chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Elezioni presidenziali 2020 a Taiwan: chi sono i contendenti?

Screenshot di un video della BBC caricato su Youtube [zh] del terzo dibattito per le presidenziali, svoltosi il 29 dicembre 2019. Da sinistra a destra, i tre candidati alle elezioni presidenziali: Han Kuo-yo, James Soon e Tsai Ing-wen.

L’ 11 gennaio 2020, si svolgeranno a Taiwan le elezioni presidenziali e parlamentari nelle quali concorreranno tre candidati per il ruolo che detiene forti prerogative politiche: l'attuale presidente Tsai Ing-wen, il candidato del Kuomintang [it, come in tutti i link sucessivi, salvo diverse indicazioni] Han Kuo-yu e il leader del partito di minoranza James Soong. I tre rappresentano punti di vista sensibilmente diversi in termini di valori sociali, proposte di sviluppo economico, di relazioni con la Cina e sullo status di Taiwan.

Nel 1996 Taiwan ha modificato il suo sistema elettorale introducendo l'elezione diretta del presidente. Ogni mandato dura quattro anni e la stessa persona può essere eletta una seconda volta, per un periodo totale di otto anni. Il presidente e il vice-presidente corrono insieme e sono eletti in base al sistema uninominale secco

In questa settima elezione diretta, si stima che voteranno circa 12 milioni di taiwanesi. I risultati delle elezioni saranno noti la sera dell'11 gennaio, ora locale.

Tsai Ing-wen: la prima donna presidente di Taiwan

Tsai Ing-wen [蔡英文] ha fatto la storia quando è stata eletta nel 2016 come candidata del Partito progressista democratico (DPP), diventando la prima donna presidente, dopo i sei precedenti presidenti [en] eletti dopo le modifiche costituzionali del 1947. È stata anche la seconda candidata presidente per il DPP a essere eletta, dopo Chen Shui-bian, rimasto in carica dal 2000 al 2008. 

Tai è una professoressa emerita di legge di sessantatrè anni che viene da una famiglia di undici fratelli, con ascendenza mista del popolo Hakka e degli aborigeni Paiwan. Ha studiato legge alla Taiwan National University e ha completato gli studi a New York e Londra. Dopo il suo ritorno a Taiwan nel 1984, ha insegnato in diverse università di Taipei.

La sua carriera politica inizia seriamente nel 2000 quando è nominata capo del Consiglio per gli affari continentali, un agenzia amministrativa che regola le relazioni tra Taiwan e la Cina. Nel 2004 si unisce al DPP e fa una rapida carriera, essendo eletta come deputata del DPP e nel 2008 prende la guida del DPP, diventando la prima donna che abbia mai diretto uno dei più importanti partiti di Taiwan.

Il suo potenziale come candidato credibile delle presidenziali è diventato chiaro nel 2014, quando il suo partito ha vinto le elezioni locali [en] con una vittoria schiacciante. A gennaio 2016, ha infatti vinto le elezioni presidenziali con il 56% contro il suo avversario del Kuomintang Eric Chu, che ha ottenuto il 31% dei voti.

Per le elezioni del 2020, Tsai corre con William Lai [en] come candidato vicepresidente.

L'agenda politica di Tsai può essere descritta come un mix di forti politiche sociali e ambientali e da una marcata distanza da Pechino, sia in termini economici che politici. Durante il suo primo mandato, ha introdotto significative riforme nel sistema del lavoro e di quello pensionistico, ha introdotto il matrimonio egualitario e diritti linguistici per diverse comunità.

Rispetto alle politiche e alle relazioni con la Cina, Tsai ha ripetutamente affermato pubblicamente che non appoggia il Consensus del 1992 [en] che afferma in termini aperti ad interpretazione che esiste solo “una Cina”. Il Consensus è stato utilizzato sia dalla Cina sia dal Kuomintang a Taiwan come sostegno al mantenimento dello status-quo nelle relazioni bilaterali, ed è spesso considerato come equivalente del “Un Cina, due sistemi” dalla Cina. Tsai rifiuta entrambi i concetti, puntando il dito [en] sulla crisi che ha colpito Hong Kong negli ultimi sei mesi ed è tutt'ora irrisolta.

Gli elettori [en] di Tsai sono generalmente giovani, tradizionalmente delle regioni del sud o delle isole. Il DPP è parte di una più ampia famiglia politica chiamata Coalizione Pan-Verde [泛綠聯盟],  che unisce il Partito per l'indipendenza di Taiwan [en], l'Unione solidarietà Taiwan, e Partito nuovo potere in un unica piattaforma. La coalizione ha operato prevalentemente nello Yuan legislativo, il Parlamento di Taiwan. 

