chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il disegno di legge sulla pesca in Belize: un ‘modello su come gestire le risorse marine’

Immagine da un drone di Caye Caulker, situato nella barriera corallina del Belize, patrimonio dell'umanità. Foto di Falco Ermert su Flickr, CC BY 2.0.

L'ultima iniziativa del Belize per la tutela degli oceani è la sua nuova Legge sulle risorse ittiche, in cui la nazione si è associata con il Fondo per la difesa ambientale (EDF) [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], una organizzazione internazionale non governativa. La legge, correlata a soluzioni di gestione effettiva della pesca eccessiva, ha superato la sua prima valutazione da parte della Camera nazionale della Camera dei rappresentanti nel dicembre 2019.

Fra l'altro, la legislazione istituirà un nuovo Consiglio della pesca per trattare le questioni degli stakeholder e informare il governo nelle pratiche di gestione della pesca, compresa l'attuazione di “aree prioritarie di pesca”, dove nuove idee possono essere sperimentate e la produzione ittica a lungo termine può essere prioritizzata. Faciliterà anche una più ampia collaborazione regionale con i confinanti Messico, Guatemala e Honduras nel governo delle risorse marine.

Global Voices ha intervistato Eric Schwaab, senior vice presidente per il programma oceanico di EDF, per ottenere maggiore informazioni sul partenariato che ha promosso questa legge e che cosa la nuova legislazione spera di ottenere.

Eric Schwaab, vice presidente senior per il programma oceanico di EDF. Foto per gentile concessione del signor Schwaab, usata con autorizzazione.

Global Voices (GV): Può raccontarci il partenariato di EDF con il governo del Belize?

Eric Schwaab (ES): EDF has worked closely with the Belizean government for nearly a decade, in the development of the managed access programme and the adaptive management framework, which together emplaced rights-based fisheries management to supplement and then enhance the existing marine-protected area (MPA) networks. We helped fund positions within the Belizean Fisheries Department which made that work by external partners possible. We have continued to work closely with ministry and departmental officials — and a wide variety of stakeholders, including fishers, fishing cooperatives and fishing communities — in the development of the legislation, and then with government officials from other ministries to ensure both the integrity of the legislation, and that it answered concerns raised by them.

Most recently, we worked closely with Belizean security forces to ensure that the combination of the newly expanded network of managed access — including the improved fisheries management, compliance and enforcement provisions in the law, and the new, large MPA on the Honduran/Guatemalan border — helped them meet their needs. [We also worked] with National Assembly members with coastal constituencies in helping them understand that the fishing stakeholders were strongly in favour of this bill. That included meetings out in those communities. As EDF cannot do direct advocacy work, our team in country, led by Nic Requena, convened and helped educate the consortium of NGOs and other stakeholders that helped advocate the legislation.

EDF does not take funds from partner entities or institutions (where conflicts of interest might exist or be perceived), especially from the private sector, and very limited government funds — including none from Belize. Our funding for this work has come principally from non-for-profit philanthropies, including Summit Foundation and Flora Foundation, and from individual private donors who care about the Mesoamerican Barrier Reef ecosystem, the coral world, and the global ocean.

Eric Schwaab (ES): EDF ha collaborato intensamente con il governo del Belize, per quasi un decennio, nello sviluppo del programma di accesso gestito e nel quadro della gestione adattiva, introducendo congiuntamente una gestione della pesca basata sui diritti per integrare e poi migliorare il network dell'area marina protetta esistente (MPA). Abbiamo contribuito a finanziare le posizioni all'interno del dipartimento della pesca del Belize, rendendo possibile il lavoro di partner esterni. Abbiamo continuato a lavorare intensamente con il ministero e i funzionari dipartimentali — e un'ampia gamma di persone interessate, compresi i pescatori, le cooperative di pesca e le comunità di pescatori, per elaborare la legislazione. E poi con i funzionari governativi di altri ministeri, per assicurare sia l'integrità della legislazione, sia una risposta alle questioni formulate.

Più recentemente abbiamo collaborato intensamente con le forze di sicurezza del Belize, per assicurare che la combinazione del network di accesso gestito recentemente ampliato, che comprende una migliore gestione della pesca, rispetto e applicazioni della normativa, e il nuovo ampio MPA sul confine tra Honduras e Guatemala — contribuiscano a rispondere alle loro necessità. [Abbiamo anche collaborato] insieme ai membri dell'Assemblea Nazionale con le circoscrizioni costiere, aiutandole a comprendere che gli stakeholder della pesca sono fortemente favorevoli a questa legge. Questo include gli incontri all'esterno in quelle comunità. Considerato che EDF non può svolgere direttamente un lavoro di advocacy, il nostro team nazionale, diretto da Nic Requena, ha convocato e aiutato a educare il consorzio delle ONG e di altri stakeholder che hanno collaborato per favorire la legislazione.

EDF non riceve fondi da entità partner o istituzioni (dove potrebbero esistere o essere percepiti conflitti di interessi), in particolare dal settore privato, e i fondi governativi sono molto limitati — nessuno dal Belize. Le nostre risorse per questo lavoro provengono principalmente da filantropi senza scopo di lucro, compresa la Summit Foundation e la Flora Foundation, e da donatori individuali e privati, che hanno a cuore l'ecosistema della Barriera Corallina mesoamericana, il mondo corallino e l'oceano globale.

