- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Ripercussioni sulla libertà di espressione in Tunisia durante la battaglia contro il COVID-19

Categorie: Medio Oriente & Nord Africa, Tunisia, Censorship, Citizen Media, Diritti umani, Libertà d'espressione, Media & Giornalismi, COVID-19

Piccioni che occupano la piazza Bab Bhar di solito affollata nella capitale Tunisi, mentre il paese affronta una quarantena generale dal 22 marzo. Foto [1] di: Lost in Tunis blog [2] [Pubblicata con autorizzazione].

Mentre la Tunisia combatte contro il COVID-19, coloro che criticano le misure del governo durante la pandemia, stanno affrontando oppositori che tentano di reprimere la loro voce.

All'inizio di questo mese due blogger sono stati arrestati [3] [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] per aver accusato le autorità locali di corruzione, in relazione alla distribuzione di aiuti. Inoltre un giornalista che ha criticato il Ministro della Sanità è stato ricoperto di insulti online. 

Il blogger e attivista del posto Anis Mabrouki è stato arrestato il 14 aprile 2020, giorno successivo alla condivisione di una live su Facebook che mostrava una folla a Tebourba (30 chilometri a ovest della capitale Tunisi) riunita fuori dall'ufficio chiuso del sindaco, per richiedere aiuti finanziari che erano stati promessi dal governo.

“Gli aiuti sono dati solo ad alcune persone e distribuiti in modalità dubbie” ha commentato [4] [ar] Mabrouki durante una diretta streaming. 

Il suo avvocato ha raccontato ad Amnesty International [3] che dopo la denuncia sporta dal sindaco, Mabrouki è comparso in tribunale il 15 aprile ed è stato accusato di “aver provocato disturbo e incitato il popolo a disordini” e “di aver accusato pubblici ufficiali di crimini in relazione alla loro carica, senza fornire prove di colpevolezza” secondo l'Articolo 316 e 128 del Codice Penale. Rimane in prigione e attende la sua prossima udienza, programmata [5] [ar] per il 30 aprile. 

Tajerouine, una città in provincia di El-Kef governorate (175 chilometri a ovest da Tunisi), il 12 aprile l'attivista Hajer Aouadi è stata incarcerata per aver accusato le autorità locali di corruzione nella ripartizione della semola, in un video [6] [ar] pubblicato su Facebook. Ha anche affermato che quando è andata con suo zio a lamentarsi dalla polizia, entrambi sono stati aggrediti e minacciati di arresto. La polizia li ha arrestato lo stesso giorno. L'indomani si sono presentati in tribunale con l'accusa di “aver insultato un funzionario pubblico” secondo l'Articolo 125 del Codice Penale e di “aver provocato disturbo e incitato il popolo a disordini” secondo l'Articolo 316. Entrambi dovranno affrontare un anno di carcere e una multa.

Nissaf Slama, un membro del team di ricerca Human Rights Watch di Tunisi ha dichiarato a Global Voices: “Le autorità tunisine hanno da lungo tempo fatto ricorso a leggi penali confusionarie per punire e perseguire i commenti online, ma il fatto di continuare a farlo durante la pandemia di COVID-19 è sconvolgente.” Inoltre ha aggiunto “Le autorità dovrebbero astenersi dall'arrestare e perseguire blogger e cittadini coinvolti in tematiche di interesse pubblico.”

Slama ha richiesto ai legislatori tunisini di “rettificare le leggi che criminalizzano interventi pacifici.”

Anche se dal 2011 la Tunisia ha fatto ammirevoli progressi per quanto riguarda la libertà di espressione, la stampa e la libertà dei mass media, sono numerose le leggi che rimangono nel corpo di norme che contengono restrizioni contro la libertà di espressione e violano gli standard internazionali.

L'articolo 86 del Codice per le Telecomunicazioni [7]stipula che chiunque sia accusato di “condizionare gli altri e influenzare le loro vite attraverso reti di comunicazione pubbliche” dovrà affrontare fino a due anni di incarceramento. Il Codice Penale tunisino [8]prevede provvedimenti che criminalizzano la diffamazione e la diffusione di contenuti  “atti a danneggiare l'ordine pubblico e la buona morale.”

