chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Canzoni e musica a tema COVID-19 educano e responsabilizzano la remota comunità Marapu in Indonesia

Jungga, uno strumento musicale sumbanese tradizionale in Indonesia. Foto di Joseph Lamont. Fonte: Coconet

Questo articolo [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di Fendi Widianto e Joseph Lamont è stato pubblicato su EngageMedia, una organizzazione di media, tecnologia e cultura senza scopo di lucro. Questa storia è stata editata e ripubblicata su Global Voices come parte di un accordo di condivisione dei contenuti.

Mentre la pandemia da COVID-19 incombe minacciosa sulla vita a livello globale, l'esigenza di trasmettere le raccomandazioni in materia di sanità pubblica alle comunità remote, che parlano lingue minoritarie, è più urgente che mai.

In Indonesia, il governo e la società civile utilizzano regolarmente le canzoni per trasmettere questi messaggi attraverso canzoni sull'igiene personale e la salute, l'importanza delle vaccinazioni e i pericoli delle sostanze illegali, fra quelle che si sono affermate in tempi recenti nella diversità delle lingue parlate nel vasto arcipelago.

Linguisticamente, l'Indonesia affronta una sfida unica in termini di comunicazione sulle piattaforme governative.

La nazione ospita più di 700 lingue, quasi la metà sono considerate in pericolo di estinzione.

La lingua nazionale ufficiale (Bahasa Indonesia) è parlata da meno di due terzi della popolazione. La ‘musica messaggio’ deve inoltre considerare i diversi contesti culturali, evitando un approccio nazionalista generalizzato.

Un cantante e la sua canzone di successo sulla salute

Una strategia culturale dal basso per le comunità remote può avere effetti positivi, oltre che diffondere il messaggio, ad esempio rafforzando le culture locali nell'essere adattive, trovando contesti contemporanei per le loro forme di espressione tradizionali.

La comunità Marapu ha beneficiato di un approccio dal basso, dopo che i funzionari hanno dato il loro appoggio a un giovane cantautore, chiamato Jekshon, che utilizza una canzone tradizionale in lingua Kambera per informare la popolazione sui pericoli della COVID-19.

Quando Jekshon ha pubblicato la canzone “Rimanya na wiki nda”, traducibile come “Prendiamoci cura di noi stessi”, i funzionari locali hanno iniziato a invitarlo a presentare la canzone in occasione di eventi governativi e nelle strutture sanitarie locali.

La canzone di Jekhshon incoraggia la popolazione della regione East Sumba, dove la lingua Kambera è molto diffusa, a combattere la COVID-19 evitando le grandi folle, restando a casa e praticando l'igiene personale:

Ai kupanawa yia kata ana mbawa mangganya ni na ana nduma lurinda a ai

E ngiara ningu angu nama wandata lamambabu angu dedi dangunggu a ai

A ai ambu eti nu katundu njarangu angu ta ana mangganya na nduma luri kinda angu kana rehi napa hangganda a ai

Kata nguduwa la umakinda angu

Kata maranawa lapa baha lima kinda angu kata mangganya ni na anna nduma luri a ai

Canto questa canzone affinché tutti noi ci prendiamo cura, per proteggere la nostra vita

Se qualcuno ci invita a un evento con un grande raduno di persone, fratelli miei e sorelle mie

È un errore partecipare, perché dobbiamo proteggere la vita degli altri durante questi tempi

Dobbiamo solo restare a casa

Dobbiamo lavarci diligentemente le mani per proteggere la nostra salute e vita

Oltre a scrivere musica, Jekshon è anche un oratore spirituale (wunang), un artigiano che crea strumenti musicali tradizionali, un costruttore e un agricoltore di Kamanggih in East Sumba, East Nusa Tenggara, Indonesia.

Sostenibilità culturale attraverso le canzoni

Sumba Integrated Development (SIDe), una organizzazione civica che fa parte della Indonesia Inklusi Learning Network, ha avviato un progetto, VOICE Empowerment, per la comunità Marapu in Sumba Orientale.

Il loro progetto intende lavorare in collaborazione con la comunità Marapu per organizzare workshop e spettacoli locali.

