chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Intervista con Afgan Mukhtarli, il giornalista azerbaigiano rapito che ora cammina libero

Leyla Mustafayeva abbraccia suo marito, il giornalista Afgan Mukhtarli, al suo arrivo a Berlino il 17 marzo. Foto (c): European Centre for Press and Media Freedom.

Il 17 marzo, il giornalista azerbaigiano Afgan Mukhtarli è arrivato all'aeroporto di Berlino Schönefeld, dove si è riunito con la moglie e la figlia. Ha scontato quasi tre anni in una prigione azera – metà di una pena di sei anni che era ampiamente considerata motivata politicamente e di ritorsione per le sue notizie investigative.

Il rilascio di Mukhtarli è tanto più significativo a causa delle circostanze scandalose del suo arresto – o meglio, del suo rapimento.

Il 29 maggio 2017 Mukhtarli ha lasciato la sua casa di Tbilisi, capitale Georgiana, per incontrare un amico in una caffetteria. Alle 19:00 ha telefonato a sua moglie, la giornalista Leyla Mustafayeva, per dirle che a breve sarebbe tornato a casa. Ma non vi ha fatto mai ritorno.

Il giornalista Afgan Mukhtarli a Tbilisi. Screenshot da YouTube / Kavkazskiye Novosti.

Invece, Mukhtarli si ritrovò due giorni dopo in una cella di detenzione nella capitale azera di Baku. Ha detto a un avvocato di essere stato catturato da uomini che indossavano uniformi della polizia georgiana che gli hanno riempito le tasche di banconote, lo hanno caricato di peso su di un'auto e lo hanno spinto oltre il confine con l'Azerbaigian, dove è stato arrestato per attraversamento illegale della frontiera e contrabbando di denaro. Il primo ministro georgiano ha negato tutte le accuse secondo cui il suo governo fosse complice negli arresti, ma molti sono rimasti scettici. Negli anni precedenti l'arresto di Mukhtarli, Tbilisi era diventata la dimora di una fiorente comunità di dissidenti politici e giornalisti indipendenti dell'Azerbaigian, attratti dalla relativa libertà di espressione della Georgia.

Ma ora, hanno iniziato a chiedersi chi sarebbe stato il prossimo a scomparire [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], e, dopo tutto, se la Georgia fosse davvero un rifugio sicuro.

Dal 2015 la Georgia è stata un rifugio sicuro per Afgan Mukhtarli. Fu l'anno in cui lui e la sua famiglia lasciarono l'Azerbaigian dopo le molestie a causa del suo giornalismo investigativo. Mukhtarli ha collaborato con MeydanTV, l'organo di stampa indipendente azerbaigiano, e l’Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) su indagini di profilo alto che coinvolgono funzionari statali, a volte persino la famiglia Aliyev, che governa l'Azerbaigian dal 1993. Era una questione destinata a sollevare un polverone.

Ho intervistato Mukhtarli riguardo la sua esperienza e le sue speranze per il futuro. Le sue risposte, date in lingua azerbaigiana, sono state tradotte da sua moglie Leyla Mustafayeva.

Maxim Edwards: Perché pensi che le autorità ti abbiano rilasciato? E perché hanno scelto di farlo ora?

Afgan Mukhtarli: My release was thanks to pressure by members of the Council of Europe (CoE) and the European Parliament. [CoE Commissioner for Human Rights] Dunja Mijatović and [Icelandic politician] Þórhildur Ævarsdóttir even visited me in prison. It was also due to negotiations between the Azerbaijani and German authorities, which began last October. They were very helpful; as I didn't have any documents with me when I was kidnapped and brought to Azerbaijan, the authorities provided me with a passport once these talks had started. The German authorities had granted me a visa last year to reunite with my family, but I was not released at the time; there were multiple court hearings about my case in late 2019. I even heard rumours that [President Ilham] Aliyev was planning to sign a decree pardoning me this March. That also never happened, but I was eventually released a bit later, after the parliamentary elections.

