chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Trinidad e Tobago continua a subire lo stigma dell'HIV e la mancanza di educazione sessuale

Selezione di prodotti sanitari per la salute riproduttiva. Foto di Reproductive Health Supplies Coalition
@rhsupplies, via Unsplash.

In un'intervista con Newsday [en, come tutti i link seguenti] di Trinidad e Tobago a metà dicembre 2019, il ministro della salute Terrence Deyalsingh ha fatto una dichiarazione controversa, suggerendo che, anche se il medicinale per la prevenzione dell'HIV noto come PrEP (Profilassi Pre-Esposizione) fosse facilmente disponibile, ciò istigherebbe alla promiscuità.

Il ministro Deyalsingh aveva fatto commenti simili alla cerimonia di sottoscrizione del Programma Congiunto delle Nazioni Unite contro HIV e AIDS del 2016, mirato ad eliminare la diffusione dell'HIV entro il 2030, quando aveva spiegato chiaramente che il governo non avrebbe permesso di ottenere il PrEP tramite il sistema sanitario pubblico locale.

L'atteggiamento di Deyalsingh verso la prevenzione di HIV e AIDS evidenzia la perenne battaglia contro lo stigma dell'HIV e la mancanza di educazione sessuale a Trinidad e Tobago.

Anche se è stato dimostrato che il PrEP riduce la possibilità di contrarre il virus dell'HIV, Deyalsingh ha continuato a sostenere che il governo non fornirà il farmaco, perché il fulcro della campagna di sensibilizzazione su HIV e AIDS condotta dal suo ministero è la cura post-esposizione, non la prevenzione. Per chi lo desidera, ha detto il ministro, il farmaco è disponibile nel settore sanitario privato.

Anche se Deyalsingh ha proposto delle eccezioni alla regola, secondo molti cittadini i suoi commenti aggravano ulteriormente il pesante stigma legato ad HIV e AIDS.

Nell’intervista con Newsday, Deyalsingh ha spiegato che, se un operatore sanitario dovesse accidentalmente pungersi con un ago, ad esempio, o nei casi di violenza sessuale, qualora ci fosse il rischio di contrarre il virus alle persone coinvolte verrebbe dato il farmaco. Mentre l'Organizzazione Mondiale per la Sanità classifica il PrEP come “medicina essenziale“, il ministro ha razionalizzato così la sua posizione:

PrEP is to give […] to people before exposure or with no exposure to HIV…It means that knowingly you are going to engage in some sort of behaviour that would cause you to be at a higher risk of getting HIV and you want to take a drug to prevent yourself from getting HIV. […]

That is not government policy […] It's a simple as that.

Il PrEP va dato […] alle persone prima che si espongano o che non si sono esposte all'HIV… Ciò significa che ci si comporta consapevolmente in un modo tale da aumentare il rischio di contrarre l'HIV e si vuole prendere un farmaco per evitare di contrarre il virus. […]

Questa non è la politica del governo […]. Tutto qui.

Il commento del ministro ha ricevuto molte critiche, specialmente da parte dei circa 29.000 cittadini di Trinidad e Tobago che convivono con il virus – numero che si è ridotto, grazie in parte agli sforzi delle agenzie governative e delle organizzazioni non governative diretti all'educazione, alla prevenzione e alla riduzione dello stigma legato ad HIV e AIDS.

Lo stigma dell'HIV

I pazienti sieropositivi spesso vengono discriminati a causa del loro stato di salute, e molti non possono permettersi i farmaci necessari tramite il settore sanitario privato.

L’Associazione per la Pianificazione Familiare di Trinidad e Tobago (FPATT) ha insistito affinché il governo renda disponibile il farmaco, sostenendo che i cittadini hanno il diritto ad ottenere i medicinali tramite il settore sanitario pubblico.

Definendo “miope” la dichiarazione del ministro, il direttore esecutivo della FPATT, Donna Da Costa Martinez, ha rimproverato Deyalsingh per aver contribuito all'idea che il farmaco istighi alla promiscuità, invece di educare le persone in merito allo scopo effettivo del medicinale: essere “uno strumento utile alla prevenzione dell'HIV”:

The statement is not only short-sighted but harmful, as the deciding factor then becomes grounded in a moral debate about human sexuality, an integral part of who we are and what we do.

