chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La storia del rinoceronte in fuga che si aggirava in un bazar del Nepal

Image tweeted by Nepali blogger @janakdangol

Immagine da un tweet del blogger nepalese @janakdangol

Il 30 marzo 2015 un rinoceronte monocorno correva [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] attraverso un affollato mercato e vicino a un ospedale, uccidendo una donna di 61 anni e ferendo molte persone in una cittadina, circa 80 chilometri a sud di Kathmandu, capitale del Nepal.

In Nepal vivono circa 534 dei 3.000 rinoceronti monocorno ancora esistenti nel mondo, minacciati di estinzione. Il Parco Nazionale di Chitwan, distante 48 chilometri da dove è avvenuto l'incidente, ha 503 rinoceronti monocorno.

Il Nepal ha ottenuto un riconoscimento internazionale per le sue attività di tutela e i suoi metodi innovativi per limitare gli attacchi della fauna selvatica. La riserva naturale di Chitwan ha la seconda maggiore popolazione al mondo di questo vulnerabile animale, che pesa in media tra 1.800 e 2.700 chilogrammi. La caccia aveva ridotto la popolazione di rinoceronti monocorno quasi all'estinzione, all'inizio del XX secolo. I rigorosi programmi di conservazione hanno aumentato la popolazione, negli ultimi decenni. Il Nepal ha giocato un ruolo fondamentale nella tutela della fauna selvatica. Tra il 2011 e il 2013 non c'è stato nessun episodio di bracconaggio in Nepal; non è stato ucciso nessun rinoceronte o tigre.

Il sito nepalese di notizie Pahilopost, riportava [nel 2015] che l'animale si aggirava furiosamente attraverso Hetauda, una città di circa 85.000 abitanti. Il rinoceronte era stato avvistato vicino all'ospedale di Hetauda, diventando virale sui social media. La popolazione locale aveva postato foto e video del rinoceronte che correva attraverso il bazar, prima che i principali media riportassero le bravate del rinoceronte.

Rinoceronte in fuga nel Video Hetauda, fornito da Kishan Poudel di Hetauda. #FaunaSelvatica

Il tweet di Kumar Paudel:

Un rinoceronte si aggira furiosamente e terrifica la popolazione, mentre corre attraverso la cittadina di Hetauda #Nepal

Il tweet del giornalista Ujjwal Acharya:

Un altro rinoceronte monocorno crea caos a Hetauda, Nepal, facendo la sua comparsa in un'area densamente popolata. Foto

Su Twitter altre foto del rinoceronte a Hetauda: Ardy Bajracharya

In Nepal avvengono attacchi di fauna selvatica, nelle aree vicine ai parchi nazionali e alle riserve naturali di fauna selvatica. Uno studio del 2008 riporta che 36 tigri hanno ucciso 88 persone tra il 1979 e il 2006 nei dintorni del Parco Nazionale di Chitwan.

Per prevenire gli attacchi, il governo e le organizzazioni ambientaliste hanno istituito campagne di sensibilizzazione per le comunità che vivono vicino alle riserve di fauna selvatica. Fra le misure di sicurezza supplementari, sono stati costruiti recinzioni a energia solare, pali e fossati di cemento intorno alle comunità vulnerabili.

Le comunità vicine alle riserve naturali di fauna selvatica hanno anche iniziato a coltivare menta, una pianta che produce olio di mentolo, e camomilla, sui loro terreni. L'odore di queste piante sembra tenere lontani gli animali selvaggi, quindi un campo di queste colture agisce da recinzione protettiva. L'idea di piantare queste colture è stata riconosciuta come una delle 12 migliori innovazioni mondiali nel Premio internazionale delle sfide mondiali (International World Challenge Award) della BBC nel 2011.

Mentre l'amministrazione locale, i funzionari del parco e i volontari locali erano impegnati nel trasportare il rinoceronte nella riserva naturale, i social media erano zeppi di battute divertenti sull'avventura del rinoceronte.

In un tweet, una persona ha fatto una battuta scherzosa sulla fuga del rinoceronte [ne]:

Perché il rinoceronte è voluto entrare nell'ospedale, come se fosse un dottore?

Il tweet di un altro giornalista, Kriti Bhuju [ne]:

[Sembra che] il rinoceronte sia andato a fare la spesa al bazar di Hetauda, tornerà se tutti i negozi sono chiusi?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.