvenir “Cioccolato croccante CRUZ” di Nagasaki, un “dolce miracoloso che combina esotismo e sapori locali” di Nagasaki. Foto di Nevin Thompson.

Dopo la sua visita a Nagasaki, Papa Francesco si è recato a Hiroshima, anch'esso bombardato con armi nucleari durante la Seconda Guerra Mondiale, e poi a Tokyo, dove ha tenuto una messa per 50.000 persone [jp]:

Il Tokyo Dome è pieno di 50.000 persone. Quando il Papa è apparso, è stato accolto con un forte applauso!

La visita papale si è conclusa con grandi opportunità di acquisto dei kitsch.

Papa in Giappone 2019 merchandising al Tokyo Dome. Non vedo alcuna collaborazione di “Frozen 2″, che sembra un'occasione persa.

A Papa Francesco è stato presentato un tradizionale cappotto a tema papale prima che la sua visita si concludesse con un incontro con il nuovo imperatore giapponese Naruhito.

L'opinione sembra essere che il Papa assomigli un po’ a un impiegato di un negozio di elettronica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.