chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

I dibattiti sulla quarantena a Zanzibar riportano alla memoria la segregazione razziale coloniale

Isola carceraria al largo di Unguja, Zanzibar, fondata nel 1899 come stazione di quarantena coloniale in Africa orientale per prevenire la diffusione della peste bubbonica. Foto di Jessica Ott, utilizzata con il permesso.

L’ 8 marzo [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], quando è stato segnalato il primo caso di COVID-19 in Zanzibar, nell'Africa orientale, il governo ha chiuso le scuole e ha vietato i raduni pubblici inutili per prevenire la diffusione del coronavirus.

Le autorità hanno incoraggiato l'allontanamento sociale e i 14 giorni di quarantena tra le persone che possono essere state esposte, ma non è stato ordinato alcun contenimento totale. In una dimostrazione di due diligence, il secondo vicepresidente, Seif Ali Iddi, ha iniziato una quarantena di 21 giorni al suo ritorno da una visita diplomatica a Cuba. È stato riportato che anche diversi medici si sono messi in quarantena..

Tuttavia, alcuni membri dell'opposizione politica hanno messo in discussione se queste misure sono sufficienti.

Su Twitter, le discussioni sulla risposta del governo riguardo il COVID-19 hanno cominciato a far riaffiorare il ricordo delle misure di quarantena coloniale sulle isole, spesso basate sulla segregazione razziale. Zanzibar passò sotto il dominio omanita nel 1698, anche se il potere del sultano fu notevolmente minato quando gli inglesi dichiararono un protettorato delle isole nel 1890.

Il 25 aprile Ismail Jussa, un parlamentare dell'opposizione Alliance for Change and Transparency (ACT), ha avviato su Twitter una discussione sulle misure di quarantena coloniale dopo aver condannato la risposta del governo riguardante il COVID-19.

Jussa ha citato gli sforzi proficui dell'amministrazione coloniale britannica per contenere la diffusione dell'influenza spagnola del 1918 con una quarantena e si è chiesto perché il governo non abbia imparato dalla propria storia e non abbia attuato misure di quarantena più forti [sw]:

Diffusione dell'influenza spagnola in Tanganica.
Si stima che nell'ottobre del 1918 il virus fosse presente in Tanganica e in alcune parti del Zanzibar, ma a differenza del Tanganica, Zanzibar è stata rapida nell'imporre misure di quarantena. Queste forti misure di quarantena hanno aiutato Zanzibar a gestire il virus e a prevenirne la diffusione. Azioni rapide e precise hanno salvato Zanzibar nel 1918. Purtroppo il Tanganica non ha seguito le orme della vicina isola.
——————
La storia ci ha dimostrato che nel 1918 Zanzibar controllava l'influenza spagnola attraverso una vigorosa quarantena. Ora, cento anni dopo, il coronavirus è arrivato, e purtroppo Zanzibar ha dei leader deboli, inaffidabili e incompetenti. Gli è stato detto di prendere decisioni importanti, ma hanno troppa paura di parlare.

Thamoka, uno degli oltre 79.000 seguaci di Twitter di Jussa, lo ha criticato per aver elogiato un periodo in cui i suoi antenati erano sotto il dominio omanita e li ha relegati nel cosiddetto quartiere africano della città di Zanzibar chiamato Ng’ambo [sw]:

Diffusione dell'influenza spagnola attraverso il Tanganica.
Si stima che nell'ottobre del 1918 il virus sia presente in Tanganica e in alcune parti del Zanzibar, ma a differenza del Tanganica, Zanzibar è stata rapida nell'imporre misure di quarantena. Queste forti misure di quarantena hanno aiutato Zanzibar a gestire il virus e a prevenirne la diffusione. Azioni rapide e precise hanno salvato il Zanzibar nel 1918. Purtroppo il Tanganica non ha seguito le orme della vicina isola.
——————
La storia ci ha dimostrato che nel 1918 Zanzibar controllava l'influenza spagnola attraverso una vigorosa quarantena. Ora, cento anni dopo, il coronavirus è arrivato, e purtroppo ha trovato Zanzibar con leader deboli, inaffidabili e incompetenti. Gli è stato detto di prendere decisioni importanti, ma hanno troppa paura di parlare.
—————–
In quel periodo, il sultano autorizzava solo gli europei in quella parte della città, non i nostri antenati. I nostri antenati sono stati maltrattati dal sultano, o non sapete che a quel tempo i nostri antenati ci opprimevano e ci vendevano nella nostra terra di Ng'ambo?

