chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le vere ragioni per cui il popolo sta fuggendo dall'Honduras

Una madre di nome Doris mostra un ritratto di suo figlio, Wilfredo Moncada, ex leader delle proteste antigovernative nel 2018. Choluteca, Honduras, 29 maggio 2019. Crediti della foto: Martín Cálix per Contraccoriente. Usato su autorizzazione.

Secondo il governo del Guatemala, tra il 15 e il 16 gennaio 2020, oltre 3500 persone [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] hanno attraversato il confine a piedi, con la speranza di costruire una nuova vita negli Stati Uniti o in Messico. La maggior parte proveniva dall'Honduras. Secondo quanto riferito dai media internazionali come NPR [en], Wall Street Journal [en] e Reuters [en], le persone che migrano attraverso il Centro America stanno fuggendo “dalla povertà e dalla violenza”, ma questi termini a malapena identificano le ragioni per le quali le persone decidono di fare l'autostop per migliaia di chilometri ed affrontare un futuro incerto al confine tra Stati Uniti e Messico.

Una nuova carovana

Gli honduregni stanno fuggendo dal loro paese da anni, ma il termine “carovana” è stato reso popolare in tutto il mondo nel 2018, quando più di 10.000 centroamericani [en] hanno intrapreso il viaggio insieme per sostenersi a vicenda e proteggersi reciprocamente lungo la strada attraverso il Guatemala e il Messico.

Più che vivere in “povertà e violenza”, gli honduregni sono di fatto sopraffatti da uno stato-narco [en] la cui leadership è appoggiata dagli Stati Uniti. Soffrono di corruzione diffusa, violenza di genere, potere delle gang, accaparramento delle terre e siccità come conseguenza del cambiamento climatico.

Nel 2020, anche se la strada da percorrere per i migranti è più difficile di prima per ragioni che esulano dall'ambito di questa storia, migliaia hanno deciso che con maggiori probabilità, il loro destino sarà migliore al di fuori dell'Honduras, piuttosto che all'interno.

La carovana di migranti ad Ayutla, in Guatemala, il 17 gennaio 2019. Crediti della foto: Martín Cálix per Contraccoriente. Usato su autorizzazione.

Cosa sta accadendo in Honduras 

Sappiamo che la corruzione e la droga sono, come dire, degli elementi negativi.

Tuttavia, quando pensiamo a ciò che un “cattivo” politico può fare, raramente immaginiamo che possa essere riconosciuto colpevole di aver introdotto tonnellate di cocaina [en] negli Stati Uniti. Questa è l'accusa con la quale Tony Hernández, ex politico e fratello del presidente in carica Juan Orlando Hernández, è stato condannato lo scorso ottobre.

Ora il presidente Hernández, che è stato elogiato dalla U.S. Drugs and Enforcement Agency per la sua lotta contro il traffico di droga, è lui stesso al vaglio per il suo presunto ruolo nel traffico di cocaina.

Durante il processo a Tony Hernández, i testimoni hanno affermato che il presidente abbia cercato di proteggere suo fratello dall'estradizione e ricevuto tangenti per milioni di dollari per finanziare le campagne politiche del suo partito, secondo i rapporti del New York Times [en] e Reuters [en]. Il presidente Hernández nega le accuse.

Si potrebbe affermare che gli honduregni abbiano liberamente eletto tali politici e si siano quindi affidati al governo di Hernández, ma questo ragionamento non tiene conto del fatto che gli honduregni non volevano questo governo in primo luogo. Hanno protestato – e sono stati assassinati dalla forza pubblica [en] durante le manifestazioni – per chiedere un nuovo voto dopo lo svolgimento di elezioni evidentemente fraudolente nel dicembre 2017, che hanno messo Hernández al potere. All'epoca, gli Stati Uniti decisero di sostenere [en] comunque l'elezione di Hernández.

Nel 2019, tra forti sospetti sul coinvolgimento del loro presidente nei proventi della droga, gli honduregni hanno di nuovo chiesto al loro presidente di andarsene. In risposta, la polizia ha lanciato gas lacrimogeni.

Un agente di polizia honduregno lancia gas lacrimogeni contro i manifestanti che chiedono le dimissioni del presidente Hernández, dopo che suo fratello ed ex politico, Tony Hernández, è stato dichiarato colpevole del traffico di droga. Tegucigalpa, Honduras, 24 ottobre 2019. Crediti della foto: Martín Cálix per Contraccoriente. Usata su autorizzazione.

La seguente opzione per l'Honduras sarebbe stata quella di affidarsi ai sistemi anticorruzione atti a perseguire i criminali di alto profilo. Bene, negli stessi giorni del gennaio 2020 in cui migliaia di honduregni camminavano verso nord, il presidente Hernández e i legislatori demolivano quel filo di speranza.

Le autorità dell'Honduras hanno deciso di porre fine al mandato dell’ ente anticorruzione appoggiato a livello internazionale, MACCIH [en] (Misión de Apoyo contra la Corrupción y la Impunidad en Honduras). Secondo Insight Crime [en], il MACCIH aveva guidato casi di corruzione di alto profilo e “lo scioglimento di MACCIH non promette bene per la lotta alla corruzione in una regione così afflitta dalla stessa”.

