chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il COVID-19 crea più incertezza per i lavoratori migranti in India

A highway in Karnataka, India. Image via Pxfuel.com. Used under a Creative Commons Zero - CC0 license.

Un autostrada a Karnataka, India. Immagine tramite Pxfuel.com. Utilizzato su licenza di Creative Commons Zero – CC0 .

Dai un'occhiata alla copertura speciale di Global voices sull'impatto globale di COVID-19 [it].

C'è un silenzio inquietante per le strade di Delhi, mentre la capitale solitamente indaffarata dell'India rimane chiusa. Dal 24 marzo le attività commerciali sono state chiuse, i cantieri sono stati abbandonati e le società di edilizia abitativa hanno chiuso le porte a tutti tranne che ai residenti.

Il COVID-19 ha fermato il paese creando maggiore incertezza per la popolazione già vulnerabile [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] dei lavoratori migranti interni e delle loro famiglie.

@ VijaytaL e io abbiamo camminato lungo la Yamuna a Delhi e abbiamo trovato centinaia e centinaia di lavoratori migranti che giacevano abbandonati e affamati.

Nessun cibo servito per due giorni, dicono.

Questo, a 10 km dagli uffici del primo ministro indiano e del primo ministro di Delhi.

I settori dell’ industria edile, manifatturiera, commerciale, dei trasporti e dell'ospitalità sono i principali datori di lavoro dei lavoratori migranti. Molti lavorano anche come aiutanti domestici, tuttofare e venditori ambulanti. Questi lavoratori di solito finiscono nell'economia informale, guadagnando 2 dollari in una buona giornata.

Dopo il COVID-19, la loro situazione è peggiorata. Privi di case e cibo, molti di loro sono stati costretti a rifugiarsi nei campi di soccorso gestiti dal governo. Il Kerala, finora, ha il maggior numero di campi di soccorso gestiti dal governo per i lavoratori migranti (15.541 dei 22.567 in tutta l'India), seguiti da Uttar Pradesh (2230), Maharashtra (1135) e Tamil Nadu (175).Tuttavia, i campi e i rifugi governativi sono solo soluzioni temporanee ai campi esistenti, il governo ha dato l'ordine di istituire campi di soccorso supplementari per prevenire l'esodo di massa dei lavoratori migranti dalle città ai villaggi.

In un'intervista con Global Voices, Aarti, che vive in una delle società abitative di Delhi, ha condiviso che il suo collaboratore domestico di 46 anni, Shaila, un migrante di Calcutta, l'ha chiamata due volte per sapere se può riprendere a lavorare. Sfortunatamente, gli aiutanti domestici non sono più ammessi all'interno della società abitativa.

La storia di Shaila è riecheggiata nelle storie di molti dei 45 milioni di lavoratori migranti in diverse parti dell'India. Vivendo lontano dalle loro case, i lavoratori migranti si trovano tra l'incudine e il martello, senza lavoro e senza possibilità di tornare ai loro villaggi. L'Uttar Pradesh rimane l'unico stato che ha organizzato il trasporto a Delhi per i lavoratori migranti da portare a casa. Tuttavia, la paura che i migranti di ritorno diffondano ulteriormente il virus ha portato il governo centrale a prendere una posizione più rigorosa sui viaggi da uno stato all'altro, lasciando un gran numero di lavoratori bloccati in varie parti dell'India. Una Controversia di interesse pubblico (PIL) è stata presentata da Jagdeesh S. Chokkar, ex direttore dell’Indian Institute of Management Ahmedabad per consentire ai lavoratori di tornare a casa.

L'UP è autorizzato a inviare 300 autobus a Kota per riportare indietro i suoi studenti nel mezzo del blocco.l Gujarat è autorizzato a riportare a Guj 800 pellegrini bloccati a Hardwar durante il blocco. Ma i lavoratori migranti bloccati senza lavoro, denaro e cibo non possono tornare indietro!

Il governo indiano ha presentato un piano di ripresa economica da 23 miliardi di dollari che coprirà circa 800 milioni di persone nei prossimi tre mesi. Il pacchetto comprende 5 kg di grano o riso a persona ogni mese, una bombola di gas al mese per le famiglie povere e alcuni sussidi in denaro; tuttavia, questi probabilmente non raggiungeranno molti lavoratori migranti che sono lontani dai loro indirizzi registrati. Inoltre, oltre 100 milioni di persone sono probabilmente escluse dall'iscrizione al sistema di distribuzione pubblica (PDS) perché il numero statale di persone ammissibili per le derrate alimentari sovvenzionate non è stato aggiornato per riflettere l'aumento della popolazione. Secondo il National Food Security Act (NFSA), l'assegnazione per stato è ancora calcolata sui dati del censimento del 2011.

Il #lockdown ha causato una grave crisi nella vita dei #migrantworkers. Mentre il governo ha annunciato alcune misure di sostegno per i lavoratori migranti, non hanno ancora raggiunto il pubblico a causa di deficit nella loro attuazione. #COVID

Sintonizzati sul nostro ep per saperne di più. @ayesha_minhaz

Neeta Lal sul The Diplomat critica la risposta del governo alla crisi e spiega perché molti lavoratori migranti stanno tornando a casa:

Social distancing doesn’t work without social security. And as state governments and urban municipal bodies have evidently failed to take care of them, going back to their villages, even on foot, is their only option.

Il distanziamento sociale non funziona senza previdenza sociale. E poiché i governi statali e gli enti municipali urbani hanno evidentemente fallito nel prendersi cura di loro, tornare ai loro villaggi, anche a piedi, è la loro unica opzione.

Lasciati senza scelta, un gran numero di lavoratori e le loro famiglie hanno percorso enormi distanze per raggiungere le loro case. L'esodo di massa dei lavoratori di Delhi e Mumbai, due degli Stati che ricevono il maggior numero di lavoratori, ha rivelato la palpabile paura tra i migranti e le loro famiglie.

Gli ci vollero sette giorni per percorrere quasi 1.700 km, circa 242 km al giorno.

“Ero sicuro che avrei incontrato i fantasmi”, ha detto.”Non ne ho visto neanche uno.”

Una bella storia questa, di @ debabrata2008 e Rudraneil Sengupta.

I dati del Centro per il monitoraggio dell'economia indiana (CMIE) hanno già rivelato un forte aumento della disoccupazione – dall’ 8,45% il 22 marzo al 23,4% il 5 aprile.

Anche se nessuno può dire con assoluta certezza ciò che l'attuale pandemia comporterà per l'economia indiana, l'attuale congettura indica un mondo in cui il futuro dei lavoratori migranti appare più cupo di giorno in giorno.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.