chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Nonostante il COVID-19, migliaia di esponenti dell'estrema destra spagnola hanno protestato a Madrid

Manifestazione organizzata da VOX il 03.06.2018. Foto di credito: Vox España/Flickr, di dominio pubblico.

Lo scorso 23 maggio, 6000 macchine hanno creato un ingorgo [es, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] al centro di Madrid in pieno stato di allarme per il COVID-19, per chiedere le dimissioni del presidente Pedro Sánchez e dei suoi ministri.

Con slogan di “libertà”, “dimissioni” e “Sánchez vattene subito”, sfoggiati su bandiere spagnole e mascherine, migliaia di macchine sono uscite a manifestare contro la gestione del governo difronte alla pandemia. I partecipanti hanno chiesto di poter tornare a godere delle libertà individuali e una riapertura dell'economia per evitare di trasformare il paese in “terzomondo”.

La manifestazione, convocata dal partito di estrema destra VOX, ha dovuto organizzarsi utilizzando i veicoli dei cittadini stessi per poter mantenere la distanza di sicurezza obbligatoria per la pandemia. Nonostante ciò molti sono usciti dalle loro macchine violando così la distanza sociale stabilita.

Le auto, suonando i clacson e sventolando la bandiera spagnola dai finestrini, hanno percorso il centro della capitale, passando per le zone più centrali e ricche della città. In Plaza de Colón si è insediato un autobus decappotabile dove si sono riuniti i leader del partito VOX, come Santiago Abascal.

MANIFESTAZIONE, AUTOBUS DI VOX. VIVA LA SPAGNA.

Questi fatti hanno generato un grande malcontento nel paese, dove l'11 maggio è iniziata un'attenuazione delle misure di lockdown, a causa del pericolo che rappresenta un evento così di massa, per la contaminazione provocata da migliaia di auto, per l’ambiente di festa esistente e per l'invito fatto da Abascal a tutti gli spagnoli ad “uscire per strada” in questo momento di lockdown. Ci sono stati inoltre momenti di tensione per l'aggressione di un giornalista de La Razón da parte di alcuni manifestanti e l'incriminazione di altri compagni del RTVE.

“Stronzi comunisti”

Questo è ciò che ha dovuto sopportare il giornalista di rtve. Poco tempo fa abbiamo visto immagini simili con altre bandiere e ci siamo messi le mani fra i capelli.

Coloro che rivendicano la libertà e non la esercitano vogliono solo imporre il loro modello di società.

Il diritto dì manifestare è un bene garantito dalla Costituzione, tuttavia il malcontento è dovuto alla eccezionalità della situazione in cui si trova il mondo intero. In questo momento ci sono 27.117 morti per COVID-19 e 283.339 casi confermati in Spagna.

Questo corteo di auto è stato il culmine di proteste contro il governo cominciate lo scorso 14 maggio nel quartiere Salamanca, una delle zone più ricche e di valore della capitale e dove più del 70% dei residenti hanno votato la destra nelle passate elezioni politiche. Da allora, tutti i giorni alle nove di sera molti cittadini scendono in strada o escono sui balconi facendo suonare le loro pentole ed altri strumenti stridenti, per chiedere le dimissioni del governo e peggiorando ancora di più la già tesa situazione politica.

Da quando Pedro Sánchez è stato nominato presidente il 7 gennaio 2020 ed ha cominciato a formare un governo di coalizione con il partito di sinistra Unidas Podemos, la destra spagnola ha iniziato a rafforzare il suo discorso di opposizione contro il nuovo governo. Sui social la destra si prodiga nel chiamare il governo ed i suoi membri “golpisti”, “illeggittimi”, persino “criminali

Cos'è VOX?

Il partito di estrema destra VOX è nato a fine del 2013 ma solo a fine 2018, per la prima volta nella sua storia, ha ottenuto la rappresentanza politica nel Parlamento andaluso con 12 seggi. Durante le nuove e ultime. Durante le ultime e nuove elezioni governative del 10 novembre 2019 VOX ha ottenuto 52 deputati ed è diventato la terza forza nel Parlamento spagnolo.

Il partito si sta affermando diffondendo un messaggio nazionalista, razzista, antifemminista. Alcune delle misure presentate nel suo programma elettorale del 2019 erano la legalizzazione dei partiti politici che “perseguono la distruzione dell'unità territoriale della Nazione”, la deportazione di immigrati irregolari, escludendoli dal sistema nazionale sanitario, la chiusura di moschee, l'abrogazione della legge sulla violenza, il divieto di abortire, o la creazione di Ministero della famiglia per proteggere la “famiglia naturale”. Oltre a una delle sue ultime e più discusse misure, il cosiddetto “pin parental” [it]. L'obiettivo di questa proposta era che i genitori firmassero un'autorizzazione affinchè i bambini partecipassero ad attività o conferenze organizzate nei centri educativi, impedendo così loro di partecipare a formazioni sull'igiene sessuale o diversità.

Su Twitter

Su Twitter coloro che hanno qualificato come usurpazione di un simbolo nazionale per interessi di parte hanno reagito criticando in modo particolare l'uso di VOX della bandiera spagnola invece della loro bandiera verde, come era già successo durante la loro propaganda elettorale del 2015 dove appariva la bandiera.

È vergognoso l'uso della bandiera spagnola da parte dei manifestanti di VOX, invece della loro, verde. Questo farà sì che molti spagnoli, non appartenenti a Vox, vedranno la bandiera spagnola come simbolo fazioso di estrema destra (“effetto Azor”).

Persone influenti del mondo del calcio, come l'ex-portiere della selezione spagnola, Pepe Reina, hanno espresso la loro opinione pubblicamente, in questo caso appoggiando la manifestazione.

Ah! Sembra che siano scesi dei poveracci in strada, no??

Ci sono state anche critiche che hanno segnalato una contraddizione fra la posizione negativa di VOX sulla manifestazione di protesta femminile dell’ 8M e la celebrazione ora di un atto pubblico simile.

Vox 8m vs Vox oggi

Anche vari congressisti dei partiti politici rispettivamente di Más País, Unidas Podemos, Esquerra Republicana, hanno espresso la loro opinione sull'accaduto su Twitter:

La patria è prenderci cura di noi. Nulla a che vedere con la sfilata della mancanza di solidarietà dei signorini.

Anche il fascismo è un virus.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.