chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

“Gli intrighi del potere” della Cina in Repubblica Ceca iniziano a vacillare?

La copertina della rivista Respekt, uno dei settimanali più letti nella Repubblica Ceca. Le copertine recenti sono state principalmente correlate all'influenza della Cina nel paese. Foto di Filip Noubel, utilizzo previa autorizzazione.

Nel 2015, quando il presidente ceco Miloš Zeman [it] era l'unico leader di uno stato membro dell'Unione Europea a partecipare a una parata militare a Pechino [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] in occasione del 70° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale, sembrava che la Cina e la Repubblica Ceca fossero destinate a una gloriosa amicizia, mettendo per sempre da parte i sentimenti grezzi con cui hanno iniziato il secolo.

Cinque anni dopo, l'impronta cinese nel paese dell'Europa centrale è cresciuta inesorabilmente.

Ma mentre Pechino faceva amicizia con i vertici, gli scandali si sono accumulati, alimentando il risentimento del opinione pubblica verso il cosiddetto Regno di Mezzo e conferendo più potere ai politici avversi alla Cina.

Global Voices analizza quegli sviluppi degni della nota serie televisiva che, negli ultimi anni, hanno modellato le percezioni sulla Cina nella Repubblica Ceca.

La scomparsa del consigliere cinese infuoca il Presidente Zeman

Pechino non avrebbe potuto avere per la Cina un leader più favorevole di Zeman del Partito Social Democratico ceco, eletto presidente per la prima volta nel 2013.

Il primo leader del paese dopo la caduta del comunismo nell'Europa centrale e dell'Est, Václav Havel [it], dissidente e critico dichiarato del comunismo, era stato un disastro nei rapporti. 

L'amicizia tra Havel e Dalai Lama, il quale era stato invitato diverse volte a Praga, rappresentava un particolare punto dolente e aveva reso ufficialmente la Repubblica Ceca un “nemico della Cina” nell'ambito dei sentimenti verso Tibet.

Il successore di Havel, Václav Klaus [it], economista, intraprese un approccio più pragmatico e commerciale nelle relazioni con la Cina. Lui fu il primo presidente ceco a fare una visita a Pechino a marzo del 2004.

Eppure non è stato fino alla presidenza di Zeman che un leader cinese — l'attuale presidente Xi Jinping — visitasse Praga, dando inizio a una cooperazione strategica sul riavvicinamento politico e gli investimenti.

Tuttavia molti attivisti e opponenti pensano che Zeman si sia avvicinato alla Cina per motivi di convenienza.

Il primo scandalo a rendere la Cina un'importante questione politica negli affari interni della Repubblica Ceca è stato l'arresto con l'accusa di corruzione di Ye Jianming a Pechino. Ye era a capo delle operazioni, nella Repubblica Ceca, di una società di investimenti cinese chiamata CEFC China Energy. La natura delle accuse contro di lui non è stata resa nota.

In più, Ye era anche il consigliere economico personale di Zeman e, ai tempi del richiamo improvviso da Pechino, aveva il proprio ufficio nell'amministrazione presidenziale.

Mentre la scomparsa improvvisa di Ye poneva fine ai suoi favori politici in patria, l'episodio ha messo in guardia l'astuto popolo ceco sul fatto che gli investimenti cinesi potevano portare con sé problemi di corruzione.

L'opposizione politica, così come i movimenti dei cittadini come il Million Moments for Democracy, ha chiesto trasparenza e indagini.

Quello stesso anno, il Servizio di Intelligence ceco, il BIS — un organo che riferisce al governo e non all'amministrazione presidenziale — pubblicò un rapporto sulla cui base la Cina veniva valutata come una maggiore minaccia per la Repubblica Ceca rispetto alla Russia.

L'acquisto dei media e dell'influenza

La Cina ha aumentato anche la sua influenza sui media cechi.

Secondo Kateřina Procházková, esperta sulla Cina e membro del progetto Sinopsis che decifra l'influenza cinese nella Repubblica Ceca, l'acquisto avvenuto a luglio del 2019 da parte della società cinese CITIC di Medea — una delle più grandi agenzie di comunicazione nella Repubblica Ceca — ha segnato un nuovo traguardo negli impegni della Cina per la creazione di un immagine nel paese.

Procházková ha riferito a Global Voices:

Medea je komunikační a mediální agentura, která ročně zadá reklamu za zhruba 3 miliony korun do inzerce. Medea může být tedy možným distributorem placené reklamy a promo článků, napsaných v prospěch ČLR a čínských projektů. Mnohem větší zkreslování informaci o Číně však přináší média – napojena přímo na čínské, státní partnery či české vlivové skupiny – jako je Info.cz, Sinoskop nebo TV Nova, jejíž novým vlastníkem se stala opět PPF

Medea è un'agenzia di comunicazione e media che commissiona pubblicità per un valore di 3 milioni di corone ceche (120.000 dollari) ogni anno. Può quindi agire da distributore di annunci a pagamento e articoli promozionali, scritti nell'interesse della China e dei suoi progetti. Tuttavia, i media – direttamente collegate a cinesi, partner statali o alle lobby ceche pro-Cina – come Info.cz, Sinoskop o TV Nova [un canale televisivo privato con la più grande quota di mercato], il cui nuovo proprietario è diventato nuovamente PPF [it], uno dei più grandi gruppi di investimento nella Repubblica Ceca, portano molta distorsione nelle informazioni sulla Cina.