La campagna online punta il dito contro i giornalisti

Il giornalista e commentatore Khalifa Chouchene è stato recentemente oggetto di una campagna online di insulti per aver criticato il Ministro della Salute Abdellatif Mekki. 

Il 9 aprile, in un programma radio chiamato “Albilad Alyawm” sulla radio nazionale, Chouchene ha criticato [9][ar] la mancanza di rispetto dei membri del governo verso le misure di salute e sicurezza del COVID-19 – come indossare la mascherina e mantenere una distanza di 1 metro durante le visite negli ospedali e nei centri di quarantena.  Ha inoltre affermato “Dovrebbero piangere di meno perché il coronavirus non riconosce né le lacrime dei ministri né i sentimenti umani. Riconosce solamente misure reali e pratiche sul campo.” In una conferenza stampa tenutasi il 7 aprile, il ministro della salute Mekki ha esortato in lacrime le persone a rispettare la quarantena in vigore [10] nella nazione dal 22 marzo. 

Alla fine dell'intervento di Chouchene, più tardi durante lo stesso show presentato da un altro giornalista, Mekki ha richiesto il diritto di replicare. Ha criticato [11][ar] Chouchene per “averlo schernito” e “aver valutato cose di cui non ha nessuna competenza.” Mekki ha affermato in riferimento al commentatore: “Non sei un esperto e non puoi criticarci.” 

Alcuni sostenitori del ministro sui social hanno attaccato il giornalista e il settore mediatico in generale su Facebook. Un utente ha scritto [12]che: “Questi mass media della vergogna dovrebbero essere solo distrutti.” Un altro ha scritto [13] di sostenere l'idea di “bruciare i quartieri generali dei media e l'esecuzione di tutti quelli che ci lavorano e che propagano paura e conflitto, o che addirittura mettono in questione gli sforzi dei professionisti del settore medico.”

In una dichiarazione [14] [ar] pubblicata il 10 aprile il Sindacato dei Giornalisti Tunisini (SNJT) ha denunciato la campagna online sollevando preoccupazioni riguardo “al rigetto del ministro delle critiche dei mass media, con il pretesto che il paese è in guerra contro il coronavirus.”

وتذكر النقابة الوزير بالدور الأساسي الذي يعلبه الصحفيون في مسار التوعية وإصلاح الخطة الوطنية لمكافحة فيروس عبر نقد النقائص التي تخللت بعض الإجراءات التي تم اتخاذها

Il sindacato ricorda al ministro il ruolo essenziale ricoperto dai giornalisti nella sensibilizzazione e riforma del progetto nazionale contro al virus quando criticano la carenza delle misure adottate.

“Non immuni alle critiche”

In un articolo [15] [it] pubblicato su Global Voices il 24 aprile, il collaboratore tunisino Saoussen Ben Cheikh ha scritto che la retorica della guerra è stata installata durante la pandemia di COVID-19 da parte di politici ed alcuni media nel Medio Oriente e nel Nord Africa. Afferma inoltre “Ha suscitato isteria, paura e ha dato vita a diversi schieramenti fra i cittadini.”

Ha aggiunto:

This war narrative has created a climate of a ‘rally around the flag’ effect where people unite behind supposedly strong and decisive leaders.

Questa clima di guerra ha portato a “riunirsi intorno ad una bandiera”, cioè un momento in cui le persone si radunano dietro leader apparentemente forti e risoluti.

In questo clima, criticare il governo non è tollerato perché il paese è presumibilmente “in guerra”. Giornalisti e blogger che mettono in questione la risposta delle autorità e le misure contro il coronavirus, potrebbero di conseguenza affrontare opposizioni che vogliono reprimere la loro voce, accusandoli di non essere “patriottici” o di non avere “competenza in materia” o nel caso di Mabrouk e Aouadi, di essere accusati di “aver provocato disturbo e incitato il popolo a disordini.”

Slama del Human Rights Watch ha affermato: “Le autorità e le istituzioni del governo non sono immuni alla critica, specialmente durante una crisi”