Afgan Mukhtarli: Il mio rilascio è dovuto alle pressioni dei membri del Consiglio d'Europa (CoE) e del Parlamento europeo. [Il Commissario CoE per i diritti umani] Dunja Mijatović e [politico islandese] Þórhildur Ævarsdóttir mi hanno persino fatto visita in prigione. Ciò è dovuto anche ai negoziati tra l'Azerbaigian e le autorità tedesche, iniziati lo scorso ottobre. Sono stati molto utili; dato che non avevo documenti con me quando sono stato rapito e portato in Azerbaigian, le autorità mi hanno fornito un passaporto una volta iniziati i colloqui. L'anno scorso le autorità tedesche mi avevano concesso un visto per ricongiungermi con la mia famiglia, ma all'epoca non ero stato rilasciato; alla fine del 2019 ci sono state numerose udienze giudiziarie sul mio caso. Ho anche sentito voci secondo le quali il [presidente Ilham] Aliyev stava pianificando di firmare un decreto che mi avrebbe perdonato questo marzo. Anche questo non è mai accaduto, ma alla fine sono stato rilasciato poco dopo, dopo le elezioni parlamentari.

ME: Quindi la lezione è che le campagne e la difesa dei media funzionano davvero in queste circostanze?

AM: Sure, the media campaign had a big impact and I'm very grateful. In Georgia there was a lot of noise about it; many media organisations covered the news and campaigned for me. They raised public awareness in the Caucasus and worldwide. But the campaigns, the protests in European countries didn't just trigger my release, they also helped me in other ways. They probably changed the way I was treated in prison. I'm sure that if there had not been any such campaigns, I could have faced a much, much harder time in prison. I hope that this publicity continues, and that it puts pressure on the authorities over how they treat political prisoners in Azerbaijan.

AM: Certo, la campagna mediatica ha avuto un grande impatto e sono molto grato. In Georgia c'era molto fervore; molte organizzazioni mediatiche hanno fatto notizia e una campagna per me. Hanno sensibilizzato l'opinione pubblica nel Caucaso e in tutto il mondo. Ma le campagne, le proteste nei paesi europei non hanno solo innescato la mia liberazione, mi hanno anche aiutato in altri modi. Probabilmente hanno cambiato il modo in cui sono stato trattato in prigione. Sono sicuro che se non ci fossero state campagne del genere, avrei potuto affrontare un periodo molto, molto più difficile in prigione. Spero che questa pubblicità continui e che faccia pressione sulle autorità su come trattano i prigionieri politici in Azerbaigian.

ME: E come descriveresti le condizioni della tua prigionia? Come sei stato trattato?

AM: After I crossed the Georgian border and was handed over to the Azerbaijani authorities, I wasn't tortured. But there were plenty of other restrictions: on phone calls, meetings with relatives, and so on. I wasn't allowed to meet with my mother, brothers, or any other relatives for six months. I didn't have any access to my family, to my wife, for a year. I couldn't contact friends over the telephone. I had several lawyers, but the one I met with most frequently in prison was Nemat Kerimli. His licence to practice law was suspended [in 2018], I think because he was working with me. The deputy chairman of the prison [Emin Eminaliyev] was very aggressive towards Kerimli and confiscated all the documents he had after our meeting in prison. That was a violation of confidentiality between me and my lawyer. I tried to file a complaint to the court, but they refused to even consider it, giving different excuses. [In September 2019, Mukhtarli went on hunger strike in protest at this alleged mistreatment of his lawyer — ed.]

Political prisoners were controlled twice as tightly as the other inmates. We couldn't have books with any political content. When I raised the subject with prison staff they told me that those restrictions had nothing to do with the state penitential service. They said they received theose orders from the presidential administration.

AM: Dopo aver attraversato il confine georgiano ed essere stato consegnato alle autorità azere, non sono stato torturato. Ma c'erano molte altre restrizioni: telefonate, incontri con parenti e così via. Non mi è stato permesso di incontrare mia madre, i miei fratelli o altri parenti per sei mesi. Non ho avuto accesso al contatto con la mia famiglia, con mia moglie, per un anno. Non sono riuscito a contattare gli amici per telefono. Avevo diversi avvocati, ma quello che ho incontrato più frequentemente in prigione era Nemat Kerimli. La sua licenza per esercitare la legge è stata sospesa [nel 2018], penso perché stava lavorando con me. Il vicepresidente della prigione [Emin Eminaliyev] fu molto aggressivo nei confronti di Kerimli e confiscò tutti i documenti che aveva dopo il nostro incontro in prigione. Questa è stata una violazione della riservatezza tra me e il mio avvocato. Ho provato a presentare un reclamo in tribunale, ma hanno rifiutato di considerarlo, dando diverse scuse. [Nel settembre 2019, Mukhtarli ha iniziato lo sciopero della fame per protestare contro questo presunto maltrattamento del suo avvocato].

