- Global Voices in Italiano - https://it.globalvoices.org -

Etiopia: stop ai discorsi di odio, non alla libertà di espressione

Categorie: Africa sub-sahariana, Etiopia, Censorship, Citizen Media, Diritti umani, Elezioni, Legge, Libertà d'espressione, Linguaggi, Politica
[1]

Cittadini intenti a leggere i giornali ad Addis Abeba, in Etiopia, il 17 febbraio 2008. Foto di Tristam Sparks via Flickr CC BY-NC-ND 2.0.

Nota dell'editor: Quest'articolo è stato scritto da Samuel Gebre, un giornalista residente tra Addis Abeba e Abidjan che lavora in Africa occidentale e orientale. L'articolo è ripubblicato su questo sito grazie a un accordo di collaborazione tra Global Voices e IFEX. Puoi leggere l'originale qui [2] [en, come tutti link successivi, salvo diversa indicazione]. 

L’ “hate speech” (discorsi di odio) e la falsa informazione sono diventati dei fenomeni globali da cui l'Etiopia non è immune. Tuttavia, l'ennesimo tentativo volto a contenerli con nuove leggi potrebbe portare più danni che benefici.

Si teme infatti che la nuova legge etiope sull'hate speech e sulla falsa informazione possa soffocare la libertà di espressione, riportando il paese nel suo passato repressivo.

Befekadu Hailu, cofondatore del collettivo di blogger “Zone 9″ [3] e vincitore nel 2019 [4] del premio Writer of Courage di PEN International, ha vissuto in prima persona il passato repressivo dell'Etiopia, essendo stato arrestato quattro volte sotto la legge antiterrorismo del paese.

L'uomo è scettico riguardo al nuovo disegno di legge:

Hate speech is a big problem in Ethiopia. I think trying to regulate speech through laws in the Ethiopian context makes it all the more dangerous.

I discorsi di odio sono un grande problema in Etiopia. Credo che cercare di regolamentare il linguaggio attraverso le leggi, nel contesto etiope, li renda ancora più pericolosi.

Il disegno di legge “potrebbe davvero minacciare la democrazia” aggiunge.

Il governo afferma che l'obiettivo della legge sull'hate speech e sulla falsa informazione è “contrastare la disgregazione della coesione sociale, della stabilità politica e dell'unità nazionale.” La legislazione propone un periodo di reclusione massimo di cinque anni.

Ma cosa intendiamo esattamente quando parliamo di “hate speech”? Tutti pensiamo di sapere cosa sia o meno, e che saremo in grado di riconoscerlo quando si presenterà ai nostri occhi. E possiamo anche immaginare quanto pericoloso e tossico possa essere. Tuttavia, quando questo termine viene adoperato per indicare un linguaggio escluso dalle protezioni della libertà di espressione e soggetto a gravi sanzioni legali, può essere usato in modo improprio da coloro che detengono il potere, portando a un'inibizione dell'espressione critica.

ARTICLE 19 [5], un'organizzazione che difende la libertà di espressione, ha un'utile risorsa [6] su come identificare e contrastare efficacemente l'hate speech.

“Uno dei problemi principali è che la definizione dei tipi di linguaggio che la legge condanna spesso è molto vaga. Questo rende difficile alle persone capire come utilizzare le parole evitando di cadere nel loro abuso”, afferma Laetitia Bader di Human Rights Watch. “Ciò è particolarmente preoccupante, vista la prassi molto recente del paese di usare leggi vaghe e poco specifiche per reprimere il dissenso e la libertà di espressione.”

Berhan Taye, analista senior per Access Now [7], un'organizzazione per la difesa dei diritti umani e digitali, sostiene che queste valutazioni devono basarsi su prove concrete: “L'attuale ricerca che viene citata per giustificare questa legge fu già pubblicata nel 2015, quando il panorama politico del paese era molto diverso.”

