chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I maliani sono arrivati al secondo turno delle elezioni legislative nonostante la pandemia del COVID-19

Screenshot di France 24 su YouTube.

Il 19 aprile, il Mali ha tenuto il secondo turno delle elezioni legislative nonostante le minacce jihadiste e le incertezze legate alla pandemia del COVID-19.

Dopo aver votato al primo turno il 29 marzo, i maliani si sono recati alle urne per un secondo turno per rinnovare i membri del loro parlamento eletti nel 2013. La legislatura quinquennale doveva terminare nel 2018. Tuttavia, le elezioni sono state rinviate due volte. Nell'ultimo rinvio, il giornalista maliano Kané Illa lo spiega [fr, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]in un biglietto dell'agenzia Anadolu:

Le gouvernement a expliqué ces reports par la grève des magistrats -entamée depuis plus de deux mois en contestation des conditions financières et de travail, qui “a empêché l'acquisition par les candidats de certains documents nécessaires pour postuler aux législatives”.

Dans une déclaration publiée le 26 septembre dernier, l’opposition malienne avait demandé le report des législatives, soutenant “qu’aucune élection régulière, transparente et démocratique ne peut être organisée sans la correction de graves insuffisances et la mise à plat du système de fraude organisée, qui a marqué la dernière élection présidentielle“ .

Il governo ha spiegato questi rinvii con lo sciopero dei magistrati, che dura da più di due mesi, contestando le condizioni finanziarie e lavorative, che “hanno impedito ai candidati di acquisire alcuni documenti necessari per candidarsi alle elezioni legislative”.

In un comunicato del 26 settembre, l'opposizione maliana ha chiesto il rinvio delle elezioni legislative, sostenendo che “non si possono tenere elezioni regolari, trasparenti e democratiche senza correggere gravi carenze e porre fine al sistema di frode organizzati, che ha segnato l'ultima elezione presidenziale“.

Secondo gli osservatori locali, le elezioni si sono svolte in modo corretto, integrando le nuove misure di salute pubblica relative alla pandemia del COVID-19. Alla data del 26 aprile sono stati registrati [it] 370 casi di COVID-19 fra cui 21 morti.

Drissa Traoré, Presidente della Coalizione per l'osservazione delle elezioni dei cittadini del Mali (COCEM), una piattaforma di organizzazioni della società civile, lo ha dichiarato in una conferenza stampa per fare un bilancio dei risultati iniziali il giorno stesso delle elezioni, il 19 aprile 2020:

Les observateurs de la Cocem ont constaté le renforcement des mesures préventives contre la propagation de COVID-19 par le gouvernement telle que la mise à disposition du gel, gants et des masques pour les agents électoraux et des électeurs dans certaines localités, des unités de lavage des mains dans certains centres de vote. Cependant, des telles mesures auraient pu être effectives dans tous les centres et bureaux de vote, tel que recommandé par la Cocem dans sa déclaration préliminaire du premier tour…

Et il ressort pour l’instant que 95% de bureaux de vote observés ont ouvert à l'heure (avant 8h15) et 5% des bureaux observés ont ouvert entre 8h15 et 9h30.

Gli osservatori del Cocem hanno notato il rafforzamento delle misure preventive contro la diffusione di COVID-19 da parte del governo, come la fornitura di gel, guanti e maschere per gli agenti elettorali e gli elettori in alcune località, unità di lavaggio mani in alcuni centri elettorali. Tuttavia, tali misure avrebbero potuto essere efficaci in tutti i centri e i seggi elettorali, come raccomandato dal Cocem nella sua dichiarazione preliminare del primo turno.

E finora sembra che il 95% dei seggi osservati abbia aperto in orario (prima delle 8.15) e il 5% dei seggi osservati abbia aperto tra le 8.15 e le 9.30.

A seguito di queste elezioni, Ibrahima Sangho, capo della missione di osservazione elettorale (EOM) e capo della Sinergia delle organizzazioni della società civile, tra gli altri, ha tenuto una conferenza stampa sullo svolgimento di queste elezioni. La dichiarazione principale è inclusa in un articolo:

Selon la Synergie des organisations de la société civile et de la CNDH (Commission nationale des droits de l’homme), le taux de participation global à la clôture était de 23,22%. En outre, la mission a noté que 53,87% des votants étaient des femmes.

Secondo la Synergy of Civil Society Organizations e la CNDH (National Human Rights Commission), il tasso di partecipazione complessivo alla chiusura è stato del 23,22%. Inoltre, la missione ha notato che il 53,87% degli elettori erano donne.

Queste organizzazioni della società civile avevano dispiegato più di 1.200 osservatori nei 55 distretti elettorali.