Il tweet di Thamoka riflette una visione comune della storia presentata dal partito al governo della Tanzania, Chama Cha Mapinduzi (MCC – Partito della Rivoluzione), secondo cui gli abitanti del Zanzibar di origine africana erano schiavi del sultano prima della rivoluzione del Zanzibar del 1964.

Il tweet politico di Thamoka allude anche ai tentativi coloniali britannici di separare i cosiddetti quartieri europei e africani della città di Zanzibar.

Gli amministratori coloniali del Zanzibar vedevano i non europei come portatori di malattie e cercavano di garantire la salute e il benessere degli europei attraverso la segregazione razziale, secondo William Cunningham Bissell nel libro “Urban Design, Chaos, and Colonial Power in Zanzibar”.

“Le misure coloniali di sanità pubblica, come la quarantena, erano motivate dal timore che malattie come la lebbra potessero mettere in pericolo la vita europea a Stone Town”, scrive Amina Ameir Issa, direttore del dipartimento dei musei e delle antichità di Zanzibar, nel “Da Stinkibar a Zanzibar: malattia, medicina e salute pubblica nella città coloniale di Zanzibar, 1870-1963″..

Secondo l'amministrazione coloniale britannica, nel 1897 iniziò a isolare e detenere con la forza persone affette da lebbra. La lebbra è stata altamente stigmatizzata, e ha deformato la malattia, che ha colpito in particolare i più poveri del Zanzibar

“Le persone affette da lebbra sono state arrestate in un insediamento a Walezo, fuori dalla città di Zanzibar sull'isola di Unguja, e in tre piccoli insediamenti sull'isola di Pemba”, scrive Stephen Pierce nel suo studio del caso riguardo all'insediamento. Pierce descrive i frequenti tentativi di fuga dei pazienti detenuti, che vivevano in condizioni deplorevoli e non erano in grado di chiedere aiuto ai loro cari.

Prison island: storia della quarantena

In risposta a un noto caso di peste bubbonica su una nave in acque dell'Africa orientale, il Ministero degli Esteri britannico a Londra istituì una quarantena nel 1899 a Prison Island, al largo delle coste dell'attuale Stone Town.

L'isola era già stata usata come prigione per i contrabbandieri di schiavi dopo l’ abolizione del commercio degli schiavi nel Zanzíbar nel 1873.

Prison Island, 1985. Foto di Sherwood via Flickr (CC BY-SA 2.0).

Dal 1899 fino almeno alla metà degli anni '50, Prison Island divenne una stazione di quarantena per tutta l'Africa orientale, prima per la peste bubbonica e poi per il colera e la febbre gialla.

Nonostante la creazione di una stazione di quarantena coloniale sulle sue coste, Zanzibar ebbe un'epidemia di peste bubbonica nel 1905.

Secondo l'Issa, i funzionari coloniali interruppero le attività commerciali e impedirono l'ingresso delle merci nel porto. Stabilirono anche che tutti i passeggeri e gli equipaggi delle navi in arrivo avrebbero iniziato un periodo di quarantena obbligatorio di 10 giorni a Prison Island.

