chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

19 luglio 2020

articoli da 19 luglio 2020

Le popolazioni indigene in Australia affrontano la COVID-19

Oltre 150.000 indigeni australiani vivono in località remore e soffrono spesso gravi problemi di salute. Un'enfasi particolare è rivolta alle popolazioni vulnerabili per proteggerle dalla...

In Tunisia, le donne sono in prima linea nella lotta alla violenza verbale online

In Tunisia, dopo la rivoluzione del 2011, è partito un acceso dibattito online su politica e società che spesso sfocia in attacchi ad attiviste e...

Questo college femminile in Ghana è all'avanguardia nell'e-learning durante la pandemia

Il St. Teresa’s College of Education, uno dei cinque college femminili del Ghana, è all'avanguardia nell'e-learning, usando app di messaggistica come Telegram e WhatsApp. 

Mentre in Camerun aumentano i casi di COVID-19, un vescovo sostiene l'efficacia della sua cura a base di erbe

In Camerun, molti avevano dubitato della cura per la COVID-19 a base di erbe dell'arcivescovo Kleda, ma finora ha curato oltre 1500 persone affette da...

Domande & Risposte: incontro con Lami’ Tsai-Wei Hung, attivista della lingua sakizaya

Incontro con Lami’ Tsai-Wei Hung, l'ospite dell'account Twitter di @AsiaLangsOnline dal 15 al 21 luglio 2020. Condividerà il suo lavoro sulla lingua sakizaya, parlata a...

La raccolta della frutta al tempo della pandemia: i lavoratori migranti e precari d'Europa

Nonostante il COVID-19, i lavoratori stagionali dell'Europa dell'Est hanno continuato a lavorare duramente nelle fattorie e nelle fabbriche, innescando accesi dibattiti sui diritti dei migranti.

L'eco di #BlackLivesMatter in Asia meridionale: Unilever elimina la parola “chiaro” dalla linea cosmetica “Fair & Lovely”

Sulla scia del movimento Black Lives Matter, Unilever ha annunciato che rimuoverà la parola "Fair" ("Chiaro") dal suo prodotto "Fair and Lovely" ("Chiaro e Bello").

“Dov'è la mia famiglia?” Una domanda rimasta senza risposta per troppi uiguri che vivono all'estero

Dopo l'annoso silenzio sul destino della sua famiglia, un rifugiato uiguro rende pubblica la storia della persecuzione degli uiguri in Cina, nonostante i traumi provocati.