- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Rifugiati nei campi dell'Etiopia preoccupati per privacy ed esclusione dalla nuova registrazione digitale dell'UNHCR

Categorie: Africa sub-sahariana, Etiopia, Citizen Media, Diritti umani, Disastri, Governance, Guerra & conflitti, Idee, Interventi umanitari, Istruzione, Migrazioni, Protesta, Rifugiati, Sviluppo, Tecnologia

Le persone sfollate a causa della siccità in Somalia arrivano al campo di Dolo Ado in Etiopia, paese confinante, e fanno la fila per essere registrate dalle organizzazioni umanitarie che gestiscono il campo. Foto del Dipartimento per lo sviluppo internazionale nel Regno Unito su Flickr CC BY 2.0.

Nota del direttore: questo pezzo è stato scritto da Tesfa-Alem Tekle, giornalista e ricercatore residente in Etiopia. Fa parte della nostra serie sui sistemi di ID digitale, prodotta in collaborazione con The Engine Room. Visita il microsito Digital ID  [1][en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] per leggere un rapporto di ricerca [2] completo su questa tendenza globale e casi studio su cinque paesi che hanno applicato sistemi di ID digitale, tra cui l’Etiopia [3].

Nel 2010, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha annunciato [4] ufficialmente un nuovo programma di identificazione digitale (ID) per i rifugiati.

Il nuovo programma, noto come Sistema Biometrico di Gestione Identità (BIMS) [5], è stato successivamente introdotto in dozzine di paesi – inclusa l'Etiopia – nel 2017.

La registrazione biometrica consente ai rifugiati di assicurarsi un documento di identità digitale che permette loro di accedere a una serie di diritti e servizi di assistenza. Sebbene gli ID digitali abbiano potenziali benefici in termini di incoraggiamento della risposta umanitaria, il loro uso ha sollevato preoccupazioni in merito alla privacy e all'esclusione tra i rifugiati.

L'ufficio dell'UNHCR in Etiopia ha spiegato a Global Voices durante un'intervista che il sistema BIMS è una caratteristica addizionale alla registrazione dei rifugiati, che mira a migliorare il profiling dei rifugiati, nonché a raccogliere informazioni per agevolare l'autonomia e l'eventuale inclusione.

“Il sistema è stato integrato nel processo completo di registrazione individuale per garantire l'integrità e la qualità dei dati”, ha affermato Kisut Gebregzabiher, portavoce dell'UNHCR in Etiopia.

This is vital for refugees, as the government-recognized identity documentation can constitute proof of legal identity, which is key for the legal, socio-economic and digital inclusion of refugees within host communities. … The system also removes the risk of multiple registrations or identity theft.

Tutto ciò è vitale per i rifugiati, poiché una documentazione di identità riconosciuta dal governo può costituire una prova dell'identità legale, che è la chiave per l'inclusione legale, socio-economica e digitale dei rifugiati all'interno delle comunità ospitanti. … Questo sistema elimina anche il rischio di registrazioni multiple o furto d’identità.

Il BIMS è attualmente applicato in tutti i 26 campi profughi in Etiopia, oltre ad alcuni centri urbani e di altro tipo in cui sono protetti i rifugiati.

Preoccupazioni sulla privacy

Diversi rifugiati nel campo Jewi, situato nella regione occidentale della Gambella e nel campo Hitsats, nella regione settentrionale del Tigray, hanno raccontato a Global Voices che lo staff dell'UNHCR non ha mai menzionato gli svantaggi della tecnologia biometrica.

Il processo di registrazione digitale è in grado di salvare molteplici caratteristiche tra cui le impronte digitali, il riconoscimento dell'iride, la struttura facciale e la voce. Il processo, pertanto, ha sollevato preoccupazioni tra i rifugiati sulla violazione della privacy (nel momento in cui i dati sono condivisi con terzi) e sull'esclusione dai servizi di prima necessità in caso di rifiuto.

