chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La lotta di Trinidad e Tobago contro il COVID-19 mette l'accento sulla ‘responsabilità individuale’

Quest'immagine al microscopio elettronico a scansione mostra il SARS-CoV-2 (in arancione), noto anche come 2019-nCoV, il virus che causa il COVID-19, isolato in un paziente statunitense, che emerge dalla superficie di cellule verdi coltivate in laboratorio. Photo credit: NIAID-RML, CC BY 2.0.

Leggi la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

Dopo aver recentemente confermato [it] il secondo caso di COVID-19 nel Paese, il ministro della salute di Trinidad e Tobago ha tenuto una conferenza stampa [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] nel pomeriggio del 14 marzo 2020 per informare i cittadini sulla situazione attuale e sulle misure di contenimento in atto.

Il ministro della salute Terrence Deyalsingh ha descritto la risposta del governo alla situazione COVID-19 come “forte” e “decisa”, visto che il Paese ha istituito le prime restrizioni ai viaggi il 30 gennaio, e ha aggiunto che i due principali ospedali incaricati di trattare i casi della malattia sono il Caura (rinomato per la specializzazione nel trattamento delle patologie respiratorie) e il Couva, situtato nel centro di Trinidad. Se il numero dei casi dovesse aumentare, anche l'ospedale di Arima nel nord del Paese fornirà ulteriori posti letto.

La direttrice di medicina toracica del Caura Hospital, la dottoressa Michelle Trotman, ha reso noto che le condizioni del primo caso di COVID-19 del Paese, un uomo di 52 anni, stanno migliorando e i medici si aspettano la sua completa guarigione. Anche il secondo paziente, un uomo di 66 anni, starebbe migliorando, anche se la sua prognosi è più grave.

Spiegando che il virus si diffonde attraverso l'accesso la mucosa che riveste gli occhi, il naso e la bocca, Trotman ha ribadito che le persone devono fare attenzione al lavaggio delle mani e al distanziamento sociale, e ha detto: “Se non può entrare, non può diventare una malattia”. Queste misure, ha affermato, richiederanno un cambiamento culturale, dato che i trinidadiani tendenzialmente sono espansivi.

La maggior parte delle persone che contraggono il COVID-19 avranno sintomi leggeri, simili all'influenza, ma Trotman ha consigliato agli anziani e agli immunodepressi di essere prudenti. Ha anche riferito che il ministero ha creato un questionario finalizzato a valutare i casi sospetti e che i cittadini dovrebbero sentirsi sicuri della preparazione e della capacità del sistema sanitario pubblico. Allo stato attuale delle cose, i casi sospetti vengono testati con tamponi rinofaringei.

I dipartimenti di Pronto Soccorso della maggior parte dei principali ospedali hanno allestito triage volti a trattare i pazienti con sintomi simili all'influenza. A partire dal 15 marzo l'Ospedale generale di Port of Spain, che si trova nella capitale, avrà un'area di triage separata per i potenziali malati di COVID-19 e il ministero sta prestando particolare attenzione alla salute e alla sicurezza del personale medico, che si trova in prima linea in questa battaglia.

Gli orari di visita negli ospedali pubblici sono stati ridotti; quando i visitatori potranno entrare, saranno ammessi generalmente uno alla volta. Intanto, solo uno dei genitori o tutori legali può stare in reparto con i pazienti pediatrici.

Inoltre, l'arcivescovo cattolico Jason Gordon ha sospeso tutte le messe a partire dal 14 marzo.

“Responsabilità individuale”

Sottolineando che non si dovrebbero compiere azioni che costituiscono un rischio per gli altri, il ministro della sicurezza nazionale Stuart Young, che ha partecipato alla conferenza stampa, ha affermato che “la responsabilità individuale e sociale” è un fattore importante nella lotta al COVID-19.

Dato che entrambi i casi di infezione a Trinidad e Tobago provengono dall'estero, il ministro ha comunicato che gli spostamenti governativi sono stati interrotti e ha aggiunto che tutti i viaggi effettuati dai cittadini dovrebbero essere per motivi “essenziali” o “d'emergenza”. Chi deve viaggiare, ha detto, dovrebbe immediatamente mettersi in auto quarantena per 14 quando rientra a casa. È ciò che hanno fatto i 13 membri dell'equipaggio di un volo della Caribbean Airlines (CAL) dopo la conferma [it] della positività al COVID-19 di un passeggero, che in seguito è deceduto.

La conferenza stampa non ha chiarito come saranno applicate esattamente le linee guida dell'auto-quarantena, ma il dottor Roshan Parasam, ufficiale medico di contea e autorità della quarantena nel Paese, ha osservato che la legge sulla quarantena consente agli agenti di polizia di garantirne il rispetto anche con la forza, se necessario. La legge dà anche diritto alla polizia di entrare in edifici, navi o aeri senza mandato e di arrestare (sempre senza mandato) chiunque sia sospettato di aver violato la legge. Allo stato attuale delle cose, chiunque “ostacoli l'esecuzione” della legge di quarantena è passibile di condanna al pagamento di una multa di 6000 dollari di Trinidad e Tobado (circa 886 dollari statunitensi) e a 6 mesi di reclusione.

La Caribbean Airlines ha predisposto una squadra d'emergenza, ha fornito kit di sicurezza, dispositivi di protezione individuale (DPI), scorte di disinfettante e protocolli di disinfezione, e ha avviato un numero verde attivo 24 ore su 24 per i dipendenti che hanno bisogno di informazioni o assistenza relative al COVID-19. Tuttavia, alla luce delle dichiarazioni del ministro Young, che ha affermato che gli aeroporti sono tra i luoghi più rischiosi in cui trovarsi, non sembra che le misure precauzionali per gli equipaggi vadano oltre l'aereo. Quando la CAL vola a New York, ad esempio, l'equipaggio resta nella contea di Nassau, che ha recentemente dichiarato lo stato d'emergenza a causa del continuo aumento dei casi di coronavirus a Long Island.

“Decisioni di buon senso”

Il ministro Deyalsingh, esortando i cittadini alla responsabilità, ha affermato che la “prima decisione di buon senso” che dovrebbero prender i cittadini è ignorare i social media, che “al momento stanno causando più danni del coronavirus”.

Il ministro Young ha ribadito quest'idea, accusando alcune persone di usare i social media per creare problemi, instillare paura e diffondere la disinformazione “per scopi politici”. Le prossime elezioni politiche a Trinidad e Tobago si terranno nel settembre 2020. Ci sono solo due “fonti ufficiali” per le informazioni sul COVID-19, ha sottolineato Young, “il ministero della salute e il ministero delle comunicazioni”.

Il Servizio di Polizia di Trinidad e Tobago ha avvertito che ai sensi della legge sui reati minori i cittadini possono sono passibili di multa o reclusione se condividono informazioni false.

La dottoressa Trotman ha affermato che i social media stanno trasformato una pandemia in una “panico-demia” e ha invitato i netizen a usare le piattaforme di social network per comunicare informazioni corrette sul COVID-19 e aiutare le autorità sanitarie a “combattere e sconfiggere il virus”: “Il comportamento dei cittadini cambierà lo scenario”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.