Negli ultimi tre decenni, il governo etiope è diventato noto per l'arresto arbitrario di attivisti, giornalisti e capi di opposizione. L'Etiopia regolarmente blocca la connessione internet senza spiegazioni. È solo nell'ultimo anno e mezzo, sotto il governo del nuovo Primo Ministro, che sono arrivate rapide riforme politiche. Migliaia di detenuti politici e di giornalisti sono stati scarcerati, mentre gli attivisti e i politici esiliati sono stati invitati a partecipare al dibattito politico locale.

David Kaye, relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla libertà di espressione e di opinione, ha esortato il Parlamento etiope ad accelerare l'abrogazione e la sostituzione della legge per la “tanto disprezzata norma antiterrorismo [8]“.

Preoccupazioni per la violenza

Con l'apertura dello spazio politico, i fenomeni di hate speech e di disinformazione sono aumentati. I recenti episodi di violenza etnica e religiosa hanno causato le morti di migliaia di persone nel paese teso e frammentato. Fisseha Tekle di Amnesty International suggerisce che il governo e le ONG dovrebbero cooperare per affrontare le cause che sono alla base dell'ostilità e delle disuguaglianze tra i gruppi, prima di passare alle modifiche legislative.

“Il paese, negli ultimi mesi, ha affrontato attacchi violenti molto gravi e il governo è, giustamente, sollecitato a prendere provvedimenti” afferma Bader, aggiungendo che “sono davvero poche le volte in cui le leggi che criminalizzano l'hate speech raggiungono lo scopo per cui sono nate.”

Parlando all'inizio di quest'anno, Abiy Ahmed, Primo Ministro etiope ed ex capo dell'INSA, l'agenzia per la sicurezza informatica etiope, ha fermamente esortato a un uso “costruttivo” ed educativo dei social media, avvertendo che non c'è spazio per piattaforme che potrebbero distruggere il paese.

Nei mesi recenti, la violenza si è accesa quando, Jawar Mohammed, l'influente attivista a capo di Oromia Media Network, con 1.7 milioni di follower su Facebook, ha dichiarato che lo Stato ha ritirato la sua guardia del corpo, mettendo in pericolo la sua vita. Nei giorni seguenti, case e luoghi di culto sono state distrutte e 89 persone hanno perso la vita.

Il disegno di legge è stato approvato [11] dal governo qualche settimana più tardi.

In seguito ai colloqui con la società civile e i funzionari del governo all'inizio di dicembre, Kaye informa che il disegno di legge minaccia la libertà di espressione.“Come costruito attualmente, potrebbe rafforzare facilmente le tensioni etniche e politiche” afferma.

“Sembra ovvio affermare che il disegno di legge sia motivato politicamente” dichiara Helefom Abraha, un ricercatore del Dipartimento di Politica e Governance dell'Informazione dell'Università di Malta, che ha precedentemente lavorato all'INSA come ricercatore di legge e politica informatiche in Etiopia. Abraha sostiene che l'Etiopia ha già delle leggi sul crimine informatico e sui mass media che, se ben sviluppate, potrebbero frenare l'hate speech e la diffusione delle notizie false.

“So che potrebbero esserci dei metodi per affrontare il problema attraverso il diritto penale esistente” afferma Elias Meseret, noto giornalista etiope esperto nella questione delle fake news.

Il panorama dei social media è uno spazio ancora più rischioso per le donne e le minoranze sessuali. La violenza di genere online è un fenomeno dilagante in Etiopia, e di solito i carnefici restano impuniti.

“La maggior parte delle donne etiopi utilizza i social per stabilire connessioni ed esprimersi; ma queste azioni apparentemente innocue possono essere pericolose. Molte donne lamentano di essere state perseguitate e molestate attraverso i social, e spesso questo comportamento esaspera e aggrava le molestie che affrontano ogni giorno in Etiopia,” sostiene Haben Fecadu, attivista per Amnesty International.

Taye non ha fiducia nelle forze dell'ordine del paese, sopratutto per la loro riluttanza a indagare sulla violenza di genere online e nella vita reale. “Le protezioni legali spesso sono difficili da garantire al cittadino medio, e questo potrebbe avere conseguenze disastrose per le donne etiopi che subiscono violenze.”

