chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La madre del blogger detenuto Le Anh Hung parla degli abusi nelle prigioni del Vietnam

Il blogger vietnamita Le Anh Hung è stato arrestato per “abuso delle libertà democratiche in violazione degli interessi di organizzazioni e individui.”Screenshot da un video YouTube.

Questo articolo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è tratto da The 88 Project, un sito di notizie indipendente del Vietnam, ed è stato ripubblicato su Global Voices nell'ambito di un accordo di condivisione di contenuti.

Una forma di abuso psicologico nelle prigioni vietnamite è l'invio di prigionieri politici in istituti mentali contro la loro volontà, anche se non hanno precedenti di malattia mentale. Il caso di Le Anh Hung ne è un esempio. Hung, blogger e reporter, che spesso scriveva articoli che criticavano fortemente il governo vietnamita, è stato detenuto in una struttura psichiatrica nel 2013 per dieci giorni [vi] dopo che la polizia lo aveva arrestato sul posto di lavoro.

Hung è stato nuovamente arrestato l'8 luglio 2018, ai sensi dell'articolo 331 del codice penale del 2015, per “aver abusato delle libertà democratiche per violazione degli interessi delle organizzazioni e degli individui”. Da allora è in custodia cautelare.

Il 1 aprile 2019, l’agenzia investigativa [vi] della sicurezza pubblica di Hanoi ha improvvisamente trasferito Hung presso l'ospedale psichiatrico centrale. Il 24 aprile, dopo che la struttura aveva valutato la sua salute mentale, le autorità hanno trasferito Hung di nuovo in prigione, ma a maggio è stato di nuovo portato in un ospedale psichiatrico. La ragione per cui costantemente lo trasferiscono da una parte all'altra rimane poco chiara.

Secondo la sua famiglia [vi], nel corso di tutto il processo, Hung è apparso esausto, magro e generalmente non in salute, ma ha esortato la gente a protestare a suo nome e a chiedere alle autorità di interrompere le sue cure psichiatriche forzate.

Nel giugno 2019, la madre di Hung ha inviato [vi] una richiesta alle autorità chiedendo il suo rilascio in modo che la famiglia potesse prendersi cura di lui a casa. La madre ha detto che la buona salute del figlio è degenerata e il suo umore era basso dopo essere stato sottoposto a cure di salute mentale forzata mentre era in detenzione. Prima di essere messo in prigione, ha confermato che Hung era forte e in salute, sia fisicamente che mentalmente. Non è chiaro come le autorità abbiano reagito alla petizione [vi] ma Hung rimane in carcere.

Il Progetto 88 ha recentemente intervistato la madre di Hung, la signora Tran Thi Niem, sulla sua condizione attuale e il suo desiderio di prendersi cura di suo figlio a casa. Ha chiesto alla comunità internazionale di sostenere il rilascio di Hung. Guarda l'intervista qui sotto:

La settimana dell'8 marzo 2020, alcuni attivisti hanno rivelato [vi] che Le Anh Hung aveva chiamato sua madre per farle sapere che le autorità avevano aumentato ancora una volta la dose del suo farmaco antipsicotico, che è stato costretto a prendere contro la sua volontà. Secondo quanto riferito, Hung ha detto alla madre che i farmaci lo facevano sentire molto male, ma lui non ha altra scelta che prenderli, e l'ha supplicata di invitare la comunità internazionale a sensibilizzare il pubblico sulla sua situazione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.