chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Com'è essere un cinese che vive a Hong Kong e sostiene le proteste?

Immagine da The Stand News.

Mentre Hong Kong commemora un anno dall'inizio delle proteste contro l'estradizione in Cina, la piattaforma di media online Stand News di Hong Kong cura una serie di articoli per raccontare il movimento di opposizione. In questo servizio, Stand News ha intervistato diversi cittadini della Cina continentale che hanno affrontato minacce e stress come conseguenza del loro sostegno alle proteste di Hong Kong. Il servizio originale in cinese è stato pubblicato [zh, come link e citazioni seguenti, salvo diversa indicazione] il 16 giugno 2020. La versione modificata è stata tradotta in inglese da Winnie Ko e pubblicata su Global Voices in base a un accordo per la condivisione dei contenuti.

Huaming (uno pseudonimo), è un cittadino della Cina continentale arrivato a Hong Kong come studente nel 2014 – nello stesso periodo in cui le grandi proteste di massa pro-democrazia, meglio note come la Rivoluzione degli ombrelli, stavano esplodendo.

Da allora l'atmosfera politica della città ha subito cambiamenti radicali. Il suo periodo di studio a Hong Kong diede a Huaming l'opportunità di sperimentare un movimento sociale unico. Lo studente condivideva regolarmente le sue impressioni sulla vita quotidiana e politica a Hong Kong tramite il suo account Weibo.

La mattina del 17 novembre 2019, quando le forze di polizia di Hong Kong decisero di bloccare l'accesso al campus universitario del Politecnico di Hong Kong, al suo risveglio Huaming notò che il suo account Weibo era pieno di commenti. Una persona lo rimproverava per essere “a favore dell'indipendenza di Hong Kong” e “un giovane spazzatura”. Un'altra lo minacciava: “Amico, quando torni in Cina? Vengo a prenderti all'aeroporto.”

Doxxing

Dallo scorso luglio, molti abitanti della Cina continentale che hanno espresso sostegno o simpatia per il movimento di Hong Kong contro la legge di estradizione in Cina, hanno subito la divulgazione dei loro dati personali (doxxing) e sono stati denunciati alle loro scuole, posti di lavoro, rami del partito e perfino alla polizia.

Nomi, foto di famiglia e numeri di telefono sono stati resi pubblici. La persecuzione online può così diventare persecuzione nel mondo reale. In alcuni casi, queste persone sono state contattate dalla Pubblica sicurezza cinese dopo il loro ritorno in Cina, e nel frattempo anche le loro famiglie a casa sono state interrogate dalle autorità. I commenti malevoli sui suoi social media hanno portato Huaming a concludere di essere stato segnalato.

I did a search on my user account on Weibo and found a user with hundreds of thousands of followers had screenshotted one of my posts and exposed me as a mainlander studying in Hong Kong. (The user's post noted) that I support the demands of young people while making no contribution to (Chinese society).

Ho fatto una ricerca sul mio account Weibo e ho scoperto che un utente con centinaia di migliaia di follower aveva fatto uno screenshot di uno dei miei post e mi ha denunciato come un cittadino della Cina continentale che studia a Hong Kong. (L'utente ha commentato nel post) che sostengo le richieste dei giovani ma non faccio niente di buono (per la società cinese).

Huaming ha disattivato il suo account immediatamente e la persecuzione online è scemata dopo qualche giorno. Ha anche cambiato il nome pubblico del suo account WeChat, cancellato quasi tutti gli articoli che aveva scritto e ripulito la sua lista contatti:

I blocked about 300 to 400 accounts with suspicious names, those with the Chinese flag as profile pictures and people with a warrior-like tone.

Ho bloccato più o meno dai 300 ai 400 account con nomi sospetti, quelli con la bandiera cinese come immagine del profilo e le persone che adottavano un tono militante.

Ha poi cambiato il suo nome su Facebook, modificato le impostazioni della privacy e cancellato tutti i testi e le immagini relativi alle proteste di Hong Kong.

Soffocamento

Nell'ultimo anno, le storie su cittadini della Cina continentale che sostengono il movimento di Hong Kong contro l'estradizione in Cina, e i cui dati personali sono stati resi pubblici sui social media da colleghi, amici o perfino parenti, sono diventate comuni.

Molto spesso, sono stati fatti screenshot di conversazioni prese da profili personali o chat private da mostrare come prova del loro “tradimento politico” della “madrepatria.”

Sotto l'hashtag ufficiale di Weibo “operazione della madrepatria contro quelli in nero” (祖國反黑), ci sono molti post privati esposti al pubblico e numerose “liste di scarafaggi” (la polizia di Hong Kong chiama i manifestanti “scarafaggi”). Questi post sono spesso condivisi decine di migliaia di volte.

Tra gli account di doxxing (che divulgano dati e conversazioni private, generalmente a scopo persecutorio, ndt) su Weibo, i più popolari sono “Cicale del tramonto” (孤煙暮蟬), con 6 milioni di follower, e “Aquila di Dio” (上帝之鷹), con 2,2 milioni di follower. Huaning ha detto:

Once they set you as target, their followers dig up all your personal information.

Una volta che ti prendono di mira, i loro follower scovano tutte le tue informazioni personali.

Yunqi Wang, una cittadina della Cina continentale che usa uno pseudonimo, descrive un'esistenza “soffocante”. Wang è arrivata a Hong Kong nel 2015. Dopo la laurea si è iscritta a un Dottorato in legge proprio nel periodo in cui iniziava il movimento anti-estradizione.

