chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La rivoluzione del ride-sharing in Sudan ha bisogno di una migliore regolamentazione

Taxi a Khartoum, Sudan, 20 ottobre 2012. Foto di Digitalain via Flickr CC BY-NC 2.0.

Le app di ride-sharing hanno rivoluzionato i trasporti e migliorato le vite nel mondo — più recentemente in Sudan. Ma con questo cambiamento sono arrivate le complicazioni legali e i dibattiti riguardo organizzazione del lavoro e relazione tra proprietari di piattaforme e conducenti.

L'industria sudanese del ride-sharing deve affrontare serie sfide per quanto riguarda i diritti dei lavoratori, la distorsione degli algoritmi e la riservatezza dei dati affinché il ride-sharing sia sostenibile.

Negli ultimi anni, a seguito dell'espansione di internet a quasi il 30% [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], l'industria del Sudan ha iniziato a decollare.

Piattaforme come Tirhal, Lemon [ar] e Mishwar dominano adesso il mercato. Compagnie straniere come Careem, con sede a Dubai, acquistata da Uber all'inizio di quest'anno, ha cercato di investire in Sudan ma alla fine ha ceduto. Startup come Tarha [ar] hanno basato il proprio modello sull'idea del ride-sharing ma offrono servizi di car-pooling per la stessa destinazione.

Il ride-sharing ha avuto un profondo impatto sui tassisti in Sudan e ha creato intense rivalità tra di loro – e guidatori con conducente condiviso – per proteggere i clienti.

Nel dicembre del 2018, il Sindacato Generale dei Lavoratori dei Trasporti e il Ministero dei Trasporti hanno rilasciato una dichiarazione a sostegno della sospensione delle app di condivisione dei viaggi. Il segretario generale dell'Unione, Yosif Jamaa, ha affermato che queste app aggirano la legge sui trasporti di emergenza, un'autorizzazione destinata esclusivamente alle emergenze.

“La legge sui trasporti di emergenza non è permanente e non deve essere sempre usata, oltre a difetti di sistema, problemi tecnici e altri problemi che non hanno una legislazione speciale per risolverli “, ha detto Jamaa.

I social media sudanesi hanno reagito contro questi tentativi.

Taxi a Khartoum, Sudan, febbraio 2007. Foto di Turkairo via Flickr CC BY-NC 2.0.

Un ingorgo di sfide

Attualmente ci sono solo due accordi contrattuali per regolare il settore del ride-sharing.

Il permesso di trasporto di emergenza è un permesso rilasciato dallo Stato [ar]. Tecnicamente, questo permesso è destinato esclusivamente all'uso in situazioni di emergenza. Eppure, tutte le compagnie di ride-sharing devono richiedere questo permesso come condizione per la registrazione. Il permesso di trasporto di emergenza è un permesso destinato esclusivamente all'uso in situazioni di emergenza. Eppure, tutte le compagnie di ride-sharing devono richiedere questo permesso come condizione per la registrazione [ar].

I conducenti devono inoltre accettare vari termini e condizioni e firmare questi contratti quando scaricano applicazioni per lavorare con aziende che si occupano di ride-share. Questi accordi regolano e organizzano il rapporto tra guidatori e proprietari di piattaforme.

Tuttavia, questi accordi contrattuali – sebbene riguardino le relazioni di base tra lo Stato, i proprietari di piattaforme e i conducenti – trascurano ancora questioni cruciali in termini di diritti del lavoro.

Ad esempio, la legge non riconosce i conducenti come dipendenti a tempo pieno. Con una vaga categorizzazione come “driver” o “appaltatori”, le aziende possono sottrarsi alla responsabilità di fornire assicurazione sanitaria e altri benefici. Gli attuali accordi contrattuali sono anche vaghi in termini di responsabilità dei conducenti di pagare le tasse sui redditi guadagnati dal loro lavoro nel settore del ride-sharing.

La propensione all'algoritmo rappresenta un'altra sfida per i conducenti. Le piattaforme non sono trasparenti riguardo gli algoritmi utilizzati per organizzare il traffico e impostare le tariffe. Questi algoritmi possono talvolta mostrare distorsioni verso aree particolari rispetto ad altre, impedendo ai conducenti di essere abbinati ai clienti. I conducenti dovrebbero sapere quali algoritmi vengono utilizzati per impostare i prezzi e determinare percorsi percorribili.

La privacy e la protezione dei dati rimangono vulnerabili per coloro che partecipano al ride-sharing, sia i clienti che i conducenti. I nomi, gli indirizzi e i numeri di auto dei conducenti dovrebbero essere protetti dai proprietari della piattaforma, ma negli accordi attuali non esiste alcuna garanzia di riservatezza dei dati. Alcune app di ride-sharing come Lemon, inseriscono un link a una politica sulla privacy che porta solo alla loro pagina web, forse per soddisfare i requisiti di registrazione per i negozi Apple e Google Play.

Una violazione dei dati di Taxi Tirhal durante la rivoluzione in corso in Sudan nel gennaio 2019 ha sottolineato l'importanza della protezione dei dati. L'hacker, che si chiama “Mr. Sniper “su Twitter, ha scritto sulla piattaforma che i dati trapelati includevano la cronologia degli ordini e le posizioni in tempo reale e i dati di registrazione per conducenti e clienti. Un'ulteriore analisi dei dati trapelati ha rivelato i nomi dei conducenti e le informazioni sulla licenza, le marche e i modelli di auto, i numeri di targa e i registri di viaggio, secondo Rogue Media.

Organizzarsi per il cambiamento

Fino ad ora, i conducenti di ride-sharing non hanno un sindacato ufficiale in grado di sensibilizzare sui loro problemi e difendere i loro diritti contro i proprietari delle piattaforme e le politiche del governo. Il diritto al sindacato non è esplicitamente dichiarato e attualmente i conducenti non hanno il diritto di impegnarsi in una contrattazione collettiva con i creatori della piattaforma in merito a condizioni di lavoro, contratti equi, salari e altre questioni.

I conducenti si incontrano su alcuni gruppi di Facebook per discutere di una vasta gamma di problemi e tematiche, condividere idee, o vendere e acquistare automobile e accessori, ma in Sudan non è stata avviata alcuna organizzazione formale per risolvere i problemi dei conducenti.

Uber, il gigante di ride-share con base negli Stati Uniti, si è dovuto occupare da vicino di queste problematiche e continua a cercare di risolvere importanti controversie con i propri autisti.

Molti cittadini sudanesi pensano che l'economia sudanese ha beneficiato dell'industria del ride-sharing e gli esperti affermano che ha ridotto il problema del trasporto in Sudan [ar]. Ma affinché la società adotti il ​​ride-sharing in modo sostenibile, le nuove leggi devono affrontare una serie di questioni irrisolte per garantire i diritti di tutte le parti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.