chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il canale “L Japan” su YouTube: ovvero i vlog di una coppia lesbica di Kobe sulla propria quotidianità

L Japan

L Japan è un vlog su YouTube di una “coppia lesbica internazionale che vive nella regione del Kansai in Giappone, Miho (giapponese) e Clare (americana)”.

“Realizzare video è stato uno sfogo creativo e divertente per noi ed è anche un modo gratificante per essere “fuori” e orgogliosi”, afferma Clare [jp], che con la sua compagna Miho produce “L Japan” [jp], un vlog di YouTube sulla vita lesbica in Giappone. Entrambe, Miho e Clare, si identificano come lesbiche.

“Abbiamo deciso di creare il nostro canale YouTube perché abbiamo trovato altre coppie lesbiche giapponesi, ma nessuna coppia era come noi”, afferma Clare in un'intervista con Global Voices. “E personalmente volevo creare una risorsa per altre donne come me che volevano uscire con altre donne in Giappone, ma che hanno sempre pensato che fosse impossibile”.

Clare è originaria della Florida negli Stati Uniti, mentre Miho viene dalla prefettura di Nara. Entrambe vivono nella città portuale giapponese di Kobe, a ovest di Osaka, e stanno insieme da un anno e mezzo.

“Abbiamo video in cui parliamo in giapponese di vari argomenti, svolgiamo alcune attività divertenti o andiamo ad appuntamenti”, afferma Clare a Global Voices. “Ho anche dei video che realizzo da sola, in inglese, su incontri per lesbiche in Giappone.”

Miho e Clare hanno iniziato il canale a novembre del 2019 e finora hanno realizzato quasi trenta video. Nel video qui sotto, Clare e Miho tornano a Nara per incontrare i genitori di Miho e riflettere anche sull'anno nuovo. Il video è in giapponese, ma YouTube fornisce i sottotitoli in inglese.

“La famiglia di Miho (a Nara) è stata molto accogliente con me e lei, compresi i nonni, di 87 e 91 anni”, afferma Clare, che fa notare in generale, la vita è comoda per lei come lesbica che vive in Giappone.

“I giapponesi sembrano avere poca o nessuna opinione sulle persone LGBT, che da un lato rende difficile l'attivismo (come cambiare le leggi sul matrimonio tra persone dello stesso sesso), ma uscire è molto facile”, afferma. “Ci teniamo per mano comodamente e diciamo agli altri che siamo una coppia. Ciò confonde alcune persone, ma non abbiamo mai avuto reazioni negative “.

Il matrimonio tra le persone dello stesso sesso e la sua legalizzazione rimangono una questione chiave per le persone LGBTQ + che vivono in Giappone. All'inizio di febbraio, il primo ministro giapponese Abe Shinzo ha respinto [en] le richieste per legalizzare i matrimoni tra persone dello stesso sesso. In assenza di una leadership nazionale in materia, le autorità locali e le municipalità di tutto il Giappone stanno riconoscendo sempre di più [it] le unioni tra persone dello stesso sesso, il che ha importanti implicazioni per la proprietà condivisa dei beni, la pianificazione successoria e il piano pensionistico.

“Le unioni tra persone dello stesso sesso non sono ancora riconosciute dove viviamo (a Kobe), ma nelle aree intorno vengono sempre più riconosciute e credo che sia solo una questione di tempo fino a quando Kobe implementerà anche il sistema delle ‘unioni'”, afferma Clare. “Abbiamo intenzione di sposarci all'estero, anche se non sarà riconosciuto qui.”

Tutto sommato, tuttavia, Clare afferma che il loro obiettivo è quello di fornire uno sguardo divertente e informativo sulla vita in Giappone.

“Sebbene promuoviamo i nostri video con tag come “coppia lesbica” o “coppia internazionale”, quello che vogliamo veramente è che le persone vedano che noi non siamo una coppia tanto diversa da loro”, afferma Clare.

Guarda i video di Miho e Clare su L Japan su YouTube [en], inclusa questa introduzione al gergo lesbico giapponese:

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.