In ogni caso, i tassi forniti da Boubacar Alpha Bah, Ministro dell'Amministrazione del Territorio e del Decentramento, sono diversi:

Le 19 avril, très peu d’électeurs ont effectué le déplacement dans les centres de vote pour élire leurs députés : 2.363.827 votants sur les 6.691.305 inscrits, 2.311.920 suffrages valablement exprimés, soit un taux de participation de 35,33%. Ces chiffres ont été communiqués, hier, par le ministre de l’Administration territoriale et de la Décentralisation, Boubacar Alpha Bah. Les résultats seront soumis à la Cour constitutionnelle qui a le dernier mot. Si cette institution valide les résultats compilés par le ministère de l’Administration territoriale et de la Décentralisation, l’Assemblée nationale ne changera pas fondamentalement de configuration.

Il 19 aprile pochissimi elettori si sono recati ai seggi per eleggere i loro deputati: 2.363.827 su 6.691.305 iscritti, 2.311.920 voti validi, ovvero un'affluenza alle urne del 35,33%. Questi dati sono stati comunicati ieri dal ministro dell'Amministrazione territoriale e del decentramento, Boubacar Alpha Bah. I risultati saranno presentati alla corte costituzionale, che ha l'ultima parola. Se questa istituzione convalida i risultati compilati dal Ministero dell'Amministrazione Territoriale e del Decentramento, l'Assemblea Nazionale non cambierà fondamentalmente la sua configurazione.

Il tasso fornito dal Ministro è più vicino ai tassi di partecipazione legislativa del 2013 del 37,24%, e quella del secondo turno delle elezioni presidenziali, che si sono svolte il 12 agosto 2018, che erano del 34,54 % [it].

Secondo il giornalista Abdoulaye Ouattara, la corte costituzionale ha già convalidato i risultati del 1° round del 9 aprile 2020 :

Au terme de son audience, la Cour a déclaré 22 députés élus dès le premier tour dans 11 circonscriptions électorales. Les 125 autres sièges seront attribués à l’issue du second prévu pour le 19 avril 2020.

Al termine dell'udienza, la Corte ha dichiarato 22 deputati eletti al primo turno in 11 circoscrizioni. I restanti 125 posti saranno assegnati dopo il secondo turno, previsto per il 19 aprile 2020.

Queste elezioni si sono svolte in condizioni particolari perché da un lato ci sono i massacri degli abitanti dei villaggi e dei membri delle forze armate maliane da parte dei gruppi jihadisti si stanno imponendo in vaste aree del Paese, e dall'altro ci sono i vincoli imposti dal governo per contrastare l'aumento della COVID-19.

K. Richard Kouassi, redattore del sito web Afrique Sur 7 ricorda gli ultimi attacchi mortali da parte dei jihadisti che hanno subito un pesante tributo:

Le Mali connaît actuellement un moment douloureux. Et pour cause, le lundi 6 avril 2020, le pays a subi une attaque perpétrée par des djihadistes. Selon l'AFP (Agence France presse), le bilan fait état de vingt soldats tués par les assaillants…

Vingt et neuf soldats maliens avaient été tués et cinq autres ont subi des blessures, avaient annoncé les Forces armées maliennes dans un communiqué. Cette attaque était la plus meurtrière qu'a connue le Mali en quatre mois.

Depuis près de dix ans, le pays est sous la menace de groupes armés qui endeuillent les populations et causent d'énormes pertes dans l'armée malienne.

Il Mali sta attraversando un periodo doloroso. E per un buon motivo: lunedì 6 aprile 2020, il Paese ha subito un attacco perpetrato da dei jihadisti. Secondo l'AFP (Agence France Presse), il bilancio mostra venti soldati uccisi dagli assalitori …

“Ventinove soldati maliani sono stati uccisi e altri cinque feriti”, ha detto l'esercito maliano in una dichiarazione. “L'attacco è stato il più mortale in Mali degli ultimi quattro mesi.”

Per quasi dieci anni il Paese è stato minacciato da gruppi armati che hanno fatto sprofondare la popolazione nel lutto e causato enormi perdite nell'esercito maliano.

Citando una fonte del progetto sui dati relativi alla localizzazione e agli eventi dei conflitti armati, il sito independant-mali.net fa sapere che:

Détérioration de la situation sécuritaire dans le nord et le centre du Pays: Plus de 1000 morts dont plus de 300 civils depuis janvier 2020

La révélation a été faite par ACLED [Armed Conflict Location & Event Data Project], une organisation non gouvernementale spécialisée dans la collecte, l’analyse et la cartographie des données de conflit. Selon cette organisation, malgré la propagation du COVID-19, l’intensité des violences armées au Mali n’a pas baissé d’un cran. Parmi les victimes qui en paient le plus lourd tribut figurent les civils, essentiellement dans les régions dites du Centre.

Il peggioramento della situazione della sicurezza nel nord e nel centro del Paese: oltre 1000 morti, tra cui più di 300 civili dal gennaio 2020.

La rivelazione è stata fatta da ACLED (Armed Conflict Location & Event Data Project), un'organizzazione non governativa specializzata nella raccolta, analisi e mappatura dei dati sui conflitti. Secondo questa organizzazione, nonostante la diffusione del COVID-19, l'intensità della violenza armata in Mali non è scesa di una tacca. Tra le vittime che pagano il prezzo più alto ci sono i civili, soprattutto nelle cosiddette regioni del Centro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.