chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Con il calo del turismo in Cambogia, gli autisti di tuk-tuk di Phnom Penh sono in crisi

Un autista sul suo tuk-tuk aspetta clienti al mercato di Deum Kor a Phnom Penh, 23 aprile 2020. (Foto e didascalia di Panha Chorpoan/VOD).

Questo articolo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] aggiornato di Taing Keoratanah è di VOD news, un sito indipendente di notizie della Cambogia ed è ripubblicato su Global Voices nell’ambito di un accordo di condivisione dei contenuti. Tradotto dall’originale [km] su VOD Khmer.

Nel 2019, quando Poeun Da abbandonò il suo lavoro in una fabbrica di vestiti di Phnom Penh per guidare un tuk-tuk (un taxi a tre ruote [it]), il suo investimento di 3000 dollari sul veicolo sembrò essere ripagato. Da disse che avrebbe potuto guadagnare almeno 100.000 riel (25 dollari) al giorno e tra 500 e 600 dollari al mese, portando residenti e turisti in giro per la capitale tramite le app di servizio di trasporto.

Così andò fino a metà marzo, quando la pandemia di COVID-19 arriva in Cambogia e vede i casi confermati  passare da uno a più di 100, e assesta un brutto colpo al suo sostentamento. Oggi guadagna tra 2,50 e 5 dollari al giorno, come ci spiega:

It’s really hard, bro! To be frank, in one day, [I get] only one ride. Today, from morning till night, I had only one ride, and I need to pay to the [ride-hailing] company and some for gas.

È davvero dura, amico! A dire il vero, in un giorno [do] solo un passaggio. Oggi, da mattina a sera ho dato solo un passaggio e devo pagare la società [del servizio di trasporto] e anche qualcosa per il gas.

Gli autisti dei tuk-tuk come Da stanno perdendo i loro guadagni poiché gli arrivi di turisti in Cambogia sono diminuiti drasticamente e i residenti decidono di stare a casa. Allo stesso tempo, i lavoratori non in regola sono ampiamente esclusi dai ridotti ammortizzatori sociali a cui i lavoratori in regola accedono durante la recessione economica.

La Cambogia ha registrato 122 casi di COVID-19 da gennaio e quasi tutti i pazienti sono guariti e usciti dalla quarantena. Il Ministero della Sanità non ha registrato nuovi casi di coronavirus dal 12 aprile e non sono stati confermati nuovi decessi legati a COVID-19.

Tuttavia, a livello globale più di 3 milioni di persone hanno contratto il virus e sono stati contati più di 210.000 decessi, stando all’Organizzazione Mondiale della Sanità, mentre molte nazioni hanno limitato i viaggi all’interno dei propri confini.

La Cambogia ha ordinato il divieto di viaggio per chi proviene da Spagna, Italia, Francia, Germania, Stati Uniti e Iran. Il governo ha inoltre chiuso scuole, cinema, musei, discoteche e palestre e ha vietato temporaneamente cerimonie religiose ed eventi pubblici.

Anche se a Phnom Penh la maggior parte dei negozi, bar e ristoranti rimane aperta, gli autisti dei tuk-tuk dicono che la gente esce di meno a causa delle restrizioni introdotte a marzo.

Vorn Pao, presidente del gruppo dei lavoratori “Independent Democracy of Informal Economy Association (IDEA)” dice che i lavoratori non in regola come i tassisti e gli autisti dei tuk-tuk hanno subito un netto calo dei guadagni da quando il nuovo coronavirus ha colpito la Cambogia per via del loro lavoro irregolare e dei prestiti incombenti che molti chiedono per pagarsi i veicoli.

Se il virus e il suo impatto economico dovessero persistere, Pao dice che gli autisti potrebbero sentirsi obbligati ad abbandonare il lavoro nella capitale e ritornare nelle loro case in provincia.

Nel suo negozio di rivendita di veicoli nel comune di Stung Meanchey, Ry Silay dice che comprerebbe ancora tuk-tuk in buone condizioni, ma a un prezzo che è più basso di 200 o 300 dollari del valore del veicolo prima della pandemia. Tuttavia, Silay ammette di non aver comprato nessun tuk-tuk negli ultimi due mesi:

The difference between [the number of] buyers and sellers is big. There are five, six or seven [drivers who want to sell their tuk-tuk] a day, but there are almost no [buyers] in a day, maybe one or two, so we cannot sell.

La differenza tra [il numero di] acquirenti e venditori è grande. Ce ne sono cinque, sei o sette [autisti che vogliono vendere i loro tuk-tuk] al giorno, ma non ce n’è quasi nessuno [di acquirente] in un giorno, magari uno o due, quindi non possiamo vendere.

Hout Ieng Tong, presidente e amministratore delegato dell’agenzia prestiti di microfinanza Hattha Kaksekar Limited (HKL) spiega che la sua società aiuterà i clienti che lavorano come autisti di tuk-tuk, facendo notare che la Banca Nazionale ha sollecitato le istituzioni di microfinanza a dare un po’ di fiato a chi chiede prestiti in seguito all’impatto che COVID-19 ha avuto sul loro lavoro.

