chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I popoli indigeni nella penisola russa di Yamal affrontano i problemi causati dal gasdotto

I Nenet, allevatori di renne, nella tundra della penisola meridionale di Yamal, 2014. Foto: Sergey Popov / Wikimedia Commons. CC BY SA 4.0

Alcune delle maggiori riserve mondiali conosciute di gas naturale si trovano nella Penisola di Yamal. Questa remota penisola si protende per 700 chilometri nel Mar Kara, nell'Artico russo. E adesso numerosi gasdotti, campi di gas offshore e terminali di gas naturale liquefatto [LNG] l'hanno trasformata nella loro dimora. Queste decine di milioni di metri cubi di gas naturale hanno attratto le società di gas di proprietà statale della Russia e, inoltre, molteplici investitori stranieri; nel 2008, Gazprom ha annunciato il suo Progetto Yamal, per promuovere gli idrocarburi della regione su vasta scala.

Yamal è anche la patria di 15.000 persone, 10.000 delle quali sono Nenet, allevatori di renne.

L'attivista russo per i diritti degli indigeni, Dmitry Berezhkov

Gli attivisti per i diritti degli indigeni hanno espresso preoccupazioni anche sul significato di questa estrazione di energia su larga scala per i Nenet e gli altri popoli indigeni nell'estremo nord della Russia. Dmitry Berezhkov è un membro del popolo Itelmeno [it] della Penisola Kamchatka e l'ex vice-presidente dell'Associazione russa dei popoli indigeni del nord [RAIPON], una ONG con sede a Mosca. Berezhkov ha detto che è stato messo sotto pressione dai servizi di sicurezza russi della capitale, che inquadrano RAIPON come una minaccia per lo Stato. Berezhkov si è trasferito in Norvegia per continuare il suo attivismo, ma è stato arrestato dalla polizia norvegese nel 2013 dopo una riunione della Conferenza mondiale dei popoli indigeni, conformemente a una richiesta di estradizione del procuratore generale della Russia, che lo ha accusato di frode. Un tribunale norvegese ha infine stabilito che la richiesta era politicamente motivata e Berezhkov ha ottenuto asilo in Norvegia. L'attivista vi risiede ancor oggi, dove dirige la ONG Arctic-Consult.

RAIPON opera ancora in Russia, nonostante le segnalazioni di pressione politica sull'organizzazione. Dal 2012, RAIPON ha subito pressioni dalle autorità e richieste di chiusura [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. All'inizio di febbraio 2020 il ministero della giustizia della Russia ha proibito il Centro per il supporto dei popoli indigeni del nord [CSIPN], un progetto che RAIPON ha contribuito a istituire, in quanto “agente straniero” per i suoi legami con le organizzazioni per i diritti degli indigeni canadesi. Pavel Sulyandziga, un attivista fautore dei diritti degli indigeni della comunità di Udege [it] e un prominente candidato per la vicepresidenza di RIPON, è fuggito dalla Russia nel 2017 per cercare asilo politico negli USA. Gli uffici di RAIPON nelle regioni sono stati chiusi, l'organizzazione è stata dichiarata un “agente straniero” e i suoi donatori “organizzazioni non gradite.”

Ho parlato con Berezhkov sulle conseguenze dello sfruttamento del gas naturale per la popolazione indigena nel nord della Russia. L'intervista è stata revisionata per motivi di lunghezza e chiarezza.

Maxim Edwards: Che cosa ha in serbo il futuro per le popolazioni indigene nella Penisola di Yamal?

