chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'uso di simboli giamaicani di Kanye West apre il dibattito nazionale sul “branding”

Kanye West si esibisce alla celebrazione annuale del Museo della arti moderne al Garden benefit, New York City, 10 maggio 2011. Foto di Jason Persse, CC BY-SA 2.0.

Il rapper americano Kanye West ha tenuto il suo concerto pop up di servizio domenicale a Kingston, in Giamaica, all'inizio della giornata degli eroi nazionali [en, come i link seguenti] nei fine settimana festivi (19 – 21 ottobre 2019). Questa è stata la prima volta in cui il rapper ha portato il suo grande coro gospel fuori dagli Stati Uniti, secondo quanto riferito, in seguito alla richiesta di un membro giamaicano del suo staff. Tuttavia, l’ evento è stato assediato dalle critiche dall'inizio, culminando con l'uso non autorizzato da parte di West degli emblemi giamaicani sui prodotti venduti sul suo sito.

Con solo due giorni di preavviso, il concerto gratis si è tenuto presso l’Emancipation Park a Kingston, la capitale — un luogo che ha fatto suscitare l'ira dei commentatori a causa dei commenti controversi fatti da West sulla schiavitù durante un’ intervista ai media nel maggio del 2018. Il parco è stato aperto nel 2002 in onore della piena libertà di espressione di 300.000 schiavi in Giamaica il 1° agosto 1838.

Questo è stato il primo pomo della discordia attorno al concerto, ma non è stato l'ultimo. Anche se il ministro della cultura Olivia “Babsy” Grange ha risposto alle critiche iniziali dicendo che il concerto sarebbe stato di beneficio per il Paese, un promotore musicale ha sostenuto che lo show, che è stato trasmesso live sul sito del Sunday Service, fosse “in primo piano” rispetto alle altre attività culturali durante il weekend della festa degli Eroi.

Inoltre, gli abitanti di  Kingston, che hanno subito flussi di traffico insoliti e pesanti per tutta la settimana, hanno predetto caos e confusione durante l'ora di punta serale. Ciononostante, il concerto è andato bene, migliaia di giamaicani hanno goduto lo spettacolo e le società dei media giamaicani hanno ricevuto i complimenti online per la loro impeccabile produzione:

Come qualcuno che non è fan del signor West ma che è sempre pronto a sostenere qualsiasi cosa che rafforzi la mia nazione mi sono sintonizzato sul live e non l'ho mai spento… largamente dovuto alla produzione #SundayServiceJa….quindi dovreste essere molto orgogliosi di quella che era una produzione di prim'ordine.

Ma c'è stato un'altro aspetto negativo. I membri del gruppo del servizio domenicale indossavano tutti magliette e berretti blasonati con i simboli nazionali della Giamaica. Subito dopo il concerto, gli articoli con il tema della Giamaica sono apparsi nel negozio online del servizio domenicale — provocando un'immediata preoccupazione.

Molti giamaicani hanno reagito furiosamente:

#SundayServiceJa Non riuscite a smettere di ridere e così non riuscite a scrivere su Twitter concerto gratis? Quanti di voi idioti  avranno comprato vestiti brutti e costosi con il simbolo della vostra nazione usato senza permesso come se non fosse un buon affare? La cosa buona è che Dio non si allontana da nessuno perché ora di certo le persone vendono sé stesse.

Un'altro ha scritto su Twitter che la Giamaica ha l'abitudine di “vendere” la sua identità agli stranieri:

So they really sold out our Jamaican heritage for a free concert. Jamaican leadership keeps allowing outsiders to take advantage 😔#SundayServiceJa #KanyeWestSundayService #kanye pic.twitter.com/QbA0ZygTmO

— Detective Sasha 🇯🇲 (@OneDonSasha1) October 19, 2019

Hanno davvero venduto il patrimonio giamaicano per un concerto gratis. I leader giamaicani continuano a permettere agli estranei di trarre vantaggi. 😔

Il Ministro Grange ha risposto velocemente, chiedendo di togliersi gli articoli. Ha notato:

We neither received a request for nor did we give permission for our national symbols and emblems to be used for a commercial manner or otherwise.

I have since requested that the items be withdrawn and the vendor has agreed to do so.

Non abbiamo ricevuto né la richiesta né abbiamo dato il permesso  di usare i nostri emblemi e simboli nazionali per finalità commerciali o per altro.

Ho richiesto da questo momento che gli articoli venissero ritirati e il venditore ha acconsentito.

