chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La censura cinese dimostra che può permettersi il prezzo della “morte dei media”

Screenshot della “Tencent Dajia” e del suo ultimo pezzo di cronaca. Via Twitter.

La Tencent Dajia, (chiamata anche We Tencent  – 騰訊大家), una popolare emittente online che posta cronaca di alto livello, è improvvisamente sparita dall'internet cinese dopo la pubblicazione di un articolo intitolato: “I 50 giorni di polmonite a Wuhan: i cinesi stanno pagando il prezzo della morte dei media”.

Secondo quanto pubblicato dall'articolo, il sito [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] della Tencent Dajia e il suo account pubblico WeChat sono spariti da internet. Sia la Tencent Dajia che WeChat, famosa app di social media e messaggistica, appartengono al maggiore gigante tecnologico cinese, la Tencent [it].

La rimozione ha avuto luogo il 19 febbraio, lo stesso giorno in cui sono stati espulsi [en] dalla Cina tre reporter del Wall Street Journal per aver pubblicato un articolo d'opinione [en] riferendosi al paese come “il vero malato dell'Asia”.

La rimozione della Tencent Dajia è considerata il nuovo traguardo del l'inasprimento della censura in Cina dall'inizio dell’epidemia COVID-19 [it] di Wuhan. Con il supporto della Tencent [it], l'emittente si è potuta affermare come leader nell'industria mediatica, assumendo centinaia di scrittori di rilievo e giornalisti da Cina, Hong Kong e Taiwan quando venne presentata [zh] nel dicembre 2012. Nonostante la censura e le limitazioni sui media in Cina, i pezzi di cronaca della We Tencent erano arrivati ad essere considerati fra i migliori nell'industria.

Per anni l'emittente era sopravvissuta alla severa censura cinese sotto la protezione della Tencent. Quando arrivavano comunicazioni dalla censura, l'azienda di solito eliminava determinati articoli o smetteva di pubblicare per un periodo, per poter fare pulizia. Stavolta ha eliminato l'account pubblico “Dajia” su WeChat, e sono svanite anche decine di migliaia di articoli pubblicati negli ultimi sette anni.

Questa improvvisa misura presa dalla censura ha scosso diversi internauti sui social media. Molti credono che l'ultimo articolo pubblicato — “I 50 giorni di polmonite a Wuhan: i cinesi stanno pagando il prezzo della morte dei media” (武漢肺炎50天,全體中國人都在承受媒體死亡的代價) — sia stato la causa dell'arresto.

La morte dei media

Molti inoltre vedono nell'incidente una forzatura della censura sull'azienda “madre”, la Tencent, per uccidere la propria “creatura”, la Dajia. Il seguente commento su WeChat di Tang Min-tao, un legale per i diritti umani, è stato riportato su Twitter:

【腾讯“大家”公众号被“腾讯”注销】因一篇文章,腾讯自己的公众号“大家”被“自己”注销,让自己人对自己人下手,这事被做得出来?这篇文章谈的是媒体死亡,最终,导致了“大家”自己死亡。

[L'account pubblico Tencent “We” è stato eliminato da “Tencent”] Per un unico articolo, l'account pubblico della Tencent “We” è stato eliminato da se stesso. Chi ha il potere di fare questo? Di far eliminare alla Tencent il suo stesso prodotto? L'articolo parla della morte dei media, e finisce proprio con la morte di “We”.

Le opinioni espresse nell'articolo “50 giorni di polmonite a Wuhan” sono di fatto piuttosto moderate: lo scrittore, un professionista nell'ambito dei media, ha semplicemente sottolineato come la libertà di stampa sia il miglior vaccino per il controllo dell'epidemia e come il focolaio di COVID-19 a Wuhan sia stato favorito dal malfunzionamento dei media o dalla “morte dei media”.

Secondo le osservazioni dello scrittore, tra l'8 dicembre 2019 e il 20 gennaio 2020 i media avrebbero funzionato da “pacificatori”, poiché la maggior parte delle news sottolineavano che la diffusione del virus fosse “sotto controllo” e gli esperti dichiaravano che il virus non fosse trasmissibile fra esseri umani.

Dopo il 20 gennaio, quando l'epidemia si è diffusa fuori dalla Cina e le autorità hanno deciso di adottate misure d'emergenza per contenerla, i media sono passati alla produzione di contenuti con messaggi positivi per “toccare i cuori” della popolazione cinese e motivarla a combattere il virus. Lo scrittore ha fatto notare come il 25 gennaio gli organi di stampa ufficiali di Hubei e Wuhan catalogassero ancora come voci di corridoio i resoconti dei social media sulla situazione reale nelle città in quarantena.

Il fondatore ed editore di “We Tencent” Jia Jia pertanto crede che l'arresto di Tencent Dajia sia il risultato di un cambiamento nella strategia globale del governo:

《大家》的slogan是我说的六个字:洞见、价值、美感 。这是非常不容易坚持的编辑原则,也是在中国非常稀缺的事务……有良知的文字,会记录描述以及解释我们所遇到的大问题。腾讯《大家》过去正是为这些大问题而生,当然也是为这些大问题而死。

Lo slogan della “We” propone tre parole di mio uso corrente: intuizione, valore, bellezza. Principi editoriali come questi sono difficili da mantenere e molto rari in Cina… Scrivere con coscienza comporta descrizione e spiegazione dei grandi problemi che incontriamo. “We” è stato creato per canalizzare questi grandi problemi e anche la sua morte è legata ad essi.