Dmitry Berezhkov: More gas fields are being developed, further to the north and east of the peninsula and towards the other side of the gulf of the River Ob. The gas pipeline network is like an octopus; it spreads across the land. And for every pipeline and for every road, they take another piece of land away from reindeer herders. For now, reindeer herders try to use the rest of the land, but that means their herds may become smaller, and they are now starting to compete with each other for pastures. The problem is developing gradually, it gets a little worse every year.It's like a game of chess, they build one pipeline, then the herds move elsewhere.The growing infrastructure means that reindeer herders have to find new areas to graze, and if there are none, they have to put pressure on the same areas with even more reindeer. For example, the herds eat reindeer moss (Ru: Ягель), and the increased competition means that less of it is left. And less food for reindeer could mean smaller herds, and slaughtering animals which can't be fed. Either the government will sponsor a programme to kill reindeer, or the flocks will die out because of starvation. I don't know. But I think that over the next one or two decades, a huge number of reindeer will die in the Yamal. More indigenous people will settle in the villages, which can lead to social diseases, alcoholism, and other things like that. They will lose their language and traditional livelihood. I think that's the future.

Dmitry Berezhkov: Stanno realizzando altri campi di gas, più a nord e a est della penisola e sull'altro lato del golfo del fiume Ob. La rete di gasdotti è come una piovra; si diffonde attraverso il territorio. E per [realizzare] ogni gasdotto e ogni strada tolgono un altro pezzo di territorio agli allevatori di renne. Finora, gli allevatori di renne cercano di utilizzare il resto del territorio, ma questo significa che le loro mandrie potrebbero diventare più piccole. E stanno iniziando a competere fra loro per i pascoli. Il problema si sta ampliando gradualmente, peggiora un po’ ogni anno. È come un gioco di scacchi. Costruiscono un gasdotto, poi le mandrie si spostano altrove. La crescente infrastruttura significa che gli allevatori di renne devono trovare nuove aree di pascolo. E se non ce ne sono, devono esercitare pressione sulle stesse aree con ancora più renne. Ad esempio, le mandrie mangiano il lichene delle renne [it] (Ru: Ягель), e la maggiore competizione significa che ne rimane di meno. E meno cibo per le renne può significare mandrie più piccole e, inoltre, la macellazione degli animali che non possono più essere alimentati. Se il governo non sponsorizza un programma per uccidere le renne, le mandrie moriranno di fame. Non lo so. Penso però che in un decennio o due, un numero enorme di renne morirà in Yamal. Più persone indigene si stabiliranno nei villaggi, generando eventualmente malattie sociali, alcolismo e problematiche simili. Perderanno la loro lingua e i mezzi di sussistenza tradizionali. Penso che sarà questo il futuro.

ME: Mi sembra che questo non riguardi soltanto la salvaguardia degli stili di vita tradizionali, ma i diritti della popolazione indigena come cittadini. Ad esempio, molte di queste aree sono protette; quando si costruisce un gasdotto sul territorio, i Nenet sono in grado di dire “no”? Si chiede il loro parere?

DB: There are some attempts to organise on the regional level. There's a reindeer herders’ union, for example. The problem is that all these organisations and their leaders are heavily influenced or controlled by the state and the oil and gas companies. They're happy to organise festivals, reindeer herding celebrations, sport events, cultural and linguistic events. But if there's a conflict between the interests of reindeer herders and the interests of the gas and oil industry, practice shows us that these organisations don't or can't protect indigenous people's interests. And it's difficult for Nenets people to organise given that they're spread over huge territories. They're nomadic. They follow their herds; they may have to travel hundreds of kilometres away in a few days. The lifestyle leads them to follow clan or family ties first. Occasionally several dozen people might meet, but they can't meet in very large numbers because their herds will eat all the food around. Reindeer have to be spread over huge territories to make herding sustainable.

