chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I censori cinesi svelano che le autorità hanno nascosto i risultati della sequenza genomica del COVID-19 per 14 giorni

Screenshot del rapporto della China Central Television sulla pubblicazione “La Cina combatte il COVID-19 nel 2020″, da Hong Kong Citizen News.

Gli organi d'informazione cinesi sono stati accusati [it] di fare eco alla propaganda politica del Partito Comunista Cinese sottolineando la gravità dell'epidemia di COVID-19. Solo il 20 gennaio 2020 Pechino ha finalmente ammesso l'esistenza della trasmissione umana.

Ma l'aumento dei casi confermati e l'improvviso arresto di Wuhan il 23 gennaio probabilmente hanno incoraggiato diversi giornalisti cinesi a superare la paura delle rappresaglie riportando la situazione reale sul posto.

Caixin [zh, come i link seguentisalvo diversa indicazione] è uno dei siti d'informazione economico-finanziaria più conosciuti, che ha resistito alle pressioni del dipartimento di propaganda cinese con i suoi approfonditi rapporti investigativi.

Pochi giorni dopo la conferma della trasmissione umana del nuovo coronavirus dall'importante pneumologo cinese Zhong Nanshan, andata in onda sulla China Central Television il 20 gennaio, Caixin ha intervistato il microbiologo di Hong Kong Guan Yi [en] il quale ha stimato che le proporzioni dell'epidemia di COVID-19 sarebbero potute essere 10 volte quelle della Sindrome Respiratoria Acuta Grave [it] (SARS) del 2003. Ma l'avvertimento è stato trascurato perché la maggior parte degli organi d'informazione ha seguito le direttive delle autorità di propaganda per evitare di generare il panico sociale in Cina.

La Cina nasconde la sequenza genetica del COVID-19 per 14 giorni

Le ultime indagini di Caixin, pubblicate il 26 febbraio, hanno scoperto che almeno 9 campioni prelevati da pazienti con polmonite virale inspiegata erano stati spediti a diversi laboratori per delle analisi già a dicembre 2019. Dopo aver intervistato numerosi medici incaricati per aver curato i pazienti ai primissimi stadi dell'epidemia, i giornalisti di Caixin hanno ottenuto una lista dei laboratori che avevano aiutato gli ospedali a condurre le analisi sul nuovo virus. Dopo i test, un laboratorio a Guangzhou ha scoperto che la sequenza genetica di questo nuovo virus aveva l'87% di similitudine con il coronavirus Sars-Cov-2. Il laboratorio ha condiviso i risultati con l'Istituto Cinese di Biologia Patogena e con il Centro Cinese per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie il 27 dicembre. In ogni caso, già a gennaio la Commissione Sanitaria Nazionale aveva emesso una nuova normativa che vietava a tutti i laboratori di condividere o comunicare i risultati dei loro test.

La Cina ha autorizzato il rilascio della sequenza genomica del COVID-19 alle autorità mondiali della sanità (OMS) solo l'11 gennaio, due settimane dopo essere entrata in possesso dei risultati. Il rapporto di Caixin è dirompente perché ha mostrato come Pechino abbia trattenuto un'informazione molto importante sulla sanità per 14 giorni. La sequenza genomica è essenziale non solo per la produzione di test diagnostici, ma anche per tracciare l'origine del virus e prevenire epidemie future.

Il rapporto investigativo è stato subito rimosso da internet, ma i netizen lo hanno archiviato qui.

Le autorità dell'Hubei hanno insabbiato lo scoppio dell'epidemia

Non è la prima volta che le indagini di Caixin vengono cancellate dalle autorità per la propaganda. All'inizio di febbraio è stata censurata [en] anche un'indagine che metteva in discussione i dati relativi all'infezione confermata e al numero di vittime. Un medico del reparto febbrile di un ospedale di Wuhan ha riferito a Caixin che, dei 120 pazienti con la febbre accolti in un giorno, circa 80 avevano la polmonite, ma solo 5 sono stati ammessi, mentre il resto ha dovuto mettersi in quarantena in casa. I giornalisti di Caixin hanno anche intervistato una decina di famiglie, le quali hanno dichiarato che molti dei loro parenti erano morti di una polmonite inspiegata prima che i test per il COVID-19 diventassero procedura standard.

Un'altra indagine censurata è stata un'intervista con uno degli esperti dell'Autorità Sanitaria Nazionale che aveva visitato Wuhan l'8 gennaio, dichiarando due giorni dopo che l'epidemia era sotto controllo e confutando ogni traccia di trasmissione umana. L'esperto aveva aggiunto che erano stati visitati i reparti febbrili di sette grandi ospedali, ma non avevano avuto segnalazioni di personale medico infettato dal COVID-19. Anche se il team sospettava che il virus fosse già attivo con trasmissione umana, non aveva raccolto nessuna prova da quella visita, fatto attribuito alle testimonianze inaffidabili fornite dalle autorità sanitarie locali e dagli amministratori degli ospedali.

Il 10 febbraio, due alti dirigenti della Commissione Sanitaria dell'Hubei sono stati rimossi dalle loro cariche perché ritenuti responsabili dell'epidemia a Wuhan.

In un’intervista a Li Wenliang, l'informatore che era morto di COVID-19 il 6 febbraio [en], Li diceva che le autorità locali erano a conoscenza della trasmissione umana già l'8 gennaio.

Oltre ad essere soggette a censura, le indagini di Caixin vengono spesso etichettate come voci. Il 20 febbraio, Caixin aveva riferito di un focolaio di COVID-19 in un centro per anziani di Wuhan, che avrebbe causato 11 vittime. Tuttavia, la maggior parte dei casi non è stata conteggiata nel bilancio dei decessi perché ai deceduti non erano stati fatti i test per il COVID-19. Il giorno seguente, le autorità di Wuhan hanno contrassegnato il rapporto come “voce” sul popolare social media cinese Weibo, sostenendo che l'Ufficio per gli Affari Civici aveva fatto i test a tutti gli anziani del centro e che aveva identificato 12 casi confermati di COVID-19 e una morte. Caixin ha pubblicato in risposta una lista di 19 morti avvenute fra il 23 dicembre e il 15 febbraio. La lista mostrava che almeno 7 persone erano morte di polmonite, 3 d'infezioni virali sconosciute, 2 di morte improvvisa e 7 d'insufficienza cardiaca.

Al 1 marzo, il numero totale di infezioni da COVID-19 confermate in Cina è di 79.971 e il bilancio delle vittime è 2.873. Mentre il dato è ancora alto, il numero dei nuovi casi confermati è in calo da oltre una settimana e l'agenzia di propaganda cinese ha già pubblicato un libro intitolato “La Cina combatte il COVID-19 nel 2020″ (大國戰疫 2020) per glorificare i risultati nella gestione del COVID-19. Si tratta di un indicatore del fatto che il controllo del settore dei media potrebbe venire nuovamente rafforzato per manipolare il flusso di informazioni sul COVID-19.

Leggi anche la Copertura Speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.