chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le maschere tradizionali del Carnevale di Trinidad e Tobago offrono alle donne la libera espressione della sessualità

In centro, la sessuologa Onika Henry, circondata da donne travestite da Jab Molassie, una delle maschere del Carnevale. Foto gentilmente concessa da Henry.

Scopri la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

Nel tentativo di impedire la diffusione del COVID19 Trinidad e Tobago chiuderà i confini [it] alla mezzanotte del 17 marzo 2020 e il Carnevale di tre settimane è un ricordo di tempi più liberi. Le celebrazioni annuali per il Carnevale, che culminano nella parata in strada il lunedì e il venerdì prima del Mercoledì delle Ceneri, sono una tradizione fortemente radicata che permette ai partecipanti di riconnettersi con la propria storia, la propria cultura e se stessi.

In un articolo per il Caribbean Beat [en, come tutti i link successivi, salvo diverse indicazioni], Attillah Springer descrive la rivolta di Canboulay – rappresentati ogni anno con il Kambule – come radice del J'Ouvert, il rituale che può essere liberamente tradotto come “l'inizio del giorno” che annuncia l'inizio ufficiale del Carnevale. Springer scrive:

[…We] know the idea that Canboulay is a French Creole version of cannes brulées — the burning of the canes. But we also know that the scholarship of historian Maureen Warner-Lewis cites kambule as a Kikongo word meaning ‘procession.’ We reflect on the conflation of the two terms: the idea of the burned cane as a symbol of plantation life and death, and the idea of the early morning procession that became J’Ouvert, in which the ex-enslaved would recount the horrors of that time, while protesting against current injustices. And still in the midst of all that shrieking pain and profanity, they would find time for ritual.

Conosciamo la teoria per la quale Canbulay sia la versione in creolo francese di “cannes brulées” –  canne bruciate. Ma sappiamo anche che la ricercatrice di storia Maureen Warner-Lewis indica il kambule come una parola kikongo che significa “processione”. Riflettiamo sulla combinazione di queste due parole: l'idea delle canne da zucchero bruciate come simbolo della vita e della morte nella piantagione e l'idea della processione al mattino presto che diventa J'Ouvert, nel quale un ex-schiavo racconta gli orrori di quel tempo mentre protesta contro le ingiustizie di oggi. E ancora, in mezzo a tutto questo dolore lancinante e profanità, trovavano tempo per il rituale.

L'idea del rituale e dell'esprimere se stessi ha affascinato la sessuologa Onika Henry, che ha studiato le modalità attraverso le quali le donne possono esprimere e esplorare la loro sessualità attraverso i personaggi della tradizionale mascherata di Carnevale. Come sessuologa e professionista delle arti drammatiche, il carnevale è il naturale punto di intersezione di quelle due aree di interesse. Lei ha studiato, osservato e anche tenuto un TEDxPortofSpain Talk sul reclamare l'identità sessuale attraverso al Carnevale.

Henry ha iniziato a esplorare il Carnevale come forma di terapia quando ha saputo di una donna che ha usato la maschera di Jab Molassies [diavolo di melassa], anche conosciuto come Molasses or Tar Devil, come modo per esprimere la rabbia e le emozioni provate dopo essere stata vittima di una violenza sessuale; su questo l'argomento continuano gli studi di Henry.

Jab Molassies, uno dei personaggi più minaccioso del Carnevale con il suo tridente affilato e i movimenti pieni di forza, hanno dato alla donna “uno spazio”  – mette in luce Henry – ” per allontanare il trauma dal suo corpo ma anche per muovere il suo corpo ovunque lei voglia”.

Parlando al telefono con Global Voices, Henry ha affermato che questa forma di terapia non è limitata a particolari personagi. “Esseri umani e sesso sono molto complessi, quindi ognuno può trovare sollievo attraverso il personaggio che parla di loro”. Ad esempio, il popolare Midnight Robber può dare alle persone uno spazio sicuro in cui analizzare il proprio lato maschile.

Dall'altro lato c'è Dame Lorraine. Inizialmente, era un modo per prendere in giro le mogli dei proprietari di piantagioni: il costume esagera vistosamente il concetto di fisicità femminile, enfatizzando l'enorme seno e il sedere prosperoso. Secondo Henry, questo personaggio può essere usato in molti modi, anche per esplorare i ruoli di genere. Curiosamente, spesso gli uomini interpretano la Dames Lorraine, per avere la possibilità di capire non solo come le donne vedono il mondo – ma soprattutto come il mondo vede loro.