GV: Quali sono i prossimi passi per la legge sulle risorse ittiche?

ES: The bill is expected to move through its second and third readings at the next meeting of the National Assembly in January. It will then be ready to be signed into law, beginning the process of translation into formal procedures that implement the law. There was no significant objection to the first reading, and we are hopeful that the law will be adopted shortly. Notably, this law will position Belize to join Japan and Cuba, with the third national reform globally within just over a year.

ES: Questa legge si muoverà attraverso la sua seconda e terza lettura nella prossima riunione dell'Assemblea Nazionale a gennaio. Sarà poi pronta per essere firmata e convertita in legge, iniziando il processo di trasformazione nelle procedure formali che implementano la legislazione. Non c'è stata un'opposizione significativa alla prima lettura. E siamo fiduciosi che questa legge sarà presto adottata. Evidentemente, questa legge posizionerà il Belize per unirsi al Giappone e a Cuba, con la terza riforma nazionale a livello globale in poco più di un anno solo.

Pesca con reti fisse nella Riserva marina di Port Honduras, West Snake Caye, Belize. Foto di Ian Morton su Flickr, CC BY-NC-ND 2.0.

GV: Per chi non conoscesse la tutela degli oceani, quali sono alcune delle maggiori minacce per gli oceani e la vita marina?

ES: [There is] a wide range of concerns, from plastics pollution, coral declines and other aquatic habitat loss, to acidification and warming. Climate change impacts are a global threat to ocean resources. Yet, even as we work to control and reverse carbon emissions, addressing unsustainable fishing practices through effective fisheries management will yield significant, immediate benefits. This approach will both forestall and, in some cases, reverse effects to aquatic resources.

Climate change impacts include warming and acidification, rising seas that threaten key coastal habitats and coastal communities, and intensifying storms that will exacerbate those effects. In addition to these more commonly understood threats, we see fish populations moving poleward, increasing management conflict and threatening even stable management systems as fish cross jurisdictional boundaries. These effects will also acutely impact the developing tropics, where expected productivity declines occur in places where vulnerable people and high-diversity ecosystems are concentrated. So,we are focusing our work to ensure we are still producing impactful results by addressing shifting fish populations as climate impacts change our oceans.

ES: La gamma di questioni è ampia, dall'inquinamento della plastica, al declino dei coralli e altre perdite degli habitat acquatici, all'acidificazione e al riscaldamento. Gli impatti dei cambiamenti climatici sono una minaccia globale per le risorse oceaniche. Comunque, anche se lavoriamo per controllare e invertire le emissioni di carbonio, il miglioramento delle pratiche di pesca non sostenibili attraverso una gestione effettiva della pesca porterà benefici immediati e significativi. Questo approccio riuscirà sia a prevenire che, in alcuni casi, a invertire gli effetti sulle risorse acquatiche .

Gli impatti dei cambiamenti climatici includono il riscaldamento e l'acidificazione, l'innalzamento dei mari, che minaccia i principali habitat costieri e le comunità costiere, e l'intensificazione delle tempeste, che esasperano quegli effetti. Oltre a queste minacce, di maggiore comprensione comune, vediamo che le popolazioni di pesci si spostano verso i poli, incrementando il conflitto di gestione e minacciando anche i sistemi di gestione stabile, quando i pesci attraversano i confini giurisdizionali. Questi effetti avranno anche un impatto acuto sui tropici in via di sviluppo, dove i declini di produttività previsti avvengono in luoghi dove sono concentrate popolazioni vulnerabili ed ecosistemi con elevata diversità. Stiamo così focalizzando il nostro lavoro per assicurare che stiamo ancora producendo risultati di grande impatto, rivolgendoci alle popolazioni mutevoli di pesci, mentre gli impatti climatici cambiano i nostri oceani.

GV: A prescindere dall'impatto ambientale, quali altri effetti prevedete che avrà la legge sulle risorse ittiche?

ES: Globally, about three billion people must have fish to fulfil their dietary requirements, and for more than a billion, important negative health consequences loom should management of fisheries fail. These vulnerabilities are concentrated among the world’s small-scale fishers and fishing communities, especially in the developing tropics [which are] most vulnerable to climate warming. In some cases, they may lose as much as 30-40 percent of their maximum fisheries production potential, even with good management.

Effective models for how to get fisheries management right in places where resources for management are scarce, and failure would harm both people and nature, are essential. This is especially true in the coral world, where overfishing and climate warming are combining to threaten virtually all of the world’s coral reef ecosystems. Belize can be a model for how to manage marine resources in ways that get the most from a changing world — and, just maybe, it will help slow down the ravages of climate by using fisheries management not just defensively, but as an active tool to improve hope for coral reef ecosystems and vulnerable coastal communities.

The bill establishes a firm foundation for doing what's required to make Belize a world leader in all of that.

