chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Come incide la COVID-19 sull'istruzione delle persone con disabilità in Ghana?

Quando il COVID-19 ha colpito il Ghana, molti studenti con esigenze speciali sono passati alla didattica a distanza e hanno dovuto usare piattaforme digitali non pensate per persone disabili. Foto di una persona che usa un cellulare in Ghana, di Amuzujoe, 22 luglio, 2019, da Wikimedia Commons CC BY 4.0.

In Ghana, l'istruzione ha subito una serie di riforme, ma le esperienze scolastiche delle persone con disabilità (PWD) sono spesso trascurate.

Da quando il coronavirus ha colpito il Ghana, i ricercatori hanno osservato il suo impatto sugli studenti di classe operaia [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] e su quelli in aree rurali, ma non nello specifico su studenti con esigenze speciali – specialmente per quanto riguarda l'apprendimento online.

Gli studenti non udenti e non vedenti hanno affrontato molti problemi di natura tecnica, economica e sociale quando è arrivato il COVID-19 e sono passati all'apprendimento online.

Al momento, gli studenti non udenti e non vedenti di molti istituti d'istruzione superiore usano Zoom, Telegram e Whatsapp per imparare – piattaforme digitali progettate né per l'apprendimento virtuale né per persone con disabilità visive e uditive.

Molti studenti non udenti sono rimasti separati dai loro interpreti di lingua dei segni e senza strumenti d'assistenza come gli apparecchi acustici. Questo ha danneggiato specialmente gli studenti non udenti con una conoscenza limitata della lingua dei segni. Gli studenti non vedenti sono stati separati dai loro amici vedenti che li aiutano di solito.

In una conversazione WhatsApp con Global Voices Esinam Aleawobu, una studentessa non udente della Facoltà Presbiteriana di Insegnamento di Akropong ha raccontato le sue esperienze con l'apprendimento online:

Sometimes some tutors will use audio instead of caption. But I am deaf, I can’t hear on audio. That means an interpreter is supposed to translate it for deaf people. I have to meet the interpreter through the Zoom app. But unfortunately, we can’t meet often due to network connection problems and some phone problems.

A volte alcuni insegnanti usano l'audio invece dei sottotitoli. Ma io sono sorda, non posso sentire l'audio. Significa che un interprete lo deve tradurre per le persone sorde. Devo incontrare l'interprete tramite l'app di Zoom. Ma purtroppo non possiamo vederci spesso, a causa di problemi di connessione alla rete e di alcuni problemi del telefono.

Quando gli insegnanti si sono resi conto che le lezioni audiovisive in formato video facevano gravare sugli studenti il costo dei dati internet, hanno sperimentato metodi di invio come lezioni audio in PowerPoint che usavano comunque elementi audio e video ma riducevano il costo di dati internet. In Ghana, in media, 1 gigabyte di dati internet costa 10 cedi ghanesi (1,72 dollari).

Secondo Julius Yaw Klu, uno studente non vedente della Facoltà Presbiteriana di Insegnamento di Akropong, il suo telefono vecchio di 4 anni è obsoleto e non garantisce un accesso completo alle lezioni online:

The problem that I faced with audiovisual is the same problem I have with the PowerPoint. Sometimes it takes about 30 minutes for me to be able to access the lecture. Sometimes I have to wait for the class to end so that I can borrow a computer and use it to access the lecture.

Il problema che ho affrontato con l'audio-video è lo stesso che ho con i PowerPoint. A volte mi ci vogliono 30 minuti per avere accesso alla lezione. A volte devo aspettare che la lezione finisca per prendere in prestito un computer e usarlo per accedere alla lezione.

Daniel Kwarko, uno studente non vedente della Facoltà Presbiteriana di Insegnamento di Akropong, ha parlato di un problema simile nell'usare il suo telefono per partecipare all'apprendimento online:

Most of the documents we get, the phone can open it, but it cannot read it. And it is difficult for those of us who are visually-impaired. And sometimes you cannot find someone to read it for you. You cannot find someone to always be there to read your notes for you. The phones cannot read the PowerPoint and the slides but the laptop does all those functions. You can even use the laptop to convert documents so that they can be accessible for JAWS [a screen reader program].

Il telefono può aprire la maggior parte dei documenti che ci danno, ma non li può leggere. Ed è difficile per noi che siamo non vedenti. E a volte non riesci a trovare qualcuno che te li legga. Non puoi avere qualcuno che stia sempre lì a leggerti i tuoi appunti. I telefoni non leggono il PowerPoint e le slide ma il computer portatile ha tutte queste funzioni. Si può anche usare il portatile per convertire documenti in modo che siano accessibili per JAWS [un programma di lettura dello schermo].

