chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I fumi degli incendi in Australia hanno raggiunto il Sud America

Nubi temporalesche. Foto da Piqsels.com. CC0 dominio pubblico.

I cileni sono stati sorpresi da alcune giornate nuvolose in pieno gennaio — un tempo insolito per la stagione estiva tipica del posto. L'anomalia è dovuta al fumo proveniente dai “mostruosi incendi” australiani che hanno raggiunto il Sud America la settimana scorsa, come riporta la BBC [en]. Cile, Uruguay, Argentina, e Brasile ne sono stati colpiti.

In Australia, quasi 6000 km² di terra sono state bruciati dall'incendio stagionale, tutto ciò aggravato dal cambiamento climatico [en]. L'incendio ha minacciato le vite di 27 persone e, secondo una stima, le vite di un miliardo di animali. Una volta raggiunta la stratosfera inferiore, il fumo è riuscito a spostarsi imperturbabile fino a una distanza di 12.000 chilometri, raggiungendo il Cile. Lo smog che ha raggiunto il Sud America non rischia di provocare danni alla salute della popolazione, a differenza di ciò che accade in Australia..

Immagini del centro meteorologico cileno che ha condiviso le immagini del fumo che attraversa l'Oceano Pacifico [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

L'immagine (RGB True Color del GOES-16) mostra il fumo (marrone chiaro) in arrivo dall'incendio australiano. Il fumo è stato trasportato da una corrente d'aria fino in Cile e Argentina.

Secondo il giornale cileno La Tercera, il cielo della capitale Santiago è stata coperto da una nuvola causando un leggero calo delle temperature.

Questo è come si mostra il cielo in  Valizas, Uruguay. Il giornalista Alberto Siva ha condiviso questa foto spiegando che il fumo ha alterato il colore del tramonto, come confermato dall’ Istituto Uruguaiano della Metereologia (INUMET).

Un mondo totalmente #globalizzato…
La #INUMET conferma che il colore speciale del tramonto è dovuto al fumo proveniente dall’ #incendio in #Australia.
Ciò che è accaduto in Cile e Argentina ed è arrivato in Uruguay ed è stato immortalato in questa foto in #Valizas sopra un fiume…

E questo è com'è stato visto da Buenos Aires e dalla Patagonia al tramonto:

Tramonto della Patagonia!

Le persone hanno condiviso il proprio pensiero in merito a questo fenomeno. Ramiro Diez ha scritto un tweet su come i problemi ecologici nel mondo sono interconnessi.

Una delicada nube de humo cubre parte de Chile y Argentina. Proviene de los incendios de Australia. En ecología nada le pasa “al otro.” En ecología todo nos pasa a todos. En ecología no existen fronteras.

— RAMIRO DIEZ (@ramirodiez) January 9, 2020

Una nuvola di fumo delicata copre parte del Cile e dell'Argentina. Arriva dagli incendi in Australia. In ecologia niente accade “all'altro”. In ecologia tutto accade a tutti noi. In ecologia non ci sono confini.

Nano Stern, un musicista cileno, ha scritto un tweet mostrando il proprio scoraggiamento rispetto al fatto che alcuni ancora neghino la presenza del riscaldamento globale:

🔥 💨 💨 💨

Fino al Cile è arrivato il fumo
degli incendi in Australia…
Stiamo vivendo una ritorsione
del pianeta che si sta consumando.
Se ci penso ne sono sopraffatto:
Il mondo sta bruciando
e alcuni continuano a negare
che la terra si sta surriscaldando.
Può essere che alcuni lo negheranno
fino ad affogare?

Nel frattempo, domenica 12 gennaio 2020, più 30.000 persone [en] a Sidney, Australia, hanno protestato contro il governo affinché possa gestire al meglio la crisi provocata dagli incendi e hanno sollecitato una maggior azione climatica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.