Tuk-tuk a GPL parcheggiati, mentre gli autisti aspettano clienti a Phnom Penh il 23 aprile 2020. (Foto e didascalia di Panha Chorpoan/VOD).

Nessun turista da portare in giro

In seguito all’impatto della recessione globale che l’economia della Cambogia iniziava a sentire, il Primo Ministro Hun Sen ha dichiarato a inizio marzo che il turismo sarebbe stato uno dei settori più colpiti dalla pandemia.

Ad aprile, il portavoce del Segretariato dell’Aviazione Civile Sinn Chanserey Vutha ha dichiarato ai giornalisti che i visitatori internazionali erano diminuiti del 20% a gennaio, del 50% a febbraio e di più del 70% a marzo fino ad arrivare al 90% ad aprile.

Parcheggiato fuori dall’Aeroporto Internazionale di Phnom Penh, Mao Yorn, 40 anni, autista, racconta che di solito guadagna 25 dollari al giorno portando in giro turisti e altre persone usando la litania delle app di servizio di trasporto disponibili. Il guadagno era sufficiente a ripagare ogni mese 300 dei 5000 dollari chiesti in prestito alla banca.

Ma quando in Cambogia il numero dei casi di coronavirus è aumentato, il numero dei clienti che lo avvicinavano di persona o tramite le app è diminuito:

Today, as a whole from morning till night, I have not provided one service, and tomorrow, I’m not sure whether one will come or not. Finding a construction job is probably better.

Oggi, durante tutta la giornata, non ho portato in giro nessuno e domani non so se qualcuno verrà o no. Probabilmente è meglio trovare un lavoro nell’edilizia.

Secondo un’indagine fatta ad aprile, la Banca Mondiale ha predetto che il tasso di povertà tra i lavoratori del settore dell'ospitalità in Cambogia – inclusi il trasporto, il turismo e la ristorazione – potrebbe aumentare di più del 20% se il guadagno medio del settore è dimezzato per due trimestri. Inoltre, ha avvertito che l’impatto sui lavoratori non in regola sarà ancora più grave. A marzo, gli esperti dell’industria hanno detto che il settore del turismo sentirà le conseguenze della pandemia per almeno due trimestri, se non di più.

“Come può lo stato avere così tanti soldi?”

Insieme a una serie di iniziative economiche per aiutare il settore del turismo in affanno, Hun Sen ha annunciato a marzo che i lavoratori del settore del turismo che hanno perso il lavoro potevano qualificarsi per dei corsi di aggiornamento. Tuttavia, ad aprile il Premier ha puntualizzato che i lavoratori dell’economia informale – inclusi gli autisti – non avranno accesso ai finanziamenti concessi ai lavoratori sospesi dell'industria dell'abbigliamento.

Il 7 aprile, Hun Sen ha detto:

For those who have the ID poor card, the state will intervene. But as you asked me, motorbike-taxi drivers have asked if there is any solution. [They must] sell their motorbikes first for spending and buy rice to eat, because if they all come and ask for a solution, [we are going to] die. How could the state have this much money?

Per coloro che hanno la “ID poor card” e diritto al sussidio di povertà, lo Stato interverrà. Ma visto che me lo domandate, gli autisti di moto taxi hanno chiesto se ci sono soluzioni. Prima [devono] vendere le loro moto per spendere e comprare riso da mangiare, perché se tutti vengono a chiedere una soluzione, moriremo. Come può lo stato avere così tanti soldi?

Secondo il presidente di IDEA Pao, sulla base di una ricerca della sua associazione, ci sono circa 50.000 tuk-tuk che operano grazie alle app dei servizi di trasporto e circa 10.000 tuk-tuk fabbricati in Cambogia sulla strada.

Luy Lary, manager del dipartimento di marketing della società cambogiana di servizi di trasporto PassApp, ha riconosciuto lo sforzo degli autisti della società e ha detto che la gestione stava pensando di aiutare i lavoratori.

Nel 2019, gli autisti hanno contestato la decisione di PassApp di diminuire le tariffe e aumentare la commissione della società dal 13% al 15% per ogni passaggio.

Per Da, l’autista, la scadenza del pagamento per il suo prestito di 2000 dollari da HKL sta diventando più preoccupante. Invece di aspettare un sostegno inconsistente dalle società dei servizi di trasporto o dal governo, Da ha detto che sta pensando di vendere il suo tuk-tuk e cercare lavoro in un cantiere edile o tornare a lavorare nella fabbrica di vestiti.

Quest’ultimo settore ha visto più di 130 fabbriche richiedere la sospensione della produzione, colpendo circa 100.000 lavoratori nei mesi recenti.

If the situation is still like this, we do not know what to do. If we cannot make enough money, we can only sell our tuk-tuks to cover daily expenses and bank loans. If we do not make sales, we can’t repay loans.

Se la situazione va avanti così, non sappiamo cosa fare. Se non possiamo guadagnare abbastanza soldi, possiamo solo vendere i nostri tuk-tuk per coprire le spese giornaliere e i prestiti della banca. Se non guadagniamo, non possiamo ripagare i prestiti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.