I prigionieri politici erano controllati due volte più strettamente degli altri detenuti. Non potevamo avere libri con alcun contenuto politico. Quando ho sollevato la questione con il personale penitenziario, mi hanno detto che quelle restrizioni non avevano nulla a che fare con il servizio penitenziale statale. Dissero di aver ricevuto gli ordini dall'amministrazione presidenziale.

ME: Cosa significa il tuo rilascio per le autorità georgiane? Al momento del rapimento, c'erano molte speculazioni su ciò che le autorità georgiane avrebbero potuto sapere al riguardo. Credi che la Georgia sia ancora un luogo sicuro per i dissidenti azerbaigiani?

AM: No, I don't think Georgia is a safe country. Even today, I'm convinced that the Georgian authorities — the chief prosecutor's office, the law enforcement agencies— are just going to repeat the same statements they've made before. They can't do anything else. If they admit that I really was kidnapped in Georgia and handed over to the Azerbaijani authorities illegally, that could result in the resignation of the Georgian government. The ruling party isn't prepared to risk losing its authority over the kidnapping of one journalist. They won't say anything.

I've been free for over a week now. In that time, I've given a lot of interviews to the Georgian media. I've even accused the Georgian side of receiving bribes for my abduction. But nobody from the Georgian authorities has said anything about my release or my comment about bribery. Earlier, the Georgian prosecutor's office made excuses, accusing the Azerbaijani side of refusing to allow them access to me. They said that as they had not been able to question me in prison in Azerbaijan, they were unable to carry out a proper investigation. But now I'm free. And nobody from the Georgian prosecutor's office or law enforcement has contacted me yet regarding my testimony.

AM: No, non credo che la Georgia sia un Paese sicuro. Ancora oggi, sono convinto che le autorità georgiane – la procura, le forze dell'ordine – ripeteranno le stesse dichiarazioni che hanno già fatto. Non possono fare nient'altro. Se ammettono che sono stato davvero rapito in Georgia e consegnato illegalmente alle autorità azerbaigiane, ciò potrebbe comportare le dimissioni del governo georgiano. Il partito al potere non è disposto a rischiare di perdere la propria autorità per il rapimento di un giornalista. Non diranno niente.

Sono libero da più di una settimana ora. In quel periodo, ho rilasciato molte interviste ai media georgiani. Ho persino accusato la parte georgiana di ricevere tangenti per il mio rapimento. Ma nessuno delle autorità georgiane ha detto nulla sulla mia liberazione o sul mio commento sulla corruzione. In precedenza, l'ufficio del procuratore georgiano si è scusato, accusando la parte azera di rifiutarsi di consentire loro l'accesso a me. Dissero che non essendo stati in grado di interrogarmi in prigione in Azerbaigian, non furono in grado di svolgere un'indagine adeguata. Ma ora sono libero. E nessuno della procura o delle forze dell'ordine georgiane mi ha contattato per quanto riguarda la mia testimonianza.

ME: Dal tuo rilascio, ci sono stati già molti profili alti di personaggi dell'opposizione arrestati in Azerbaigian. Alcuni osservatori si chiedono se questo sia l'inizio di un'altra ondata di persecuzioni politiche. Quali sono le tue previsioni?

AM: Oppression of activists and civil society never really relaxed. The authorities are aggressive towards independent and critically minded people in Azerbaijani society. So my release alone doesn't mean that the authorities are going to soften their attitude towards them. Remember that there are still more than 100 political prisoners in Azerbaijan. The political situation in general has been harsh since 1993, but things have deteriorated even more since Ilham Aliyev took power in 2003. It's generally a bad atmosphere for journalists. Around three journalists have been killed in Azerbaijan in recent years: they are Elmar Huseynov, Rasim Aliyev, and Rafiq Tagi.

