chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Camerun affronta l'emergenza da COVID-19 durante la guerra separatista e con un sistema sanitario debole

Un giovane batterista cammina per le strade di Yaoundé, Camerun, indossando una mascherina durante la pandemia di COVID-19, 14 marzo 2020.

Leggi la copertura speciale di Global Voices sull’ impatto globale del COVID-19 [it].

Il Camerun ha registrato il primo caso [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di COVID-19 lo scorso 6 marzo. Il recente virus di portata pandemica è giunto nel Paese tramite un cittadino francese che viaggiava dalla Francia.

A distanza di un mese, il numero di contagi è salito a 730, di cui si registrano 60 guariti e 10 morti: in data 9 aprile 2020, il Camerun dichiara il più alto numero di casi di COVID-19 in Africa occidentale.

Lo scorso 17 marzo il Camerun aveva chiuso le frontiere e vietato i raduni di oltre 50 persone per due settimane, estendendo tale operazione qualche giorno fa. Tuttavia, sussistono preoccupazioni riguardo alle modalità relativamente superficiali con le quali il problema del virus viene gestito, a causa dell'instabilità del sistema sanitario e di una guerra separatista in corso sul confine occidentale.

‘Il coronavirus è per i bianchi’

Nel quartiere commerciale di Yaoundé, la capitale, spunta un gigantesco tabellone a LED che riporta: “Se sei malato, resta a casa e indossa una mascherina chirurgica in presenza di altre persone” . Sembra però che questo messaggio non sia piaciuto ai residenti di Yaoundé.

Un grande cartello a LED invita Yaoundé e la popolazione camerunese a rimanere a casa durante la pandemia di COVID-19. Foto a cura di Ekonde Daniel, utilizzata previa autorizzazione.

“Abbiamo ricevuto notizia di numerose morti in Italia e in Spagna”, ha raccontato a Global Voices Abel Mbock, un venditore ambulante di Yaoundé, il 29 marzo scorso. “Ma da noi la cosa non sembra essere grave, perché la gente cammina liberamente per le strade e fa tutto quello che vuole. E credo anche che i nostri ospedali siano più efficienti”, ha commentato.

Nel frattempo, Marou Souaibou, seduto in un caffè locale, era ancora completamente all'oscuro della gravità della COVID-19. “Il Coronavirus è per i bianchi. Non mi riguarda in alcun modo perché qui, in Africa, il nostro sistema immunitario è più forte”, ha spiegato a Global Voices lo scorso 29 marzo.

Di contro, coloro che sono entrati nel Paese da nazioni densamente affette sono stati accusati di aver avuto rapporti sessuali con prostitute durante la quarantena, mentre altri sono sfuggiti al processo di isolamento — comportamenti che il governo ha definito responsabili dell'aumento del numero di casi.

Tuttavia, la maggioranza delle persone ha iniziato ad adattarsi alla realtà del virus nel momento in cui il numero di casi e di decessi aumenta in Camerun:

CAMEROON has the highest number of COVID-19 cases in West and Central Africa. What really happened? Is it due to Administrative recklessness? Failure to close the borders on time? Refusal to Lockdown? Failure to test the high and mighty who came from abroad? We shall conquer! pic.twitter.com/o5vP2x3K07

— Agbor Nkongho (@AgborNkonghoF) April 5, 2020

La guerra separatista nelle regioni anglofone

SOCADEF (Southern Cameroon Defense Force) è uno dei gruppi che combattono per l'indipendenza nelle regioni anglofone del Camerun e ha accettato la richiesta di una tregua da parte delle Nazioni Unite affinché le persone possano essere sottoposte al test per il coronavirus.

Pagina 2 della dichiarazione di impegno delle forze di difesa del Camerun meridionale per una tregua in risposta alla crisi da COVID-19.

In una dichiarazione del 25 marzo scorso, SOCADEF, guidata dal Dr. Ebenezer Akwanga, ha riconosciuto “l'appello urgente delle Nazioni Unite per consentire un'azione concertata a livello mondiale contro l'imminente pandemia da Coronavirus.”

La sospensione temporanea delle ostilità che durerà 14 giorni è entrata in vigore domenica 29 marzo.

Sebbene altri gruppi ribelli non abbiano accolto l'appello di Antonio Guterres, il gesto compiuto da SOCADEF è comunque positivo, secondo quanto affermato dall'avvocato per i diritti umani Agbor Felix Nkongho lo scorso 26 marzo a Global Voices.

“Presumo che se si combatte davvero nell'interesse di un popolo — ha dichiarato per telefono l'avvocato Nkongho — rimane esseziale individuare un metodo per sottoporre le persone al test e per evitare che si trasmetta [il virus], adesso che ci troviamo davanti a una pandemia.”

E continua affermando che “Le persone non possono vivere senza avere disinfettanti per le mani, sapone e acqua. Ritengo che una tregua sia la scelta migliore al momento.”

Un sistema sanitario debole

Il 21 gennaio del 2020 le Nazioni Unite hanno riferito che 679.000 persone che hanno abbandonato i rispettivi villaggi necessitano di cure mediche, dal momento che oltre il 40% dei centri sanitari è diminuito a seguito delle rivolte avvenute nelle regioni travagliate.

Lo scorso 24 marzo, Global Voices ha intervistato il Dr. Ebongo Zacchaeus, responsabile della sanità della zona, il quale ha confermato che tre persone sono già risultate positive nella regione del sud-ovest, una tra le più in difficoltà. Pertanto, il numero complessivo di persone positive è salito a quattro solo in quella regione.

Il Dr. Ebongo ha inoltre aggiunto che i campioni dei test del coronavirus possono essere confermati solo a Yaoundé, dove è disponibile un centro di analisi adeguato.

“Dovete inviarli [i test] a Yaoundé: questa è la prassi attuale. L'intero Paese deve spedirli [i test] a Yaoundé”, ha spiegato il dottor Ebongo a Global Voices.

Il governo ha annunciato che istituirà altri centri di sperimentazione a Douala e Bafoussam, città che hanno pazienti affetti da COVID-19, anche se si teme che la diffusione non conceda loro il margine di manovra per procedere in tal senso.

Le autorità della regione sudoccidentale hanno vietato alla popolazione di riunirsi nei ristoranti e nei punti di ristoro nel tentativo di contenere la diffusione del coronavirus. Questo, insieme al coprifuoco delle 18:00 del governo a livello nazionale, ha portato al licenziamento di molte persone nel settore informale.

Un centro commerciale ha chiuso intorno alle 17.00 presso l'ambasciata francese a Yaoundé, Camerun, in seguito ai provvedimenti adottati per la COVID-19 per chiudere al più tardi entro le 18.00. Foto a cura di Ekonde Daniel, utilizzata previa autorizzazione.

Ngando Boris è un barista di Buea, la sede regionale della zona sud occidentale.

“Non ricevo lo stipendio da un mese ormai, da quando il governo ha vietato l'apertura dei locali pubblici a partire dalle 18:00. Il datore di lavoro ci ha mandato a casa perché non possiamo lavorare la sera. Sopravvivo soltanto con i miei risparmi al momento”, ha commentato telefonicamente a Global Voices il 4 aprile scorso.

“Dopo la crisi [separatista], ora c'è il coronavirus. Ancora peggio!”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.