DB: Ci sono alcuni tentativi di organizzarsi a livello regionale. Esiste, ad esempio, un'unione degli allevatori di renne. Il problema è che tutte queste organizzazioni e i loro leader sono fortemente influenzati o controllati dallo Stato e dalle società petrolifere e del gas. Sono felici di organizzare festival, celebrazioni per l'allevamento di renne, eventi sportivi, culturali e linguistici. Qualora tuttavia ci sia un conflitto tra gli interessi degli allevatori di renne e gli interessi dell'industria petrolifera e del gas, la prassi ci dimostra che queste organizzazioni non tutelano, o non possono tutelare, gli interessi della popolazione indigena. Ed è difficile per il popolo Nenet organizzarsi, essendo distribuiti su territori molto vasti. Sono nomadi. Seguono le loro mandrie; devono viaggiare per centinaia di chilometri in pochi giorni. Lo stile di vita li porta a seguire innanzitutto i vincoli del clan o della famiglia. Occasionalmente, molte decine di persone si incontrano, eventualmente, ma non possono incontrarsi in grandi quantità, perché le loro mandrie mangiano tutto il cibo intorno. Le renne devono essere distribuite su territori immensi, per rendere il loro allevamento sostenibile.

ME: Come ha reagito la popolazione locale a questi cambiamenti?

DB: Last March, some Nenets held a tribal meeting to discuss important issues, as well some political disputes. But then the leader of the district branch of one of these community organisations, which I would call pro-government, wrote a letter to the police saying that the meeting was against Russian law, as it had been held without seeking permission in advance. The funny thing is that [Vladimir] Putin has often said that protests bother other people — passengers, traffic, etc — so you have to coordinate in advance with authorities. But this meeting was in the tundra, there was nobody for kilometres and kilometres around around except for these reindeer herders! Police opened an administrative case [against the organiser Eiko Serotetto], but there was a lot of media discussion and [last May] they quietly dismissed the case.

DB: Nel marzo 2019 alcuni Nenet hanno organizzato una riunione tribale per discutere questioni importanti, oltre ad alcune dispute politiche. Poi, però, il leader della succursale distrettuale di una di queste organizzazioni comunitarie, che chiamerei pro-governo, ha scritto una lettera alla polizia dicendo che la riunione era contro la legge russa, essendosi tenuta senza aver preventivamente chiesto l'autorizzazione. La cosa divertente è che [Vladimir] Putin ha detto spesso che le proteste interessano altre persone, passeggeri, traffico, etc., quindi devono essere preventivamente coordinate con le autorità. Questo incontro, tuttavia, era nella tundra, non c'era nessuno per chilometri e chilometri nei dintorni, tranne questi allevatori di renne! La polizia ha aperto una procedura amministrativa [ru] [contro l'organizzatore Eiko Serotetto], ma se ne è parlato molto sui media e [lo scorso maggio] hanno silenziosamente archiviato il caso [ru].

ME: Che cosa significa questo per la relazione tra le aziende del gas e le popolazioni indigene? Ci sono stati casi come quello di Sergey Kechimov, lo shamano e allevatore di renne, che ha tentato di resistere ai piani di Surgutneftegaz per l'estrazione di petrolio vicino a un lago sacro per il popolo Khanty. Nel 2015, Kechimov è stato arrestato per aver aggredito un lavoratore petrolifero, per motivi che i difensori dei diritti umani considerano dubbiosi. 

DB: The situation differs by region. In the Khanty-Mansi Autonomous Okrug, where Kechimov was from, the companies were obliged to sign some agreements with indigenous communities. The problem in the Yamal is that firstly, regional law means that these are more voluntary agreements, and secondly, about half of the population, which have most of the reindeer, are private reindeer herders. They don't depend on and don't connect with any community organisations or with villages, companies, or local administrations: they continue a traditional lifestyle. This is the status quo, and it suits everybody. It's good for the reindeer herders because they don't depend on bureaucrats and just follow their herds. It's good for the bureaucrats because they don't have to care about these reindeer herders. It's good for the companies, because when we ask why less and less land is available for reindeer herders, and its quality is getting worse, they can say that it's the herders’ fault because they have too many reindeer.