La maggior parte dei suoi colleghi di studio venivano dall'elite della Cina continentale. Consideravano normale che Pechino esercitasse il potere supremo su Hong Kong nonostante il principio “Un Paese, due Sistemi.”

Anche se lei era in disaccordo con queste posizioni, non poteva esprimere la sua opinione in classe:

Because it is safer not to speak up. You pay a high price for expressing your views. What if they took a picture and reported you?

Perché è più sicuro non parlare. Si paga un prezzo molto alto per esprimere il proprio punto di vista. E se facessero una foto e ti denunciassero?

Sente che tra lei e i suoi amici e familiari c'è un muro sempre più alto.

There is a big information gap between us. Many people learned about the events in HK because the journalist from (Chinese state-owned) Global Times was beaten up. They would ask, how can you turn a blind eye to such violence? A good friend from secondary school scolded me, I deleted friends one by one — it hurt.

C'è un grande divario d'informazione tra di noi. Molte persone hanno appreso degli eventi a Hong Kong per via di quel giornalista del Global Times (testata di proprietà dello Stato cinese) che è stato picchiato. Mi chiedono, come puoi chiudere un occhio di fronte a una simile violenza? Un caro amico delle superiori mi ha rimproverata, ho cancellato amici uno dopo l'altro – fa male.

A novembre, travolta dal suo stress emotivo, ha deciso di sospendere gli studi.

My mental status has been affected by the movement and I haven't been well. I attended the remembrance event of the university student Tsz-lok Chow after he passed away. The siege of the Chinese University of Hong Kong came on top of everything else and my emotions reached a tipping point. I felt that I couldn’t hold on anymore.

Il mio stato mentale è stato influenzato dal movimento e non sono stata bene. Ho partecipato all'evento di commemorazione dello studente universitario Tsz-lok Chow dopo la sua morte. L'assedio dell'Università cinese di Hong Kong è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e le mie emozioni sono arrivate a un punto di rottura. Ho sentito che non ce la facevo più.

Molte persone coinvolte nel movimento di protesta hanno affrontato problemi di salute mentale. Ma per molti alleati della Cina continentale questi sentimenti sono stati amplificati dagli episodi di discriminazione.

Alcuni negozi a favore delle proteste hanno specificato che non serviranno clienti dalla Cina continentale dopo l'epidemia di COVID-19:

I don’t know what the definition of a Hongkonger is. If they refer to someone residing in Hong Kong and speaking Cantonese, that is me! Glory Café [a famous pro-protest restaurant] made it clear that it doesn’t serve customers from the mainland or those who speak Mandarin. This made me think — I treat Hongkongers as comrades, but do they treat me as one of them? I wasn’t actually accepted…I am not patriotic in China, I hate the nation and the party, but in the eyes of Hongkongers I am a Chinese. My identity is vague, whether as a Chinese or as a Hongkonger.

Non so quale sia la definizione di un hongkongese. Se intendono una persona che vive a Hong Kong e parla cantonese, allora lo sono! Il Glory Café [un famoso ristorante a favore delle proteste] ha dichiarato che non servirà clienti dalla Cina continentale o che parlano mandarino. Mi ha fatto riflettere – io considero gli hongkongesi come compagni, ma loro mi considerano come una di loro? Non mi hanno veramente accettata…Io non sono patriottica in Cina, odio il Paese e il partito, ma agli occhi degli hongkongesi io sono una cinese. La mia identità è incerta, sia come cinese che come hongkongese.

‘Progetto cavità nell'albero’

I conflitti tra la Cina continentale e Hong Kong non sono una novità. Liqi Zhou (pseudonimo) si è trasferito a Hong Kong con i suoi genitori quando era alle superiori e ha sperimentato gli alti e bassi delle relazioni tra Hong Kong e la Cina continentale negli ultimi due decenni.

Zhou ha raccontato che queste relazioni sono peggiorate gradualmente, e attribuisce ciò ai vari livelli di repressioni imposti a Hong Kong da Pechino dalla restituzione (della città di Hong Kong dal Regno Unito alla Repubblica Popolare Cinese nel 1997, ndt).

Sfortunatamente, dice, il risentimento che dovrebbe essere rivolto al regime è spesso riversato sugli individui.

Lo scorso novembre, Zhou ha cominciato a collezionare articoli anonimi dalla pagina Facebook “Studenti della Cina continentale che sostengono le proteste di Hong Kong.” Il progetto è diventato noto come “Tree Hole Project” cioè “Progetto Cavità dell'albero”.

I don’t know what the definition of a Hongkonger is. If they refer to someone residing in Hong Kong and speaking Cantonese, that is me! Glory Café [a famous pro-protest restaurant] made it clear that it doesn’t serve customers from the mainland or those who speak Mandarin. This made me think — I treat Hongkongers as comrades, but do they treat me as one of them? I wasn’t actually accepted…I am not patriotic in China, I hate the nation and the party, but in the eyes of Hongkongers I am a Chinese. My identity is vague, whether as a Chinese or as a Hongkonger.

Sappiamo che c'è più di una voce in Cina, ci importa della minoranza che si trova in mezzo al divario, che viene dalla Cina continentale e parla mandarino, ma si sente connessa a Hong Kong, e sente quindi il suo dolore. Sappiamo che subite pressioni da amici e parenti,  propaganda onnipresente, persecuzione, doxxing, punizioni e la diffusione dell'antagonismo all'interno di Hong Kong. La vita è dura. Sappiamo che trovate difficile unirvi alla prima linea e alle proteste pacifiche – anche dire qualcosa in pubblico comporta una pressione immensa. Questa Cavità dell'albero è per far sapere a tutti che nessuno è un'isola né un escluso.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.