chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'Algeria interromperà l'accesso ad internet quando si avvicineranno le elezioni?

Manifestanti anti governo raggruppati nella capitale Algeri il 6 luglio 2019, per rimarcare il 57° anniversario dell'indipendenza algerina. Foto in concessione dell'autore.

A partire dal 22 febbraio, gli algerini hanno protestato contro la corruzione, la disoccupazione e l'élite politica del paese lungo le strade dei diversi wilayas (province). Il movimento popolare,”Hirak” è iniziato quando l'anziano Presidente Abdelaziz Bouteflika annunciò la sua candidatura per un quinto mandato. Più tardi, Bouteflika rinunciò al suo piano di concorrere come Presidente e, dopo 20 anni in carica, si è dimesso [en, come i link seguenti] il 3 aprile.

Tuttavia, gli algerini hanno continuato a protestare contro i cosiddetti successori del regime di Bouteflika, i quali detengono ancora il potere, e contro la decisione del governo di procedere con le elezioni presidenziali previste per il 12 dicembre. I protestanti temono che le elezioni saranno truccate e molti le considerano come un complotto architettato per mantenere al potere il vecchio regime. I cinque candidati alle elezioni sono stati membri o sostenitori dell'amministrazione Bouteflika.

Chi sono i candidati alle elezioni presidenziali in Algeria?

I cinque candidati nella corsa presidenziale sono gli Ex Primi Ministri Ali Benflis e Abdelmadjid Tebboune, l'Ex Ministro della Cultura Azzeddine Mihoubi, l'Ex Ministro del Turismo Abdelkader Bengrine e il capo del partito El Mostakbal Movement Abdelaziz Belaid.

Durante una campagna in tutto il paese, alcuni candidati sono stati cacciati dai distretti.Alcuni dei manifestanti che hanno interrotto gli eventi della campagna elettorale sono stati arrestati e condannati, suscitando ulteriore malcontento e critiche.

Il 30 novembre l'Algeria ha assistito a manifestazioni a favore delle elezioni meno intense di quelle contro le elezioni del  venerdì di proteste.

I protestanti in Algeria, hanno riportato il paese sotto i riflettori dopo decenni di isolamento internazionale. Non è la prima volta che proteste di massa travolgono l'Algeria: ciò avvenne, ad esempio, durante le rivolte dell'ottobre nero del 1988 o durante la Guerra Civile [it] che iniziò nel 1992. Ma questa volta, le rivolte sono state documentate dagli esperti di social media  attraverso i live tweet, e riprese in tempo reale su Youtube e Facebook.

La mancanza nel paese di uno scenario solido mediatico, ha condotto i manifestanti e gli attivisti a rompere il muro della paura e usare le piattaforme social per riprendere in tempo reale cosa stava accadendo per le strade. I filmati amatoriali dei manifestanti si stanno diffondendo su Twitter, Facebook e Instagram e sono stati trasmessi dai mass media stranieri.

Il settore dei media indipendenti in Algeria non è ben sviluppato, e i pochi media indipendenti che esistono sono soggetti alle restrizioni delle autorità algerine. Quelli tradizionali vengono considerati portavoce del governo, incapaci di gestire le trasformazioni in atto della società algerina. I manifestanti hanno espresso la loro mancanza di fiducia nei confronti della maggior parte dei mass media con slogan come “Dove è la stampa?” ( وين راهي الصحافة؟  ).

Le autorità hanno reagito a questo incremento dell'utilizzo dei social media interrompendo l'accesso ai social network e alle piattaforme social media.

Vecchie abitudini difficili a morire

Manifestanti anti governo nella capitale Algeri il 6 luglio 2019. Foto in concessione dell'autore.

Le piattaforme social non sono state bannate in Algeria, e ciò aiuta a diffondere la parola dei manifestanti velocemente, nonostante la lentezza di internet nel paese. Comunque, l'Algeria ha scarsi risultati in materia di libertà di stampa, posizionandosi al 141esimo posto nell’ indice della libertà di stampa di quest'anno.

