chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Né terra, né pesce: la comunità di Mekong nel nord est della Thailandia lotta contro una doppia minaccia

Rit Chansuk, 50 anni, è uno dei numerosi agricoltori che stanno respingendo le accuse di occupare abusivamente il territorio del Parco Nazionale di Pha Taem in Ubon Ratchathani. Foto e didascalia di The Isaan Record.

Questo articolo [en, come i link seguenti] rieditato di Panumas Sanguanwong è stato pubblicato su The Isaan Record, un sito di notizie indipendente in Thailandia, ed è ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo per la condivisione dei contenuti.

Gli abitanti in Ubon Ratchathani nel nord-est della Thailandia si stanno chiedendo perché sono perseguiti per coltivare i terreni che hanno ereditato dai genitori.

“Se perdessi la mia terra, voglio morire. Non vorrei vivere,” dice il 50enne Rit Chansuk, la voce tremante per l'emozione, mentre guarda l'appezzamento di terreno di due rai (0,32 ettari) che sta per perdere.

Rit è uno dei numerosi abitanti dei villaggi, accusati di occupare abusivamente il territorio del Parco Nazionale di Pha Taem in Ubon Ratchathani. È nato nella regione montagnosa, conosciuta per la sua antica arte rupestre e i dirupi sopra il [fiume] Mekong, prima che fosse dichiarata un parco nazionale nel 1991.

We have farmed on this land since our parents’ generation, even before Pha Taem was turned into a national park.

Abbiamo coltivato questo territorio dalla generazione dei nostri genitori, ancor prima che Pha Taem fosse trasformato in un parco nazionale.

Nel 2014 la giunta militare sotto il Consiglio Nazionale per la Pace e l'Ordine (NCPO, National Council for Peace and Order) ha ordinato che le aree forestali siano recuperate dagli abusivi in uno sforzo per incrementare la copertura forestale nazionale del 40 per cento o più di 27,2 milioni di rai (4,35 milioni di ettari). Da quel momento fino a settembre dell'anno scorso [2018], la popolazione è stata perseguita in più di 28.000 casi per occupazione forestale [abusiva], che copre un'area totale di quasi 820.000 rai (131.200 ettari).

All'interno del nord-est, numerose comunità nella foresta stanno resistendo all'ordine di sgombero dai terreni che dichiarano di loro proprietà da generazioni.

Da insenature a terreni agricoli

Rit è nato nel villaggio di Ta Mui nel sub-distretto di Huai Phai nel distretto di Khong Chiam in Ubon Ratchathani. Afferma di aver ereditato il terreno in questione, insieme ai suoi due fratelli maggiori, dai suoi genitori.

This area used to be creeks, full of rocks. Since there wasn’t much land, we simply farmed rice. Later on we started moving the rocks, creating a ridge with the rocks to collect soil, and since then we’ve turned into the farmland that we see now.

Quest'area era solitamente costituita da insenature, piena di massi. Non essendoci molto terreno, abbiamo coltivato semplicemente il riso. Poi abbiamo iniziato a spostare i massi, creando un colmo con i massi per raccogliere il terreno e, da allora, la abbiamo trasformata nel terreno agricolo che vediamo adesso.

Nel 2015 i funzionari del Parco Nazionale di Pha Taem, seguendo la politica governativa di recupero forestale, hanno condotto un'indagine sulla proprietà territoriale. Hanno scoperto che il terreno di Rit sconfinava nel parco e gli hanno chiesto di firmare un documento che lo cederebbe alle autorità, ma lui si è rifiutato.

I am not encroaching on park land. There were clear boundaries between the land that we farmed and the national park. But now they’ve extended those boundaries toward the roads. How can they expect us to swallow that [to return the land]? Where will I farm? My land is here.

Non sto sconfinando sul terreno del parco. C'erano confini netti fra il terreno che abbiamo coltivato e il parco nazionale. Adesso hanno però esteso quei confini verso le strade. Come possono pretendere che ingoiamo ciò [di restituire il terreno]? Dove coltiverò? Il mio terreno è qui.

Osservanza dei termini

Alla fine del 2018, Rit si è ritrovato accusato di sconfinare sul terreno del Parco Nazionale di Pha Taem ed è stato denunciato tre volte alla polizia. La polizia sta ancora decidendo se arrestarlo e fare una denuncia penale, o no.

Si trova in una posizione diversa da altri abitanti del villaggio, che hanno firmato volontariamente i documenti, poiché temevano un'azione penale. Sta ancora coltivando il terreno, nonostante l'incertezza su quando i funzionari lo costringeranno a cederlo.

