chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La cucina dei Caraibi ai tempi del Covid-19

Chana (ceci), fagiolini e “roti” (ibrido di Trinidad di pan naan). Fotografia di Isle Chile, utilizata con autorizzazione.

Guarda la copertura speciale di Global Voices sull’impatto globale del COVID-19 [it]. 

Ogni territorio dei Caraibi ha i suoi propri costumi, peculiarità e tradizioni sociali e culturali. Naturalmente, ciò si estende anche all'ambito culinario.

La Giamaica, per esempio, è conosciuta per la carne allo stile “jerk” [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] o akí e bacalao [es]. Le  Barbados, per i  pesce volanta e “cou cou”, mentre Trinidad e Tobago per il suo “pelau”, shark and bake o per i “doubles”; anche se probabilmente la popolazione caraibica ama qualunque tipo di piatto di qualunque regione. Questo è particolarmente vero per coloro che vivono all'estero, per coloro cui la cucina caraibica gli ricorda casa.

Nel pieno della pandemia del COVID-19, una blogger di Trinidad che vive all'estero ha deciso di utilizzare il tempo del confinamento obbligatorio per essere creativa in cucina. “Senza intenzione di uscire ingiustificatamente – scrive Isle Chile – stiamo cercando di utilizzare gli ingredienti che abbiamo in casa per preparare i nostri piatti”.

Il risultato è una serie di ricette gustose e facili da preparare, spesso accompagnate da anedotti divertenti o riflessioni sui Caraibi, che possono rendere il tempo durante la quarantena un po’ più piacevole. Queste sono alcune delle preferite:

Un piatto molto amato col riso

Una versione del “pelau”, acclamato piatto con riso in Trinidad e Tobago. Fotografia offerta da Isle Chile, utilizzata con autorizzazione.

Questo piatto semplice, che include riso in padella, piselli e carne a discrezione, è estremamente popolare. Isle Chile spiega:

I can’t think of a specific time when Trinis eat pelau. It works any time of year, at any festival or celebration […] It can be stored for the week in the fridge and the staler the pelau, the nicer it tastes, in my opinion.

Non posso pensare in un momento specifico in cui la gente di Trinidad mangiano pelau. Sta bene in ogni momento dell'anno, qualunque festival o celebrazione […] Si può conservare per una settimana nel frigorifero e più tempo passa, più è saporito, secondo me.

Per quanto riguarda il metodo, dice che “il pelau consiste in cucinare tutto insieme”. Inoltre, aggiunge che un paio di cucchiaiate di latte di cocco esaltano il sapore e che questa potrebbe essere la ragione per cui, nella sua versione, il riso non sembra tanto dorato come nel “pelau” tipico. Comunque, l'importante non è quanto sia dorato il riso, ma che il segreto giace nell'incontrare “quel punto giusto nel tempo di cottura quando il piatto non è nè troppo secco nè troppo pastoso”.

“Roti” pronto da mangiare

“Roti” avvolto, piatto di Trinidad che consiste in un tipo di pan naan ripieno con una mix di ingredienti al curry. Fotografia di Isle Chile, utilizzata con autorizzazione.

Anche se la blogger si sente a suo agio cucinando curry, fare “dhalpouri” (le tapas per avvolgere il roti, fatte con farina e piselli tagliati) non è il suo forte. Fortunatamente, si trovano quasi sempre in confenzioni e ne ha incontrate giusto alcune nel frigorifero, cosìcchè un po’ più tardi, i “roti” di pollo e di carne erano pronti da gustare. Scrive:

In Trinidad, my family, like many, would accompany a roti with a red soft drink (pop), sweet drink or as we would call it (cutting off the last letter of the first word) a sofdrink or a sweedrink. Of course, I didn’t have one […] so I got creative and made a cranberry spritzer instead…Look, it red oui [yes], and I was happy to pretend.

A Trinidad, la mia famiglia, come tante altre, accompagnerebbe un roti con una gassosa rossa, una bibita dolce o come la chiameremmo noi in inglese, togliendole l'ultima lettera della prima parola, sofdrink sweedrink. Ovviamente, non ce l'avevo […] quindi ho inventato un po’ e l'ho rimpiazzato con uno spritzer di mirtilli rossi che ho fatto io. Guarda, è rosso, sì; ho finto con allegria.

Il “roti” è talmente popolare a Trinidad e Tobago che esiste un detto: “Non puoi fare tutti felici. Non sei un roti”. In questo modo, Isle Chile riflette: “Secondo me, non c'è niente di più gustoso nè di più speciale di un roti e non esiste modo migliore di dire ‘Ti amo’ di portarmi un roti”.

