- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Negoziante su Facebook indossa “abiti sexy”: accusata di pornografia in Cambogia

Categorie: Asia orientale, Cambogia, Censorship, Citizen Media, Diritti umani, Donne & Genere, Governance, Legge, Libertà d'espressione, Politica

[1]

Vann Rachana scortata dalla polizia dopo il suo arresto. Global Voices ha offuscato la foto della sospetta. Fonte: pagina Facebook di phnom Penh Municipal Police.

La polizia cambogiana ha presentato accuse di pornografia a una utente di Facebook di 39 anni per aver venduto prodotti mentre indossava abiti sexy che avrebbero minato i valori e la cultura Khmer.

Il 17 febbraio 2020, il primo ministro Hun Sen ha partecipato all'incontro annuale del Consiglio nazionale cambogiano per le donne in cui ha parlato [2] [km] della necessità di indagare sulle donne e impedire loro di vendere prodotti su Facebook mentre indossano abiti contrari alla morale sociale o ai “valori delle donne khmer e alla cultura khmer”.

Due giorni dopo, la polizia ha postato [3] [km] sui social media il fatto di aver convocato Vann Rachana (conosciuta come Thai Srey Neang su Facebook) per porle delle domande e estrapolarle delle informazioni riguardo la sua pagina Facebook su cui ci sono prodotti come biancheria intima da donna e accessori di bellezza. È apparsa in un video facendo appello [4] [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] al perdono [5] pubblico e ha promesso di smettere di indossare “abiti succinti” sulla sua pagina Facebook.

I am sorry. I hope the leader and public forgive me.

Please, other online sellers, take note of my case. It has caused the public to hate me and affected the honour and morality of women.

Mi dispiace. Spero che il leader e il pubblico mi perdonino.

Per favore, altri venditori online, prendete nota del mio caso. Mi ha resa odiabile agli occhi del pubblico e ha influenzato l'onore e la moralità delle donne.

Il 21 febbraio, la polizia ha dichiarato che Rachana ha violato il suo impegno pubblicando un'altra foto “sexy” sulla sua pagina Facebook. È stata arrestata e accusata [6] di pornografia per violazione della legge della Cambogia contro la tratta di esseri umani e lo sfruttamento sessuale. Se ritenuta colpevole, potrebbe stare in prigione per 15 mesi.

In una dichiarazione [7] congiunta, diversi gruppi di donne in Cambogia hanno criticato le osservazioni del primo ministro e le azioni della polizia. Hanno ricordato alle autorità che non esiste un documento legale che definisce “il valore delle donne e i valori/la cultura khmer sociali” nel paese. Hanno aggiunto che “punire le donne per la loro scelta di abbigliamento è parte della causa principale della violenza, piuttosto che la sua cura, e deve essere respinta”. Hanno aggiunto:

There is much evidence-based research showing that violence against women stems from discriminatory gender stereotypes and a victim-blaming culture – both of which are deeply rooted in Cambodian society – as well as weak law enforcement resulting in a culture of impunity, and is not based on women’s dress, physical appearance or actions.

Esistono molte ricerche basate sull'evidenza che dimostrano che la violenza contro le donne deriva da stereotipi di genere discriminatori e da una cultura che incolpa le vittime – entrambe profondamente radicate nella società cambogiana – così come una debole applicazione della legge che porta a una cultura dell'impunità, e non è basata sull'abito, l'aspetto fisico o le azioni delle donne.

Eng Chandy, responsabile del programma di sostegno e rete per il genere e lo sviluppo in Cambogia, ha espresso disappunto [6]per gli standard doppi delle forze dell'ordine:

What about men selling products online? And many popular singers also wear sexy clothing when they perform. Didn’t they create feelings of sexual arousal? Did anyone file complaints against them? Did anyone say that they damaged Cambodian culture?

This law was written by men and interpreted by men and adopted by men, and men are enforcing the law.

Che dire degli uomini che vendono prodotti online? E molti cantanti popolari indossano anche abiti sexy quando si esibiscono. Non hanno creato sensazioni di eccitazione sessuale? Qualcuno ha presentato denunce contro di loro? Qualcuno ha detto che hanno danneggiato la cultura cambogiana?

Questa legge è stata scritta dagli uomini e interpretata dagli uomini e adottata dagli uomini, e gli uomini stanno facendo rispettare la legge.

Amnesty International ha rilasciato una dichiarazione respingendo [8] le accuse di pornografia contro Rachana:

These charges rest on the abusive misapplication of a law which was supposedly intended to combat human trafficking, but instead is being used to oppress women.

Queste accuse poggiano sull'errata applicazione di una legge che avrebbe dovuto combattere la tratta di esseri umani, ma che viene invece utilizzata per opprimere le donne.

Bunn Rachana, direttore esecutivo dell'organizzazione per la promozione delle donne Klahaan ha esortato [9] il governo ad assumere un ruolo guida nell'adottare riforme che diano davvero potere alle donne invece di consentire la violenza:

It’s almost like [officials] are empowering perpetrators to take actions that violate women and girls.

It’s possible to fix [a male-dominated society] if the leadership of the country promotes human rights standards…and takes all necessary steps to correct unfair social norms.

È quasi come se [i funzionari] autorizzassero gli autori di azioni che violano donne e ragazze.

È possibile migliorare [una società dominata dagli uomini] se la leadership del paese promuove gli standard sui diritti umani… e prende tutte le misure necessarie per correggere le norme sociali sleali.