chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il film di successo su Netflix “Tyler Rake” attira critiche per la rappresentazione della capitale del Bangladesh

Screenshot from the Netflix Original movie Extraction showing a bridge in Dhaka, Bangladesh.

Screenshot dal trailer del film originale Netflix “Tyler Rake” che mostra un ponte a Dhaka, Bangladesh.

Il thriller d'azione americano su Netflix Tyler Rake (il cui titolo provvisorio era Dacca) ha debuttato il 24 aprile, ed è diventato il titolo più visto con 90 milioni di visualizzazioni [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] nelle prime quattro settimane. Il film ha suscitato l'interesse degli spettatori in Bangladesh perché la storia si svolge nella capitale Dacca [it]. Tuttavia, poco dopo la trasmissione il film ha suscitato critiche e dibattiti per la sua imprecisa e stereotipata rappresentazione del Bangladesh e della sua popolazione.

Il modo in cui Dacca è stata mostrata nel film originale su Netflix Tyler Rake, è ridicolo. È stata resa come se fosse piena di baracche, il che rappresenta come loro ci guardano dall'alto in basso. È patetico il modo in cui hanno dato l'idea che i posti peggiori del mondo siano a Dacca. Patetico!

Cosa è andato storto

Tyler Rake vede come protagonista Chris Hemsworth [it] reso celebre dalla saga degli Avengers, e segna il debutto alla regia del famoso coordinatore degli stuntman Sam Hargrave [it]. Il protagonista del film, Tyler Rake (Chris Hemsworth) insieme a Nik Khan (Golshifteh Farahani) viene assunto come mercenario per salvare il figlio di un signore della droga Indiano in carcere, che è stato rapito da un signore della droga Bengalese e portato via di nascosto nella città di Dacca. Il film è stato tratto da Ciudad,  una graphic novel scritta da Ande Parks ed è ambientata nella città realmente esistente di Ciudad del Este. Joe e Anthony Russo hanno adattato la storia per lo schermo, ambientandola invece nella città del Sud Est asiatico.

Sebbene il film sia ambientato in Bangladesh per la maggior parte della storia, è stato girato principalmente nelle città indiane di Ahmedabad e Mumbai, e anche a Ban Pong in Thailandia. Nonostante questo, alcune immagini della città di Dacca sono state usate nel film come ha condiviso Hargrave tramite il suo account su Instagram.

Dacca in Tyler Rake versus la vera Dacca.

I critici del film si sono lamentati della scarsa ricerca nella cultura locale e del filtro giallo usato per rappresentare Dacca come un luogo malaticcio ed esotico. Hanno anche criticato la rappresentazione del Bangladesh come uno stato in fallimento poiché la storia vede un signore della droga far dispiegare l'esercito da un superiore delle forze dell'ordine bengalesi contro il personaggio interpretato da Hemsworth.

Aminul Islam Emon, un architetto che vive a Dacca ha commentato così il film [bn] dopo averlo visto:

বেশি মারপিট। স্টোরি বলে কিছু নাই। স্টান্টবাজি দিয়ে কভার করার চেষ্টা।

বিদেশীদের চোখে ঢাকা শহরকে দেখার জন্যই আগ্রহ নিয়ে ছবিটা দেখলাম। বাংলাদেশিদের বেশির ভাগই এই ছবি দেখে অপছন্দ করবে। কারন ঢাকাকে খুব বাজে ভাবে দেখানো হয়েছে।

Troppa violenza. Non c'è nessuna storia coinvolgente. Gli stunt e l'azione cercano di compensare questa mancanza.

Ho guardato il film con interesse per vedere come appariva la città di Dacca agli occhi degli stranieri. La maggior parte dei Bengalesi non gradirà guardando il film. Questo perché Dacca è stata rappresentata davvero in modo terribile.

Il banchiere e appassionato di cinema Muqit AL Rahman ha inviato questa recensione a Global Voices, sottolineando come i membri del cast locale fossero inadeguati:

How Dhaka has been portrayed can certainly irritate any Bangladeshis without a doubt. There are certain details which are at times annoying and at times funny e.g. many Bangladeshi characters speaking in Kolkata (from West Bengal, India) accent. Characters based in India having generic Bengali names such as Ovi and Saju is also unacceptable and last but not the least, the way Bangladeshi defence forces were portrayed in the movie was far from the truth.

Honestly speaking, in such movies over-exaggerated ultra-fantasized portrayal is definitely not something new. For a movie, with such a simple storyline, Dhaka could just be any random city from certain countries in Asia, South America and Africa. But, I would like to look positively at why Dhaka was chosen.

Il modo in cui Dacca è stata rappresentata può senz'altro far irritare qualunque Bengalese. Ci sono alcuni dettagli che a volte possono essere fastidiosi e altre divertenti, per esempio molti personaggi Bengalesi che parlano con l'accento di Calcutta [it] (Bengala Occidentale, India). È inaccettabile inoltre che personaggi che abitano in India abbiano nomi generici Bengalesi come Ovi e Saju e per ultimo ma non meno importante, il modo in cui le forze di difesa Bengalesi sono state rappresentate nel film è ben lontano dalla realtà.

