chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La ricetta per la pubblicità perfetta in Kirghizistan: cavalli, scenario montano e una bella donna

Screenshot from full-length advert uploaded on Shoro's Youtube channel.

Screenshot della pubblicità in lunghezza originale, caricato dal canale Youtube di Shoro.

La bevanda Maksym Shoro, prodotta da Shoro, il principale fabbricante di bevande analcoliche nel Kirghizistan ex-sovietico [en, come i link seguenti], non è la tazza di tè per tutti, ma coloro che amano questa bevanda fermentata salata ne vanno davvero pazzi.

Dopo più di due decenni di successo sul mercato locale, la bevanda è antica quasi quanto la nazione stessa dell'Asia centrale. Adesso si può acquistare nei limitrofi Kazakistan e Russia, dove vivono e lavorano più di un milione di migranti kirghisi.

Shoro ha tuttavia conservato l'identità nomade, associata con la sua terra d'origine, come mostra una pubblicità dell'azienda. Nel seguente video, la pubblicità è visibile in lunghezza originale. Segue una traduzione del messaggio dell'azienda postato su Facebook per annunciarne l'arrivo [ky]:

Однажды рано утром смелый джигит на своем верном коне поскакал на соседнее джайлоо. Слышал он, что живет здесь прекрасная девушка, которая пленила сердца многих баатыров.

Есть у кыргызов старинная игра – кыз куумай. Если джигит догонит девушку, то сможет поцеловать ее. Если нет – девушка ударит его камчой. А всадник опозорится перед народом.

Но если джигит понравится девушке, она может сама незаметно поддаться ему. Ведь не зря твердили наши предки: не проси быстрого коня, а проси доброго пути.

“Максым Шоро” – напиток кочевников.

Un giorno all'alba un coraggioso ragazzo kirghizistano cavalcò sul suo fidato destriero verso il vicino pascolo. Aveva sentito che una bella donna, che aveva conquistato i cuori di molti campioni, viveva lassù.

In Kirghizistan esiste una antica competizione, Kyz Kuumai. Se il ragazzo riesce a catturare la ragazza, poi la bacerà. Se non ci riesce, la ragazza lo colpirà con una frusta, e il cavaliere perderà la sua faccia davanti al popolo.

Se invece il ragazzo piace alla ragazza, lei può tranquillamente arrendersi [la ragazza nella pubblicità rallenta e chiede al cavaliere: “Ragazzo, è la prima volta che hai cavalcato un cavallo?”]. Dopotutto, come dicevano sempre i nostri antenati, non chiedere un cavallo veloce, chiedi un viaggio sicuro.

Maksym Shoro – la bibita dei nomadi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.