La corruzione estesa, oltre ad essere illegale e immorale, mina la società.

Ad esempio, quando “il corrotto ruba 49 lempiras (1,99 dollari circa) su ogni 100 lempiras (4,06 dollari) dal Ministero della Salute”, come ha riferito il National Anticorruption Council, porta il sistema sanitario dell'Honduras quasi al crollo.

L'anno scorso, l'Honduras ha patito la peggiore epidemia di dengue degli ultimi 50 anni. Più di 400 persone sono morte, secondo il New York Times [en], che ha anche riferito che la crisi sanitaria è aggravata dagli effetti del cambiamento climatico e dalle disfunzioni del governo.

Un bambino affetto da febbre dengue presso l'ospedale universitario di Tegucigalpa. Al momento della fotografia, la stanza era sopraffatta dai pazienti. Tegucigalpa, Honduras, 24 luglio 2019. Crediti della foto: Martín Cálix per Contraccoriente. Usata con permesso.

Anche il futuro del paese è a rischio, poiché il sistema educativo è inefficace. Il giorno in cui la carovana di migranti ha lasciato San Pedro Sula, i media honduregni hanno pubblicato un'altra statistica che è indicativa della condizione del paese: un milione di bambini honduregni non frequentano la scuola. Sono troppo poveri o credono che la scuola non serva, perché comunque non li aiuterebbe a trovare un lavoro alla fine del percorso educativo.

L'anno scorso, il Congresso nazionale dell'Honduras ha approvato delle riforme sull'assistenza sanitaria e sull'istruzione, una mossa che gli honduregni hanno visto come un'apertura verso la corruzione [en] e privatizzazione di questi settori. Gli honduregni hanno dimostrato le loro rimostranze per le strade a maggio e giugno 2019, dove sono stati nuovamente accolti da lacrimogeni e proiettili. I legislatori hanno sospeso le riforme.

Radiografia del braccio di uno studente universitario con una scheggia di proiettile, dopo la repressione del 24 giugno 2019 in cui l'esercito e la polizia militare sono entrati in un'università e hanno sparato agli studenti con gas lacrimogeni e proiettili veri. Tegucigalpa, Honduras, 27 giugno 2019. Crediti della foto: Martín Cálix per Contraccoriente. Usata con permesso.

Oltre ad essere oppressi dalla forza pubblica, gli honduregni sono assoggettati alla legge delle gang [en]. In molti quartieri, queste bande, che comprendono spesso giovani poveri che cadono nella criminalità, detengono di fatto il potere, estorcendo e minacciando la popolazione locale. La morte è un evento quotidiano in un paese in cui nel 2019 si contano più di 42 omicidi ogni 100.000 persone. Il modo in cui il governo honduregno risponde alle bande è aumentando il numero di soldati.

Mentre la violenza delle gang è una vera e propria minaccia, anche la violenza di genere pervade la società. L'Honduras ha il secondo più alto tasso di femminicidi nel continente americano, secondo la Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'America Latina e i Caraibi (ECLAC). Quindici donne sono state uccise solo nelle prime due settimane di gennaio.

Doña Blanca taglia cipolle e carote, sedendosi davanti alla teca che mantiene calda la carne nella sua sala da pranzo. Tegucigalpa, Honduras, 1 marzo 2019. Foto: Martín Cálix.

Nelle aree rurali, le popolazioni indigene e i contadini rischiano la vita difendendo le proprie case dall'accaparramento della terra [en]. L'omicidio della rinomata leader indigena e attivista ambientale, Berta Cáceres, uccisa da uomini armati nella sua casa nel 2016, è ben nota e ha trovato una giustizia parziale [en].

Il caso di Cáceres è stato ampiamente riportato dai media, tuttavia, molti altri omicidi di attivisti ambientali rimangono nell'ombra.

Nel 2017 Global Witness [en] ha definito l'Honduras “il paese più letale al mondo per l'attivismo ambientale”. All'inizio di gennaio 2020 il leader indigeno Vicente Saavedra è stato trovato morto. Anche la popolazione Garifuna, che già vive sotto la minaccia di espulsione dalle loro terre ancestrali a causa del turismo e di progetti commerciali internazionali, difende i propri territori e affronta la violenza [en].

Queste minacce legate al business delle imprese non tengono in considerazione i crescenti effetti del cambiamento climatico, che costringono gli agricoltori ad abbandonare [en] le loro colture, sempre più secche e morenti, di mais e fagioli.

E c'è di più: questa storia non fa che delineare una visione superficiale del perchè gli honduregni di tutte le età, i sessi, le tendenze sessuali e le etnie credono che la pericolosa rotta dei migranti offra più speranza che rimanere in Honduras.

Gli honduregni fuggono da molto più che “violenza e povertà”. Fuggono da un sistema omicida, sfruttatore, razzista, misogino e alimentato dai profitti della droga, un sistema che non cambia, nonostante i loro sforzi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.