Questo progetto è diretto da Ata Ratu, una talentuosa cantautrice e fra i modelli di riferimento femminile più amati in Sumba Orientale. Si contraddistingue promuovendo una partecipazione paritaria delle donne in un campo della musica tradizionale che è generalmente dominato dagli uomini.

Mantenendo la visione del network indonesiano Inklusi, SIDe si attiene al principio etico della “prima voce” per assicurare il potenziamento dei rappresentanti culturali, affinché collaborino attivamente o guidino le attività del programma.

Tutte le canzoni Marapu registrate a Kambera sono prodotte con traduzioni in lingua indonesiana e inglese. Le traduzioni aiutano ad amplificare le voci, le storie, le canzoni e la ricca cultura della comunità Marapu in East Sumba.

‘Lawiti’ – le tradizionali coppie di versi in rima

Ata Ratu ha scritto una canzone su un altro importante tema nella pandemia: il disagio delle popolazioni di lavoratori migranti, spiaggiati e impossibilitati a tornare nei loro villaggi di origine, a causa delle restrizioni di viaggio per l'epidemia da COVID-19.

“Mbawa Rimangu na annanduma luri mu”, traducibile come “Per favore prenditi cura di te nel viaggio della tua vita”, si rivolge alla diaspora del popolo di Sumba che ha lasciato Sumba per andare a cercare lavoro o studiare a Bali, Jakarta (Giacarta) e Jogjakarta e non può tornare a Sumba a causa delle restrizioni di viaggio.

Molti di questi sumbanesi hanno perso il loro lavoro e soffrono la precarietà economica e lo stress psicologico causati da questa situazione.

Aiha dama ni dunjaka angu la kota bali a ai.e angu la jakarta angu ni

Ai hali nggunya nu mi ana mbawa rimangu nu ha ba ninggai ha la tana tau ma aka nu

Ai ninda la hidu eti biaka nu bata pamalirungu nu ha rimanya na nduma luri amu ka

Ai ambu mbawa luangga mai dupa nu ha jiaka ningu nu lambabu ndapngu

Amici miei che siete a Bali e a Jakarta (Giacarta)

Vi ricordo tutti e vi sollecito a essere cauti quando viaggiate, perché siete nella terra di altre popolazioni dove c'è una situazione pericolosa amici miei

Siamo in una situazione di angoscia perché siamo lontani, vi prego di prendervi cura di voi stessi

Non andate avanti e indietro in un luogo dove c'è una grande folla

Nella comunità Marapu, sull'isola East Sumba, le canzoni sono scritte in distici poetici tradizionali, chiamati lawiti.

Lawiti deriva dal linguaggio rituale con ritmo veloce, parlato da sacerdoti e oratori rituali (wunang), che accompagnano tutti i rituali Marapu in Sumba. I cantautori di Sumba come Jekshon e Ata Ratu improvvisano, adattando i versi Lawiti alle finalità specifiche di una canzone.

La canzone di Jekshon è stata pubblicata attraverso il suo canale YouTube con l'aiuto di SIDe. Questa canzone e altri video sono distribuiti da un telefono cellulare all'altro tramite la condivisione Bluetooth, o ‘condividi’ (una applicazione di condivisione di file). La canzone è diffusa attraverso i sistemi di informazione pubblica dei mercati locali in East Sumba, mentre SIDe ha distribuito la canzone tramite mini schede SD (per telefoni cellulari) e dischi flash negli hub dei mercati locali.

Fendi Widianto di EngageMedia è appassionato di comunicazione, fortemente interessato e impegnato nello sviluppo comunitario e nello sviluppo partecipatorio creativo per i gruppi vulnerabili (compresi i gruppi di disabili e i bambini svantaggiati) e nella partecipazione attiva dei giovani.

Joseph Lamont è un produttore, compositore e documentatore geografico australiano. Joseph ha recentemente assistito i progetti sostenuti da Ciptamedia/Ford Foundation e Voice, che sostengono le donne musiciste tradizionali e documentano e promuovono la musica tradizionale Marapu in East Sumba in Indonesia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.