Nessuna fine in vista

“La maggiore diffusione di notizie false e di hate speech avviene online da parte di utenti anonimi, o da coloro che vivono all'estero, dove non esistono leggi sull'hate speech” dichiara Hailu.

L'Etiopia ha una diaspora politicamente attiva nel Nord America e in Europa, il cui sostegno ha spinto il governo etiope ad avviare riforme nel 2018. Attualmente nel paese è presente anche una crescente fetta di popolazione che si sta approcciando al mondo di internet; ci sono infatti poco più di 6 milioni di utenti attivi sui social media e i numeri sono destinati a crescere velocemente secondo il Global Digital Report del 2019 [13] .

“L'incremento della digitalizzazione e della diffusione di internet nel paese, determineranno una crescita continua del fenomeno dell'hate speech e delle fake news” afferma Abraha.

Man mano che utenti sui social media crescono, le aziende che gestiscono queste piattaforme devono assumersi maggiori responsabilità. A questo proposito David Kaye [14] afferma:

They cannot be mere bystanders while playing such major roles in Ethiopia’s public square. They make money from countries, and here they should devote resources to supporting independent media that itself can counter hate speech. What they should do is create a fund — let’s start with $10 million dollars, a rounding error for both Facebook and YouTube.

Non possono essere dei semplici spettatori mentre svolgono ruoli così importanti nella piazza pubblica etiope. Ricavano profitti in diversi paesi, e qui dovrebbero devolvere le risorse in supporto di quei media indipendenti che possono contrastare l'hate speech. Quello che dovrebbero fare è creare un fondo: iniziamo con 10 milioni di dollari, un errore di arrotondamento sia per Facebook che per YouTube.

Verso la libertà di espressione

Bader in linea di principio non è contrario a una legge sull'hate speech, ma pensa che il governo abbia bisogno di una strategia globale e che questa legge, meglio elaborata, sarebbe soltanto una piccola parte di essa:

“The government should be developing public education campaigns, and high-level officials at both the federal and regional level should be speaking openly about the dangers of hate speech and the importance of tolerance.”

Il governo dovrebbe sviluppare delle campagne di educazione pubblica e gli alti funzionari, sia a livello federale che regionale, dovrebbero parlare apertamente dei pericoli derivanti dall'hate speech e dell'importanza della tolleranza.

Abraha aggiunge:

The government has to support and promote independent initiatives to debunk fake news and fight hate speech. There are some fact-checking initiatives, but they do not have the proper training and resources.

Il governo deve supportare e promuovere le iniziative indipendenti volte a demistificare le fake news e a combattere l'hate speech. Esistono alcune iniziative che mirano a verificare i fatti, ma non dispongono della formazione e delle risorse adeguate.

“Il modo migliore per contrastare questi fenomeni è lavorare sull'alfabetizzazione mediatica e aprire più spazio” afferma Messert, che verifica quotidianamente i post sui social media. Anche se sostiene che una legge potrebbe essere uno strumento importante per affrontare l'hate speech e la disinformazione, aggiunge:

At the same time, I share the widespread concern that it could be used to stifle dissenting voices, as has been the case with the anti-terrorism law. To prevent this, the law should be applied by a competent judicial body and it should only be used for the purpose it was intended to deal with.

Allo stesso tempo, condivido la diffusa preoccupazione che potrebbe essere usata per reprimere le voci dissenzienti, come avvenuto nel caso della legge antiterrorismo. Per evitare che ciò accada, la legge dovrebbe essere applicata da un corpo giudiziario competente e utilizzata solo per lo scopo a cui è destinata.

Il commento di Messert su un organo giudiziario competente trova particolare risonanza in un paese in cui c'è ancora sfiducia nella magistratura. Gli arresti basati su questa nuova legge potrebbero essere visti come politicamente motivati e volti a reprimere le voci critiche, mentre il paese avanza verso le importanti elezioni del 2020.