Questi studenti con disabilità visive e uditive sostengono che offrire computer portatili più recenti faciliterebbe moltissimo l'apprendimento online.

Verso un'istruzione inclusiva

La legge sull'istruzione inclusiva del Ghana del 2015 “garantisce un ambiente educativo senza barriere e permette a tutti i discenti, inclusi quelli con disabilità, di muoversi liberamente e in sicurezza, di usare le strutture e partecipare all'apprendimento e a tutti gli aspetti della vita scolastica.”

Ma gli studi mostrano che un bambino con disabilità su cinque tra i 6 e i 24 anni “non ha mai frequentato la scuola e quelli che sono a scuola sono spesso stigmatizzati e discriminati.”

Nonostante gli sforzi fatti per rendere l'istruzione più inclusiva, gli studenti non udenti e non vedenti affrontano un divario digitale con l'apprendimento online. Questo divario non solo marginalizza gli studenti con disabilità ma inasprisce anche le diseguaglianze del sistema di formazione docenti del Ghana.

Mohammed Salifu, professore e segretario esecutivo del Consiglio Nazionale per l'Istruzione Terziaria (NCTE), ha dichiarato in un'intervista telefonica a Global Voices che le parti interessate stanno mettendo in pratica sistemi per soddisfare i bisogni educativi degli studenti con esigenze speciali:

We need to make sure that all the interventions we are making are actually tailored to their needs. So the college principals have been proactive in communicating to us. We are partnering with various organizations to address these interventions. These days there are global partners coming in to make submissions regarding how they can help. Even UNESCO [United Nations Educational, Scientific, and Cultural Organization] is trying to provide these funds to support special needs students. I wouldn’t say that we have comprehensively addressed all the issues, but we are working toward them.

Dobbiamo assicurarci che tutti gli interventi che stiamo facendo siano davvero fatti su misura per le loro esigenze. Quindi i presidi degli istituti universitari sono stati tempestivi nel comunicare con noi. Stiamo collaborando con varie organizzazioni per dedicarci a questi interventi. In questi giorni, partner globali ci stanno inviando proposte su come possono aiutare. Anche l'UNESCO [Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura] sta cercando di offrire questi fondi per sostenere gli studenti con esigenze speciali. Non posso dire che abbiamo affrontato in modo completo tutti i problemi, ma ci stiamo lavorando.

Anche Transforming Teacher Education and Learning (T-TEL) sta lavorando in Ghana per assicurare l'inclusività della didattica a distanza per gli studenti non udenti o non vedenti. Per esempio, stanziano fondi per materiali curricolari in Braille, forniscono smartphone per l'accesso al digitale e rendono disponibili convertitori di sintesi vocale.

Espandere l'accesso all'istruzione

La Legge del 2006 sulle Persone con Disabilità stabilisce che gli edifici pubblici devono essere resi accessibili, ma uno studio ha scoperto che la maggior parte degli edifici pubblici in Ghana non sono accessibili ai disabili.

Gli spazi educativi convenzionali non sono favorevoli alle persone con disabilità, e le poche scuole per esigenze speciali esistenti in Ghana sono estremamente sotto-finanziate e hanno scarse risorse.

Alla Scuola per Ciechi di Akropong, tre studenti condividono un set di materiale educativo in Braille a causa dei fondi limitati, secondo un rapporto della Ghana Broadcasting Corporation (GBC). Il capo della sezione elementari, Simon Adedeme, ha definito la situazione un ostacolo all'insegnamento e all'apprendimento.

In molti istituti d'istruzione superiore gli insegnanti, gli amministratori e gli studenti tendono ad avere una conoscenza molto limitata e non hanno le risorse per affrontare la marginalizzazione strutturale degli studenti con disabilità.

Molte persone con disabilità sono incoraggiate a dedicarsi a corsi di formazione professionale e ad altri tipi di lavori manuali e sono generalmente scoraggiate dalle occupazioni intellettuali in molte aree di istruzione superiore.

Solo tre delle facoltà d'insegnamento del Ghana sono state designate come centri per l'istruzione inclusiva in cui le persone con disabilità possono ottenere una laurea triennale in scienze della formazione e formarsi per diventare insegnanti di scuola materna, primaria e secondaria di primo grado.

Le iscrizioni degli studenti non udenti e non vedenti in questi tre istituti rimangono basse nonostante i recenti tentativi di migliorare le strutture e attirare più persone con disabilità nella professione d'insegnante.

È fondamentale lavorare a stretto contatto con gli studenti con esigenze speciali per assicurarsi che una vera inclusione e accessibilità vengano messe in atto e mantenute. Ciò imporrà di lavorare attivamente per implementare tutte le leggi pertinenti in modo che le persone con disabilità non siano lasciate ai margini dell'istruzione in Ghana – durante o dopo la pandemia.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.