chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Gli operatori sanitari in prima linea del Bangladesh si misurano con scarsità di risorse, stigma e restrizioni

Image by fernando zhiminaicela from Pixabay. Used under Pixabay's Free for commercial use license.

Immagine di fernando zhiminaicela su Pixabay. Pubblicato su licenza per uso commerciale di Pixabay's Free

Scopri la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it].

Nel mondo, chi lavora a rischio infezione come dottori, allevatori, negozianti, trasportatori, infermieri, e volontari sta giocando un ruolo significativo nella lotta contro il COVID-19. Nel Bangladesh, come in molti altri paesi, questi lavoratori stanno affrontando situazioni di una difficoltà senza precedenti, e anche diverse critiche [en,come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]:

È l'una del mattino a Dhaka, in #Bangladesh. La notte dopo l'Anno Nuovo del Bangladesh, পহেলা বৈশাখ। Il nostro team di laboratorio è ancora al lavoro, studiando campioni di #COVID19. Sono così fiero di questo gruppo affiatato, ma anche spaventato. Sentimenti davvero contrastanti. Ho il cuore in pena, notte e giorno.

Il Bangladesh è in lockdown dal 26 marzo, e ha registrato un significativo incremento dei positivi in seguito al potenziamento delle strutture per i test — il paese ha 2144 positivi, e ha registrato 84 vittime mentre si scrive. Ma ci sono preoccupazioni su come vengano effettuati i test, nonchè sulla sicurezza di chi lavora nella sanità. Molte strutture per i test non sono dotate di risorse basilari e a molti infermieri manca il training necessario.

È stato segnalato che l'ospedale della scuola medica di Mymensingh ha 6 ventilatori. Gran parte dei 61 ospedali del Bangladesh non hanno ventilatori, e mancano di dottori specializzati e infermieri. La ragione è https://t.co/LjkLm1tLe5 paziente COVID sarà curato.

Il 15 aprile, Il Bangledesh ha pianto la morte del primo dottore che stava curando pazienti affetti da COVID-19. Attualmente, più di 65 dottori e centinaia di infermieri ed altri addetti alla sanità sono in quarantena in Bangladesh dopo essere stati a contatto con pazienti infetti e soggetti asintomatici. 40 di loro sono risultati positivi al COVID-19.

Stando a un articolo del Deutsche Well, molti dottori sono rimasti a casa durante il lockdown e pazienti con altre condizioni hanno avuto difficoltà a ricevere un trattamento.

C'è anche crescente ricerca di dottori professionisti sui social media. Il Bangladesh ne ha circa uno ogni 1847 cittadini, e le strutture sanitarie nelle aree rurali non sono attrezzate come quelle nei centri urbani.

Dal 7 marzo, quando sono stati scoperti i primi tre casi di COVID-19 del paese, gli addetti alla sanità hanno espresso preoccupazioni sulla carenza di adeguato equipaggiamento di protezione personale, che li espone a un rischio molto alto qualora in contatto con pazienti di COVID-19, anche asintomatici.

Spero che il governo del Bangladesh si accorgerà dell'importanza dell'equipaggiamento di protezione personale per dottori e altri addetti alla sanità, che ne capiscano il ruolo e il rischio che corrono, e smettano di metterli in pericolo. Rispetto per i dottori, quelli che hanno perso la vita e quelli che stanno lottando per metterci al sicuro.

Sei impiegati dell'Istituto di Epidemiologia, Controllo delle Malattie e Ricerca (IEDRC) sono risultati positivi al COVID-19, e tutti i lavoratori dell'istituto, direttore compreso, sono stati messi in quarantena. Altrove nel paese, ci sono state testimonianze di addetti alla sanità mandati in quarantena nel proprio domicilio, e anche dubbi sull'attuabilità ed efficacia delle quarantene in casa in un paese come il Bangladesh.

