chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Hong Kong rivela l'agenda della città per costruire una “verità” orwelliana

Sullo sfondo la conferenza stampa del governo di Hong Kong sul rapporto dell'IPCC. Immagine della reporter di RTHK Yvonne Tong dal suo profilo Twitter.

La Independent Police Complaints Council (IPCC) di Hong Kong, un'organizzazione nominata dal governo senza potere investigativo per convocare i testimoni, ha rilasciato il 15 maggio scorso un report [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] sulle denunce pubbliche contro la polizia durante le proteste in tutta la città iniziate lo scorso giugno. Il rapporto di 999 pagine conclude che gli agenti di polizia hanno agito generalmente secondo le linee guida, ma c'era uno “spazio per migliorare”.

Clifford Stott, un esperto britannico di ricerca antisommossa che ha lasciato il gruppo di esperti stranieri dell'IPCC lo scorso dicembre, ha suggerito che lo sfondo della conferenza stampa in cui è stata condivisa la relazione, facesse parte di una spinta più ampia volta a trasmettere un messaggio particolare:

Sembrerebbe che la pubblicazione del rapporto dell'IPCC faccia parte di una più ampia serie di annunci coordinati volti a fornire la nuova “verità”.

Le proteste su larga scala [it] sono cominciate a giugno 2019 e avevano come obiettivo quello di chiedere al governo di Hong Kong di ritirare una legge sull'estradizione che consentisse il trasferimento dei fuggitivi nella Cina continentale. Il governo si è rifiutato di respingere la legge, anche dopo che il 9 giugno un milione di manifestanti sono scesi in piazza. Tre giorni dopo, migliaia di manifestanti hanno bloccato le strade [it] che circondano il Consiglio legislativo e la polizia antisommossa ha sparato colpi di gas lacrimogeni sui manifestanti pacifici.

La repressione della polizia ha portato a massicce proteste il 16 giugno, con due milioni di persone che chiedevano all'amministratore delegato Carrie Lam di dimettersi. Volevano anche la rimozione dell'etichetta “antisommossa” che era stata attribuita alle proteste del 12 giugno.

Il rinvio per il ritiro del disegno di legge ha portato a molteplici scontri tra polizia e manifestanti. Tra gli appelli alla democrazia, un'indagine indipendente sull'uso della forza da parte della polizia è emersa come una richiesta importante.

“Un occultamento sconvolgente”

Tuttavia, il governo si è rifiutato di istituire un organo investigativo indipendente, insistendo invece affinché l'inefficiente IPCC esamini il comportamento della polizia. Tutte le informazioni che l'IPCC riceve sono fornite dall'autorità della polizia. Alla fine, Carrie Lam ha accettato di nominare un team di esperti stranieri per assistere alla revisione dell'IPCC.

Nella loro relazione sullo stato di avanzamento rilasciata lo scorso dicembre, questi esperti hanno concluso che “un deficit cruciale era evidente nei poteri e nella capacità investigativa indipendente dell'IPCC”. Il team è stato dopo sciolto.

Il presente rapporto non ha affrontato alcun caso individuale di violenza da parte della polizia. Piuttosto, passa in rassegna la risposta della polizia in sei importanti incidenti di protesta, tra cui l’attacco della mafia Yuen Long mob il 21 luglio, in cui i manifestanti e i passeggeri della metropolitana sono stati picchiati da una folla filo-pechinese. Non c'è stata alcuna presenza della polizia nei punti in cui la folla, con i bastoni in mano, si è radunata fuori dalla stazione della metropolitana, facendo credere al grande pubblico che ci fosse collusione.

Il report dell'IPCC ammette che ci sono state “carenze nello spiegamento della polizia e in altre azioni di polizia in risposta agli eventi”, ma ha sottolineato che non c'erano prove di collusione con i criminali “nonostante i nostri migliori sforzi nella ricerca di fonti pubblicamente disponibili”. Ha aggiunto che la percezione pubblica della polizia si basava su dei “malintesi”.

La polizia di Hong Kong ha accusato i media di creare idee sbagliate sull'autorità di polizia. A marzo, il commissario di polizia Chris Tang ha presentato un reclamo all'Autorità per le comunicazioni contro il programma satirico “Headliner” della Radio Televisione di Hong Kong, sostenendo che stava minando il lavoro della polizia ed erodendo l'ordine pubblico.