So in the Khanty-Mansi region, families can sign agreements with the energy companies: they agree to step away from their traditional lands and receive some financial support. The sum may not be like in the fairytales which Gazprom, Rosneft, or Lukoil tell at international fora, but it is something. Problems arise when there is no longer any traditional land left to give. That was the situation for Kechimov; he simply had no other land to move on to. This is because oil extraction started much earlier in the Khanty-Mansi region. But in the Yamal, there is land left. There's gradually less and less of it, but there are places left to go. Another difference is that natural gas doesn't pollute the land as seriously as oil, which damages the environment much more quickly. But that doesn't mean that there aren't conflicts in the Yamal. Kechimov's case showed us that when the government and the energy companies are united, they can resort to any means, including criminal prosecution, to make families either sign agreements or leave their land.

DB: La situazione è diversa nelle varie regioni. Nel circondario autonomo [okrug] di Khanty-Mansi, da dove proveniva Kechimov, le imprese erano obbligate a firmare alcuni accordi con le comunità indigene. Il problema in Yamal è che, in primo luogo, la legge regionale significa che questi sono più accordi su base volontaria e, secondariamente, circa la metà della popolazione, [persone] che hanno la maggior parte delle renne, sono allevatori di renne privati. Non dipendono da e non sono connessi con altre organizzazioni comunitarie o con villaggi, imprese, o amministrazioni locali: continuano uno stile di vita tradizionale. Questo è uno status quo, che fa comodo a tutti. Va bene per gli allevatori di renne, poiché non dipendono dai burocrati e seguono semplicemente le loro mandrie. Va bene per i burocrati, poiché non devono preoccuparsi di questi allevatori di renne. Va bene per le società, poiché quando chiediamo perché è disponibile sempre meno terra per gli allevatori di renne e, inoltre, la sua qualità sta peggiorando, loro possono dire che è colpa degli allevatori, poiché hanno troppe renne.

Nella regione di Khanty-Mansi, quindi, le famiglie possono firmare accordi con le società energetiche: accettano di andarsene dalla loro terra tradizionale e ricevono un qualche sostegno finanziario. La somma non sarà forse da favola come raccontano Gazprom, Rosneft, o Lukoil nei forum internazionali, ma è qualcosa. I problemi sorgono quando non rimane più nessuna terra tradizionale da assegnare. Questa era la situazione per Kechimov; non aveva semplicemente un'altra terra in cui spostarsi. Questo perché l'estrazione petrolifera è iniziata molto prima nella regione di Khanty-Mansi. In Yamal, invece, è rimasta terra. Ce n'è sempre meno, ma sono rimasti luoghi dove andare. Un'altra differenza è che il gas naturale non inquina il territorio così gravemente come il petrolio, che danneggia l'ambiente molto più rapidamente. Questo non significa comunque che non ci siano conflitti in Yamal. Il caso di Kechimov ci ha dimostrato che quando il governo e le società energetiche sono unite, possono fare ricorso a qualunque mezzo, compresa l'azione penale, affinché le famiglie firmino gli accordi o abbandonino la loro terra.

ME: Quali altri problemi presentano questi progetti di gasdotti per le comunità indigene?

DB: The Yamal's reindeer herders are facing a perfect storm. A lot is changing. The energy companies attract migrant workers, who settle in the region. If they have no work between shifts they go and fish in the rivers, drink in the village bars, sometimes have relationships with local women, which can be a source of tension. And of course there's the effect of global climate change. People in the Yamal have already died or been seriously ill due to anthrax, or the “Siberian plague”, being released from melting permafrost. The changing climate means that unusual rainfall freezes quickly and forms ice over the snow, which prevents reindeer from grazing. Poaching by energy workers is a big issue, as is pollution. This means there's double the pressure on local wildlife, alongside temperature changes in the rivers due to global warming. For example, there's a local fish, the muksun, which is a delicacy in local cuisine and provided good income to local Nenets people who sold them to the workers. But now, there are almost no muksun left. Wealthy oil and gas executives who developed a taste for the fish have to buy it from Canada!