Siccome spesso i personaggi del Carnevale sono mascherati, con facce coperte di pittura, fango, o con costumi, le mascherate sono un'ottima modo per rappresentare il personaggio scelto, mentre si resta anonimi. Nelle società caraibiche, la sessualità femminile è un argomento di cui discutere in privato – ironico, considerato che durante il Carnevale mostrare il proprio corpo è motivo di orgoglio. Allo stesso momento, comunque, la sessualità è un argomento complesso – intricato, personale e legato alle convenzioni sociali.

A Trinidad e Tobago, la mancanza di programmi di educazione sessuale [it] a scuola favorisce la mancanza di comprensione del corpo e verso il sesso intero. La religione è un altro fattore, molti gruppi religiosi propongono un approccio basato sull'astinenza. Henry, comunque, ha fiducia nel fatto che il Carnevale possa aiutare il paese a sviluppare relazioni salutari con la sessualità e la sensualità. Come il Carnevale,  questo processo richiede di tornare alle radici del paese.

Henry parla di studi che mostrano come per la popolazione originaria di Trinidad e Tobago, come per le culture dell'Africa e dell'India, c'era un sistema meno rigido e binario per quel che riguardava la vita, il sesso, il genere e il lavoro. Un sistema culturale drasticamente modificato dalla colonizzazione, quando i valori eurocentrici furono imposti con la forza alle popolazioni indigene e poi, agli schiavi e i lavoratori a contratto.

La colonizzazione ha cercato di soffocare la maggioranza di queste tradizioni e credenze, ma il Carnevale – questo bastione della mascherata e dell'espressione di sè – ha superato creativamente la sfida. Henry spiega:

[It] became a way of [our ancestors] keeping their beliefs and allowing them to embody those practices without being disciplined for it.

Diventò un modo per [i nostri antenati] di mantenere le loro credenze e che permetteva loro di mettere in atto quelle pratiche senza essere puniti per questo.

Le restrizioni verso le persone colonizzate riguardano anche le aspettative verso il comportamento delle donne. Mentre queste si sono naturalmente evolute nel tempo, ai giorni nostri Trinidad e Tobago ha ancora “regole e ruoli”, dice Henry. Il Carnevale, dunque, è un modo per le donne di sfidare queste aspettative.

Questo può spiegare la popolarità dei succinti costumi di Carnevale? Henry crede che questa sia solo una lente attraverso cui leggere il fenomeno del Carnevale e alla partecipazione delle donne.

In my opinion, because women — for so many centuries — have been told what to wear, or told if they show too much skin that they are ‘less than,’ Carnival is a way for them to reject that and say, ‘No! I can wear what I want, be who I want and still be valuable.’

Secondo me, siccome alle donne  – per molti secoli – è stato detto cosa indossare o è stato detto che se mostravano troppa pelle erano “meno delle altre” il Carnevale è un modo per loro di rifiutare questo e dire “No! Posso indossare cosa voglio, essere chi voglio e avere comunque valore.”

Le donne hanno il potere di scegliere il loro costume di Carnevale, dice lei. Decidono come vogliono rappresentare il proprio corpo con un travestimento:

Near-nakedness is a costume in and of itself; [it] becomes the costume. Accepting and loving the body and saying, ‘This is what I look like and that doesn't mean I don't deserve pleasure or that somehow, I should be denied the right to move how I want and express myself how I want for these two days out of the 365 days of the year.’

La quasi-nudità è un costume, diventa un costume. Accettare e amare il proprio corpo e dire “Questo è come sembro e non significa che non meriti piacere o che in qualche modo, mi possa essere negato il diritto a muovermi come voglio e di esprimere me stessa come voglio per questi due giorni,come non avviene nel resto dell'anno”.

Secondo Henry, le donne possono imparare da alcuni elementi essenziali della tradizione del Carnevale e implementarli nella vita quotidiana e creare spazi in cui essere se stesse e sfidare i taboo.

Per creare questo spazio, dice lei, è necessario semplicemente replicare lo “spazio sicuro” che il Carnevale crea per l'espressione del piacere e della sessualità delle donne. La chiave, comunque, è non dedicarsi immediatamente a situazioni sessuali.

Rather, make your daily walk one that is pleasure-based, one that accepts the body in whatever state it is.

In ogni caso, fate la vostra passeggiata quotidiane incentrata sul piacere, sull'accettazione del corpo, comunque si presenti.

Questo può essere fatto in modi semplici, dall'assaporare la texture e il sapore di un pezzo di cioccolata al comprare vestiti con tessuti che senti bene sul corpo.

Come per i taboo, Henry afferma che questo è il lavoro del Carnevale. Sfidare le gerarchie e le convenzioni sociali, la visione del sesso e del genere, qualunque costrizione imposta da norme religiose o sociali,  è un modo per usare lo spirito del Carnevale per avere un approccio differente alle cose. Utilizzare lo spirito della mascherata nella vita quotidiana dice Hery, “è un modo per liberarci a differenti livelli”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.