Il 7 aprile, il primo ministro Sheikh Hasina ha criticato dottori che non si sono presentati al lavoro durante la pandemia, dicendo che “hanno tutti una responsabilità da onorare”. L'11 aprile, la Direzione generale dei servizi sanitari (DGHS) ha sospeso sei dottori del Kuwait-Bangladesh Maitree Hospital, uno degli ospedali adibiti al trattamento di pazienti affetti da COVID-19, accusandone la “negligenza”. Pare che alcuni di loro abbiano rifiutato il trattamento di pazienti infetti, mentre altri non si sono presentati al lavoro.

Nel frattempo in #Bangladesh la direzione della salute ha sospeso 6 dottori, dicendo che saranno aperte delle inchieste contro di loro per non aver trattato pazienti di #COVID19! É un momento difficile ma possiamo davvero costringere i dottori, preoccupati per la loro salute, a trattare i pazienti?

Un dottore è stato anche arrestato per aver condiviso un file audio con voci sul nuovo coronavirus sui social media.

Oltre alla carenza di risorse, alle difficoltá vissute da dottori e pazienti si è aggiunto lo stigma contro il COVID-19. La nazione è sotto shock per le storie di chi si è visto negato l'accesso al quartiere di residenza o di chi è stato cacciato di casa e abbandonato dalla famiglia. In alcune zone del paese, i residenti hanno contestato la costruzione di ospedali d'emeregenza per il COVID-19 nelle loro vicinanze, temendo che il contagio si diffondesse nelle loro comunità.

Un utente di Facebook ha condiviso quanto segue [bn]:

ছোট বোন করোনায় আক্রান্ত,এ ক'দিন উর্দ্ধতন কতৃপক্ষের পরামর্শে হোম কোয়ারান্টাইনে ছিল।উপজেলা কমপ্লেক্সে সাসপেক্টেড কোভিড-১৯ রোগীর স্যাম্পল কালেকশন করতে গিয়ে সম্ভবত এক্সপোজড হয়,পরবর্তীতে রোগীর পজিটিভ আসে।সকালে এ খবর পাওয়ার পর থেকে পুরো পরিবার আল্লাহর কাছে সবর দিয়ে আছি,উনিই ফয়সালার মালিক। আপাতত তেমন শারীরিক অসুবিধা বোধ করছেনা,ওর হাজবেন্ডের (চিকিৎসক) স্যাম্পল ও কালেক্ট করে নিয়ে গেছে,ডিসি স্যার,সিভিল সার্জন মহোদয়ের পরামর্শে সে বাসায় থাকতে চেয়েছিল কিন্তু সম্ভব হয়নি, পিপিই পরা লোকজনের আনাগোনা দেখে সম্মানিত এলাকাবাসী লাঠিসোঁটা নিয়ে তাদের অভুক্ত অবস্থায় বাসা থেকে বের হয়ে যেতে বাধ্য করলো। আফসোস নাই, এমনি হওয়ার কথা ছিল, তাই-না?

Mia sorella minore ha contratto il COVID-19, ed è rimasta in quarantena a casa, in linea con le indicazioni delle autorità. Deve essere stata esposta al virus mentre raccoglieva dei campioni da un paziente nell'Upazila Complex. Il paziente era positivo. Ora come ora, non hanno sintomi fisici, il campione di suo marito è stato a sua volta raccolto per essere testato per il COVID-19. Nel vedere gente in equipaggiamento di protezione personale, i vicini hanno cacciato la coppia. Doveva davvero andare cosí?

Un'iniziativa che dovrebbe incoraggiare gli addetti alla sanità è il nuovo programma di assicurazione per impiegati governativi, tra cui dottori, infermieri e agenti di polizia impegnati nella battaglia contro il COVID-19, che é stato annunciato dal primo minitro il 13 Aprile. Sotto questo programma, chi lavora a contatto con l'epidemia sarà coperto da 500.000 taka (5400 euro) fino a 1 milione di taka (10.900 euro), a seconda della sua qualifica, e fino al quintuplo in caso di morte.

Il governo ha anche prenotato delle stanze d'albergo per dottori ed infermiere perché non espongano i membri delle loro famiglie al virus.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.