chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Anche con una legge, i comuni di San Paolo non soddisfano il diritto dei cittadini di accedere alle informazioni

Nonostante la legge, i comuni non rispondono in modo affidabile alle richieste di informazioni inviate dai cittadini | Immagine: Fellipe Vendite/Agência Mural

Questa storia è stata scritta da Paulo Talarico e Priscila Pacheco. È pubblicata qui attraverso una partnership di contenuti tra Global Voices e Agência Mural.

Il sito web del municipio [pt, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di Diadema, una città dell'area della Grande San Paolo, sembra avere trasparenza sui dati pubblici. Ma è solo l'apparenza.

Quando si accede alla pagina, viene visualizzato un avviso che invita i residenti a partecipare alla discussione sul piano guida del comune. Sulla scheda del governo o vicino al piè di pagina si trova il Portale della Trasparenza, uno strumento online per aumentare la trasparenza fiscale del governo federale brasiliano.

Lì puoi trovare la pagine LAI (Diritto di accesso alle informazioni) – una legge creata nel 2011, che regola l'accesso dei cittadini brasiliani alle informazioni pubbliche. L'Agência Mural ha presentato il 9 agosto una richiesta sull'attuazione dei dati del piano di gestione del sindaco di Diadema, Lauro Michels, rieletto nel 2017. La risposta era prevista per il 29 agosto. Quasi tre mesi dopo, non si ha ancora una risposta. 

La mancanza di trasparenza di Diadema non è un caso isolato ed è la realtà per i residenti di quasi la metà della regione metropolitana di San Paolo [it]. L'Agência Mural ha richiesto dati sui piani target di tutti i 39 comuni della Grande San Paolo – 17 hanno ignorato le richieste. 

La legislazione stabilisce che tutte le agenzie pubbliche in Brasile sono obbligate a divulgare le informazioni se richiesto da qualsiasi residente (tranne quando le informazioni sono classificate come segrete). Ma la legge è spesso violata dai comuni. La situazione è particolarmente grave in regioni popolose come la Grande San Paolo, dove vivono 21 milioni di abitanti (il 10% della popolazione brasiliana).

In alcuni casi non sono state trovate nemmeno le pagine per la presentazione delle richieste di informazioni, mentre in altri non è stato possibile ricorrere in appello se non si è data risposta alla richiesta. Entrambi sono obblighi delle amministrazioni comunali secondo la LAI.

Il report ha fatto una richiesta per posta per i comuni che non avevano una piattaforma elettronica | Foto: Anderson Meneseses/Agência Mural

Trasparenza promessa

Affermare di essere trasparenti è un tratto distintivo dei candidati alle elezioni brasiliane, ma questo cambia quando i politici prendono il potere.

Quando si è candidato sindaco nel 2016, Marcus Melo, il sindaco di Mogi das Cruzes, ha fatto un punto sul suo piano di governo notando che lui avrebbe “ampliato gli strumenti di trasparenza e di controllo sociale della pubblica amministrazione”. Tre anni dopo, questa non è la realtà.

Con 400 mila abitanti e un budget di 1,6 miliardi di BRL (circa 300 dollari) all'anno, il comune non ha ancora una pagina facilmente accessibile  Non trovando l'e-SIC (il modulo per le richieste online), abbiamo inviato una richiesta via lettera. Il comune ci ha contattato e ci ha detto che aveva bisogno di un documento personale e di un numero di telefono per archiviarlo.

Il documento è stato inviato il 15 agosto. Quattro giorni dopo è stato archiviato. Passati tre mesi non si è ricevuta nessuna risposta. Non c'è modo di ricorrere in appello.

Jamile Santana, 31, co-fondatore della pagina web Painel Jornalismo, ha avuto  problemi di accesso alle informazioni pubbliche. Jamile dice di aver sporto denuncia al pubblico ministero contro Mogi das Cruzes e Guararema, un comune vicino. 

Nell'azione legale contro Mogi, lui ha evidenziato gli ostacoli che ha incontrato nell'e-SIC, tra cui la mancanza di un'opzione di ricorso quando ha presentato, il 12 giugno, una richiesta di accesso all'elenco dei debitori iscritti al debito attivo del comune.

Il governo locale non ha rispettato il termine di 20 giorni e il 3 luglio, senza chiedere una proroga, ha informato Jamile che il Portale per la trasparenza non era l'approccio giusto. Ha dichiarato che la richiesta doveva essere fatta per iscritto e di persona, utilizzando il Protocollo Generale sul sito di presenza. L'azione, tuttavia, è stata accantonata dal Procuratore Generale.