L'affermazione non è solo miope ma anche dannosa, in quanto la decisione diviene poi basata su un dibattito morale in merito alla sessualità umana, che è parte integrante di chi siamo e di che cosa facciamo.

Mancanza di educazione sessuale

L’Associazione per la Pianificazione Familiare, il ministro per gli Sport e la Gioventù, Shamfa Cudjoe, e il ministro Deyalsingh in qualità di rappresentate del Ministero della Salute, hanno dichiarato che il Paese ha bisogno di imponenti riforme in tema di educazione sessuale, ma il Ministero dell'Istruzione ha fatto poco o niente.

Deyalsingh è a favore dell'educazione sessuale e ammette che la mancanza di questa contribuisce alla disinformazione tra i giovani:

Let’s not try to put our heads in the ground. Let’s just open our eyes, face the realities and make sure that we introduce sexual education adequate for the age of the students in schools.

Non cerchiamo di mettere la testa sotto la sabbia. Apriamo gli occhi, affrontiamo la realtà e assicuriamoci di introdurre nelle scuole un'educazione sessuale adeguata all'età degli studenti.

Eppure, diverse istituzioni religiose del Paese condannano il concetto di educazione sessuale, in particolare il Consiglio delle Chiese Evangeliche di Trinidad e Tobago.

Nonostante il mandato statale di mantenere un approccio laico in tema di leggi e politiche, i funzionari del governo – specialmente nei ministeri della salute e dell'istruzione – spesso servono gli interessi della variegata popolazione religiosa del Paese, usando la religione come fondamento logico per non sviluppare un piano di studi completo sull'educazione sessuale.

Di conseguenza, i governi successivi hanno adottato una politica di non intervento in tema di educazione sessuale, con molte scuole che hanno scelto un approccio basato sulla sola astinenza, soprattutto a causa del fatto che la maggior parte delle scuole nazionali sono di affiliazione religiosa.

Attualmente, il ministero ha creato un piano di studi per la salute primaria e l'educazione familiare (HFLE) volto ad educare i bambini in tema di sesso, sessualità e malattie sessualmente trasmissibili. Il programma, tuttavia, non è obbligatorio per gli insegnanti se si sentono a disagio a spiegare tali argomenti. Dato che il ministero non ha molti insegnanti specializzati nella materia, si affida “alla buona volontà degli stessi”:

Questi sono gli argomenti inclusi nel piano di studi. E anche dopo che il MOE ha offerto agli insegnanti l'opzione di NON spiegare nulla inerente la sessualità, offrendo di mandare qualcuno a insegnare quella specifica parte… essi SI SONO COMUNQUE RIFIUTATI di adottarlo.

A questa mancanza di educazione sessuale sono connesse molte gravidanze non pianificate e una scarsa conoscenza di come si contraggano e prevengano le infezioni sessualmente trasmissibili.

Il Dott. Kale Ferguson, presidente del Comitato di Coordinamento per l'AIDS di Tobago, ha detto in un discorso all'inizio dell'anno che l'educazione dei giovani è la chiave per la prevenzione dell'HIV e per ridurre lo stigma. A Trinidad e Tobago, il gruppo “a maggior rischio” di contrarre l'HIV è quello delle donne tra i 15 e i 24 anni.

“Ipocrisia morale”

Nel frattempo, Colin Robinson della Coalizione per l'Inclusione dell'Orientamento Sessuale (CAISO), che sostiene l'uso del PrEP come misura preventiva, ha accusato il ministro Deyalsingh di “ipocrisia morale”.

Rifiutandosi di implementare una politica che permetta l'accesso al PrEP, ha detto Robinson, il ministero sta ostacolando la protezione. Robinson ha spiegato che la decisione di rendere disponibile il farmaco nelle strutture del settore sanitario pubblico spetta solo al ministro, ma si è lamentato della posizione di quest'ultimo, affermando: “Non stiamo mettendo davvero le comunità nella condizione di fermare l'HIV”.

Altri territori caraibici, tra cui la Guyana, hanno già adottato l'uso del farmaco al fine di prevenire l'HIV e salvare vite.

Finora, il ministro Deyalsingh non ha risposto a nessuna delle grida di protesta legate alla sua dichiarazione.

A Trinidad e Tobago, puoi saperne di più su HIV e AIDS e altri metodi di prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e su come fare il test, qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.