The blogger Mehman Galandarov was found dead in prison in 2017. I suspect that Galandarov's death was related to my arrest: he was arrested just a month before I was kidnapped. He had also lived in Tbilisi and attended protest rallies in front of the Azerbaijani embassy. One day, he had to return to Azerbaijan for family reasons and was detained once he arrived. Three months later, he was found dead in pre-trial detention. There were other arrests too. The same year, the opposition activist Gozel Bayramli was arrested when she returned to Azerbaijan from Georgia. I suspect that all these arrests were somehow connected and coordinated by the Azerbaijani authorities.

What's next? Before the Nowruz Holiday, Ilham Aliyev gave a speech addressing the political situation in the country and his plans for fighting the coronavirus. The president said that the authorities will fight against the “fifth column.” A few days later, [opposition leader] Tofig Yagublu was detained. I don't think his arrest will be the last. I think there will be more arrests in the months ahead.

AM: L'oppressione ai danni di attivisti e società civile non si è mai veramente rilassata. Le autorità sono aggressive nei confronti delle persone indipendenti e dalla mentalità critica nella società azera. Quindi il mio rilascio da solo non significa che le autorità ammorbidiranno il loro atteggiamento nei loro confronti. Ricorda che ci sono ancora più di 100 prigionieri politici in Azerbaigian. Quindi il mio rilascio non significa che le autorità si ammorbidiranno nei loro confronti. Ricordate che ci sono più di 100 prigionieri politici in Azerbaigian. La situazione politica in generale è stata difficile sin dal 1993, ma le cose sono andate a deteriorarsi anche di più da quando Ilham Aliyev è salito al potere nel 2003. Generalmente è una brutta atmosfera per i giornalisti. Circa tre giornalisti sono stati uccidi in Azerbaijan negli scorsi anni: si tratta di Elmar Huseynov, Rasim Aliyev, and Rafiq Tagi.

Il blogger Mehman Galandarov è stato trovato morto in prigione nel 2017. Sospetto che la morte di Galandarov sia legata al mio arresto: è stato arrestato un mese prima che io fossi rapito. Aveva anche vissuto a Tbilisi e partecipato a manifestazioni di protesta di fronte all'ambasciata azera. Un giorno, dovette tornare in Azerbaigian per motivi familiari e fu arrestato una volta arrivato. Tre mesi dopo, è stato trovato morto in detenzione preventiva. Ci furono anche altri arresti. Lo stesso anno, l'attivista dell'opposizione Gozel Bayramli fu arrestata quando tornò in Azerbaigian dalla Georgia. Sospetto che tutti questi arresti siano stati in qualche modo collegati e coordinati dalle autorità azere.

Cosa ci dobbiamo aspettare? Prima della festa di Nowruz, Ilham Aliyev ha tenuto un discorso [it] sulla situazione politica nel paese e sui suoi piani per combattere il coronavirus. Il presidente ha dichiarato che le autorità combatteranno contro la “quinta colonna”. Pochi giorni dopo, [il leader dell'opposizione] Tofig Yagublu è stato arrestato. Non credo che il suo arresto sarà l'ultimo. Penso che ci saranno più arresti nei prossimi mesi.

ME: Adesso che sei fuori dalla prigione, quali sono i tuoi piani?

AM: I'm going to rest for a while. I'm in a European country right now, so I plan to learn the language and eventually return to my work. Due to my abduction, there were several investigations which I couldn't complete. I hope I can contribute to the democratisation of Azerbaijan.

I may have changed location, but I haven't changed my goals.

AM: Mi riposerò per un po’. Sono in un paese europeo in questo momento, quindi ho intenzione di imparare la lingua e alla fine tornare al mio lavoro. A causa del mio rapimento, ci sono state diverse indagini che non ho potuto completare. Spero di poter contribuire alla democratizzazione dell'Azerbaigian.

Posso aver cambiato posizione, ma non ho cambiato i miei obiettivi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.