A Guararema, il problema portato davanti alla Procura della Repubblica era che un ricorso era stato valutato dalla stessa persona che aveva respinto la domanda in precedenza. Jamile aveva inviato una richiesta relativa alla ISS (tassa sui servizi) via e-mail e aveva ricevuto una risposta incompleta dal responsabile della sezione finanziaria.

Gli ho chiesto: “Dove posso presentare un ricorso? Ho presentato le argomentazioni lì, ed è stato lo stesso manager che mi aveva assistito la prima volta”, ha detto. Secondo l'articolo 15 della LAI, l'appello deve essere valutato da qualcuno di grado superiore.

Il mancato rispetto del LAI da parte di Mogi das Cruzes è stato rilevato dalla Corte dei conti dello Stato. Nel compito assegnato in agosto 2019, Il consigliere Sidney Beraldo ha elencato cinque tipi di fallimenti. “Sebbene sia stato creato un sistema informativo per i cittadini, non esiste una legislazione comunale che si occupi dell'accesso alle informazioni”, ha detto. Ciononostante, la Corte ha raccomandato di approvare i conti controllati.

Piccoli progressi

Questa mancanza di trasparenza è simile a quella riscontrata da Agencia Mural nel 2018, quando abbiamo identificato almeno 20 comuni che ostacolavano l'accesso alle informazioni pubbliche. All'epoca, la maggior parte di loro non aveva un e-SIC visibile. 

Tuttavia, quella volta, abbiamo scelto di inviare le richieste per lettera ai comuni in cui non abbiamo trovato un sistema o dove c'era un problema che impediva il processo. Tredici lettere sono state inviate per posta.

Di queste, tre città hanno risposto alla richiesta: Suzano, che ha inviato una risposta; Biritiba Mirim, che ha respinto la richiesta, e Mogi, citata su. Gli altri nove comuni hanno semplicemente ignorato le richieste. I problemi di trasparenza vanno oltre i comuni della Grande San Paolo.

A maggio, l'ONG Articolo 19 ha rilasciato un report con i risultati di una valutazione degli e-SIC dei 26 Stati e del Distretto Federale, del Controllore Generale dell'Unione (CGU), del Senato, della Camera dei Deputati, della Corte Suprema Federale (STF) e della Corte Superiore di Giustizia (STJ). 

Nessuna istituzione ha raggiunto il 100 per cento dei criteri definiti, con la CGU che ha ottenuto il punteggio più alto, il 93 per cento, seguita dagli stati di Alagoas e Maranhão, entrambi con l'80 per cento. A Roraima non è stato possibile nemmeno registrarsi, perché il sistema era offline.

Perché non rispettiamo la legge?

Ma cosa porta un comune a non rispettare una legge in vigore da sette anni? Abbiamo chiesto a Fabiano Angélico, esperto di trasparenza pubblica.

Uno dei punti è che i piccoli comuni possono avere difficoltà a stabilire la struttura necessaria. La tecnologia e un team sono necessari per soddisfare la domanda.

Tuttavia, anche i comuni con un budget di quasi 3 miliardi di Real Brasiliani all'anno (circa 580 milioni di dollari), come Barueri, hanno ignorato le richieste dell'Agência Mural. L'ufficio di Rubens Furlannon, hovernato da lui per la quinta volta, non ha risposto alle domande sul LAI.

A volte anche i manager non sono interessati all'argomento. “La volontà politica è inesistente. Sono le persone, le ONG, i giornalisti locali, a far agire il comune”, dice Angélico.

Per lui, più ci sono richieste, più ci sono possibilità che la legge venga utilizzata in modo efficace. “È molto chiaro che gli stati e i comuni non hanno più scuse”, dice.

Egli spiega che ci sono tre modi per richiedere miglioramenti nell'accesso alle informazioni. Il primo è quello di mobilitare l'opinione pubblica, di portare la questione al consiglio comunale affinché i consiglieri comunali denuncino la situazione, o ai media che lavorano in città. Il secondo modo è la pubblica accusa e, infine, la Corte dei conti dello Stato.

Soprattutto nel caso dei giornalisti, si raccomanda di agire insieme, soprattutto nei comuni più piccoli, per motivi di sicurezza. “L'Ordine degli avvocati brasiliani (OAB) che presenta una denuncia per inadempienza, per esempio, può avere più peso presso la pubblica accusa”, ha detto Angélico.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.