chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Tre milioni di persone votano alle elezioni distrettuali, ed è record di partecipazione civica per Hong Kong

Gli elettori fanno la fila fuori da un seggio. Foto dello Stand News, pubblicate sotto autorizzazione.

Circa tre milioni di elettori di Hong Kong sono andati a votare per le elezioni distrettuali 2019 [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] domenica 24 novembre. La percentuale dei votanti alle 21:30 (ora locale) era oltre il 69% con 2.853.608 di voti. Si stima che alle 22:30, alla chiusura dei seggi, i partecipanti fossero aumentati del 2-3%. Quest'affluenza alle elezioni rappresenta un record di partecipazioni assoluto per le elezioni a Hong Kong. A paragone, le percentuali per le elezioni nello stesso distretto erano al 47% nel 2015.

L'orientamento filodemocratico crede che, più alte saranno le percentuali, più saranno le possibilità di ottenere la maggioranza di 452 seggi nella giunta comunale. Un analista elettorale, usando una gran quantità di dati, ha fissato [zh] la percentuale dei voti al 70% come riferimento perché l'orientamento filodemocratico possa vincere la maggioranza dei seggi.

I dati sulla partecipazione sono considerati indice importante della reazione cittadina all'attuale crisi politica scatenata dalle proteste anti estradizione [it], che ha assunto connotazioni gravi a luglio 2019. Gli hongkonghesi ora stanno decidendo tra le fazioni filogovernativa e filocinese da un lato e i candidati filodemocratici dall'altro.

Se l'orientamento filodemocratico riuscirà ad avere la maggioranza, con un totale di 452 fra i seggi di tutte le giunte comunali, i filodemocratici allora potrebbero ottenere altri 117 seggi nel comitato elettorale degli amministratori delegati [it] e conquistare così più potere di trattativa per riforme future. Per la prima volta nella storia, la fazione filodemocratica ha mobilitato più di 480 candidati a concorrere per i 452 seggi.

Le elezioni ‘più inaspettate’ di Hong Kong

Il risultato alle elezioni è stato il più ‘inaspettato’ degli ultimi anni. Per prima cosa, la fazione filo governativa è stata accusata di aver appoggiato ciecamente la legge sull'estradizione. In secondo luogo, la stragrande maggioranza degli hongkonghesi è sempre più delusa dal vandalismo e dai disagi associati alle proteste contro il governo. Inoltre, nelle folle filo democratiche la divisione fra manifestanti radicali e pacifici si è intensificata, e quindi l'ex gruppo è scettico riguardo una democrazia rappresentativa.

In occasione delle elezioni, gli internauti filodemocratici avevano chiesto una una cessate il fuoco sulle proteste [zh] sui social media, compreso l'equivalente locale di Reddit, LIGHK. Come risultato, la domenica le elezioni si sono svolte regolarmente.

Mentre tutti aspettano con ansia il più imprevedibile dei risultati delle elezioni, di seguito una veloce spiegazione del sistema delle elezioni distrettuali e delle dinamiche politiche in gioco:

Il sistema elettorale del consiglio distrettuale di Hong Kong e la manipolazione delle elezioni

Hong Kong conta 18 consigli distrettuali [it] che informano il governo sullo sviluppo delle strutture e dei servizi statali.

Al 2019, i collegi elettorali dei consigli distrettuali comprendono 452 membri eletti e 27 membri ex officio che fungono da presidenti del comitato rurale. Le elezioni adottano un “sistema monoposto e a votazione unica” e la Commissione per gli Affari Elettorali (EAC) governativa è responsabile della definizione dei limiti geografici di ognuno dei 452 seggi.

Considerando che i distretti possono essere piuttosto piccoli, con circa 10.000 elettori, anche la minima imprecisione nel disegnare i limiti del distretto può influenzare l'esito delle elezioni. Difatti, i filodemocratici hanno accusato la EAC di aver manipolato [it] i confini dei distretti nelle elezioni di quest'anno.

