- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Il Marocco intensifica la repressione della libertà di espressione

Categorie: Medio Oriente & Nord Africa, Marocco, Censorship, Citizen Media, Diritti umani, Libertà d'espressione, Media & Giornalismi
[1]

Negli ultimi mesi, le autorità marocchine hanno arrestato diverse persone per essersi espresse online. Foto di Pierre Metivier su Flickr [CC BY-NC 2.0 [2]].

Il governo marocchino ha intensificato la repressione della libertà di espressione, arrestando diverse persone negli ultimi mesi per aver semplicemente espresso le proprie opinioni, anche online.

Secondo un gruppo per i diritti locali [3] [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], un totale di 15 persone sono state arrestate negli ultimi mesi e sei sono state condannate solo nel dicembre 2019. 

Il giornalista indipendente Omar Radi è stato arrestato [4] il 26 dicembre 2019, dopo che un pubblico ministero lo aveva accusato di “aver insultato un funzionario pubblico” ai sensi del codice penale del paese per un tweet [5] pubblicato otto mesi prima.

Nel tweet, Radi ha emesso un verdetto da parte di una corte d'appello di Casablanca, che ha confermato [6] dure pene detentive contro decine di attivisti del movimento di protesta Hirak nella regione di Rif. Alcuni degli imputati, tra cui una figura di spicco del movimento di protesta, Nasser Zefzafi, sono stati condannati a 20 anni di carcere.

Radi è stato rilasciato [7] su cauzione il 31 dicembre. È comparso in tribunale il 2 gennaio e il suo processo è stato rinviato [8] [fr] al 5 marzo. Tuttavia, Radi rischia ancora fino a un anno di reclusione in base al codice penale se ritenuto colpevole. Molti altri sono ancora in prigione. Dopo il suo rilascio, ha scritto su Twitter [fr]:

Anche se oggi sono libero, sfortunatamente non è il caso di molti nostri concittadini che rimangono incarcerati per aver espresso un'opinione, rabbia, uno scherzo o una canzone.

I rapper incarcerati

[10]

Il rapper Gnawi. La foto è uno screenshot di uno dei suoi video clip su Youtube.

Il 25 novembre 2019, un tribunale ha condannato il rapper Mohamed Mounir, noto con il nome d'arte Gnawi, a un anno di prigione e una multa di 1000 dirham (circa 103 dollari) per aver maledetto la polizia sui social media per averlo “maltrattato” . Il suo avvocato ha detto a Reuters [11] che le autorità potrebbero in effetti averlo preso di mira per una canzone [12] che lui e altri due cantanti hanno registrato e pubblicato su YouTube. La canzone, intitolata ‘’Long Live the People’’, denuncia le condizioni socio economiche, la corruzione e la tortura nel Paese, e conteneva anche critiche nei confronti dei sovrani del paese, incluso il re. Il 15 gennaio, una corte d'appello ha confermato [13] [fr] la pena detentiva di un anno di Gnawi.  

Il 19 dicembre, un tribunale di Meknes ha condannato [14] uno studente delle superiori a tre anni di carcere per aver semplicemente pubblicato i testi della canzone su Facebook. Lo studente è stato rilasciato [15] [fr] il 16 gennaio 2020

Un altro rapper, Hamza Asbaar, è stato arrestato [16] il 28 dicembre in uno stadio di calcio. La sua famiglia ha riferito [17] [ar] al sito di notizie indipendente Lakome che l'arresto è avvenuto dopo che Asbaar aveva eseguito la sua canzone “We understand” su richiesta degli spettatori. Nella canzone [18] [ar] , pubblicata su YouTube il 20 ottobre, Asbaar, che è uno studente liceale, ha criticato le condizioni sociali e economiche e la situazione dei diritti in Marocco. Il 31 dicembre, è stato condannato a quattro anni di carcere e una multa di 10,000 dirhams (10,000 dollari) per ‘’avere insultato delle santità’’. 

Hamza Asbaar è uno studente liceale marocchino di 18 anni e un giovane rapper che è stato condannato a 4 anni di prigione per una canzone rap che ha scritto, dicendo che la #LibertàDiParola è uno dei diritti umani fondamentali, Hamza libero!

La corte di appello ha ridotto [25] la sentenza a otto mesi di prigione il 16 gennaio.

La repressione degli YouTuber

La repressione ha colpito anche le persone che utilizzano YouTube per esprimere opinioni su questioni sociali, politiche ed economiche.

Il 26 dicembre, un tribunale di Settat ha condannato [26] lo YouTuber Mohamed Sekkaki a quattro anni di prigione e una multa di 40.000 dirham (4150 dollari) per un video in cui ha criticato [27] il re e ha descritto i marocchini come “stupidi” e “asini”. 

Un altro YouTuber, Mohamed Bodouh, è stato condannato [28] a tre anni di carcere il 7 gennaio a causa di video di critica sulla corruzione e le autorità.

Mohamed Boudouh è un proprietario di un negozio che è stato condannato a 3 anni di prigione a causa di alcuni video @YouTube che ha girato in cui parla di precarietà e mancanza di giustizia e uguaglianza in # Marocco. Il regime sta perdendo e per quanto ne so potrei essere il prossimo o potresti esserlo tu!

Il Marocco ha un record [32] terribile di repressione della libertà di espressione, dei media indipendenti e della libertà di stampa dei media.

Yasmina Abouzzouhour, membro associato dell'Istituto marocchino di analisi delle politiche (MIPA) scrive [14]:

The regime has displayed a pattern of repressing activists through judicial proceedings, sometimes under false pretexts. Indeed, famous activists perceived by the regime as dissidents- such as Radi, the journalist Hajar Raissouni, and the rapper Gnawi- are taken to court over unrelated issues, such as a in Raissouni’s case or that allegedly incited violence against the police in Gnawi’s case.

Il regime ha mostrato un modello di repressione degli attivisti attraverso procedimenti giudiziari, a volte sotto falsi pretesti. In effetti, famosi attivisti percepiti dal regime come dissidenti – come Radi, il giornalista Hajar Raissouni e il rapper Gnawi- sono portati in tribunale per questioni non correlate, come un presunto aborto [33] nel caso di Raissouni o un video [12] che presumibilmente incitava alla violenza contro il polizia nel caso di Gnawi.

I marocchini continuano a sostenere il rilascio di tutti coloro che sono incarcerati per essersi espressi, inclusi attivisti, giornalisti, artisti e manifestanti nell'ambito della campagna #FreeKoulchi [34] [ar] [“Liberi tutti”].