Il paese ha anche bloccato l'accesso a internet negli ultimi due anni, in un tentativo inefficace di manipolare gli esami di baccalaureato.

Nonostante i casi documentati di arresti [it] e processi ai danni di giornalisti e blogger indipendenti, l'inasprimento dei media in Algeria è stato a lungo eclissato dalle attività di altri regimi autoritari nella regione, come l'Egitto.

Fu dallo scoppio dei movimenti Hirak che il giro di vite sulla libertà mediatica e di internet si è intensificato. Il 22 febbraio, il governo ha imposto l'interruzione a internet in diverse regioni all'interno e al di fuori di Algeri, incluse Bordj Menaiel, Tizi Ouzou, e  Chlef dell'Est. Il blocco a internet e le interruzioni continuarono fino alla seconda settimana delle proteste il 2 marzo.

Il 12 giugno, i notiziari web indipendenti Tout sur l’Algérie (TSA) e Algérie Part, sono stati resi inaccessibili per un paio di giorni, in quello che il direttore del TSA ha descritto come  un “deliberato atto di censura”. Non sono in grado di fornire una spiegazione nè le autorità nè i fornitori di servizi internet. A differenza dei media statali, che hanno a lungo ignorato l'insorgenza nazionale, sia il TSA che l'Algerie Part, insieme ad altri siti indipendenti, hanno seguito le settimane di proteste.

Ci sono anche stati tentativi di repressione alle marce nazionali anti Bouteflika nel nome dell’ [fr] “ordine pubblico” e della “sicurezza nazionale”.

Nonostante le interruzioni a internet e gli inasprimenti, le proteste hanno comunque continuato a crescere culminando nella rimozione dalla carica di Bouteflika ad aprile. Ma poichè, i movimenti contro l’ élite politica algerina sono continuate, internet è stato interrotto.

Il 16 e il 17 giugno, le applicazioni social e di messaggistica, inclusi Facebook, Twitter, Instagram, Whatsapp, Skype e Viber sono state bloccate. Le interruzioni coincidono anche con gli esami di maturità nazionali.

Il 9 agosto, L'Algerie Telecom di proprietà statale e altri fornitori servizi internet hanno bloccato l'accesso a Youtube, Google Translate e ad altri servizi Google per alcune ore, dopo che l'ex Ministro della Difesa ha pubblicato una video conferenza con i leader dell’ esercito per “attuare le richieste del popolo”.

Il 14 e il 15 settembre, anche Netblocks ha documentato blocchi ad internet in diverse regioni del paese, incluse le zone della capitale Algeri.

⚠️Alert: blocchi internet registrati in #Algeria nel mezzo di proteste divampanti contro l'influenza militare; l dati mostrano blocchi simili a quelli utilizzati durante il regime di Bouteflika; incidente in corso.

Per più di 42 settimane, gli Algerini hanno occupato le strade per avanzare la richiesta di rimuovere l'élite al potere, e porre fine alla corruzione e all'influenza militare nella politica. Le tensioni stanno aumentando con l'approssimarsi delle elezioni presidenziali il 12 dicembre e con l'avvento negli ultimi giorni di dimostrazioni pro governo. Le autorità bloccheranno di nuovo l'accesso  a internet quando le elezioni saranno vicine? L'indice della libertà di internet in Algeria suggerisce che ciò non è affatto improbabile.


Questo articolo fa  parte di una serie di post che esamino i metodi di ingerenza sui diritti digital come blocchi internet e disinformazione durante eventi politici chiave in sette paesi africani: Algeria, Etiopia, Mozambico, Nigeria, Tunisia, Uganda e Zimbabwe. Il progetto è stato fondato dall’Africa Digital Rights Fund  della The Collaboration on International ICT Policy for East and Southern Africa (CIPESA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.