chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Le morti da COVID-19 a Kano, in Nigeria: le storie non raccontate (Parte 1)

Una scena dalla città vecchia di Kano, stato di Kano, Nigeria. Immagine di Shiraz Chakera, 13 settembre 2005. (CC BY-SA 2.0)

Nota dell'editor: Questo articolo è la prima parte di un reportage sulle “misteriose” morti da COVID-19 nello stato di Kano, Nigeria. Leggete la seconda parte qui [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione].

Per mesi, la storia sulle numerose morti avvenute ad aprile durante la pandemia da COVID-19 nello stato di Kano, nella Nigeria nord-occidentale, è stata circondata da confusione e speculazioni.

Dopo molte settimane di congetture e smentite da parte ufficiale, l'8 giugno il Ministro della Salute nigeriano, il Dott. Osagie Ehanire, ha confermato che l'ondata di decessi misteriosi registrata nello stato di Kano era stata “scatenata o causata direttamente dal COVID-19.”

Ehanire ha dichiarato che Kano ha visto 979 morti nel mese di aprile, “al ritmo di 43 al giorno”. Le morti, all'interno di otto aree a governo locale dello stato di Kano, hanno colpito gli over-65 e le persone con patologie pregresse.

Questa conferma ufficiale ha messo fine alle speculazioni sulla causa di questa impennata di morti a Kano. Ehanire aveva dichiarato il 5 maggio che non c'era “alcuna prova” che collegasse le morti di Kano al coronavirus. Questa affermazione arrivò il giorno dopo che il capo della task force presidenziale per il COVID-19 aveva detto che le morti erano state effettivamente causate dal virus.

I racconti che vengono dai social media, insieme alle indagini e alle testimonianze di giornalisti e dei media cittadini, potrebbero essere d'aiuto per comprendere la piena portata di questa storia.

Assieme all’Osservatorio dei Media Cittadini di Global Voices sul COVID-19, ho condotto un'analisi qualitativa ed etnografica dello spazio social nigeriano che ha rivelato numerose storie prevalenti sulle morti di Kano sui social media, tra cui smentite e occultamento di notizie sulle morti, disinformazione, messaggi che dividono su base etnica e religiosa, rivalità politica e un'epidemia di morti misteriose simili negli stati vicini.

Cosa è successo davvero a Kano?

Alla fine di aprile, immagini di tombe appena scavate a Kano come queste hanno cominciato a circolare su Twitter.

PREGATE PER KANO:

TOMBE OVUNQUE

COVID-19 o Morte Misteriosa

Sono state segnalati 150 decessi in 2 giorni, nessun provvedimento da parte del Governo nigeriano, solo silenzio

PREGATE PER KANO

There is both reality and disinformation about #Kano mass deaths. Our report will clarify. pic.twitter.com/6lBlADp0yQ— Hamza Ibrahim (@hamzaish) May 1, 2020

Ci sono sia verità sia disinformazione sulle morti di massa a Kano. La nostra inchiesta farà chiarezza.

Tuttavia, c'era confusione riguardo al numero esatto di morti.

Uno spaventoso reportage del canale nazionale TV della Nigeria, condiviso dall'attivista Badero Olusola sulla pagina Facebook Concerned Nigerians, ha avuto 13.000 visualizzazioni, 127 like e più di 300 commenti. La notizia mostrava che tra il 17 e il 19 aprile, in soli tre giorni, più di 150 persone erano state sepolte a Kano. I becchini avevano difficoltà a stare al passo con i decessi e si riporta che ben 40 persone al giorno siano state sepolte in un cimitero della metropoli di Kano.

Ma un'indagine della Dott.ssa Zainab Mahmoud, una giovane attivista di Kano, fa salire il numero a oltre 100, come ha condiviso su Twitter il 25 aprile:

Tre giorni fa io e i miei colleghi abbiamo deciso di indagare sulle morti a Kano. Il secondo giorno avevamo ricevuto già testimonianze per oltre 100 decessi. Un gran numero che fa sospettare del COVID 19.

Quello stesso giorno il Nation, un quotidiano nigeriano, ha condiviso su Twitter un articolo con una lista di circa 20 persone note morte a Kano. Un giornale online nigeriano, Premium Times, ha riportato a sua volta la morte di sette professori a Kano.

Le vittime di Kano non erano più individui senza nome.

Esaminando la causa delle morti di Kano

Le storie dei media attorno alle morti di Kano hanno rivelato che il governo dello stato di Kano (KNSG) ha cercato di occultare la notizia, negato che esistesse a Kano un conflitto politico che potrebbe aver ostacolato una risposta rapida al COVID-19 e non è riuscito a spiegare la mancanza di documenti formali sulle morti.

Reuters riferisce che il 26 aprile il KNSG aveva sostenuto che le morti erano state “causate da complicazioni da ipertensione, diabete, meningite e malaria grave e non dalla pandemia di COVID-19.”