“Nel frattempo, a Stone Town, l'amministrazione coloniale britannica applicava delle dure misure di salute pubblica contro Zanzibaris di origine indiana”, scrive Issa. I funzionari coloniali accusarono gli indiani della diffusione della peste bubbonica, che emerse in India nel 1896 e raggiunse i porti dell'Oceano Indiano all'inizio del 1897. I medici attribuirono lo scoppio della peste bubbonica nel 1905 a un carico di riso proveniente da Bombay. Quell'anno, un “decreto autorizzava le autorità mediche a trattenere le presunte vittime della peste, a separarle, a ricoverarle in ospedale e a distruggere le proprietà delle vittime della peste”, scrive Issa.

Gli abitanti del Zanzibar di origine indiana resistettero agli sforzi coloniali per trattenere e segregarono i loro parenti in lutto ed eseguire autopsie, che molte famiglie musulmane consideravano contro la loro religione.

Issa sostiene che la risposta coloniale alla lebbra, alla quarantena coloniale e ad altre misure di salute pubblica riflettevano il desiderio degli amministratori coloniali britannici di garantire la salute e il benessere degli europei attraverso la segregazione razziale.

La realizzazione di una stazione di quarantena sull'isola della prigione e la risposta coloniale alla peste bubbonica sono state parte integrante di un'epoca di tentativi di segregazione razziale in nome della salute pubblica.

Ironicamente, gli europei frequentavano l'isola durante il periodo coloniale per sfuggire alla vita frenetica della città.

Oggi, Prison Island è una popolare destinazione turistica. I visitatori percorrono un breve tragitto in barca fino all'isola, dove possono visitare il “Tratorium Prison Tratorium” o dare da mangiare alle loro tartarughe, che sono furono un regalo da parte di Seychelles a fine del 1910.

Prison Island restaurata come popolare destinazione turistica. Foto da Kevin Harber via Flickr (CC BY-NC-ND 2.09.

Quarantena nel futuro?

Alla luce della complessa storia della segregazione razziale di Zanzibar in nome della salute pubblica, le misure di allontanamento sociale e di quarantena sono state controverse.

Funzionari governativi, tra cui il Ministro della Sanità Hamad Rashid Mohamed e il Secondo Vicepresidente Seif Iddi Ali, hanno rimproverato gli abitanti del Zanzibar per aver continuato a riunirsi al mercato, ai matrimoni e ai funerali, e per visitare i loro cari ricoverati in ospedale, nonostante le direttive del governo di rimanere a casa.

In risposta al tweet di Jussa sul successo del Zanzibar nel contenere l'influenza spagnola nel 1918, un utente di Twitter di nome Lilie ha messo in dubbio la capacità del governo di mettere in quarantena i poveri abitanti del Zanzibari, il cui sostentamento dipende dalla loro capacità di muoversi [sw]:

Diffusione dell'influenza spagnola in Tanganica
Nell'ottobre 1918, si stimava che il virus fosse presente in Tanganica e in alcune parti di Zanzibar, ma a differenza del Tanganica, Zanzibar fu rapida nell'imporre misure di quarantena. Queste forti misure di quarantena hanno aiutato Zanzibar a gestire il virus e a prevenirne la diffusione. Azioni rapide e precise hanno salvato Zanzibar nel 1918. Purtroppo il Tanganica non ha seguito le orme della vicina isola.
——————
La storia ci ha dimostrato che nel 1918 Zanzibar controllava l'influenza spagnola attraverso una vigorosa quarantena. Ora, cento anni dopo, il coronavirus è arrivato, e purtroppo ha trovato Zanzibar con leader deboli, inaffidabili e incompetenti. Gli è stato detto di prendere decisioni importanti, ma hanno troppa paura di parlare.
—————–
Permettetemi di fare una domanda: se il governo impone la quarantena, funzionerà davvero per coloro che stanno lottando per sopravvivere?

Mentre Zanzibar e la Tanzania continentale riaprono lentamente il 1° giugno, le autorità stanno lavorando per determinare le misure di distanziamento sociale e di quarantena per i prossimi mesi.

Prison Island serve a ricordare in modo duraturo il complesso passato di quarantena, in cui la segregazione razziale ha plasmato le politiche sanitarie pubbliche delle isole.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.