chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Giappone si avvicina sempre più a un'epidemia di COVID-19

diamond princess infected

La nave da crociera Diamond Princess che è stata in quarantena nel porto di Yokohama dal 4 febbraio 2020. Screencap dal canale YouTube di Nippon TV.

Febbraio ha visto Giappone avvicinarsi sempre di più a sperimentare un'epidemia da COVID-19, dato che il paese ospita ora il secondo più grande gruppo [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di casi confermati al mondo, dopo la Repubblica Popolare Cinese.

A partire dal 17 febbraio, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sostenuto che ci sono stati 59 casi confermati e un decesso in Giappone di COVID-19, la malattia causata dal ceppo del coronavirus originato a Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019. In 33 dei 59 casi, l'infezione si è verificata al di fuori della Cina, il che significa che il virus si sta diffondendo da persona a persona in Giappone.

Mentre Singapore ha un numero più elevato di individui infetti rispetto al Giappone (75 al 17 febbraio), le statistiche ufficiali dell'OMS per il Giappone non includono il cluster di infezioni da COVID-19 sulla Diamond Princess, la crociera messa in quarantena in un ormeggio nel porto di Yokohama dal 4 febbraio.

A partire dal 17 febbraio, sono stati confermati 454 casi di COVID-19 tra i 3700 passeggeri e l'equipaggio della Diamond Princess. Mentre la quarantena di 14 giorni progrediva con un numero crescente di passeggeri che si ammalavano nonostante il loro isolamento, la pressione sul governo giapponese è aumentata per risolvere la situazione.

Una trappola per turisti

Il 16 febbraio, quando i passeggeri più malati sono stati rimossi da Diamond Princess per essere curati in ospedale in Giappone, alcuni cittadini stranieri hanno iniziato a essere rimpatriati e portati a casa dai rispettivi governi.

Matthew Smith, un passeggero americano con un grande seguito su Twitter, ha deciso di rimanere sulla nave piuttosto che tornare sul volo di rimpatrio verso gli Stati Uniti. Smith ha dichiarato di aver scelto di rimanere in quarantena sulla Diamond Princess perché i passeggeri della nave da crociera americana che erano risultati positivi al virus si erano “mescolati” con passeggeri sani sul volo di rimpatrio, aumentando il rischio di infezione e ostacolando lo scopo della quarantena.

Smith ha anche messo in evidenza la difficile situazione dell'equipaggio della nave, che è stato esposto al virus dal momento che ha soddisfatto le esigenze dei passeggeri dal 4 febbraio e che probabilmente dovrà essere messo in quarantena:

Ma credo anche che questo sia il primo passo verso la transizione dalla quarantena dei passeggeri rimanenti alla quarantena dell'equipaggio stesso.

Il 10 febbraio, alcuni membri indiani dell'equipaggio hanno pubblicato un video su Facebook in un appello per essere rilasciati dalla nave, affermando che c'erano poche o nessuna informazione su quanti membri dell'equipaggio fossero infetti.

diamond princess indian crew

I membri dell'equipaggio della Diamond Princess fanno un video per chiedere aiuto al governo indiano il 10 febbraio 2020. Screencap da YouTube. Il video originale di Facebook è disponibile qui.

Si torna a riva

Nel frattempo, la probabilità di una potenziale epidemia in Giappone ha lentamente iniziato ad affondare. Il 13 febbraio, una donna di 80 anni è  deceduta, diventando la prima vittima del paese di COVID-19.

Tanto disaccordo sulle prime pagine di oggi su quanto sia importante la questione della prima morte da coronavirus in Giappone.

Asahi e Sankei sono diventati i più grandi, dandogli il trattamento completo bianco su nero con dimensioni dei punti ragionevoli.

Il giorno successivo, il governo giapponese ha istituito una task force speciale che includeva esperti di malattie infettive per far fronte alla potenziale diffusione del coronavirus. Allo stesso tempo, il ministro della sanità Kato Katsunobu ha dichiarato che il Giappone è entrato in una “nuova fase” dell'epidemia.

Una foto non attribuita dei volti cupi della task force è stata ampiamente condivisa su Twitter [jp]:

Uno sguardo di disperazione sui volti della task force del coronavirus.