Tuttavia, restano delle aree grigie. Come ha confermato il ministro nella seconda parte della sua dichiarazione , la revisione del governo sul modo di gestire l'uso proprio degli emblemi nazionali è stato messo in attesa quando è cambiato il governo nel 2011 — ma ora, dice,” è stato concesso il permesso di ristabilire la commissione e di continuare a lavorare”.

L'ufficio del primo ministro attualmente specifica sei simboli nazionali che non possono essere usati senza il suo permesso e per il quale può essere richiesto il pagamento di una tassa.

Nel frattempo, il sindaco di Kingston ha respinto le richieste dell'opposizione del Partito nazionale della gente secondo cui l'emblema della città è stato usato impropriamente:

Come mostrato sul sito @JISNews… La prima immagine sotto è lo stemma giamaicano… L'immagine affianco (crediti: @cevancoore) viene dal Sunday Service che mostra la maglietta indossata da Kanye West e il suo coro. Le creste sono diverse.

La discussione online sull'importanza dei simboli nazionali è stata onnipresente:

Non direste che non sono marchi in senso legale ma piuttosto un tentativo di manifestare la nostra identità collettiva? Ecco una delle ragioni per cui c'è stato un dibattito sull'inclusione del Taino nello stemma. Penso che otteniamo molte informazioni sulla nostra storia meditando su di esse.

Un avvocato ha indicato che i simboli non sono in realtà dei “marchi”:

Sostengo GOJ (per fare il loro lavoro). Non ci è consentito registrare il marchio dei simbolo nazionali, per questo la gente ha bisogno del permesso dell'OPM per il co-branding.

Ha aggiunto che alcune delle merci con i simboli possono rimanere, dato che queste immagini non sono protette:

Lo stemma e il colibrì sono protetti. Il volatile sulla maglietta del sito di KW non è il nostro colibrì e lui è libero di usarlo.

Alla fine dello spettacolo, le T-shirt sono state gettate in mezzo alla folla; un concertista ha pensato di avere un oggetto da collezione tra le mani:

Mentre le persone diventano matte, a me piace la mia felpa lol

Word on the street is that there may be a move by [Sunday Service] to seek patent/ownership rights on the Kingston, Jamaica logos as well as […] the fabled streamer-tailed humming bird. I have done a fair amount of online searches for information to corroborate the claim without luck but have come across their online release of merchandise bearing these landmark symbols, which coincided with the concert…

Jamaica’s reality is that successive political administrations have never fully appreciated the economic value of the brand ‘Jamaica’ nor the symbols that [represent] that brand including its flag and its coat of arms […] The same is true for our music and its associated brand marks, Ska, Mento, Rock Steady, Reggae among others.

That Jamaica was blindsided by the release of clothing bearing the island’s important symbols is a classic case of guerilla marketing. Having a concert to promote the line at the historic Emancipation Park provides tacit assent of not only the line of garments by the government and people of Jamaica, but also of the use of the country’s national symbols in their creation.

I have noticed that there is now hurried pushback by the Ministry of Culture as well as from the Mayor of Kingston. Both should realize that this isn’t a bottle that will be easy to re-cork.

I hope that the government has good lawyers.

Si dice in giro  che il servizio domenicale possa rivendicare i diritti di proprietà dei loghi di Kingston e della Giamaica […] il mitico colibrì con il codino a forma di rondine. Ho fatto molte ricerche su internet per corroborare questa affermazione senza successo ma ho trovato il loro lancio di articoli con i simboli del territorio, che è coinciso con il concerto…

La realtà della Giamaica è che le amministrazioni politiche successive non hanno mai pienamente apprezzato il valore economico del brand ‘Giamaica’ ne i simboli che [rappresentano] quel brand compresi la bandiera e il suo stemma […] La stessa cosa vale per la nostra musica e i marchi associati  Ska, Mento, Rock Steady, Reggae fra gli altri.

Che la Giamaica fosse stata colta alla sprovvista dal lancio dell'abbigliamento con i simboli più importanti dell'isola è un classico caso di guerrilla marketing. Dovendo il concerto promuovere la linea allo storico Emancipation Park fornisce il tacito consenso non solo della linea di indumenti del governo ma anche l'uso dei simboli nazionali del Paese nella loro realizzazione.

Ho notato che ora c'è una spinta frettolosa da parte del Ministro della Cultura così come dal sindaco di Kingston. Entrambi dovrebbero rendersi conto che questa non è una bottiglia facile da richiudere.

Spero che il governo abbia dei buoni avvocati.

In effetti, gli avvocati potrebbero avere ancora un po’ di lavoro da fare  per districarsi nella confusione che circonda l'uso dei simboli nazionali della Giamaica.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.