If the government has any sympathy at all for the poor who earn an honest living, they should solve the problem so that villagers are able to farm on their own land. They should set up clear boundaries so villagers are able to coexist with forests.

Se il governo non ha nessuna simpatia per i poveri che si guadagnano onestamente da vivere, dovrebbero risolvere il problema, affinché gli abitanti del villaggio siano in grado di coltivare il proprio terreno. Dovrebbero stabilire confini netti, affinché gli abitanti del villaggio possano coesistere con le foreste.

Un villaggio con una storia

La storia del villaggio di Ta Mui può essere fatta risalire al 1858, prima che si espandesse in una più ampia comunità e sia stato riconosciuto ufficialmente, nel 1927, come un villaggio di diritto, parte del sub-distretto di Huay Yang. Successivamente, è passato al sub-distretto di Huay Phai nel distretto di Khong Chiam in Ubon Ratchathani. Il villaggio è attualmente formato da più di 120 abitazioni.

La foresta di Dong Phu Lon è stata dichiarata una riserva forestale nel 1973, prima di essere proclamata Parco Nazionale di Pha Taem nel 1991.

Sot Chansuk, un 66enne residente del villaggio di Ta Mui, ricorda i tempi circa 40 anni fa quando la guerra imperversava nel vicino Laos. Temendo che la lotta giungesse attraverso il Mekong, la sua famiglia si è trasferita dal villaggio di Ta Mui vicino al fiume alla sicurezza delle montagne.

Ha aggiunto che dopo che Pha Taem è stato dichiarato un parco nazionale, il gestore del parco del tempo ha condotto un'indagine sulla proprietà territoriale, rassicurando gli abitanti dei villaggi che i loro terreni agricoli sarebbero stati separati dal terreno del parco. Questo accordo non è però mai stato stipulato in forma scritta.

I funzionari del Parco Nazionale di Pha Taem hanno condotto un'altra indagine nel 2016, usando immagini satellitari, e hanno chiesto ai residenti dei villaggi con terreno forestale di abbandonare l'area.

Con scarsa conoscenza del diritto, Sot e molti altri abitanti del villaggio hanno firmato un documento, senza comprendere completamente le implicazioni.

Il terreno di Sot è ancora recintato per impedire che le mucche e i bufali distruggano i suoi raccolti, che comprendono alberi di mango, tamarindo e anacardi, che sono stati piantati dai suoi genitori e costituiscono ancora la principale fonte di reddito della famiglia.

Il terreno produce raccolti che non generano tuttavia molto reddito per la famiglia. Dopo la raccolta stagionale, Sot è passato alla pesca del pesce del fiume Mekong, ma dice che il fiume non è lo stesso di prima.

Chula Chansuk, o “Ko”, a pesca nel fiume Mekong nel distretto di Khong Chiam in Ubon Ratchathani. Sempre più spesso, tuttavia, le sue reti rimangono vuote. Foto e didascalia di The Isaan Record

Meno pesce nel Mekong

Anche il fratello di Sot, Chula, lavora come pescatore nel villaggio di Ta Mui. Ogni mattina, avvia il motore di una piccola imbarcazione e parte per controllare se le sue reti da pesca hanno catturato del pesce. Tuttavia, il più delle volte, raccoglie solo canne e immondizia.

Chula ha detto che, una decina di anni fa, il livello dell'acqua nel fiume Mekong era diverso. La costruzione delle dighe cinesi, a monte, ha sconvolto i livelli dell'acqua e distrutto i cicli naturali di alimentazione e riproduzione del pesce.

In passato riusciva a guadagnare molte migliaia, fino a circa 10,000 baht [327 dollari] dalla pesca del pesce, durante la stagione dell'acqua alta. Adesso, invece, quasi nessuno nel villaggio si arrischia ad andare a pesca.

In the past you would catch fish to sell, but these days we can barely feed ourselves with the catch.

In passato si pescava pesce da vendere, ma in questi giorni riusciamo a malapena a sfamare noi stessi con la pesca.

Uno studio UNESCO del 2017 ha rilevato che il dissesto dei sedimenti scorre nel bacino inferiore del Mekong, specialmente durante la costruzione di 11 dighe sul fiume Mekong, con un profondo impatto sulle aree a valle, particolarmente in termini di sicurezza alimentare derivante da agricoltura e pesca.

Senza pesce nel fiume, Chula è passato all'agricoltura. Come suo fratello Rit, i funzionari gli hanno detto che il suo terreno appartiene al Parco Nazionale di Pha Taem, ma Chula insiste che possedeva il terreno ancor prima che fosse proclamato il parco nazionale.

