chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Bhutan affronta il suo primo caso di COVID-19 e chiude temporaneamente le sue frontiere

Image by iXimus from Pixabay .

Immagine di iXimus da Pixabay.

Il 6 marzo 2020 un comunicato stampa  [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] dell'Ufficio del Primo Ministro ha annunciato che è stato confermato un caso positivo di COVID-19 in Bhutan alle ore 23 del giorno prima. Il governo ha immediatamente imposto il divieto di ingresso a tutti i turisti internazionali in arrivo per 14 giorni.

COVID-19 aggiornamento: Drukair ha imposto restrizioni di viaggio a tutti i turisti in arrivo con effetto immediato per le prossime due settimane. La compagnia aerea ha annunciato che continuerà a effettuare il rimborso completo agli interessati dal COVID-19.

- Dopo il rilevamento del 1° caso di coronavirus, il Bhutan impone una restrizione di due settimane su tutti i turisti in arrivo “con effetto immediato”.
– Tutte le conferenze e i seminari internazionali posticipati per le prossime 2 settimane.
– Scuole e istituti a Thimpu, Paro e Punakha chiusi per 2 settimane. #covid19

Il primo caso di COVID-19 in Bhutan

Secondo il comunicato stampa postato sulla pagina Facebook dell'Ufficio del Primo Ministro:

The patient is a 76-year-old from the United States of America, who had come to Bhutan as a tourist. He had entered the country from Paro International Airport, after embarking Drukair flight KB241 from Guwahati, India on March 2.

At the Paro International Airport, the patient’s health declaration form was assessed. He had indicated “negative” against all conditions. He did not have a sign of fever.

Il paziente è un uomo di 76 anni degli Stati Uniti d'America, che è venuto in Bhutan come turista. È arrivato all'Aeroporto Internazionale di Paro, dopo essersi imbarcato sul volo Drukair KB241 da Guwahati, in India, il 2 marzo 2020.

All'Aeroporto Internazionale di Paro è stato valutato il modulo di Dichiarazione dello stato di salute del paziente. Aveva indicato di essere “negativo” a qualsiasi patologia. Non mostrava nessun segno di febbre.

Il 2 marzo 2020, subito dopo l'arrivo a Thimphu, il paziente ha visitato il dipartimento di assistenza medica ambulatoriale presso l'ospedale nazionale (JDWNRH, National Referral Hospital), il principale ospedale in Bhutan, lamentando sintomi dispeptici e nausea. Non mostrava comunque sintomi influenzali ed è stato dimesso con medicamenti. Il paziente è andato a Punakha, una cittadina himalayana a circa 85 km da Thimphu e ha soggiornato in un centro turistico.

Quando è tornato a Thimphu il 5 marzo 2020, ha visitato di nuovo l'ospedale nazionale con sintomi influenzali ed è stato ricoverato in osservazione. I tamponi prelevati sono stati mandati al Centro reale per il controllo delle malattie (RCDC). Ha ricevuto la conferma di infezione al nuovo coronavirus. La partner del paziente, l'autista, la guida e gli otto passeggeri indiani che erano con lui sono stati messi in quarantena.

Il comunicato stampa menziona anche che il Bhutan sta aderendo al Piano nazionale di preparazione e intervento. E Sua Maestà il Re Jigme Khesar Namgyel Wangchuk [it] ha sovrinteso personalmente gli interventi e l'attuazione della strategia. Il governo aveva precedentemente menzionato di essere perfettamente preparato ad affrontare la pandemia.

Gli ufficiali sanitari hanno già rintracciato più di 90 persone entrate in contatto con il paziente.

Il 6 marzo 2020 il governo ha annunciato la chiusura di scuole e istituti nei distretti di Thimphu, Paro e Punakha per due settimane. Tutte le conferenze e i seminari internazionali programmati nell'intera nazione sono stati posticipati per i prossimi 14 giorni.

Tshering Zang Mo, un commentatore del post Facebook dell'Ufficio del Primo Ministro ha messo in guardia, dicendo che il Bhutan potrebbe non avere strutture adeguate per fronteggiare un'epidemia di COVID-19:

The airport failed, the government failed and now the people will face the consequences. Bhutan doesn't have advanced medical facilities like in other countries, even the other countries are losing their people at a crazy rate despite having advanced facilities.

L'aeroporto ha fallito, il governo ha fallito e adesso la popolazione subirà le conseguenze. Il Bhutan non ha strutture mediche avanzate come altre nazioni, anche gli altri Paesi stanno perdendo la loro popolazione a un ritmo pazzesco, pur avendo strutture avanzate.

Un altro commentatore, Vick Cash Rai, scrive:

Now the question here is, how many people have already been infected???? Our government have been saying that they are well prepared, now let's see their preparation. Poor people of Bhutan will face the consequences because of the government's ignorance.

Adesso la questione qui è, quante persone sono già state infettate???? Il nostro governo ha detto che sono ben preparati, adesso vediamo la loro preparazione. La gente povera del Bhutan subirà le conseguenze, per l'ignoranza del governo.

Sangay Thinley commenta:

Hopefully, isolation and quarantine are well maintained… Doctors and health workers please don't be clumsy while treating them… I salute every health workers dealing the situation right now..stay safe.

Speriamo che l'isolamento e la quarantena siano effettuati correttamente… Medici e operatori sanitari, per favore, non siate maldestri quando li aiutate… Rendo onore a ogni operatore sanitario che si sta occupando della situazione in questo momento… tenetevi al sicuro.

Yan Seen Gazmer commenta:

Now our country's GNH is going to fall. We had been posting that both outsiders or Bhutanese Citizen should not become a reason for someone's death. Now, the time has arrived. We the public of Bhutan wrote that not to allow inflow of outsiders for a few months until the case of coronavirus gets settled down.

Now, we have to face anyway.

Adesso il nostro GNH nazionale fallirà. Avevamo scritto che né i forestieri né i cittadini bhutanesi devono diventare la causa di morte di qualcuno. Adesso è arrivato il momento. Noi, cittadini di Bhutan, abbiamo chiesto per iscritto di non permettere l'afflusso di forestieri per alcuni mesi, finché si risolve la problematica del coronavirus.

Adesso dobbiamo tuttavia affrontarlo.

I rappresentanti del settore privato hanno comunque chiesto al governo come possono aiutare, offrendo alimenti e logistica durante il periodo di quarantena.

Il giornalista Namgay Zam ha chiesto alla popolazione bhutanese di mantenere la calma:

Best to remain calm at this point. Please don’t hoard hand sanitisers and masks. Our medical professionals and sick people need it more! 🙏🏼

And wash your hands frequently.

Meglio restare calmi, a questo punto. Vi prego di non fare scorta di disinfettanti per le mani e mascherine. I nostri operatori medici e le persone malate ne hanno maggior bisogno! 🙏🏼

E lavate spesso le vostre mani.

Leggi la Copertura Speciale di Global Voices sull’impatto del coronavirus di Wuhan [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.