Negli ultimi mesi gli scandali riguardanti l'influenza esercitata dalla Cina si sono moltiplicati, alimentando le notizie dei media e le discussioni sui social network.

Nel novembre 2019, è emerso che l'ambasciata cinese aveva segretamente pagato i professori dell'Università Carolina per dipingere un immagine positiva degli investimenti cinesi e delle opportunità economiche. L'università è una delle più prestigiose e antiche d'Europa [it] e molto venerata nella Repubblica Ceca.

Nel dicembre 2019, è diventato noto che il top milionario Petr Kellner — il proprietario del gruppo PPF a cui fa riferimento Procházková — aveva assunto un'agenzia di pubbliche relazioni [cs] per dare appoggio a una rete locale di influencer, inclusi politici, giornalisti ed esperti di Cina, per promuovere un'immagine positiva della Cina nella Repubblica Ceca.

Ora anche Taiwan è diventata di tendenza

Da stato comunista, la Cecoslovacchia è stata tra i primi paesi a riconoscere la Repubblica Popolare Cinese dopo la rivendicazione della vittoria da parte dell'Esercito Popolare di Liberazione nella guerra civile del 1949, linea che non è cambiata nemmeno dopo la scomparsa della “cortina di ferro” in Europa.

Proprio mentre il Tibet era alla ricerca di relazioni nei primi anni della Repubblica Ceca, anche il diplomaticamente isolato stato di Taiwan è emerso come un ostacolo a sorpresa.

Attualmente, il Presidente del senato ceco, Miloš Vystrčil, un rivale del Presidente Zeman, ha in programma una visita officiale a Taiwan, la quale costituisce un importante offerente di lavoro nella Repubblica Ceca.

Il viaggio ha preso una piega un importante piega il 20 gennaio quando il predecessore di Vystrčil, Jaroslav Kubera, è morto inaspettatamente per insufficienza cardiaca settimane prima che facesse quella stessa visita.

Solo 5 giorni prima della sua morte, Kubera ricevette una lettera firmata dall'Ambasciata cinese[cs] a Praga, avvertendolo di gravi conseguenze se dovesse proseguire con la visita prevista [cs]:

České podniky, jejichž představitelé navštíví Taiwan s předsedou Kuberou, nebudou uvítány v Číně ani čínskými lidmi. České podniky, které mají ekonomické zájmy v Číně, budou muset za návštěvu Taiwanu předsedou Kuberou platit.

Le aziende ceche, i cui rappresentanti visiteranno Taiwan con il Capo del Senato Kubera, non saranno le benvenute in Cina e nemmeno dal popolo cinese. Le società ceche che dispongono di interessi economici in Cina dovranno pagare per la visita di Kubera in Taiwan.

Secondo le dichiarazioni rilasciate dalla vedova e dalla figlia di Kubera [cs], il presidente del senato si trovava sotto pressione estrema al momento della sua morte.

L'opinione pubblica fu colpita ulteriormente dalla rivelazione di una nota di due pagine che accompagnava la lettera ricevuta da Kubera, rilasciata dall'amministrazione presidenziale ceca, in cui la visita di Kubera a Taiwan veniva definita come “krajně nevhodná” — “totalmente inappropriata” — a causa del danno che avrebbe arrecato imprese ceche operanti in Cina.

Questa storia si svolge mentre Taiwan si è fatto strada nell'opinione pubblica ceca attraverso il successo della “diplomazia da COVID-19″.

Il non riconosciuto stato insulare [it] ha donato mascherine [it] proprio mentre i kit dei test COVID-19 che Praga ha acquistato dalla Cina si rilevarono in gran parte inaffidabili [cs].

I sostenitori di Taipei nella Repubblica Ceca includono Zdeněk Hřib [it], sindaco di Praga dal novembre 2018, un membro del Partito Pirata in opposizione che vi ha studiato in gioventù.

Popolare ed esperto di social media, l'emergere di Hřib come serio attore politico a livello nazionale è forse la più grande minaccia all'influenza della Cina nel paese a medio e lungo termine.

Nel frattempo, l'esperta di Cina Procházková prevede nel futuro altri drammi riguardo al triangolo Praga – Pechino – Taipei.

“La visita in programma [a Taiwan] del nuovo presidente del Senato Vystrčil è una spina nel fianco dei cinesi” ha rivelato a Global Voices. “Faranno tutto il possibile per prevenirla.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.