Metà casa da demolire

A meno di un chilometro dal villaggio di Ta Mui si trova il villaggio di Tha Long, anch'esso nel distretto di Khong Chiam, dove i funzionari dicono che sei residenti sono stati accusati di sconfinamento territoriale.

Fra costoro c'è la famiglia di Kongpat Wonglakorn e suo marito Lai Sirimat. Durante un'indagine territoriale, i funzionari del parco gli hanno detto che tutto era in regola, ma successivamente gli hanno chiesto di demolire metà della loro casa.

Kongpat Wonglakorn, 54 anni, ha ricevuto l'ordine di demolire metà della sua casa, dai funzionari del parco, poiché sconfina nel territorio del Parco Nazionale. Foto e didascalia di The Isaan Record.

Kongpat ha detto:

They told us to demolish it ourselves. If we didn’t, they said they would demolish it and we might be arrested. They said we might have to pay fines and be sent to prison.

Ci hanno detto di demolirla noi stessi. Se non lo facciamo, hanno detto che la demoliranno loro e potrebbero arrestarci. Dicono che dovremo forse pagare sanzioni e andare in prigione.

I funzionari hanno portato immagini satellitari per gli abitanti dei villaggi. E hanno detto a Kongpat che metà della sua casa si sovrappone al Parco Nazionale di Pha Taem.

“Dicono che, in base alla mappa, curva esattamente qui,” dice, passando il dito sopra la mappa.

I don’t understand but I’m very stressed. How can they demolish it? I don’t have anywhere to live. We aren’t rich investors. We’re poor people.

Non capisco, ma sono molto stressata. Come possono demolirla? Non ho nessun'altro posto dove vivere. Non siamo ricchi investitori. Siamo povera gente.

Secondo un verbale della polizia della stazione di polizia di Khong Chiam in Ubon Ratchathani, Lai è accusato di sconfinamento di terreno conformemente alla Legge sulle Foreste del 1941, alla Legge sul Parco Nazionale del 1961 e alla Legge sulla Riserva Forestale Nazionale del 1964, poiché parte del terreno nel Parco Nazionale di Pha Taem si sovrappone alla riserva forestale di Dong Phu Lon a nord.

Nel frattempo, Nakarin Sutatto del Parco Nazionale di Pha Taem in Ubon Ratchathani dice che dall'implementazione della politica di ricupero forestale nel 2015 sono stati scoperti 41 lotti di terreno che sconfinano sul territorio del parco nazionale. I funzionari hanno fornito immagini satellitari come prova che gli abitanti dei villaggi hanno sconfinato sul territorio dopo il 2015, con il risultato che alcuni residenti devono restituire il loro terreno.

We don’t want to prosecute the villagers, but we have to arrest encroachers who refuse to return the land. We are waiting for the prosecutor to decide whether or not to prosecute them.

Non vogliamo perseguire gli abitanti dei villaggi, ma dobbiamo arrestare gli abusivi che si rifiutano di restituire il terreno. Stiamo aspettando che il pubblico ministero decida se perseguirli o no.

Nel novembre 2017 alcuni residenti dei villaggi hanno presentato ricorso al Centro Damrongdham di Ubon Ratchathani per cercare giustizia. Il governatore di Ubon Ratchathani del tempo ha istituito un comitato per l'accertamento dei fatti, per rilevare i confini di tre villaggi interessati, compresi Tha Mui e Tha Long.

Gli abitanti dei villaggi non dovrebbero essere compromessi

Il portavoce del Ministero di Ambiente e Risorse Ambientali, Sophon Thongdee, ha detto in un'intervista che il governo ha intenzione di recuperare i terreni da imprenditori, persone che hanno sfruttato i terreni puramente per un utile commerciale, piuttosto che dagli abitanti comuni dei villaggi. Dopo il ricupero, saranno ripristinati i terreni e piantati alberi.

We need to find ways to help those who have lived on the land before the areas were declared as forests. We are currently waiting for policy guidelines to solve the problem in a sustainable manner, but villagers aren’t the main focus of this policy.

Dobbiamo trovare i modi per aiutare coloro che hanno vissuto sui terreni prima che le aree fossero dichiarate foreste. Stiamo attualmente aspettando linee guida per le politiche, per risolvere il problema in modo sostenibile, ma i cittadini non sono il fulcro principale di questa politica.

Ha aggiunto che il ministro ha ricevuto ordini dal primo ministro di adeguare la politica per diventare “più rispettosa della popolazione”. Ha chiesto ai media di astenersi dal chiamare la politica “recupero forestale”, poiché ha un effetto psicologico e non suona molto “rispettosa della popolazione”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.