Gruppi e account privati di WeChat eliminati in massa

Dopo i tumulti sui social media in seguito alla morte del Dr. Li Wenliang [en], la censura in Cina ha raggiunto nuovi livelli. Dal 6 febbraio è stato fatto circolare su un vasto numero di gruppi WeChat un comunicato rilasciato dalle autorità per la pubblica sicurezza, un avvertimento contro la diffusione di qualunque informazione riguardante il coronavirus da fonti non ufficiali. La violazione di questa regola, diceva il comunicato, avrebbe comportato l'eliminazione permanente del gruppo.

A Jining, nella provincia cinese nordorientale di Shandong, circolavano online dichiarazioni non verificate che sostenevano che tutti i gruppi di lavoro su WeChat, come quelli di ospedali, scuole, uffici del Partito Comunista Cinese (CCP) su strada e altre istituzioni pubbliche, erano stati eliminati per evitare che facessero trapelare informazioni sulla diffusione del COVID-19. I dirigenti delle unità di lavoro hanno dichiarato che lo scopo di tale decisione era proteggere i membri dei gruppi. Anche se le autorità di Shandong hanno poi etichettato queste notizie come voci di corridoio, nella sezione dei commenti dei netizen hanno confermato quelle eliminazioni.

Persino i gruppi familiari privati sono soggetti a censura, come ha notato su Matters News una studentessa cinese all'estero:

今天在家里的微信群里讨论了一下武汉病毒所的学术文章,职业病发作,简单给地给姐夫科普了一下石正丽的论文摘要,居然在半小时之后收到了微信的辟谣小助手的推送。。。。。。
可我这不是谣言,白纸黑字的学术文章,有本事让杂志撤回文章啊。打电话回国,老姐说,说不定因为你,网警已经开始关注我们家的小小家庭群了,太可怕了。
海外还有部分天真的华人觉得这次的疫情会让党的政策有所松动,这真是太天真了。

Oggi ho discusso un articolo universitario sulle analisi del virus di Wuhan. Data la mia formazione accademica, ho dato un breve riassunto di quanto scritto da Shi Zhengli [en]. Nel giro di mezz'ora il gruppo ha ricevuto una notifica dall'amministratore delle misure restrittive per le voci su WeChat…
Ma quello di cui ho discusso non sono voci, è uno scritto accademico nero su bianco. Perché non chiedete al giornale di distruggere lo scritto se si tratta di voci? Tornata in Cina ho chiamato mia sorella, ha detto che a causa mia la polizia postale ha iniziato a monitorare il gruppo della nostra famiglia su WeChat, è terribile.

Alcuni cinesi all'estero credevano che il coronavirus avrebbe allentato il controllo sull'espressione, ma sono stati ahimè troppo ingenui.

Anche gli account privati sono stati soggetti ad eliminazione permanente. Un utente WeChat ha condiviso la sua esperienza su Matters News l'11 febbraio:

我收到的是“限制登陆,不可解封”。
我申诉了,可是看到帖子说基本是没有可能解封的。看了有同样经历朋友的帖子,他形容的很对,感觉自己像一个幽灵,还能看见别人在群里讨论你,可是你却不能说话了。
最不方便的是很多业务上的朋友是通过微信来保持联系和增进友谊的。
以后我的灵魂和精神只能活在墙外了。这种感觉像是被流放着。因为我们真正关心的,和真正想覆盖到的观众在墙内。
许章润教授据说也被封号了,更严重的是他失联了。我不想失联。和他同一批被封号,我又有些自豪,我又有些害怕。
在墙内,我只乖乖做一只只知道赚钱蝼蚁吧。

Ho ricevuto una notifica su WeChat che diceva “Restrizione permanente al login”.
Ho fatto ricorso, ma mi hanno detto che era impossibile riaprire il mio account. Un amico con lo stesso trascorso mi ha detto che era stato trasformato in un fantasma, che poteva vedere gli altri parlare di lui nei gruppi, ma non poteva rispondere.

L'aspetto più scomodo è che io ho molte amicizie di lavoro su WeChat e devo fare affidamento sulla piattaforma per mantenere le comunicazioni. In futuro, la mia anima e il mio spirito potranno sopravvivere solo al di là di quelle mura. Mi sento come un esiliato che si preoccupa di ciò che accade fra le mura e vuole condividere le sue opinioni con le persone all'interno delle mura.

L'account del professore Xu Zhangrun [zh] è stato cancellato. La cosa peggiore è che lui al momento è segregato. Io non voglio finire così. Sono comunque fiera che il mio account sia stato eliminato per le stesse ragioni degli altri [che avevano fatto appello alla libertà di parola sui social media]. Ma sono anche spaventata. All'interno delle mura non posso far altro che andare avanti come una formica, che lavora per sopravvivere senza fare rumore.

Leggi la Copertura Speciale di Global Voices sull’impatto del coronavirus di Wuhan [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.