L'emittente pubblica ha dovuto affrontare un'enorme pressione dopo le nuove indagini sull'attentato alla Yuen Long Mob, e ha dimostrato che la polizia di Yuen Long era consapevole del violento incidente, ma non è intervenuta. Nel rapporto, l'IPCC ha fornito 52 raccomandazioni incidente per incidente, la maggior parte delle quali riguardava il miglioramento delle relazioni pubbliche, delle strutture e del personale delle forze di polizia.

Benedict Rogers, di Hong Kong Watch, con sede a Londra, ha criticato il rapporto come “occultato” e chiedeva un maggiore intervento internazionale:

The Independent Police Complaints Council’s report is a shocking whitewash which shows that there is no viable mechanism in Hong Kong to ensure accountability either for police brutality or police complicity with violence by criminal thugs. With rights groups reporting incidents of torture in detention and routine excessive use of force, it is now time for the international community to establish an independent inquiry, to hold the perpetrators of violations of human rights in Hong Kong to account. The introduction of targeted Magnitsky sanctions on those responsible for such violations should then be considered.

Il rapporto dell'Independent Police Complaints Council è una scioccante calce che dimostra che a Hong Kong non esiste un meccanismo praticabile per garantire la responsabilità sia per la brutalità della polizia che per la complicità della polizia con la violenza dei criminali. Con i gruppi per i diritti umani che denunciano episodi di tortura durante la detenzione e l'uso eccessivo della forza, è giunto il momento che la comunità internazionale istituisca un'inchiesta indipendente, per agire contro i responsabili delle violazioni dei diritti umani a Hong Kong. Si dovrebbe poi considerare l'introduzione di sanzioni Magnitsky mirate nei confronti dei responsabili di tali violazioni.

Le leggi Magnitsky consentono l'imposizione di sanzioni ai trasgressori dei diritti umani.

Anche la legislatrice di Hong Kong favorevole alla democrazia Claudia Mo ha chiuso il rapporto:

The report is not just superficial. It’s hollow. It has recollected some government information services handout. It’s all part of the establishment speak. It’s [the] Ministry of Truth à la George Orwell’s 1984.

Il rapporto non è solo superficiale. È vuoto. Ha raccolto l'aiuto finanziario di alcuni servizi di informazione del governo. Fa tutto parte del discorso dell'istituzione. È il Ministero della Verità, quasi come in 1984 di George Orwell.

In effetti, la questione della “verità” è politicamente significativa: il rapporto dà la colpa alle informazioni online per aver distrutto l'immagine della polizia, aprendo la strada alla repressione della libertà di parola:

[Many complaints are] blatant propaganda with little or no factual basis, aimed at smearing the Police Force and impeding police officers from performing their duty to maintain law and order.

[Molte lamentele sono] propaganda sfacciata con poca o nessuna base fattuale, volta a diffamare le forze di polizia e a impedire agli agenti di polizia di adempiere al loro dovere di mantenere la legge e l'ordine.

‘La verità riguardo Hong Kong’

In piedi davanti alla conferenza stampa che proclama “La verità riguardo Hong Kong”, Carrie Lam ha annunciato che la polizia può ottenere più poteri per monitorare i social media e affrontare “informazioni false e maliziose” e i “pettegolezzi”.A questo suggerimento, Clifford Stott si è dichiarato:

Senza parole!

In vista della pubblicazione del rapporto dell'IPCC, i gruppi politici filo-pechinesi hanno lanciato due campagne di sensibilizzazione per limitare la libertà di stampa e la libertà di informazione della città.

Il 13 maggio l'Alleanza democratica per il miglioramento e il progresso di Hong Kong, il più grande partito politico di Hong Kong, ha pubblicato una ricerca secondo la quale il 70,9% e il 61,6% degli intervistati, rispettivamente, ritiene che la criminalità giovanile sia una “notizia falsa” ed un “falso allarme” e ha esortato [zh] che ci dovrebbe essere una legislazione contro la diffusione della disinformazione online.

Il 14 maggio, il gruppo civico pro-istituzionale Civic Force ha inscenato una protesta all'esterno della Associazione dei giornalisti di Hong Kong, chiedendo l’applicazione di una licenza per i giornalisti rilasciata dal governo [zh].

Sia la legge sui pettegolezzi online che il sistema di licenze per i giornalisti sono in vigore nella Cina continentale. La nuova “verità” di Hong Kong è che si sta allineando con il sistema “Una Cina” [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.