chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il frutto di palma rossa prospera in Costa d'Avorio nonostante la scarsità a livello nazionale

La venditrice ivoriana Koffe Pauline e la sua famiglia vendono olio di palma rossa insieme a frutta e verdura fresca come la radice della manioca, l'ananas e la papaya al mercato di Faya in Abidjan, Costa d'Avorio.

La Costa d'Avorio ha recentemente annunciato un progetto per triplicare la produzione di olio di palma, senza mettere a repentaglio le foreste autoctone. Il progetto, tuttavia, “sembra irrealizzabile” per le basse rese e la diminuzione dei terreni, come riporta [en, come i link seguenti] un articolo del 2019 di Radio Francia Internazionale (RFI).

“Il vecchio modello non è più sostenibile,” dice Siaka Coulibaly, un rappresentante del ministero dell'agricoltura ivoriano. “Non possiamo più produrre in modo estensivo come prima, dobbiamo assicurare che le piantagioni esistenti producano di più in una superficie minore, anche se questo significa recuperare vecchie terre incolte,” ha detto Coulibaly a RFI.

La cosiddetta “sauce graine” è una delle salse più popolari in Costa D'Avorio, preparata con l'olio di palma rossa, 22 ottobre 2014, di Aboukam via Wikimedia Commons, CC BY 2.0.

Nonostante il commercio globale di olio di palma raffinato, l'albero di palma rossa originario proviene dalle foreste dell'Africa occidentale. In questa regione, che comprende la Costa d'Avorio, molte persone utilizzano ancora l'olio di palma rosso non raffinato, più nutriente, nella cucina ivoriana, proprio come facevano i loro antenati.

Utilizzando le presse manuali o un semplice mortaio e pestello, le donne ivoriane battono il frutto oleoso e scarlatto, poi impiegano l'olio rosso brillante per cucinare.

A casa, le donne estraggono i succhi e l'olio per preparare una salsa ricca e fruttata, chiamata sauce graine. Questa salsa oleosa mantiene intatti i succhi nutritivi, gli antiossidanti e gli oli del frutto per il pasto.

La costa d'Avorio si colloca all’ 11° posto nel mondo per la produzione di olio di palma raffinato, riferisce Indexmundi. È la seconda maggiore produttrice fra le nazioni africane, dopo la Nigeria. Circa il 75% dell'olio della Costa d'Avorio è consumato all'interno del Paese, il resto è venduto alle nazioni limitrofe, riferisce RFI. Fra la domanda localizzata per il frutto di palma rossa e l'industria commerciale, l'industria dell'olio di palma impiega quasi il 10% della popolazione nazionale.

In viaggio nella Costa d'Avorio, Jeslyn Lemke di Global Voices ha parlato con le donne che vendono l'olio di palma rossa e, inoltre, con le persone che utilizzano l'olio di palma rossa per fare il sapone, come si vede in questo breve video:

Nei mercati affollati ed estesi, le donne vendono spesso l'olio di palma rossa nelle bancarelle all'aperto, in bottiglie di plastica riciclate. Lemke ha parlato con la venditrice ivoriana Koffe Pauline e la sua famiglia, che vendono olio di palma rossa insieme a frutta e verdura fresca, come la radice della manioca, l'ananas e la papaya, al mercato di Faya in Abidjan.

Pauline, come altri venditori al mercato, vende l'olio schiacciato manualmente per l'equivalente di 1 o 2 dollari USA, a seconda della quantità. Diversamente dall'olio di palma dorato, più raffinato, l'olio di palma rossa ha un sapore robusto, simile al pomodoro, ed è ricco di vitamina B e carotenoidi, la stessa sostanza arancione che si trova nel salmone e nelle carote.

Lemke ha visitato anche una struttura di lunga data, che produce sapone. Ubicata al di fuori di Divo, in Costa d'Avorio, produce kaba-kuru, un sapone realizzato con l'olio di palma rossa e talvolta il burro di cacao. Le sfere di vigoroso sapone di colore giallo brillante sono utilizzate dalle ivoriane specificatamente per lavare la biancheria e sono anche vendute alle limitrofe nazioni africane di Burkina Faso e Nigeria.

Le donne preparano il sapone utilizzando l'olio della palma rossa, a Divo, Costa d'Avorio. Screenshot da video di Jeslyn Lemke.

Qui le donne misurano le quantità di idrossido di potassio liquido e olio di palma rossa. Gli operai miscelano i due liquidi, che saponificano in una densa pasta gialla. Poi rotolano la pasta in sfere, quando è ancora liquida. Infine le impilano a seccare con l'altro sapone. Il sapone grezzo è abbastanza intenso per lavare la biancheria, ma troppo intenso per usarlo sulla pelle.

Ironicamente, la Costa d'Avorio sta vivendo una carenza di olio di palma e importa molto di questo olio dalle nazioni asiatiche, che sono leader mondiali nella produzione di olio di palma.

GroIntelligence, una piattaforma agricola, descrive l'industria globale dell'olio di palma come un ” ‘tiro alla fune di proporzioni globali”:

On the one hand, the practical benefits offered by palm oil have become a ubiquitous part of the lives of consumers; and the industry has helped pull many out of poverty. On the other hand, palm oil producers, in many cases, are leaving environmental devastation in their wake.

Da un lato, i benefici pratici offerti dall'olio di palma sono diventati una parte onnipresente della nostra vita di consumatori; e l'industria ha aiutato molti a uscire dalla povertà. Dall'altro lato, i produttori di olio di palma, in molti casi, stanno lasciando dietro di sé una devastazione ambientale.

Eppure, in Costa d'Avorio, l'utilizzo dell'olio di palma rossa non raffinato nella cucina ivoriana e la produzione di sapone kaba-kuru continuano a prosperare.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.