Quando la tecnologia fu introdotta per la prima volta, la maggior parte dei rifugiati non era a conoscenza dei potenziali rischi della registrazione digitale fino a quando alcune persone, le più istruite nei campi, non hanno iniziato a parlare delle ripercussioni.

Un rifugiato sud sudanese nel campo Jewi, che non ha voluto rivelare il suo nome a causa di preoccupazioni per la sua sicurezza, ha riferito a Global Voices di essere stato informato sulla registrazione biometrica senza alcuna spiegazione da parte delle autorità del campo riguardo questi rischi.

La registrazione digitale potrebbe portare a gravi ripercussioni per quei rifugiati che non vogliono che le loro informazioni siano condivise con il loro paese ospitante o paese di origine per timori di discriminazione, rimpatrio forzato o ritorsioni, hanno detto alcuni rifugiati a Global Voices.

Nel campo di Hitsat, i rifugiati eritrei che erano nell'esercito temono che il governo etiope possa condividere i loro dati con il governo eritreo.

I rifugiati eritrei si sono preoccupati in particolare dopo il recente riavvicinamento [6] di Etiopia ed Eritrea, le quali hanno ristabilito i legami diplomatici nel luglio 2018, ponendo fine a due decenni di ostilità. I due stati hanno combattuto una sanguinosa guerra di frontiera dal 1998 al 2000, che ha ucciso circa 70.000 [7] persone.

Secondo quanto riferito, i dati biometrici e personali raccolti dall'UNHCR sono condivisi con terzi, affermazione che Gebregzabiher, il funzionario dell'UNHCR, ha respinto: “I dati sui rifugiati non sono condivisi con soggetti esterni. Le politiche di protezione dei dati dell'UNHCR controllano la protezione su tutti i dati di proprietà dell'UNHCR.

Ciò che rende ulteriormente rischiosa la registrazione dell'ID digitale è il fatto che l'Etiopia non ha leggi specificamente progettate per affrontare i problemi di privacy e protezione dei dati – ad eccezione di alcune normative  [8]contenute in diversi atti legislativi che garantiscono il diritto alla privacy.

“L'UNHCR deve rispettare i diritti di ogni persona che si sottopone al processo di registrazione”, ha detto un rifugiato eritreo a Global Voices, sottolineando anche la necessità di “capire perché vengono raccolti i dati biometrici e come verranno utilizzati, nonché i potenziali rischi.”

Gebregzabiher, il portavoce dell'UNHCR in Etiopia, ha negato le affermazioni dei rifugiati. Ha riferito a Global Voices che ai rifugiati vengono fornite spiegazioni sui “benefici e le implicazioni” del nuovo sistema prima di iniziare l'operazione. Quando Global Voices ha chiesto a Gebregzabiher di chiarire cosa intendesse per “implicazioni”, ha dichiarato: “gli svantaggi nel non applicare il sistema digitale”.

“È stato chiarito ai rifugiati che uno standard più elevato di registrazione significa migliore protezione, programmazione più mirata, maggiore integrità dei dati e protezione dalla frode dei dati”, ha dichiarato Gebregzabiher a Global Voices.

I rifugiati che hanno parlato con Global Voices hanno affermato che nei campi sta aumentando la frustrazione per i potenziali rischi dell'ID digitale e, di conseguenza, c'è un crescente disprezzo verso l’impopolare sistema di identificazione digitale. Nel campo di Hitsats un rifugiato, che ha chiesto rimanere anonimo, ha dichiarato:

At first, we had no knowledge of the risks of recognition. Most of us completed the biometric registration out of honesty and due to the trust we have for UNHCR and Ethiopia.

Inizialmente, non eravamo a conoscenza dei rischi del riconoscimento. Molti di noi hanno completato la registrazione biometrica fidandosi dell’onestà e grazie alla fiducia che abbiamo per l'UNHCR e l'Etiopia.