A differenza dei principali politici e degli altri candidati alle elezioni, Tsai non è sposata e non ha figli, una rarità per un personaggio pubblico influente a Taiwan; questo argomento è spesso utilizzato dagli oppositori per attaccarla. 

Tsai ha un account Twitter @iingwen

Han Kuo-yu: il volto combattivo del partito che ha governato Taiwan più a lungo

Han Kuo-yu [韓國瑜] è il candidato del partito Kuomintang (KTM) che ha governato incontrastato per 55 anni e mantiene forti reti in molti settori della società di Taiwan grazie al suo ruolo storico.

Han Kuo-yo [韓國瑜] ha 62 anni ed è stato recentemente eletto sindaco; i suoi genitori vengono dalla Cina continentale. Ha studiato letteratura inglese e giurisprudenza, iniziando la sua carriera politica nel 1992, quando è stato eletto come membro dello Yuan legislativo come candidato del Kuomintang.

La sua carriera politica ha avuto un punto di svolta quando nel 2018, contro tutti i pronostici, ha vinto le elezioni municipali di Kaohsiung, la seconda città più popolosa di Taiwan, a sud del paese. La sua vittoria è significativa poichè il sud è una roccaforte del DPP e nessun candidato del KTM era stato eletto in 20 anni [en].

Per le elezioni del 2020, Han è candidato con Chang San-cheng [en] come vice presidente, il quale è stato primo ministro.

Soprannominato ‘Tipo pelato’ [光頭] Han è spesso descritto come un populista ed è conosciuto per cambiare le sue posizioni ma anche per utilizzare un linguaggio spesso forte ed emotivo, che è uno dei suoi assi nella manica con alcuni settori della società taiwanese. La sua agenda politica si basa sulla prosperità economica che collega a forti rapporti economici e di cooperazione politica con la Cina. Il suo slogan per le elezioni 2020 è “台灣安全 人民有錢” che può essere tradotto come “Sicurezza per Taiwan, soldi per le persone*”. Spesso si riferisce allo sviluppo economico [en] che ha avviato come sindaco di Kaohsiung come esempio per la sua strategia nazionale.

Rispetto alle relazioni con Pechino, il suo programma prevede una maggiore integrazione economica, turismo di massa dal continente e sostiene pubblicamente [en] il Consensus del 1992, mentre si dichiara contrario all'idea “Una Cina, due sistemi”.

Gli elettori di Han sono tendenzialmente anziani, residenti nella parte settentrionale di Taiwan. Il Kuomintang è anche a capo della forza che prende il nome di Coalizione Pan-Azzurra [泛藍聯盟 ] che unisce differenti partiti che condividono i medesimi valori ideologici. La coalizione comprende il Kuomintang, il Qinmindang [o “Partito prima il popolo”  PPP], il Nuovo partito e l’ Unione solidarietà non partigiana. 

Han è sposato e ha tre figli. Il suo account twitter è @Han_Kuo_yu [zh]

James Soong: il terzo candidato che può essere decisivo per il risultato delle elezioni

James Soong [宋楚瑜] è il capo del Qinmindang, uno dei componenti della Coalizione Pan-Azzurra, ma dissente con alcune delle posizioni del Kuomintang.

Soong ha 77 anni, è nato nella Cina continentale e si è trasferito a Taiwan con la sua famiglia nel 1949. Ha poi studiato diplomazia e scienze politiche a Taiwan e negli Stati Uniti. Ha assunto importanze nel 1974 quando è stato nominato segretario del primo ministro e presidente Chian Ching-kuo. Ha basato la sua carriera politica sull'essere un “nuovo taiwanese” sostenendo il primo presidente del Kuomintang nativo di Taiwan, Lee Teng-hui nel 1988

Rafforzato dal suo successo, ha deciso di correre come candidato indipendente nelle elezioni presidenziali del 2000 [en], per le quali è stato espulso dal KMT. Soong ha perso di misura [en] rispetto al candidato del DPP, e ha fondato un suo partito. Si è presentato successivamente nelle elezioni presidenziali del 2012 nuovamente come candidato del Qinmindang, prendendo meno del 3% di voti. Ha ottenuto un risultato nettamente migliore nelle elezioni del 2016, ottenendo il 13% dei voti.

Soong ha detto spesso che vuole porre fine alla rivalità blu-verde che ha segnato la politica Taiwanese per molte elezioni. La sua agenda politica unisce priorità che si possono trovare anche nel KMT e nel DPP. A livello generale si ritiene che con la sua candidatura possa togliere consensi [en] al candidato del KMT, siccome la maggior parte dei sostenitori del suo partito sono anche stati sostenitori del KMT.

Soong è sposato e ha due figli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.