chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il legame tra la violenza di genere e gli abusi sui minori a Trinidad e Tobago

Una serie di screenshot di un video YouTube intitolato “La violenza di genere: una guida alle questioni globali”, pubblicata da Global Citizen.

Trinidad e Tobago hanno lottato a lungo contro la violenza di genere (GBV). Nel dicembre del 2016, dopo che il corpo di un'impiegata bancaria ventenne Shannon Banfield  [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è stato trovato nel magazzino di un negozio a Porto di Spagna, i cittadini hanno dichiarato di essere stanchi della situazione. Tuttavia, il primo omicidio del 2017 è stato quello di una studentessa di 16, Rachael Ramkissoon.

Nonostante le proteste, le campagne pubblicitarie contro le molestie per strada [it] e le manifestazioni pubbliche abbiano aumentato la consapevolezza nazionale circa la violenza di genere, purtroppo continua a accadere — con inquietanti effetti a catena che colpiscono i bambini e i giovani.

Uno dei casi più recenti del paese di GBV ha coinvolto la trentunenne Naiee Singh, il cui marito estraniato l'ha seguita al lavoro e l'ha uccisa nel parcheggio prima di puntare la pistola contro se stesso. Quando i suoi parenti, in un'intervista al giornale, hanno affermato che era stato “portato al limite”, i social media si sono comprensibilmente scagliati a favore delle vittime. 

Comunque, due settimane dopo, quando è stato reso noto che la bambina di 8 anni Mukeisha Maynard — che, inizialmente, si pensava soffrisse di autismo — è stata picchiata a morte da suo padre Michael che poi si è impiccato, la risposta iniziale è stata molto diversa.

In un post pubblico su Facebook, Zahir Ali, presidente della Glimmer of Hope Foundation, che dice di aver incontrato la bambina, apparentemente come parte della sua solidarietà caritatevole, ha detto:

Autism is something that can lead you into Great Depression. […] Only God knows what parents of autistic children are going through, especially [in this country where] there is absolutely nothing put in place to help the less fortunate parents who can’t afford to pay for the occupational and speech therapy services.

L'autismo è qualcosa che può condurvi alla Grande Depressione. […] Solo Dio sa quello che stanno passando i genitori di bambini autistici, soprattutto [in questo paese dove] non c'è assolutamente nulla messo in atto per aiutare i genitori meno fortunati che non possono permettersi di pagare per i servizi occupazionali e di logopedia.

Il racconto online è presto passato dalla violenza dell'omicidio/suicidio a quella in cui l'attenzione era rivolta alla disabilità della bambina. In seguito è stato riferito che Maynard non era autistica, ma piuttosto aveva un’aprassia del linguaggio, presumibilmente causata da lesioni subite durante un assalto da parte di suo padre quando aveva meno di una settimana. Anche sua madre, Maysonia Thomas, è stata picchiata.

Per esplorare la connessione tra la violenza dei propri partner e la violenza contro i minori – e capire perché la risposta a due crimini ugualmente atroci fosse così disparata – ho contattato la dott.ssa Gabrielle Hosein, capo dell'Istituto per gli studi di genere e sviluppo presso l'Università delle Indie occidentali “Il campus di St. Augustine, che è stato attivamente coinvolto nella formazione di movimenti femministi a livello regionale e nella promozione della violenza di genere, per un'analisi.

Hosein iniziò la nostra conversazione telefonica suggerendo che le persone avrebbero potuto reagire diversamente ai due omicidi suicidi perché il caso Singh era stato meditato. Nonostante l'ordine restrittivo contro l'ex marito di Singh, aveva acquisito una pistola e atteso nel suo ufficio con l'intenzione di ucciderla. Il caso Maynard, d'altra parte, non sembrava calcolato.

Hosein concorda, tuttavia, sul fatto che esistesse una connessione preoccupante tra i crimini e che il legame sia globale, interculturale e interculturale:

I think the central point is that violence against women and violence against children are deeply connected, that children are deliberately made victims and witnesses to violence against women as part of an assertion of control over ‘the family’. … Such violence begins through partner rape, continues through physical and sexual abuse of pregnant women, and takes on additional forms through children growing up in violent homes where they, too, face greater risk of physical and sexual abuse.

Penso che il punto centrale sia che la violenza contro le donne e la violenza contro i bambini siano profondamente collegate, che i bambini siano deliberatamente vittime e testimoni della violenza contro le donne come parte di un'affermazione di controllo sulla “famiglia”. …Tale violenza inizia attraverso lo stupro del partner, continua attraverso l'abuso fisico e sessuale delle donne in gravidanza e assume forme aggiuntive attraverso i bambini che crescono in case violente dove anche loro affrontano un rischio maggiore di abuso fisico e sessuale.

Mentre i fattori culturali scatenanti possono essere unici per diversi paesi, le radici sembrano fondamentalmente le stesse. I dati mostrano che le donne sono spesso a maggior rischio di violenza da parte del partner durante la gravidanza, quindi secondo Hosein, l'abuso può iniziare nell'utero. “I bambini non sono secondari alla violenza e questi non sono casi isolati”, ha spiegato. “In effetti, i bambini sono spesso danneggiati fisicamente come parte della dimostrazione del controllo. Questa idea di “possesso” da parte degli uomini delle loro famiglie è qualcosa che dobbiamo sfidare”.

