chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il piano di Trump per la pace nel Medio Oriente è la soluzione di un unico stato?

Betlemme è una città palestinese situata in Cisgiordania centrale, Palestina, sud di Gerusalemme, 9 ottobre 2016. Foto di Dennis Jarvis su Flickr CC BY 2.0.

Il 28 gennaio 2020, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato il lungo atteso piano di pace in Medio Oriente, conosciuto come l’“accordo del secolo”. Il progetto prevede la separazione dello Stato di Palestina e Gerusalemme come capitale indivisa d’Israele.

“I palestinesi soffrono di povertà e violenza, sono sfruttati da chi li usa come minaccia per far avanzare il terrorismo e l’estremismo. Si meritano una vita di gran lunga migliore,” ha detto Trump martedì in un discorso [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Secondo il piano Trump, uno Stato di Palestina sarà istituito solo se le richieste dei palestiniani verranno soddisfatte da Israele.

Quindi, qual è il nuovo piano di pace?

Il piano include una “mappa concettuale” che evidenzia i compromessi territoriali che Israele sta facendo per agevolare lo Stato di Palestina. Secondo la BBC Trump ha aggiunto che in questa mappa “il territorio palestinese è più del doppio e prevede una capitale palestinese a est di Gerusalemme.” Gli Stati Uniti apriranno un’ambasciata nel “nuovo Stato di Palestina.”

“Nessun palestiniano e nessun israeliano sarà estirpato dalle proprie case,” ha detto Trump nel suo discorso. Ha aggiunto che l’attuale insediamento ebreo nel territorio della Cisgiordania – illegale secondo il diritto internazionale – permarrà sotto occupazione israeliana .

Ha affermato che il territorio assegnato ai palestinesi “rimarrà aperto e non sviluppato per un periodo di quattro anni.” Secondo la BBC durante questi quattro anni i palestinesi “possono studiare un accordo, negoziare con Israele e raggiungere il criterio di sovranità.”

Infine, sempre secondo la BBC “Israele lavorerà con il re della Giordania per assicurare che lo status quo, che regge l’importante luogo santo a Gerusalemme conosciuto agli ebrei come Monte del Tempio e ai musulmani come al-Haram al-Sharif, sia preservato.”

Il progetto afferma che le attuali barriere di separazione fisiche tra Israele e la Palestina dovranno rimanere e saranno considerate la frontiera tra i “due stati.” Per molti decenni gli Stati Uniti hanno cercato di mediare tra Israele e la Palestina per creare ciò che si conosce come una “soluzione di due stati”, dove entrambe le popolazioni vivono in modo indipendente.

Su Twitter, Shahed Amanullah compara il progetto alle riserve dei Nativi americani negli Stati Uniti:

Questo non sembra uno stato. Ha le sembianze di una riserva dei Nativi americani.

In seguito alla notizia David Friedman, l’ambasciatore degli Stati Uniti ad Israele, ha detto che Israele è libera di annettere i propri insediamenti in qualsiasi momento.

Alcune ore dopo Jonathan Urich, il portavoce di Netanyahu, ha annunciato su Twitter che domenica il primo ministro chiederà al gabinetto di appoggiare la completa annessione degli insediamenti in Cisgiordania.

Il tweet successivo evidenzia i cambiamenti nel tempo in rapporto al territorio in Palestina contro gli insediamenti israeliani:

The PLO [Palestinian Liberation Organization] does not agree with the math… pic.twitter.com/LyyltDgJAY

— Mariya Petkova (@mkpetkova) January 28, 2020

L’OLP [Organizzazione per la Liberazione della Palestina] non è d’accordo con la matematica…

Una ‘farsa,’ una ‘falsità,’ una ‘vergogna’

Nella Casa Bianca a Washington D.C. Benjamin Netanyahu, primo ministro israeliano, – che è inoltre accusato di corruzione in Israele – si è posizionato a fianco di Trump, mentre quest’ultimo ha fatto la dichiarazione. Gli ambasciatori dell’Egitto e della Giordania – gli unici paesi arabi che hanno concluso un trattato di pace con Israele, – erano entrambi assenti.

“La mia visione presenta un'opportunità vantaggiosa per entrambe le parti, una soluzione di due stati realistica che elimina il rischio della sovranità palestinese per la sicurezza di Israele,” ha detto Trump durante il suo discorso.

Su Twitter l’analista politico Marwan Bishara ha chiamato il piano una “farsa”, dato che sia Trump che Netanyahu sono sotto accusa nei loro rispettivi paesi e mirano a distogliere l’attenzione da tutto ciò. Mentre Trump stava annunciando il piano di pace, il suo team di difesa era in Senato per lottare contro il suo impeachment. Nel frattempo, qualche ora dopo, Netanyahu venne formalmente accusato di corruzione.

La mia valutazione iniziale del ‘piano di pace’ di Trump: La farsa, la truffa e la furia.

Il piano è stato duramente criticato come un sostegno all’annessione unilaterale israeliana degli insediamenti.

Quando è stata l’ultima volta che qualcuno ha fatto un accordo riguardante un terzo soggetto senza questo terzo soggetto presente? #AccordoDelSecolo

Gli stati arabi hanno richiesto un dialogo che includa tutti i soggetti in causa per raggiungere un accordo. Contemporaneamente il Regno di Giordania ha affermato che l’istituzione di uno Stato di Palestina indipendente è l’unica strada per la pace in questa regione.

Volete sapere perché questo “accordo finale” è una falsità & una vergogna che non porterà mai alla pace? @OmarBaddar lo spiega:#AccordoDelSecolo #Apartheid

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.