‘Pranzo domenicale’

Stufato di pollo, fagioli e maccheroni, tipico piatto “domenicale”. Fotografia di Isle Chile, utilizzata con autorizzazione.

Per la maggior parte degli abitanti delle Antille, il concetto di “pranzo della domenica” è un grande evento. Non solo che in generale consiste in una sontuosa cerimonia che implica usare piatti e posate “di lusso”, ma è anche una opportunità per familiari ed amici di passare del tempo insieme. Isle Chile ricorda con molto affetto questa tradizione:

There was nothing like smelling Mummy’s pot on a Sunday and very often, when we were riding our bikes in the neighborhood, the wafting smells from everyone’s Mummy’s pot came together to make your belly growl as you played as you made sure you were close enough to home to hear your mother shout, ‘Come inside for lunch!’ Those were simpler, purely happy times and as I look in my fridge today to pull together my version of Sunday lunch in this time of pandemic, these memories will keep a smile on my face and the love of my birth land […] will flow from my heart, to my hands, to the spoon to the pot and to my family this afternoon. I think I will play a little soca [music] too, to transport me mentally to Trinidad and put me in a cooking mood.

Non c'era niente di meglio che sentire l'odore dei piatti di mamma una domenica, che spesso si fondevano in una sola brezza aromatica con il resto degli odori provenienti dai piatti di altre madri. Mentre andavamo in bicicletta per il quartiere e giocavamo, la pancia grugniva e ti assicuravi di restare abbastanza vicino casa da sentire mamma gridare:”Dentro, che il pranzo è pronto!”. Quei tempi erano puramente semplici e felici. Oggi quando guardo quello che c'è nel mio frigorifero per creare la mia versione migliore del pranzo della domenica ai tempi della pandemia, quei ricordi mi fanno abbozzare un sorriso e l'amore per la mia terra natale […] scorre dal mio cuore, passa per le mie mani e arriva al cucchiaio, alla pentola e alla mia famiglia nel pomeriggio. Credo anche che ascolteró un po’ di soca (musica) per trasportarmi mentalmente a Trinidad ed entrare in uno stato d'animo culinario.

La sua ricetta passo per passo copre tanto la carne come le porzioni di piselli del piatti, così come anche la preparazione dei maccheroni. Secondo suo figlio, lei “getta” entrambi nella cucina. Definitivamente, questo è un piatto da godersi.

Pasta di formaggio fatta in casa

Sandwich di pasta di formaggio, alimento di base dei Caraibi. Fotografia di Isle Chile, utilizzata con autorizzazione.

I preparati di pasta di formaggio, alimento basico dei Caraibi, si possono trovare da tutte le parti, dai sandwich alla pasta sfoglia. Gode di una grande popolarità nelle feste infantili: spesso la gente usa coloranti per alimenti per fare sandwich con molti strati con i colori dell'arcobaleno. In più c'è da dire che i bambini se lo divorano in un batter d'occhio.

Con la voglia di gustare un pasto casalingo, Isle Chile naturalmente optò per il “vecchio e amato sandwich di Trinidad con pasta di formaggio”:

Lately, I find comfort in a cheese paste sandwich on plain, soft, white bread. It is not the best nutrition and so many people look down on white bread but you know, life is short and when you need to comfort yourself while you live a life on lock down you should indulge.

Recentemente, mi sento a mio agio con un sandwich di pasta di formaggio, fatto con pane bianco, morbido e senza aggregati. A livello nutrizionale, non è il meglio; molte persone disprezzano il pane bianco, ma la vita è breve e se hai bisogno di sentirti bene durante il confinamento, dovresti darti al gusto.

La sua ricetta include formaggio cheddar, mostarda, maionese, pepe nero, pepe di cayenna e prezzemolo. Le sue istruzioni finiscono con alcune parole sagge:

Today I made a sandwich that was much more than a sandwich — it was a taste of the pleasure of simplicity. Life is going to get really simple in weeks to come. The spread of the virus will peak. Please stay at home. Make whatever your comfort food is and know that if we could all sacrifice our way of life for a few weeks for the greater good, we will help stop the spread of this virus. […] Find your cheese paste, my friends, because this too shall pass.

Oggi ho fatto un sandwich che è stato molto di più di un semplice sandwich… è stato un morso di piacere della semplicità. La vita sarà realmente semplice nelle prossime settimane. La propagazione del virus arriverà al picco. […] Trovate la vostra pasta di formaggio, amici, perché anche questo passerà.

Per vedere tutte le ricette, entra qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.