Il sistema elettorale è anche vantaggioso per la facoltosa fazione politica filogovernativa, in quanto riesce a sostenere le campagne elettorali di centinaia di candidati anche in tutti i distretti minori. Ad esempio, i filogovernativi sono riusciti a vincere 68 distretti a mani basse nel 2015, semplicemente perché i democratici non avevano abbastanza risorse per competere in tutti i 431 distretti.

Ne consegue che i filogovernativi vincono sempre la maggioranza dei seggi nelle elezioni distrettuali. Nel 2015, di quelli che erano i 431 seggi del consiglio distrettuale, i filogovernativi ne hanno vinti 299, circa il 70%, mentre i filodemocratici hanno ottenuto solo 125 seggi. Anche nel 2003, dopo che a milioni hanno protestato contro la legge sulla sicurezza nazionale, i democratici sono riusciti a vincere solo 151 seggi [zh] su un totale di 400, perché avevano i mezzi per sostenerne solo 226.

Poiché la fazione filogovernativa ha monopolizzato i consigli distrettuali per due decenni, ha sviluppato un solido coordinamento dal basso, specialmente fra i pensionati, attraverso servizi sociali e donazioni. Nel 2018, fra i 3.81 milioni di votanti registrati [zh] , circa un terzo — 1.23 milioni di persone — erano sopra i 60 anni, mentre il numero di votanti fra i 18 e i 30 era meno di 630.000.

Project Storm: cercando una via d'uscita pacifica dalla crisi politica

In questo contesto, la fazione filodemocratica ha proposto iniziative per cambiare il panorama delle elezioni locali. Benny Tai, il cofondatore del movimento Occupy Central, ha proposto un nuovo progetto nel 2017, chiamato Project Storm. L'idea della campagna politica è di vincere la maggioranza dei seggi nelle elezioni distrettuali in modo che i democratici possano ottenere altri 117 seggi tra i 1200 che compongono il Comitato Elettorale. Lui crede che tale risultato genererebbe pressione politica e costringerebbe Pechino a reintrodurre riforme politiche meno restrittive.

Nell'elezione dell'amministratore delegato del 2017, i filodemocratici avevano gestito circa 300 su 1200 voti nel consiglio elettorale. Il comitato elettorale per l'amministratore delegato è composto dai rappresentanti di vari settori, compresi il commerciale e l'economico, le categorie professionali, i gruppi religiosi e i politici dei consigli legislativi e distrettuali.

Benché alcuni gruppi filodemocratici siano scettici riguardo una politica rappresentativa, sono comunque ansiosi di sperimentare una democrazia popolare ascendente tramite i consigli distrettuali. Pertanto, per la prima volta nella storia delle elezioni distrettuali, i candidati filodemocratici competono in tutti i 452 distretti elettorali.

Anche se il sistema elettorale non favorisce la fazione filodemocratica, c'è comunque ancora speranza per un cambiamento.

Infatti, mentre l'orientamento filogovernativo dipende dai “voti sicuri” dei suoi irriducibili sostenitori, gli elettori incerti sono più propensi a votare per i candidati filodemocratici. Inoltre, gli elettori con una visione liberale sono ansiosi di vedere i politici filodemocratici in una posizione di guida per far convogliare l'energia delle proteste in un movimento politico più sostenibile e pacifico.

Dulcis in fundo, i giovani si sono attivati in termini di partecipazione politica. Fra i 380.000 nuovi elettori registrati nel 2019 [zh], circa il 48% sono fra i 18 e i 35 anni.

I risultati delle elezioni saranno annunciati il 24 novembre 2019. La fazione filodemocratica è speranzosa di vincere la maggioranza dei seggi e di trovare una via pacifica per l'attuale crisi politica. Continuate a seguirci per altre analisi sui risultati delle elezioni.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.