Il governatore di Kano Abdullahi Umar Ganduje ha bollato un articolo del giornale nigeriano Daily Trust come “notizia falsa.”

Non tutti, però, hanno accettato la posizione del governo statale.

Usman Yusuf, un professore di ematologia e oncologia, ha scritto in un editoriale del giornale BusinessDay che “al KNSG mancano la volontà, la capacità, la compassione, la trasparenza o la fiducia” per alleviare la crisi. Yusuf ha affermato inoltre che il governo stava “negando l'evidenza e facendo tutto ciò che poteva per nascondere queste morti.”

Il giornalista investigativo nigeriano Fisayo Soyombo in un post su Facebook ha attribuito le morti e la risposta fiacca di Kano al COVID-19 al “crollo” di tre enti dopo che i loro dipendenti sono risultati positivi al coronavirus; tra questi enti ci sono il laboratorio incaricato delle analisi, il team con il compito di trovare i pazienti e la commissione statale sul COVID-19.

Soyombo ha scritto che la situazione si è aggravata ulteriormente perché “il governo statale ne ha fatto una questione politica inutilmente” rifiutando all'inizio l'offerta del Ministero della Salute Federale di prendersi la responsabilità della risposta al COVID-19.

Il KNSG ha anche rifiutato la donazione di un ospedale da usare come centro d'isolamento per rivalità politiche.

FLASH: Ganduje rifiuta l'ospedale di Kwankwaso come centro d'isolamento.

Ma perché rifiutare di usare un ospedale da 60 posti letto appena costruito come centro d'isolamento per pazienti del Coronavirus?

Kano è consapevole del fatto che avrà bisogno di tutti i posti letto possibili? Stiamo ancora facendo politica sulla pelle delle persone?

L'ex-governatore dello stato di Kano Rabiu Kwankwaso il 20 aprile aveva donato l'Ospedale Amana di Kano da 60 letti, che era di proprietà della sua fondazione, al governo statale per farne un centro d'isolamento per il coronavirus, ma il governo nega di aver ricevuto questa donazione. 

Una guerra politica di logoramento tra l'ex-governatore Kwankwaso e il suo ex-vice, l'attuale governatore Ganduje, è stata in corso fin dal 2015.

Documenti e certificati di morte irregolari

Lo stato di Kano è a maggioranza musulmana, con conflitti pre-esistenti tra scienza e religione che a volte influenzano il modo in cui il governo gestisce le sepolture e i certificati di morte.

Fare autopsie è una questione controversa a Kano perché “molte cose relative alla scienza e alla medicina non sono accettate da tutti”, ha dichiarato il Dr. Sanusi Bala in un'intervista col giornale Punch. Bala, capo della sezione dello stato di Kano della Associazione Nigeriana Medici, ha detto che non è stato possibile fare autopsie senza l'espresso consenso dei parenti del deceduto.

Mubarak Bala, un attivista di Kano che si definisce ateo [it], ha osservato inoltre in un post su Facebook che anche la mancanza di certificati di nascita e di morte e l'impossibilità per le autorità sanitarie di fare autopsie hanno avuto un impatto sulle morti di massa nello stato di Kano.

Screenshot del post su Facebook di Mubarak Bala [Domenica 26 aprile 2020, 1.24 pm]

Perché lo Stato di Kano ha un potenziale di morti potenziali per Covid non rintracciabili a centinaia…

Non esiste un registro dei decessi, né una certificazione di matrimonio, né una registrazione del parto e nessun meccanismo di autopsia.

Il governo si è affidato a un hadith per combattere la sua pandemia di Corona e ha bloccato lo stato, permettendo al contempo la mescolanza all'interno dello stato.

Ci sono meno di 1000 test al COVID in tutto lo stato, con circa 20 milioni di persone.

Se le nostre paure sono vere, allora sarà una catastrofe in attesa di verificarsi.

Il KNSG ha invece portato avanti un’ “autopsia verbale” il 28 aprile per indagare sulla causa delle morti. Un'autopsia verbale è un metodo epidemiologico che usa tecniche sviluppate dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per investigare sulla causa di morti avvenute in popolazioni che non hanno sistemi di documentazione formali.

Il risultato dell'autopsia verbale, condotta a Kano da tre medici, Maryam Nasir, Zainab Mahmoud e Khadija Rufai, è spaventoso. Nel giro di 48 ore i ricercatori hanno scoperto “183 morti avvenute nella metropoli di Kano tra il 18 e il 25 aprile 2020.” I sintomi, “un trend di malattie febbrili e respiratorie che peggiora fino alla morte nell'arco di una o due settimane”, erano compatibili con il COVID-19.

L'ammissione del Dott. Osagie Ehanire a giugno – che collega le morti di Kano al coronavirus – ha dato finalmente conferma alle informazioni che circolavano sulla piazza pubblica digitale della Nigeria fin da aprile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.