Gli eventi principali sono stati cancellati in Giappone. Il 14 febbraio, la più grande fiera giapponese delle macchine fotografiche è stata cancellata a causa dell'epidemia. La maratona di Tokyo è stata chiusa anche a tutti gli iscritti, ad eccezione degli aspiranti olimpici. Non è previsto alcun rimborso delle quote di iscrizione. Anche altri eventi, come le conferenze tecnologiche, vengono messi in pausa.

Nel frattempo, l'industria del turismo giapponese, in forte espansione, è stata colpita da un divieto di viaggio che il governo cinese ha imposto ai suoi cittadini.

Vari rapporti in arrivo su cancellazioni confermate di prenotazioni turistiche. Probabilmente solo la punta dell'iceberg.
Niigata – 3000
Tochigi – 2000
Kitakyushu – 2200
Kurashiki – 1200

Dopo che il ministro della sanità giapponese ha consigliato alle persone di “evitare i luoghi pubblici“, le imprese giapponesi hanno lottato per far fronte all'epidemia. Datori di lavoro come l'editore online Cookpad e il fornitore nazionale di telecomunicazioni NTT stanno prendendo accordi affinché i dipendenti lavorino da casa, una pratica quasi sconosciuta in Giappone.

Secondo FNN News [jp], tuttavia, a causa della relativa inflessibilità delle norme sul posto di lavoro in materia di congedo per malattia, alcuni di quelli infetti dal coronavirus possono trovarsi di fronte a rimanere a casa e non essere pagati o andare a lavorare quando sono malati [jp].

Se un lavoratore viene contagiato dal coronavirus ed è richiesto che rimanga lontano dal posto di lavoro come richiesto dalle restrizioni delle prefetture sul posto di lavoro (messe in atto per trattare il coronavirus), l'assenza non sarà considerata “obbligatoria, come indicato dal datore di lavoro. “Pertanto, (in questo caso) i datori di lavoro non sarebbero tenuti a pagare il salario normale ai lavoratori infetti. Ciò significa che una volta esaurite le ferie retribuite, dovrai tornare al lavoro. Quanto è stupido?

Tra la minaccia di un'epidemia imminente, la più grande preoccupazione del governo giapponese sembra garantire che le Olimpiadi estive del 2020 a Tokyo, che si apriranno il 24 luglio, proseguano. Sia il Comitato Organizzatore Internazionale (CIO) che il governo giapponese insistono sul fatto che le Olimpiadi continueranno come previsto, nonostante la minaccia dal coronavirus.

Vi è anche una crescente pressione affinché il Giappone chiuda i suoi confini aerei e marittimi con la Cina, nonostante sia stato applaudito finora per il suo sostegno commovente della Cina rispetto agli Stati Uniti.

Dopo che le navi della marina giapponese sono state allontanate dalla Micronesia e dalle Isole Marshall a causa dei timori della malattia, Sato Masahisa, il ministro degli affari esteri bellicoso e ultraconservatore del Giappone e un membro della task force del governo COVID-19, ha suggerito che il dibattito urgente fosse necessario per limitare i viaggi in Giappone dalla Cina [jp]:

Il Giappone è ora considerato un “paese infetto”. Ci potrebbero essere molte persone che pensano che l'idea sia pazza, ma ora è la realtà. Il Giappone viene trattato proprio come quella nave da crociera [allontanata da Hong Kong, Thailandia e Cambogia]. Se non facciamo qualcosa per la situazione, le Olimpiadi di Tokyo saranno sicuramente influenzate. Anche se potrebbe essere un po’ tardi per evidenziarlo, allo stesso tempo stiamo facendo dei piani a livello nazionale, dobbiamo anche considerare urgentemente di limitare l'ingresso in Giappone dalla Cina.

La maggior parte dei giapponesi, tuttavia, sta cercando di navigare nella vita quotidiana sotto l'ombra incombente di un'epidemia. Una donna, ad esempio, ha pensato a come indossare una maschera con gli occhiali [jp]:

[…] Ecco un modo per evitare che gli occhiali si appannino indossando una maschera. È davvero fantastico: basta piegare la parte superiore della maschera verso l'interno! È un modo semplice per prevenire l'appannamento e ci si sente a proprio agio.

Leggi la copertura speciale di Global Voices sull'impatto del coronavirus di Wuhan [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.