Questa persona ha riferito a Global Voices che non gli è stato chiesto il consenso prima della raccolta dei dati biometrici.

Un altro rifugiato, anche lui ha chiesto l'anonimato preoccupato per la sua sicurezza, ha dichiarato:

The registration process doesn’t embrace consent. Being asked for consent is seen as a luxury right. We get registered as a means of force because we don’t have any other option to get food or protection.

Il processo di registrazione non comprende il consenso. Chiedere il consenso è visto come un lusso. Ci registriamo sotto l’uso della forza, perché non abbiamo altre opzioni per ottenere cibo o protezione.

‘Un obbligo di sopravvivenza ‘

Ai rifugiati è stato detto che coloro che rifiutano di partecipare alla registrazione digitale sono esclusi dal ricevere aiuti dell'UNHCR come razioni alimentari o qualsiasi altra assistenza, sostanzialmente non viene data loro altra scelta se non quella di sottostare al processo.

Diversi rifugiati nei campi di Hitsats e Jewi, che sono stati contattati telefonicamente da Global Voices, hanno affermato di non sentirsi a proprio agio con il sistema di registrazione digitale appena introdotto e ne mettono in discussione i vantaggi.

Un ex soldato eritreo, che ha chiesto di rimanere anonimo per preoccupazioni riguardo la sua sicurezza, ha riferito:

Unlike what the UNHCR staff is saying, the new digital registration system didn’t initiate any new special benefits package. We are getting the same usual assistance like food rations and other non-food items we used to get. … I doubt if the new system would at all bring any extra aid benefits.

A differenza di quanto afferma lo staff dell'UNHCR, il nuovo sistema di registrazione digitale non ha avviato alcun nuovo pacchetto di vantaggi speciali. Stiamo ricevendo la stessa solita assistenza di prima, come razioni alimentari e altri articoli non alimentari. … dubito che il nuovo sistema apporterà vantaggi in termini di ulteriori aiuti.

Per una rifugiata eritrea, madre di una persona che ha richiesto l'anonimato, l'obbligo della registrazione digitale è visto come un prerequisito per ricevere i servizi di base dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati:

It is appalling to see UNHCR using digital registration as an obligation for survival. … I felt like I was held hostage for food and shelter by the one UN agency trusted to lean on.

È scioccante vedere che l'UNHCR utilizza la registrazione digitale come obbligo per la sopravvivenza. … Mi sentivo di essere tenuta in ostaggio per cibo e riparo dall'unica agenzia delle Nazioni Unite degna di fiducia.

Gebregzabiher, il portavoce dell'UNHCR, ha evidenziato che non ha ancora visto nessuno rifiutare la registrazione.

“Il lancio del procedimento è stato preceduto da una massiccia campagna di sensibilizzazione in modo che i rifugiati abbiano una corretta comprensione dei benefici del nuovo sistema di registrazione e collaborino con gli esperti che la effettuano. Come tale, non vi è stata alcuna resistenza da parte dei rifugiati”, ha detto Gebregzabiher.

Tuttavia, i rifugiati con cui Global Voices ha parlato in Etiopia hanno affermato che diverse persone, che si sono rifiutate di registrarsi, hanno dovuto lasciare i campi.

Un rifugiato sud sudanese, che desiderava rimanere anonimo, ha affermato che “la maggior parte di coloro che rifiutano la registrazione devono lasciare il campo dal momento che è stato detto loro di andarsene. Alcuni rimangono parzialmente nel campo, altri si sono integrati nelle comunità ospitanti in Gambella, mentre altri sono dovuti tornare in Sud Sudan.”

Global Voices ha inoltre appreso che nel campo profughi di Jewi, anche i seguaci di alcuni gruppi cristiani come i protestanti, la chiesa ebraica messianica di Dio e la congregazione di Yawuhe, hanno rifiutato il processo di registrazione per motivi religiosi.