Parlando chiaramente, in film del genere, una rappresentazione più che esagerata e ultra immaginaria non è di certo niente di nuovo. Per un film, con una storia così semplice, Dacca poteva essere una qualunque città di alcuni paesi in Asia, Sud America e Africa. Ma comunque vorrei apprezzare il perché Dacca sia stata scelta.

Sono riuscito a guardare solo i primi venti minuti di Tyler Rake. Gli accenti bengalesi sono patetici…da quel che ho visto…

Tuttavia, le recensioni non sono state tutte pessime. Global Voices ha intervistato anche il redattore pubblicitario e critico cinematografico Reza A. Rabbi via email, che ha percepito la pellicola come un godibile film d'azione:

Screenplay, Actions and Locations are the areas where the director could show his magic and I think he did it pretty well. Especially the action sequences.

I did not see such raw and vibrant action sequences in any other Hollywood movie in recent past. Hargrave changed the original region – a city of Latin America where the events in the graphic book took place and replaced it with Dhaka, the capital of Bangladesh. If you are a Bangladeshi, you will spot the discrepancies in a minute. From the accent of local people to the details of the police forces and everything in between will be unsettling for you.

But if you look at other Hollywood movies set in an international location, you will see that lack of proper details and resemblance is not a new thing and you rather have loved those movies if they were not set in your own backyard. Apart from some drone shots, the whole Dhaka part of the movie was shot in India and Thailand.

And here I have to give full marks to the team. Although it had its issues, the details of their portrayal of Dhaka was eye-catching. Even in a 5-second shot, there were both static or dynamic things happening in the background that reminds you that it's Dhaka that you are watching.

So, as per story and screenplay goes, ‘Extraction’ is just another enjoyable action film from Hollywood which had a pretty much cliche story – Mercenary, Kidnapping, Extraction etc. But all in all, it was enjoyable and you got a previously undiscovered location.

Sceneggiatura, scene d'azione e ambientazioni sono le aree in cui il regista poteva fare la sua magia e credo abbia fatto un buon lavoro. Soprattutto nelle sequenze d'azione.

Non ho visto sequenze d'azione così pure e vibranti in nessun film Hollywoodiano degli ultimi tempi. Hargrave ha cambiato il luogo iniziale – una città dell'America Latina dove si svolgevano gli eventi della graphic novel e l'ha sostituita con Dacca, la capitale del Bangladesh. Se siete bengalesi, individuerete immediatamente le incongruenze. Dagli accenti della popolazione ai dettagli delle forze di polizia e tutto ciò che sta al centro vi turberà.

Ma se si guardano altri film Hollywoodiani ambientati in paesi internazionali, vedrete che la mancanza di dettagli adeguati e la somiglianza non è qualcosa di nuovo e questi film vi sarebbero piaciuti se non fossero stati ambientati nel vostro cortile. Escluse alcune riprese con i droni, l'intera parte di Dacca del film è stata girata in India e Thailandia.

E qui devo dare il massimo dei voti al team. Sebbene avesse delle imperfezioni, i dettagli della loro rappresentazione di Dacca sono stati coinvolgenti. Persino in una ripresa di cinque secondi c'erano cose sia statiche che dinamiche che stavano accadendo sullo sfondo e che ti ricordavano che la città che stai guardando è Dacca.

Perciò, per ciò che riguarda la storia e la sceneggiatura, Tyler Rake è solo un altro godibile film d'azione di Hollywood con una storia alquanto scontata – mercenari, rapimento, recupero ecc. Ma tutto considerato, è stato piacevole e avete visto un posto mai visto prima.

L'inserimento di questo brano rap Bengalese ha probabilmente aggiunto un po’ di autenticità al film:

Javed Iqbal cittadino Bengalese che vive all'estero ha a sua volta condiviso alcuni pareri positivi su Facebook [bn]:

যে কোন পাবলিসিটিই ভাল পাবলিসিটি। [..] তারা দর্শকদেরকে নতুন লোকেশন দিতে চেয়েছে। নেটিফ্লিক্সের প্ল্যান, আগামী ৫ বছরে তারা ইন্ডিয়াতে দশ কোটি নতুন গ্রাহক চায়। তাই ওরা ইন্ডিয়ার ওপর প্রচুর টাকা ঢালছে। এই সিনেমাও সেটার একটা উদাহরণ। বাংলাদেশেও তাদেরকে আসতে হবে।

Qualsiasi pubblicità è buona pubblicità.[…] Volevano dare agli spettatori un'ambientazione nuova. Netflix conta di avere 100 milioni di nuovi iscritti in India nei prossimi 5 anni. Perciò stanno investendo molto in contenuti legati al paese. Questo film ne è un esempio. Devono venire anche in Bangladesh.

Considerato il successo di Tyler Rake, Joe Russo ha annunciato che stanno già lavorando ad un sequel. Tuttavia Refuel Hasan ricorda ad Hollywood di prendere sul serio l'autenticità la prossima volta:

Next time Hollywood centres a movie around Dhaka, they better get everything right down to the last details.

La prossima volta che Hollywood costruisce un film su Dacca, sarebbe meglio che facesse tutto correttamente e nei minimi dettagli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.