ES: A livello globale, circa tre miliardi di persone dipendono dalla per soddisfare il loro fabbisogno nutrizionale. E per più di un miliardo incombono gravi conseguenze negative sulla salute, qualora la gestione della pesca fallisca. Questa vulnerabilità è diffusa fra le comunità di pesca e pescatori su piccola scala nel mondo, specialmente nei tropici in via di sviluppo [che sono] più vulnerabili al riscaldamento climatico. In alcuni casi, potrebbero perdere fino al 30-40% del loro potenziale produttivo massimo nel settore della pesca, anche con una buona gestione.

Sono indispensabili modelli effettivi su come attuare correttamente la gestione della pesca, in luoghi dove le risorse per la gestione sono scarse e il fallimento danneggerebbe sia la popolazione che la natura. Questo è in particolar modo vero nel mondo corallino, dove la pesca eccessiva e il riscaldamento climatico si combinano, minacciando virtualmente gli ecosistemi delle barriere coralline di tutto il mondo. Il Belize può essere un modello su come gestire le risorse marine in modi che ottengono il massimo da un mondo in evoluzione — e forse, eventualmente, aiuterà a rallentare le devastazioni climatiche, utilizzando la gestione della pesca non solo in modo difensivo, ma anche come uno strumento attivo per migliorare le prospettive per gli ecosistemi delle barriere coralline e le comunità costiere vulnerabili.

Questa legge istituisce un fondamento solido, per fare quanto richiesto per rendere il Belize un leader mondiale in tutto questo.

Scenario della vita corallina nei mari che circondano ll Belize. Foto di Suzanne Schroeter su Flickr, CC BY-SA 2.0.

GV: Quali dovrebbero essere le priorità per il futuro, in termini di tutela degli oceani?

ES: We must do everything possible to reduce climate pollution. Dramatically reducing emissions globally is critical to protecting our oceans, and the ocean can be part of that process.

A recent report issued by the High Level Panel for a Sustainable Ocean Economy listed five ways in which the ocean can be part of the climate solution.The report touches on the important role that healthy populations of large marine animals can play in sequestering carbon.

But even under the best mitigation scenarios, certain changes are already baked into our future, so adaptation to these changes is also critical. Ensuring that governments and communities are adopting climate-ready fisheries management approaches will be important for both environmental and food security reasons. This requires not only sound local fisheries management, but also greater emphasis on managing for shifting stocks and shifting ecosystems, with improved efforts to manage fisheries across jurisdictions. Additionally, equity concerns for some of our most vulnerable communities will become more prominent.

ES: Dobbiamo fare tutto il possibile per ridurre l'inquinamento climatico. La riduzione drastica delle emissioni a livello globale è fondamentale per proteggere i nostri oceani, e l'oceano può essere parte di questo processo.

Un recente report pubblicato dal Panel di alto livello per un'economia sostenibile dell'oceano ha elencato cinque modi in cui l'oceano può essere parte della soluzione climatica. Il report riguarda l'importante ruolo che le popolazioni sane di grandi animali marini può giocare nell'isolamento del carbonio.

Comunque anche nel caso dei migliori scenari di mitigazione, alcuni cambiamenti sono già integrati nel nostro futuro, quindi anche l'adattamento a questi cambiamenti è fondamentale. Assicurare che i governi e le comunità stiano adottando approcci di gestione della pesca adattabili a ogni clima sarà fondamentale sia per ragioni ambientali che di sicurezza alimentare. Questo richiede non soltanto una sana gestione locale della pesca, ma anche maggiore enfasi sulla gestione delle riserve mutevoli e degli ecosistemi in cambiamento, con maggiori sforzi per gestire la pesca all'interno delle giurisdizioni. I problemi di equità per le nostre comunità più vulnerabili diventeranno inoltre più evidenti.

GV: Che cosa prova riguardo al Belize, che è così proattivo in questa questione pressante?

ES: At EDF Oceans, we focus on changes at community, national and global scales. We are excited to see actions in Belize that benefit not only Belize and the Mesoamerican reef ecosystem, but also provide models for other communities and nations facing similar challenges and opportunities.

Through our work in Belize, we have supported good fisheries science and management, community-based action, and rights-based approaches that better invest those communities in long-term ocean conservation actions. Concurrently, through our fishery solution center, we help to bring people together across the world around common practices and toolkits that can help scale conservation globally.

ES: EDF Oceans è incentrata sui cambiamenti su scala comunitaria, nazionale e globale. Siamo entusiasti di vedere attività in Belize, di cui beneficiano non soltanto il Belize e l'ecosistema delle barriere coralline mesoamericano, ma che forniscono anche modelli per altre comunità e nazioni che affrontano sfide e opportunità simili.

Attraverso il nostro lavoro in Belize abbiamo supportato una buona gestione e la scienza della pesca, un'attività su base comunitaria e approcci basati sui diritti, affinché queste comunità investano meglio in attività di tutela degli oceani a lungo termine. Contemporaneamente, attraverso il nostro centro di soluzioni per la pesca, contribuiamo a unire le persone in tutto il mondo intorno a pratiche comuni e a strumentari che possono aiutare a incrementare la tutela a livello globale.

La parte 1 di questa serie è qui [it]

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.