Dalla sua istituzione nel 2015, la Children's Authority, incaricata della protezione dei minori a Trinidad e Tobago, ha segnalato indagini su più di 20.000 casi di abuso sui minori.  Due giorni dopo la morte di Maynard, il presidente dell'Autorità per l'infanzia, Hanif Benjamin, ha commentato che la società nel suo insieme ha fallito, dicendo: “Tutti hanno un ruolo da svolgere nel proteggere i bambini”.

Dato un episodio isolato del 2011 in cui Michael Maynard è stato arrestato e accusato di aver aggredito Mukeisha (allora otto mesi) insieme a sua madre, Hosein ha osservato che i servizi sociali hanno un ruolo fondamentale da svolgere.

Tracy Hutchinson-Wallace, co-fondatrice dell'organizzazione non governativa Autism Spirit, concorda sul fatto che sia i servizi sociali che la società in generale hanno fallito con Mukeisha Maynard. In un'intervista telefonica con Global Voices, ha chiesto sia al settore pubblico che a quello privato di fare la propria parte per supportare i genitori, chiedendo: “Perché i servizi fondamentali per la genitorialità responsabile – centri sanitari, riunioni scolastiche, sessioni di terapia – sono disponibile solo durante l'orario di lavoro?”

L'altro aspetto del racconto che infastidisce Hutchinson-Wallace è che si alluda alla disabilità come a una tragedia: “Se un bambino abile viene ucciso, l'autore dell'omicidio è un mostro. Ma se il bambino ha una disabilità? Poca roba, ha affermato.” Nel caso Maynard, ha detto, “Il padre dimostrò pieno rimorso. Ha riconosciuto quello che ha fatto. Il suo ultimo atto era prendersi cura della ragazza [Dopo aver realizzato che sua figlia era morta, secondo quanto riferito da Maynard l'ha vestita, pettinata e messa su un letto prima di uccidersi]. La sua ricompensa fu che si tolse la vita. La bambina non se lo meritava. Ci sono così tante vittime qui “.

Hosein ritiene che il caso Maynard sia importante da tracciare per analizzare la situazione più ampia e vedere dove gli interventi e i protocolli sociali hanno fallito. Il padre, ad esempio, aveva una storia di violenza, le sue minacce si estendevano oltre il nucleo familiare e lui e i suoi due figli vivevano in condizioni di povertà, che avrebbero dovuto essere tutti segnali di allarmee per i servizi sociali.

Hutchinson-Wallace concorda sul fatto che per trovare soluzioni bisogna iniziare con l'ammettere dove i processi hanno fallito:

The first step should have been to remove the child from the situation. Authorities need to instill families’ trust regarding how they deal with these issues. Even amidst violence and threats, there is no assurance that something will be done — and this has been the case with successive governments.

ll primo passo avrebbe dovuto essere quello di allontanare la bambina dalla situazione. Le autorità devono infondere fiducia nelle famiglie per quanto riguarda il modo in cui affrontano questi problemi. Anche tra violenza e minacce, non vi è alcuna garanzia che qualcosa verrà fatto – e questo è stato il caso dei governi successivi.

Ritiene che a breve termine debbano essere messe a disposizione più risorse per un intervento a monte e che una società più ampia debba agire più come il proverbiale villaggio quando si tratta di cercare i bambini.

“Non perdere di vista il fatto [che casi come Singh e Maynard] si ripeteranno”, ha dichiarato Hutchinson-Wallace:

We will all forget, but we are all responsible. We need to keep speaking out until something is done. It’s a privilege to be a citizen of this country. To deserve that privilege, we are obliged to give back every single day. If you benefitted from something — a good education, a solid family life, strong community support — you have work to do to help others.”

Ci dimenticheremo tutti, ma siamo tutti responsabili. Dobbiamo continuare a parlare finché non verrà fatto qualcosa. È un privilegio essere cittadino di questo paese. Per meritare quel privilegio, siamo obbligati a restituire ogni singolo giorno. Se hai beneficiato di qualcosa – una buona istruzione, una solida vita familiare, un forte sostegno comunitario – hai del lavoro da fare per aiutare gli altri “.

In occasione della Giornata internazionale della donna 2020, celebrata a livello globale l'8 marzo di ogni anno, l'Istituto per gli studi di genere e di sviluppo delle Università delle Indie occidentali, insieme a ONG e sponsor aziendali, ospiterà il quarto raduno annuale dei diritti delle donne e la marcia a Port of Spain il 7 marzo, nel continuo sforzo di sensibilizzare l'opinione pubblica sulle donne.

A Trinidad e Tobago esistono diversi servizi per combattere la violenza contro donne e bambini. 800-SAVE è una linea telefonica che si occupa di casi di violenza domestica e il servizio di polizia di Trinidad e Tobago ha sia ununità di violenza di genere che ununità di protezione dell'infanzia. Il registro dell'autorità dei bambini ha anche un elenco di altre organizzazioni di supporto. Per quanto riguarda le disabilità, chiunque necessiti di supporto può rivolgersi all’ Immortelle Centre, che indirizzerà la richiesta all'organizzazione di disabilità più adatta a soddisfare le necessità.

Leggi anche la Copertura Speciale di Global Voices sulla violenza di genere in America Latina.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.