DB: Gli allevatori di renne di Yamal stanno affrontando una tempesta perfetta. Molto sta cambiando. Le aziende energetiche attraggono i lavoratori migranti, che si stabiliscono nella regione. Quando non lavorano, fra i turni, vanno a pescare nei fiumi, bere nei bar dei villaggi, a volte hanno relazioni con le donne locali, questo può essere una possibile fonte di tensioni. E naturalmente c'è l'effetto del cambiamento climatico globale. La popolazione in Yamal è già morta o si è ammalata gravemente a causa dell'antrace, o la “peste siberiana”, liberata dallo scioglimento del permafrost. Il cambiamento climatico significa che la pioggia anomala gela e forma ghiaccio sopra la neve, impedendo alle renne di brucare. Il bracconaggio dei lavoratori del settore energetico è un grosso problema, come lo è l'inquinamento. Questo significa che c'è una doppia pressione sulla fauna selvatica locale, contemporaneamente ai cambiamenti di temperatura nei fiumi, a causa del riscaldamento globale. Ad esempio, c'è un pesce locale, il muksun [it], che è una prelibatezza nella cucina locale e forniva un buon reddito alla popolazione locale dei Nenet, che lo vendevano ai lavoratori. Adesso, però, non ci sono quasi più muksun. I ricchi dirigenti del gas e petrolio che amano mangiare questo pesce devono comprarlo dal Canada!

ME: Quanto è facile trovare informazioni sulla situazione in una regione così remota e inaccessibile? Internet può aiutare?

DB: It's not difficult, it's more or less impossible. Personally, I can't go back to Russia, but I try and follow all the newspapers and TV reports closely, and of course people discuss these problems on social media. According to Russian law, all areas around the edge of the country's landmass count as border regions. This includes the Yamal, as it's located in the Russian Arctic. To go there, you need an invitation from a local resident or organisation, which is of course signed by the FSB [Russian security services.]

So when the companies and the authorities say that they spoke with the reindeer herders and that the herders agreed to everything, it's hard to really know how that discussion went. Officials could have just come to their campsites with a piece of paper and said “you need to sign this.”

From a practical point of view, it's wise for any reindeer herder to just sign any such paper. Because high bureaucracy can't help you, but it can certainly hurt you. For example, we have some cases when a police helicopter comes to a nomadic camp and tells them “you're catching too much fish, and that makes you a poacher.” They can come to nomadic camps and ask why they don't keep their guns in a safe, as demanded by Russian law. Even if you're a reindeer herder.

Nobody will touch you if you mind your own business, but if you raise your voice, you could face trouble.

DB: Non è [soltanto] difficile, ma più o meno impossibile. Personalmente, non posso tornare in Russia. Cerco comunque di seguire attentamente tutti i reportage dei giornali e della televisione e, naturalmente, tutte le persone che discutono questi problemi sui social media. Conformemente alla legislazione russa, tutte le zone ai margini del territorio nazionale sono considerate regioni frontaliere. Questo include lo Yamal, poiché è situato nell'Artico russo. Per andarci, si richiede un invito di un residente locale o di un'organizzazione, che sia naturalmente sottoscritta dai servizi di sicurezza russi FSB.

Perciò, quando le imprese e le autorità dicono di aver parlato con gli allevatori di renne e che gli allevatori hanno concordato su tutto, è difficile sapere realmente come è andata tale discussione. I funzionari potrebbero essere andati semplicemente nei loro accampamenti con un pezzo di carta, dicendo: “Dovete firmarlo.”

Da un punto di vista pratico, è saggio per tutti gli allevatori di renne firmare semplicemente ogni simile foglio. La complessa burocrazia non è infatti d'aiuto, ma può certamente danneggiarti. Ad esempio, ci sono alcuni casi in cui un elicottero della polizia è giunto in un campo nomade, dicendo: “Catturate troppo pesce, e questo vi rende bracconieri.” Possono andare nei campi nomadi e chiedere perché non tengono i loro fucili in una cassaforte, come richiesto dalla legislazione russa. Pur essendo allevatori di renne.

Nessuno vi toccherà se vi fate i fatti vostri, ma se alzate la voce, potreste ritrovarvi nei guai.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.